A cosa servono gli NFT nella vita reale, tutti i casi d’uso

I non fungible token (NFT) stabiliscono la scarsità digitale e gli identificatori unici e dimostrabili. Indicano quale bene digitale è l’originale, come un dipinto certificato in una stanza piena di stampe duplicate.

Un NFT è un tipo di token blockchain unico per concezione. A differenza dei token fungibili come BTC, ETH o SOL, ogni NFT è individuale e non ha un token identico.

nft casi d'uso
Adobe Stock

Pertanto, gli NFT possono essere utilizzati per dimostrare l’individualità o l’unicità di qualcosa – e di solito hanno metadati associati, come un’immagine, un file video o un documento. Gli NFT possono dimostrare la proprietà di un bene digitale o fisico, a seconda dell’emittente e dei metadati associati.

Gli NFT su Ethereum sono noti anche come token ERC-721, ma esistono anche su altre blockchain come Solana (SOL), Avalanche (AVAX), Cardano (ADA), MultiversX (EGLD) e Tezos (XTZ), tra le altre, in diversi formati.

Quali sono i casi d’uso degli NFT

Anche se i critici degli NFT potrebbero sostenere che questi token non sono necessari, questa tecnologia può fornire una serie di casi d’uso diversi ai loro possessori.

Gli NFT stabiliscono una scarsità digitale e identificatori unici e dimostrabili. Nel nostro mondo sempre più digitale, può sembrare che i beni digitali valgano meno semplicemente perché alcuni possono essere facilmente copiati e riprodotti. Ma legliNFT indicano quale bene digitale è l’originale, come un dipinto certificato in una stanza piena di stampe duplicate.

Gli NFT possono anche consentire l’autocustodia del proprietario, il che significa che il proprietario di un NFT è in grado di mantenere il pieno possesso del proprio bene digitale senza doversi affidare a un intermediario o a un server web di terze parti per le opzioni di custodia.

In crittografia, l’espressione “not your keys, not your crypto” (non le tue chiavi, non la tua cripto) si riferisce all’idea che l’unico modo per essere veramente “proprietari” di un bene digitale sia quello di mantenere la piena sovranità sulle proprie chiavi private e di conservare i propri beni digitali in un wallet software o hardware auto-custodito.

Gli NFT potrebbero anche aprire nuovi percorsi per il trasferimento di asset tra le varie piattaforme, noto anche come interoperabilità. L’ex dirigente di Amazon Studios e saggista sul metaverso Matthew Ball ha dichiarato in un’intervista a Decrypt che “è chiaro che c’è del valore” quando si tratta di NFT, aggiungendo che come tecnologia, gli NFT possono scalare con un metaverso in crescita e sono la soluzione più “praticabile per i beni virtuali [che] abbiamo visto”.

Per il loro design, gli NFT consentono una concezione completamente nuova di ciò che significa “possedere” beni digitali.

Gli NFT nel cinema

Hollywood e l’industria cinematografica indipendente hanno adottato gli NFT per una serie di motivi diversi. Ad esempio, i grandi studios tradizionali e le piattaforme di streaming come Paramount, Warner Bros. e Lionsgate vedono nelle NFT una nuova fonte di guadagno per le loro proprietà intellettuali (IP) consolidate e per le industrie dell’home entertainment in declino, dato che i consumatori si allontanano dai dischi fisici per passare ai file solo digitali e allo streaming.

Warner Bros. sta reimmaginando la sua visione del futuro dell’home entertainment con i suoi NFT sperimentali per “Il Signore degli Anelli”, che sbloccano funzioni speciali e una copia del film, sostituendo essenzialmente il DVD con un NFT.

Netflix ha adottato un approccio diverso con i suoi NFT per “Stranger Things”. La piattaforma di streaming ha deciso di regalare poster NFT digitali dei protagonisti della serie come ricompensa per il completamento di giochi online settimanali.

Mentre i più grandi attori di Hollywood si tuffano nel mondo degli NFT, alcuni fanno pagare i fan per gli oggetti da collezione digitali, mentre altri rendono l’esperienza un gioco.

Ma gli NFT cinematografici non devono essere necessariamente commerciali o promozionali: alcuni stanno cercando di renderli rivoluzionari. Il produttore di film indipendenti Niels Juul, che ha prodotto i film di Martin Scorsese “Silence” e “The Irishman”, vede gli NFT come un modo per finanziare progetti cinematografici che altrimenti non verrebbero realizzati.

“So che ci sono così tante grandi sceneggiature che non vengono realizzate a 10, 15, 20 milioni di dollari perché gli studios guardano alla Marvel e ai franchise”, ha dichiarato Juul in un’intervista.

Nel tentativo di finanziare i film a piccolo e medio budget che i grandi studios non approvano, Juul ha creato NFT Studios e KinoDAO, quest’ultimo permette agli acquirenti di NFT di avere voce in capitolo in varie decisioni cinematografiche e di ricevere un accesso esclusivo e premiato da gettoni.

Il coproduttore di “Hunger Games” Bryan Unkeless si trova in una situazione simile, ma vuole usare gli NFT sia per finanziare che per creare il fandom intorno al prossimo progetto multimediale “Runner”. Unkeless e il suo team si stanno concentrando innanzitutto sulla storia e sullo sviluppo di un fumetto di “Runner” prima di affrontare altri tipi di formati multimediali come una serie televisiva o un videogioco.

Gli NFT permettono al team di “Runner” di avere il controllo creativo che desidera, senza l’ausilio di guardiani, costruendo al contempo una comunità e raccogliendo feedback direttamente dai fan.

“La sfida, francamente, di molti progetti Web3 è che hanno immagini incredibili, e anche un’ottima costruzione del mondo, ma non hanno necessariamente ancora il concetto e la struttura generale che si presta a diversi mezzi di comunicazione”, ha detto Unkeless in un’intervista.

“Speriamo di avere una conoscenza e un’esperienza sufficiente dal cinema, dalla televisione e dai videogiochi per sapere cosa funziona in questi casi”.

Ma i produttori di Hollywood non sono gli unici a creare NFT perché apprezzano il potenziale di questa tecnologia. Anche attori famosi come Anthony Hopkins e Scott Eastwood sono entrati nel mondo degli NFT.

La collezione di NFT Ethereum di Hopkins che lo ritraggono in vari ruoli è andata esaurita in pochi minuti, e Eastwood ha precedentemente dichiarato a Decrypt in un’intervista che ha intenzione di rilasciare NFT di se stesso per i suoi più grandi fan.

Sebbene possa sembrare che Hollywood si stia buttando sul Web3, non tutti sono ancora sicuri che l’industria sia a bordo. Bryce Anderson di “Runner” ha scritto su Twitter nel maggio 2022 che Hollywood non è pronta per il cambiamento.

“L’industria cinematografica è pronta ad abbracciare gli NFT? No, non lo sono”, ha detto Anderson. “Molti angoli non abbracceranno nemmeno lo streaming, i supereroi o le telecamere digitali. Ma tutto ciò che funziona per il pubblico finirà per funzionare per Hollywood”.

nft cinema
Adobe Stock

Gli NFT nella musica

Molti musicisti, come i DJ Steve Aoki e 3LAU, ritengono che il modello tradizionale dell’industria musicale abbia bisogno di una revisione.Gli artisti percepiscono una percentuale molto piccola delle royalties totali guadagnate dai brani trasmessi in streaming e quindi spesso si sentono costretti a fare tournée e spettacoli dal vivo per sbarcare il lunario.

Durante la pandemia, le tournée sono diventate impossibili e gli artisti si sono orientati sempre più verso altri metodi di monetizzazione. I produttori e gli artisti di musica elettronica, che lavorano tutto il giorno con i computer, hanno iniziato a esplorare il mondo delle NFT e il loro potenziale nel fornire un collegamento più diretto con i fan senza le grandi etichette discografiche.In effetti, la confessione di Aoki durante un evento di Gala Music nel febbraio 2022, secondo cui ha guadagnato più soldi con gli NFT che con un decennio di progressi musicali, ha sconvolto Internet.

“Ma se dovessi davvero scomporre, OK, nei 10 anni in cui ho fatto musica… sei album, e [combinare] tutti quegli avanzamenti, quello che ho fatto in una sola goccia l’anno scorso in NFT, ho fatto più soldi. Inoltre, ero molto più scatenato con la musica”, ha detto Aoki.Per chi lavora nell’industria musicale, la dichiarazione di Aoki non sorprende. Il problema delle royalties degli artisti è anche il motivo principale per cui l’artista elettronico e DJ Justin “3LAU” Blau ha avviato la sua piattaforma musicale Web3 Royal, che consente agli artisti di possedere la propria musica e di distribuire percentuali dei diritti musicali ai fan paganti attraverso le vendite NFT.

Altri musicisti, come Tycho e Illmind, vogliono usare gli NFT come una sorta di “biglietti” per le loro comunità esclusive.

“Non la vedo come questa visione utopica che è stata propagandata all’inizio”, ha detto Tycho riferendosi al Web3. “Ma penso sicuramente che sia un altro strumento nel kit di strumenti degli artisti, quindi ogni volta che abbiamo un altro tipo di leva penso che sposterà [la] dinamica del potere in qualche modo”.

È ormai chiaro che gli artisti elettronici hanno molte più probabilità di entrare nelle NFT rispetto a qualsiasi altro genere di musicista. I dati di Audius (AUDIO) hanno rilevato che gli artisti elettronici e hip-hop sono i più popolari sulla sua piattaforma.

“La maggior parte degli artisti di musica elettronica cerca sempre di essere al passo con qualsiasi cosa stia accadendo nella tecnologia, perché facciamo musica sui nostri computer”, ha dichiarato in precedenza il musicista elettronico Dillon Francis.

“La musica elettronica non si basa sulle hit della Top 10 di Billboard.Ci affidiamo al fatto che le nostre canzoni vengano suonate nei circuiti dei festival o dei club, e al passaparola sui blog… quindi questa è un’altra parte del motivo per cui la cultura e la comunità di Web3 sono così interessanti per noi”, ha detto Francis.

nft musica
Adobe Stock

Gli NFT nella moda

In mezzo al clamore del metaverso del 2022, molti marchi di moda di lusso hanno lanciato collezioni NFT di arte visiva o di indossabili digitali, e a volte queste NFT erano anche collegate a beni fisici del mondo reale.Alcune griffe dell’alta moda sembrano utilizzare le NFT e il Web3 come un modo per attrarre le giovani generazioni di nativi digitali.

Tiffany’s ha lanciato 250 NFT in edizione limitata collegati ai Crypto Punks di Yuga Labs. Per 30 ETH, i possessori di Punks potevano vedere il loro personaggio pixelato trasformato in una collana di Tiffany nella vita reale. Gucci ha acquistato un terreno in The Sandbox (SAND) ed è stata attiva anche in Roblox. Ha anche lanciato i propri NFT e nel maggio 2022 ha dichiarato che avrebbe accettato Bitcoin e ApeCoin (APE) come forme di pagamento in alcuni dei suoi negozi.

Allo stesso modo, anche Prada, Givenchy, Balmain, Dolce & Gabbana e Balenciaga hanno abbracciato gli NFT come via digitale per i ricavi dei prodotti, anche se pochi hanno discusso pubblicamente l’uso degli NFT come metodo di autenticazione dei prodotti fisici.

Nello spazio dell’abbigliamento streetwear e sportivo, Adidas, Nike e Puma si sono mosse nel Web3. Nike ha acquistato RTFKT e ha rilasciato numerosi NFT per le sneaker, a volte legati a scarpe da ginnastica fisiche. Anche Adidas è collegata a Yuga Labs e sta rilasciando indossabili digitali con il marchio Adidas. Anche Puma ha acquistato il suo nome .eth Ethereum Name Service (ENS) e da allora ha lanciato anche wearables a marchio Puma.

A proposito di nomi .eth, anche il sito di e-commerce online Farfetch ha acquistato il suo nome e sta puntando su Web3 e NFT sui social media.

Gli NFT nel gaming

Gli NFT hanno suscitato un certo scalpore nell’industria del gioco tradizionale.Mentre alcune aziende come Ubisoft, Take-Two, Epic Games e Square Enix hanno abbracciato l’idea di sviluppare giochi con asset e cosmetici in-game come NFT, altre come Valve (del negozio Steam) e lo sviluppatore indie Aggro Crab Games li hanno respinti con veemenza.

Electronic Arts ha assunto una posizione moderatamente ottimista, ma non sembra che stia sviluppando o perseguendo attivamente i giochi NFT. La posizione di Microsoft sugli NFT sembra contrastante: il gigante tecnologico ha vietato gli NFT di terze parti in “Minecraft”, ma ha un responsabile della blockchain che ha suggerito che le criptovalute e il Web3 fanno parte del più ampio “portafoglio” dell’azienda. Inoltre, sembra che Sony stia esplorando le NFT nel gioco, dato che ha depositato brevetti relativi alle NFT per la sua divisione giochi nel 2021.

I sostenitori delle NFT di gioco affermano che i giochi con asset NFT sono un modo per i giocatori di monetizzare il loro tempo e sentire un maggiore senso di proprietà sui loro risultati e sugli asset digitali. I detrattori sostengono che i giocatori vendono già i loro account su vari marketplace e ritengono che gli NFT non siano necessari.

Prima dell’Ethereum Merge, le reazioni alle NFT in gioco sono state così forti che GSC Game World e Team17 hanno cancellato i piani NFT per i titoli in uscita.

Mentre gli sviluppatori di giochi tradizionali hanno preso posizioni diverse sugli NFT nei giochi, è emersa una nuova classe di giochi con gli NFT al centro. I giochi Web3 come Axie Infinity, Splinterlands, Alien Worlds e Big Time sono esempi di titoli che hanno al centro la premessa delle risorse di gioco come NFT.

Altre aziende di giochi si sono lanciate nel Web3 per modernizzare e digitalizzare i loro marchi.

GameStop, un rivenditore di negozi, ha creato un mercato di NFT e ha collaborato con ImmutableX (IMX), una blockchain compatibile con Ethereum, per vendere NFT di giochi Web3 attraverso la sua piattaforma.

Gestione cookie