Guida completa a Cardano (ADA): è un buon investimento? Scoprilo qui!

Cardano può davvero superare Ethereum? In questo articolo scopriremo se investire in Cardano (ADA) è una buona idea oppure no.

Una delle minacce principali all’egemonia di Ethereum – forse la più grande – è Cardano (ADA). Ma può davvero superare la piattaforma regina degli smart contract? Investire in Cardano (ADA) può portare i suoi frutti a lungo termine? Leggi di più!

ada cardano

Nel momento in cui scrivo Ethereum galleggia sopra il livello dei $1000, in uno dei momenti peggiori nella breve storia del mercato delle criptovalute. In momenti come questi preferiamo concentrarci sui fondamentali ed esplorare i progetti con la massima oggettività possibile.

Conosciamo ormai bene il concetto di layer 1 – note anche come “Ethereum killer” – in quanto ognuna di queste blockchain vuole rosicchiare la propria quota di mercato. Ora è un buon momento per vedere se qualcuna di queste ha effettivamente una possibilità di buttare giù il gigante Ethereum. Scopri di più!

Investire in Cardano (ADA) o negli altri “Ethereum killer” è una buona idea?

Il concetto “Ethereum killer” è diventato famoso con più o meno meriti grazie ad innumerevoli progetti crittografici, shillers e piattaforme multimediali. Ma molti investitori non amano questa definizione poiché Ethereum rimane il re indiscusso delle applicazioni decentralizzate (dApp). Quando un progetto decide di creare un’app su blockchain, Ethereum (ETH) è sempre la rete di riferimento (9 volte su 10).

Oggi la lealtà svanisce molto velocemente, soprattutto quando ci sono dei problemi che influiscono sul portafoglio. I problemi di scalabilità di Ethereum sono diventati più evidenti quando la finanza decentralizzata (DeFi) ha catturato l’attenzione di tutti. Questo ha paralizzato la rete di Ethereum ed ha fatto vedere le sue carenze per quanto riguarda la scalabilità. Nel 2021 è stato il turno degli NFT, aggiungendo traffico ancora maggiore ad una rete Ethereum già congestionata. Questo ha comportato commissioni esorbitanti sul gas per singole transazioni per un totale di centinaia di dollari che hanno scoraggiato moltissimi investitori.

In concomitanza con il successo di DeFi e NFT, molte startup hanno deciso di lasciare ETH per altre reti, utilizzare soluzioni layer 2 (L2) o adottare l’approccio multi-chain per consentire ai propri utenti di godere delle tariffe basse e dei tempi di elaborazione rapidi di altre blockchain.

Investire in Cardano (ADA)

Le blockchain layer 1 (L1) più importanti oggi sono state create per risolvere il trilemma della blockchain, noto anche come problema di scalabilità, che afferma che è troppo difficile o impossibile scalare una blockchain senza compromettere gli altri due attributi importanti: sicurezza e decentralizzazione.

Le aste parachain di Polkadot a partire dall’11 novembre, la conferenza Breakpoint di Solana (7-10 novembre a Lisbona, Portogallo), la Developer Conference di Fantom (25 ottobre, Abu Dhabi) ed innumerevoli altri eventi nel 2022 hanno fatto molto per posizionare le blockchain come l’alternativa più credibile a Ethereum.

Con tutte queste blockchain L1 che affrontano la sfida, solo poche possono effettivamente reggere il confronto con Ethereum. Parliamo in termini di capitalizzazione di mercato ed effetti della rete. Una delle principali minacce a ETH è sicuramente Cardano (ADA). Molti credono che questo progetto a lungo termine, con un co-fondatore di Ethereum al timone, possa esserne l’erede naturale. Ma dopo il lancio del suo contratto intelligente Guguen, il prezzo di ADA è rimasto piuttosto piatto. Altre chain L1 invece continuano a salire alle stelle in termini di valore e adozione.

Cardano è una delle poche blockchain L1 che rifiuta di compromettere gli altri attributi a favore della scalabilità. Come ETH, non utilizza scorciatoie ed ha una visione grandiosa per il lungo termine oltre ad essere supportato da una solida community.

Prima di investire: breve storia di Cardano ed Ethereum

Il fondatore di Cardano, Charles Hoskinson, è uno dei co-fondatori di Ethereum insieme a Vitalik Buterin e Gavin Wood di Polkadot. I disaccordi tra Vitalik e Hoskinson sull’opportunità di lanciare Ethereum come organizzazione no profit oppure come impresa avrebbero portato Vitalik a cacciare Hoskinson nel 2014.

Hoskinson decise quindi di seguire la sua strada e creare una nuova società con una nuova criptovaluta. La sua Input Output Hong Kong (IOHK) ha di fatto avviato lo sviluppo di Cardano. Col tempo, Hoskinson ha collaborato con diverse altre entità come Emurgo per costruire il suo progetto crittografico da quasi 100 miliardi di dollari.

Investire: Cardano vs Ethereum

Nel momento in cui scrivo ADA è l’ottava criptovaluta più grande in termini di capitalizzazione di mercato. Nel frattempo, ETH continua a mantenere la sua seconda posizione dietro Bitcoin, sempre in base alla sua capitalizzazione di mercato. Quest’ultima nel momento in cui scrivo vale oltre $127 miliardi di dollari, quasi dieci volte superiore a ADA.

Con un divario così grande nella valutazione delle due reti, Cardano può davvero superare Ethereum come affermano i suoi sostenitori? Confrontiamo i diversi aspetti di entrambi i protocolli.

Strategia di sviluppo

Lo stile di sviluppo di Ethereum sembra incentivare la collaborazione. L’apertura della community di sviluppatori all’open source e l’approccio del movimento rapido e veloce è caratteristico delle nuove startup. Queste caratteristiche comportano diversi vantaggi e alcune insidie. Con solo due anni di vantaggio rispetto a Cardano, Ethereum è stata in grado di implementare più rapidamente le proprie funzionalità di contratto intelligente. Di fatto ha creato un settore nuovo e in forte espansione all’interno dell’industria cripto.

Ma il sistema di Ethereum è notoriamente afflitto da numerosi bug e problemi, alcuni dei quali sono costati caro agli investitori, come il bug di The DAO nel 2016, che ha causato un furto da $60 milioni di dollari in ETH. In effetti Ethereum presenta dei problemi all’interno del suo codice anche oggi. Uno dei più noti della sua breve storia è stato l’hard fork (in Ethereum ed Ethereum Classic) in due catene separate a causa di un altro exploit.

Perché investire in Cardano (ADA)

Il modello di sviluppo di Cardano invece preferisce l’approccio “lento ma subito perfetto”, che si basa sulla ricerca accademica, la revisione tra esperti e la verifica formale.

  • Ricerca accademica: un approccio sistematico alla costruzione di una blockchain e alla ricerca di soluzioni sostenibili;
  • Revisione tra esperti: tutti i suoi codici vengono esaminati da gruppi di esperti nel campo prima del lancio;
  • Verifica formale: il suo software è verificato in modo matematico, senza lasciare spazio a congetture. Garantisce pertanto la correttezza di funzionamento di cui una blockchain ha bisogno.

Cardano si concentra sui suoi principi a tre pilastri di scalabilità, interoperabilità e sostenibilità per creare dApp che abbiano casi d’uso nel mondo reale. Questo approccio lento ha funzionato bene per Cardano, come è evidente dalla vasta community e base di utenti che ha accumulato negli ultimi anni. Ma questo metodo rigoroso ne ha anche ritardato lo sviluppo rispetto ad altri protocolli, tanto che ci sono voluti circa sei anni per abilitare gli smart contract su Cardano, dopo la sua data di fondazione.

Molti esperti hanno definito la rete L1 “sopravvalutata” dal momento che ha meno progetti in costruzione rispetto a blockchain con capitalizzazioni di mercato inferiori, come Polkadot e Solana. Inoltre la dipendenza di Cardano dal proprio sistema accademico di revisione tra esperti viene sempre più criticata. Anche Buterin, la cui rete Ethereum è stata ostacolata dalle commissioni di transazione e dai noti problemi di ridimensionamento, ha avuto un approccio simile all’inizio di quest’anno. Detto questo, diamo un’occhiata ad alcuni dati tecnici per confrontare i due progetti.

Meccanismo di consenso

La rete principale di Ethereum – ad oggi – utilizza ancora un modello di consenso proof-of-work (PoW). Questo implica che le transazioni devono essere minate per essere aggiunte alla blockchain. La PoW è criticata per il suo elevato consumo energetico e impatto ambientale, che la rende inefficiente come sistema operativo e insostenibile per l’esecuzione di dApp. Come sappiamo Ethereum passerà presto al meccanismo di consenso Proof-of-Stake.

ADA invece implementa già un modello di consenso proof-of-stake (PoS), che sostituisce i miner con gli staker, eseguendo la convalida delle transazioni con un minor fabbisogno energetico.

La PoS è in definitiva l’alternativa migliore per le blockchain di contratti intelligenti, il che rende ADA un passo avanti rispetto a ETH in questo aspetto. Ma Ethereum è già in transizione verso ETH 2.0 basato su PoS e si prevede che completerà il merge entro la fine del 2022. Fino ad allora, il sistema PoS di ADA rimane al di sopra della PoW di ETH.

Smart Contract

Cardano utilizza il modello di contabilità Extended Unspent Transaction Output (eUTXO), un aggiornamento del modello UTXO di Bitcoin con funzionalità di contratto intelligente aggiuntive, che ha anche il supporto multi-asset e funziona in modo simile ai contanti. Ethereum invece utilizza il modello Account/Balance, in cui le monete sono detenute negli account degli utenti in modo simile a come opera una banca.

Il modello eUTXO di Cardano ha lo scopo di semplificare i contratti intelligenti e consentire agli sviluppatori di creare applicazioni con meno sforzo rispetto a Ethereum.

Ma la funzionalità del contratto intelligente su Cardano è stata abilitata in colpevole ritardo, il che significa che non è nemmeno vicina ad essere testato in battaglia come ETH. In effetti, ci sono state alcune difficoltà nel lancio della versione testnet di Minswap.

Sebbene abbia alcune carenze, almeno sappiamo che Ethereum funziona. Fino a quando non vedremo una quantità significativa di dapp in esecuzione su Cardano, ETH è banalmente il vincitore in termini di capacità di smart contract.

Scalabilità

ETH ha cercato a lungo di risolvere il problema della scalabilità, ma Ethereum 2.0 è un aggiornamento pluriennale. Per ora, ETH funziona ancora con il meccanismo di consenso PoW, il che spiega le elevate commissioni del gas e i tempi di elaborazione lenti. Sebbene il team di sviluppatori di Ethereum cerchi di supportare il maggior numero possibile di utenti nella rete, i limiti delle dimensioni dei blocchi si sono rivelati difficili da risolvere. Il semplice aumento di questi ultimi infatti minaccia anche la decentralizzazione. Dimensioni dei blocchi più grandi richiedono anche che i nodi dispongano di uno spazio di archiviazione più ampio, creando di fatto una barriera all’ingresso per i miners di piccole dimensioni.

La blockchain di Cardano invece non è afflitta da tali problemi (non ancora, almeno) grazie al suo framework multistrato che consiste in uno strato di regolamento separato (il Cardano Settlement Layer) e uno strato computazionale per le transazioni. Il Cardano Settlement Layer (CSL) regola le transazioni man mano che vengono elaborate all’interno della rete mentre il Cardano Computational Layer (CCL) funge da cervello della rete supportando le funzionalità degli smart contract.

Ad oggi, non è chiaro quale protocollo vinca in termini di scalabilità poiché gli smart contract di Cardano non sono ancora stati testati per bene. In termini di sola velocità effettiva, i 257 TPS di ADA superano sicuramente i 15 TPS di ETH, ma entrambi i protocolli sono principalmente in competizione come piattaforme dapp, non come piattaforme di pagamento.

Entrambi i progetti prevedono di implementare soluzioni di ridimensionamento. L’ecosistema ETH anticipa Ethereum 2.0, che consentirebbe alla rete di scalare fino a 100.000 TPS se combinato con soluzioni L2 come Optimistic Rollups. ADA risponde con una soluzione L2 chiamata “Hydra” , che rinomina le proprie pool di staking come “teste idra” in grado di elaborare circa 1.000 TPS. In teoria, se il numero di staking pool nella rete raggiunge 1.000, Cardano può potenzialmente raggiungere un throughput di transazione di 1 milione di transazioni al secondo (TPS) tramite Hydra.

Per ora possiamo solo aspettare.

Che cos’è lo staking?

A differenza delle blockchain proof-of-work (PoW) – che verificano le transazioni estraendo nuovi blocchi – i protocolli proof-of-stake (PoS) consentono ai partecipanti di mettere in staking la loro criptovaluta nativa per produrre token aggiuntivi in ​​cambio della stabilizzazione e della sicurezza della rete.

Quando Cardano (ADA) è in staking, viene di fatto consegnato a un nodo. Se selezionato per verificare la transazione successiva, tale nodo crea un nuovo blocco sulla blockchain di Cardano. La creazione di un nuovo blocco premia il nodo con ADA. Una maggiore quantità di token ADA rende più probabile che il nodo venga selezionato per creare il blocco successivo, quindi i nodi premiano gli utenti che contribuiscono allo staking pool con una quota del bottino.

Questo meccanismo è comune per blockchain proof-of-stake come Polkadot, Solana e Cardano, e di fatto è un metodo per generare delle rendite passive dalle proprie criptovalute inattive. In genere le ricompense sono molto più alte dei tradizionali conti di risparmio, anche se lo stake comporta sempre il rischio che gli asset sottostanti cambino nel prezzo.

Investire per generare rendite passive: come mettere in staking Cardano

Lo staking di Cardano è semplice da fare sulla maggior parte degli exchange di criptovalute.

In primo luogo, è importante creare un account su un exchange noto per la sua sicurezza e per assegnare agli utenti una quota competitiva delle ricompense generate dai pool di staking ADA. Non sempre questa descrizione coincide con l’exchange più grande o con il più utilizzato, ma ottenere il massimo valore dallo staking è la chiave per guadagnare un rendimento elevato.

Una volta creato il tuo account, puoi trasferire i tuoi ADA all’exchange o acquistare Cardano direttamente da esso utilizzando valuta fiat (euro) o altri asset.

Con la criptovaluta al sicuro nel tuo portafoglio, vai alla sezione di staking dell’exchange e seleziona Cardano. Ora dovresti essere in grado di visualizzare il rendimento annuale, la possibile durata dello staking e se è richiesto un importo minimo di ADA per partecipare.

Le piattaforme che offrono lo staking in genere danno una varietà di durate, che vanno da settimane o mesi fino a due anni per alcune criptovalute. Più a lungo bloccherai le tue monete virtuali, maggiore sarà la quota delle ricompense che riceverai dal nodo.

È importante considerare attentamente la durata prima di mettere in stake le tue coin. Ritirare i tuoi asset in anticipo rispetto alla data prestabilita in genere comporterà delle perdite.

Dove mettere in staking Cardano (ADA)?

I seguenti exchange consentono agli utenti di investire contribuendo ad uno staking pool di Cardano.

La decisione finale su dove mettere in stake ADA dipenderà da una serie di fattori. Tra questi ci sono ovviamente le ricompense da staking, la sicurezza e la reputazione di un exchange, i periodi di blocco dei token e altro ancora. Binance ad esempio offre interessi variabili sullo staking di ADA.

Calcolo dei premi

Una volta che i tuoi ADA sono stati delegati a un pool di staking, contribuiranno al nodo per guadagnare premi, che vengono generati ogni epoca. Una singola epoca contiene 432.000 intervalli che durano un secondo, quindi un’epoca dura cinque giorni.

Una volta completata un’epoca, viene scattata un’istantanea del pool di staking e le ricompense vengono distribuite agli staker in base al loro contributo.

Puoi utilizzare questo calcolatore di staking Cardano per determinare le tue ricompense. Tali premi si basano su una percentuale del numero di ADA bloccati, non sul valore in USD del contributo. Questo significa che una variazione del valore di Cardano può influire sul tuo guadagno complessivo una volta bloccate le criptovalute.

Investire in Cardano: ecco i migliori wallet

In questa guida vedremo due portafogli ideali per gli utenti Cardano, a seconda della loro esperienza con le criptovalute, delle funzionalità di sicurezza desiderate e della frequenza con cui effettuano le transazioni.

Yoroi wallet

Il portafoglio Yoroi è un light wallet per investire in Cardano progettato da IOHK e prodotto da Emurgo.

Input-Output Hong Kong (IOHK), costituita nel 2015, è tra le migliori società di ricerca e ingegneria blockchain al mondo e sono i fondatori di Cardano.

Essendo un portafoglio leggero, Yoroi è un wallet ideale per gli utenti nuovi alle criptovalute. Veloce, semplice e sicuro, il portafoglio Yoroi è costruito con un codice di alta qualità per crittografare le tue chiavi private e non condividerle mai con server o provider di terze parti.

Yoroi può essere installato sul tuo computer o laptop come estensione del browser e consente agli utenti di mettere in stake i propri ADa direttamente dal wallet.

Daedalus wallet

A differenza dei portafogli leggeri, pensati per i nuovi utenti grazie alla loro comodità e semplicità, Daedalus è un portafoglio a nodo completo. Ti consente non solo di investire, ma anche di scaricare una copia completa della blockchain di Cardano e verificare in modo indipendente ogni transazione nella cronologia.

Destinato agli utenti con più esperienza nel trading di criptovalute e che utilizzano software avanzati, il wallet Daedalus è dotato di un’ampia gamma di funzionalità, come l’implementazione di un wallet cosiddetto hierarchical deterministic (HD), che consente agli utenti di unire i propri portafogli o ripristinarli per recuperare i fondi se necessario.

Daedalus è un progetto open source che funziona su tutti i sistemi operativi ed è supportato da IOHK. A differenza di Yoroi, Daedalus deve essere scaricato sul tuo laptop o computer desktop. Tramite Daedalus è possibile anche mettere ADA in staking.

DeFi in Africa

Input Output Hong Kong (IOHK), la fondazione che sostiene Cardano, si è impegnata a costruire un “sistema operativo finanziario” che aprirà i servizi di finanza decentralizzata (DeFi) agli africani. Esempi di servizi DeFi potrebbero includere prestiti o conti di risparmio.

In collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Etiopia, IOHK fornirà al paese un sistema di registrazione basato su blockchain. Tale sistema supporterà oltre cinque milioni di studenti e docenti. Informazioni preziose come iscrizione, frequenza, verifica del voto, monitoraggio delle prestazioni e altro saranno registrate on-chain per supportare gli obiettivi educativi della nazione dell’Africa orientale.

Cardano ha anche firmato una partnership con la Tanzania nel 2021 per fornire ai residenti strumenti finanziari e assistenza per l’identità digitale e sociale.

Mary Hard Fork

L’1 marzo 2022, Cardano ha implementato l’hard fork Mary ed è diventato definitivamente un registro multi-asset. Questo aggiornamento ha fornito a Cardano gli strumenti per coniare NFT on-chain senza uno smart contract.

L’hard fork è necessario quando i nodi principali di un protocollo blockchain richiedono un’alterazione significativa. Esempi potrebbero essere la formazione di Ethereum Classic (ETC) in una scissione dalla rete principale ed il famigerato Luna Classic. I fork di Bitcoin hanno invece creato Bitcoin Cash (BCH) e Bitcoin Gold (BTG). Ethereum inoltre passerà dalla proof-of-work a proof-of-stake.

Il punto principale di Mary Hard Fork è stata l’introduzione da parte di Cardano dell’aggiornamento del token nativo di Goguen. Questo ha reso Cardano un libro mastro multi-asset. Essere un registro multi-asset significa che gli utenti Cardano saranno in grado di coniare i propri token nativi sulla rete Cardano. Tutto questo fa sì che i protocolli sulla blockchain abbiano la possibilità di condurre ICO, airdrop di token ai primi utenti ed altro ancora. Non solo: gli utenti saranno incentivati a creare valore tramite il loro protocollo, per ricevere ricompense in ADA o altri token.

Cardano potrà davvero superare definitivamente Ethereum?

No. La verità è che Cardano non può ancora essere considerato tale poiché ETH è ancora il Layer 1 dominante nel mercato delle criptovalute. Inoltre Cardano è in ritardo rispetto a concorrenti come Solana, che sta registrando una rapida adozione negli ultimi mesi. ADA ha sicuramente conquistato una parte significativa della quota di mercato di ETH. Indipendentemente da ciò, entrambe le piattaforme hanno margini di crescita per il lungo termine.

È difficile determinare se ADA potrà mai superare la capitalizzazione di mercato di ETH. Sebbene l’architettura e l’approccio allo sviluppo di ADA sembrino essere fondamentalmente validi, ha ancora molto da dimostrare in termini di funzionalità degli smart contract. Un altro fattore da notare prima di investire è che gli aggiornamenti di Cardano richiederanno anni. Ognuno di essi viene infatti elaborato e rivisto accuratamente prima di essere implementato. Ethereum non è diverso, il che significa che potrebbe volerci del tempo per ottenere la nostra risposta.

Ethereum è in difficoltà anche perché molti utenti sono diffidenti nei confronti della sua rete lenta e costosa. Oggi infatti esistono alternative come Cardano e molti altri L1 che stanno crescendo e divorando rapidamente parte della sua quota di mercato. Sebbene ETH rimanga il re delle dApp, il suo titolo non è più indiscusso.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ad oggi Ethereum ha ancora i suoi buoni motivi per essere il re dei layer 1.