Ethereum Staking dopo The Merge: il Proof of Stake è un’imposta recessiva sul capitale?

Eventi recenti hanno visto Ethereum fondere la sua catena principale con una nuova chain Proof of Stake (PoS) durante l’importantissime evento noto come “The Merge”.

La blockchain Proof of Stake è stata sviluppata a causa delle spese elevate e dei problemi di scalabilità della versione precedente. L’obiettivo degli sviluppatori era quindi quello di creare una blockchain migliore con un’elaborazione più rapida e costi ridotti.

Ethereum merge proof stake tassa
Adobe Stock

Il sistema di imposta regressiva sul capitale PoS è in discussione

Gli investitori, sono stati molto critici nei confronti del Merge avvenuto. Tuttavia, c’erano diversi e diffusi dubbi su Ethereum Proof of Stake anche prima della fusione. Alcuni esperti affermano che la nuova chain è un sistema di imposta regressiva sul capitale.

I critici hanno sostenuto le affermazioni di imposte regressive sul capitale, tra cui un ex leader della comunità cinese di Ethereum e un Redditor. SenatusSPQR, un Redditor, ha davvero affermato;

“Proof of Stake è un regime di imposta regressiva sul capitale. Fa sì che i poveri sostengano il continuo accumulo di ricchezza dei ricchi. Il post che segue discute perché questo è vero e perché è preoccupante dal punto di vista della sicurezza perché gradualmente si traduce in un sicurezza e decentralizzazione.”

I grandi detentori di capitali possono arricchirsi a spese dei detentori di capitali minori nell’ambito di un regime di imposta regressiva sul capitale. Questo meccanismo impedisce agli stakeholder di Ethereum di essere uguali. Implica che gli staker di livello inferiore ricevano scarsi vantaggi. I quattro diversi livelli di staker Proof of Stake di Ethereum sono i seguenti:

  • Il livello 1 richiede 32 ETH, o 16 ETH se viene utilizzato un Rocket Pool, con le migliori ricompense nel tempo che possono variare dal 4% al 17% annuo.
  • 16/32 ETH è il minimo richiesto per il livello 2. Esternalizzate un nodo utilizzando lo staking come strumento per il servizio. I nodi esternalizzati sono soggetti a spese, il che riduce i loro rendimenti.
  • Nessun minimo di staking per il livello 3. I token vengono aggiunti a un pool di staking. I premi sono determinati una volta sottratti i costi del pool.
  • Livello 4: questo è il livello più basso, in cui i token sono bloccati negli exchange. Il processo è significativamente meno redditizio e le commissioni sono estremamente costose.

Rispetto agli ultimi due livelli, i profitti tra i livelli 1 e 2 sono molto diversi. Le parti interessate più grandi sono incoraggiate a continuare a puntare su questa disparità, mentre le parti interessate più piccole sopportano il peso maggiore delle spese.

Il paradosso dei maggiori costi per i capitali più ridotti

Per certi versi è qualcosa di assurdo far pagare ai piccoli staker di Ethereum commissioni astronomiche. Staking e unstaking sono transazioni blockchain su Ethereum che comportano commissioni.

Sia per lo staking che per l’unstaking, gli staker più piccoli pagano 0,05 ETH. Inoltre, i sistemi di staking e gli exchange impongono commissioni di staking aggiuntive che vanno dal 10% al 15% dei rendimenti. Dovresti essere consapevole del fatto che il piccolo proprietario paga diverse commissioni per lo staking, l’unstaking e il pooling.

D’altra parte, le principali parti interessate che gestiscono i propri nodi devono effettuare un pagamento una tantum di 0,5 ETH. Di conseguenza, gli staker di livello 3 e 4 in genere pagano di più. Gli staker più piccoli possono scegliere di vendere i loro token o tenerli nei loro portafogli alla luce del loro capitale limitato perché lo staking è estremamente costoso.

Togliere dai poveri e dare ai ricchi: la diatribe sulle commissioni di rete

Come stabilito in precedenza, Ethereum utilizza un meccanismo convenzionale a 4 livelli per premiare gli investitori e fare staking. Tuttavia, non tutti i possessori di Ethereum mettono in staknig i propri ETH.

A causa degli elevati requisiti di ingresso per i primi livelli, i gruppi di stakeholder più piccoli della rete hanno deciso di non investire. Tuttavia, poiché conservano o utilizzano i loro token sulla rete Ethereum, sono soggetti a commissioni di transazione. La quota deve essere pagata ogni mese dell’anno.

Come vengono generati gli incentivi per lo staking di ETH Proof of Stake? Lo staking non è come il mining, dove i nuovi miner spesso guadagnano principalmente dai token appena creati. Le commissioni di rete (Gas Fee) sono la principale fonte di reddito per i validatori in staking. Le tariffe di utilizzo della rete Ethereum vengono raccolte insieme per fornire ricompense per lo staking.

L’impatto sulla blockchain di Ethereum

Alla blockchain di Ethereum naturalmente non fa alcuna differenza circa quanti token gli utenti hanno nei loro wallet o se stiano facendo trading in modo attivo. Anche quando vengono addebitate commissioni o gas. Le persone o le transazioni che sono disposte a pagare di più per il gas hanno la preferenza rispetto a quelle che pagano di meno per il gas. Ad esempio, una persona con 100 ETH e 0,1 ETH in commissioni avrà la preferenza su una persona con 1 ETH e oltre 0,09 ETH in costi.

I piccoli possessori di token devono obbligarsi a pagare enormi costi di transazione, oppure pagare commissioni modeste e ottenere servizi scadenti. Questo è assurdo poiché impedisce alla maggior parte dei piccoli possessori di Ethereum, oltre l’80%, di effettuare transazioni.

Tieni presente che a causa degli elevati requisiti di staking, i piccoli detentori di ETH tendono a non mettere le proprie partecipazioni in staking. Di conseguenza, i trader più popolari vengono premiati utilizzando le commissioni che vengono per lo più generate dai piccoli trader. Gli investitori più grandi continueranno a mettere i propri ETH in staking per ottenere maggiori benefici dalle commissioni. Le partecipazioni a lungo termine dei trader più piccoli diminuiscono, mentre gli investitori con grandi capitali aumentano la loro ricchezza. Secondo questa narrativa, il valore viene ridistribuito dai poveri ai ricchi in ETH Proof of Stake.

La Proof of Stake può innescare un rischio di centralizzazione per Ethereum?

Rubare ai poveri e dare ai ricchi è già qualcosa di poco piacevole, ma non è l’unico problema che il nuovo meccanismo di consenso ha portato in casa Ethereum.

Teniamo sempre presente che, nelle scenario descritto poc’anzi, i grandi investitori traggono profitto a spese dei piccoli. Gli investitori significativi a lungo termine continuano ad aumentare le loro partecipazioni di token di rete Ethereum. Un piccolo numero di whales o grandi investitori stanno lentamente guadagnando il controllo della maggior parte dei token di Ethereum. Di conseguenza, c’è un problema di centralizzazione in cui un piccolo numero di persone controlla la maggior parte della rete Ethereum.

I validatori di nodi costituiscono i primi due livelli. Si vocifera che il numero dei validatori di nodi sia salito a oltre 435mila a seguito del Merge. Questi top validator guadagnano molto di più rispetto al tipico stakeholder. La maggior parte (59%) degli staking pool di Ethereum è gestita da un piccolo numero di grandi società, tra cui Lido, Binance, Coinbase e Kraken. Ciò potrebbe favorire la centralizzazione.

La sicurezza finanziaria è a rischio a causa del controllo centralizzato nel mondo delle criptovalute. La rete di Ethereum diventa sempre più centralizzata e insicura col passare del tempo. Queste sono le preoccupazioni che sempre più utenti e investitori sollevano nei gruppi di discussione.

Concludendo

Sebbene il passaggio di Ethereum a Proof of Stake sia stato vantaggioso per i prezzi delle gas fee e la scalabilità della rete, la decisione ha avuto un aspetto negativo. La rete Ethereum sta di fatto aumentando la ricchezza di un gruppo selezionato di investitori influenti.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I poveri soffrono mentre i ricchi prosperano. I proprietari di piccoli capitali sono scoraggiati dal prendere parte all’attività dalle commissioni di partecipazione. Inoltre, attraverso le commissioni di rete, il sistema di staking trasferisce continuamente denaro dai poveri ai ricchi. Di conseguenza, Ethereum Proof of Stake rischia seriamente di diventare più centralizzato.