Gli exchange decentralizzati: il pilastro portante della DeFi

Potresti averli usati senza essertene accorto. Se navighi nel panorama DeFi, sicuramente. Ma cosa sono gli exchange decentralizzati?

Gli exchange decentralizzati sono la controparte dei CEX, in questo articolo li abbiamo comparati, ma se fossi curioso di sapere come funzionano nel dettaglio, sei nel posto giusto!

Un exchange decentralizzato (DEX) è un metodo sempre più popolare per scambiare criptovalute. A differenza di un exchange tradizionale o centralizzato (CEX), un DEX non ha una società o un intermediario che regola gli scambi tra acquirenti e venditori. Un DEX utilizza dei software per abbinare automaticamente acquirenti e venditori e finalizzare la transazione peer-to-peer (p2p).

dex exchange decentralizzati
Adobe Stock

Miliardi di dollari di asset digitali passano di mano ogni giorno nel mercato delle criptovalute, un numero che continuerà a crescere negli anni man mano che più persone e istituzioni acquisteranno e venderanno monete sugli exchange di criptovalute.

Come funziona un exchange decentralizzato (DEX)

Un exchange decentralizzato (DEX) è un tipo di exchange di criptovalute in cui gli utenti possono condurre transazioni finanziarie che coinvolgono lo scambio di risorse digitali online direttamente tra loro (o peer-to-peer).

Questo è diverso dal modo più comune di fare trading di criptovalute, in base al quale gli utenti si iscrivono a un exchange e piazzano i loro ordini di acquisto o vendita, consentendo all exchange di gestire queste transazioni per loro conto. Questi tipi di exchange tradizionali sono talvolta indicati come exchange centralizzati (CEX). È anche comune per un CEX consentire agli utenti di scambiare criptovalute direttamente con i fondi della piattaforma.

Un modo per guardare ai DEX è vederli come un mercato di criptovalute peer-to-peer come Amazon o Ebay, dove gli utenti fanno le loro offerte, aspettando che altri le accettino.

Tuttavia, a dei siti nominati pocanzi, i DEX gestiscono semplicemente il software (o dApp) che presenta e regola gli scambi tra acquirente e venditore. Ciò si ottiene solitamente attraverso algoritmi automatizzati e smart contract che eseguono transazioni quando tutte le condizioni specificate dall’utente sono soddisfatte.

Tecnicamente, ci sono diversi metodi per un DEX di svolgere le sue funzioni e si sono evoluti nel corso degli anni. Nella prossima sezione, daremo un’occhiata a come e perché i DEX sono nati, i diversi tipi che possono esistere e come appare oggi un DEX comune.

Una breve storia degli exchange decentralizzati e dei diversi tipi di DEX

Dopo il suo lancio nel 2013, la blockchain degli smart contract di Ethereum è emersa come una piattaforma utile per sviluppare e distribuire le cosiddette applicazioni decentralizzate o dApp. Facendo così prendere piede il concetto di applicazioni aperte che operano su blockchain.

Tra i primi casi d’uso c’era l’idea di un exchange di criptovalute che avrebbe consentito agli utenti di fare trading in modo più decentralizzato.

A quel tempo, l’unico modo per comprare e vendere criptovalute era farlo negli exchange, che erano gestiti e gestiti da società. Ciò richiedeva agli utenti di depositare i propri fondi presso l’exchange, effettuando ordini per scambiare le proprie monete e token con quelli di altri utenti.

Tuttavia, il famigerato hack di Mt.Gox del 2013, allora il più grande exchange di Bitcoin al mondo, ha rivelato a tutti il maggior rischio di un exchange centralizzato (CEX). Se violati o compromessi, tutti gli utenti della piattaforma rischiano di perdere i propri fondi, proprio come hanno fatto migliaia di utenti a Mt.Gox. Questo perché devi cedere la custodia dei tuoi fondi quando depositi beni presso un CEX.

Non sorprende che il primo tipo di DEX lanciato fosse molto simile a un normale exchange, tranne per il fatto che non richiedeva agli utenti di cedere la custodia delle proprie risorse digitali.

La prima generazione: Non-Custodial Order Books

Intorno al 2016, piattaforme DEX come Bancor, IDEX ed EtherDelta hanno fatto scalpore nel settore delle criptovalute. Introducendo un modo per scambiare criptovalute in modo peer-to-peer mantenendo il controllo sulle risorse digitali destinate al commercio.

Il termine “non custodial” è utilizzato perché in qualsiasi momento i trader sono in grado di accedere ai fondi collocati nel DEX. In altre parole, le criptovalute rimanevano effettivamente nei portafogli degli utenti fino a quando le condizioni commerciali sul DEX non sono state stabilite ed eseguite dagli smart contract.

Questi primi DEX funzionavano quasi esattamente come un CEX tradizionale in quanto la piattaforma era composta da un order book. Un order book contiene semplicemente tutti gli ordini effettuati dagli utenti, sia che si tratti di acquistare o vendere criptovalute. Pertanto, un portafoglio ordini ha due facce. Il lato acquisto (chiamato anche “bid” poiché gli acquirenti fanno offerte per un asset) e il lato vendita (chiamato anche “ask” poiché i venditori chiedono un prezzo).

Gli utenti che desiderano vendere le proprie risorse devono quindi effettuare un ordine di vendita sul DEX o accettare un ordine di acquisto esistente. Al contrario, gli utenti che volevano acquistare un asset devono effettuare un ordine di acquisto sul DEX o accettare un ordine di vendita esistente. Proprio come su un CEX.

I DEX di prima generazione si sono rivelati popolari ma hanno presentato diversi problemi:

Alto costo, bassa velocità

Poiché la maggior parte dei primi exchange decentralizzati è stata lanciata su Ethereum, è diventato subito evidente che la capacità transazionale di Ethereum semplicemente non era sufficiente per far fronte alla crescente domanda.

Ogni transazione peer-to-peer su DEX richiedeva almeno una transazione, che doveva essere inviata alla rete per la conferma come qualsiasi altra transazione blockchain.

Quando la rete di Ethereum è diventata congestionata, le commissioni di mining per le transazioni sono aumentate vertiginosamente e il trading sui DEX è diventato inaffidabile.

Bassa liquidità

Non erano abbastanza utenti sul DEX che compravano o vendevano molti tipi di monete, quindi era significativamente più difficile da acquistare o vendere rispetto a un CEX. I libretti degli ordini erano spesso vuoti o cancellati rapidamente. Inoltre, poiché la domanda di solito superava l’offerta, anche i tassi di acquisto/vendita non erano molto buoni.

Anche gli ordini disponibili erano di piccole dimensioni, a differenza delle dimensioni più grandi tipicamente viste sui CEX. Ciò ha portato a un elevato slippage (riduzioni improvvise delle tariffe che portano a perdite) per i trader DEX.

Questo problema di liquidità e la mancanza di facilità con cui le criptovalute potevano essere scambiate, ha portato alla prossima generazione di exchange decentralizzati.

La seconda generazione di exchange decentralizzati:  gli Automated Market Makers (AMM) e i  Liquidity Pools

I primi tipi di DEX non sono mai decollati a causa del problema di liquidità. Non c’era abbastanza liquidità perché non c’erano abbastanza utenti. E non c’erano abbastanza utenti perché non c’era abbastanza liquidità.

Gli utenti non volevano bloccare le loro risorse sugli order book presso i DEX dove vi erano pochi acquirenti, di certo non quando quasi sicuramente avrebbero trovato acquirenti disponibili su un CEX!

Quindi i DEX hanno dovuto trovare un modo per convincere gli utenti a fornire liquidità, ovvero a fornire i propri asset su un DEX. E lo hanno fatto fornendo ulteriori incentivi o ricompense per farlo.

Le piattaforme DEX più recenti come Uniswap e SushiSwap hanno reso popolare quello che viene chiamato un pool di liquidità. Gli utenti che partecipano a questo pool sono chiamati fornitori di liquidità in quanto hanno semplicemente fornito le loro criptovalute al pool.

Tutte le criptovalute che contribuiscono, che sono sempre in coppia, ad es. ETH e USDT, combinate come un’unica fonte di liquidità, consentono ad altri utenti di connettersi direttamente all’exchange decentralizzato per acquistare o vendere Ethereum (ETH) contro Tether (USDT) con quel pool di liquidità.

Al centro di questi DEX c’erano smart contract che:

  • Automatizzano il processo di fornitura di liquidità
  • Determinano quale sarebbe il tasso di mercato per lo swap, e
  • Completano gli exchange grazie agli utenti che scambiano con il pool di liquidità

In altre parole, hanno creato automaticamente i mercati, ecco perché i DEX come Uniswap o SushiSwap sono talvolta chiamati Market Maker automatizzati o AMM.

In cambio della fornitura di liquidità, i fornitori ricevevano una quota delle commissioni addebitate dall’AMM sugli individui che scambiavano criptovalute. Questo si è rivelato un mezzo per creare “passive income” relativamente sicuro e affidabile che ha portato alla crescita dei DEX di tipo AMM dal 2020 in poi.

La generazione attuale di exchange decentralizzati: i DEX Aggregators

Gli AMM DEX continuano a crescere in popolarità e sono stati accreditati con il crescente utilizzo di prodotti e servizi di finanza decentralizzata (DeFi), di cui il trading DEX è uno.

Ma con il picco dei mercati delle criptovalute nel 2021, altre piattaforme di smart contract si sono scontrate con Ethereum per una quota nello spazio DEX. Mentre i DEX basati su Ethereum continuano a fare la parte del leone nel volume degli exchange DEX, altri DEX su piattaforme diverse stanno tentando gli utenti con commissioni più economiche e transazioni più veloci (essendo su reti più nuove e meno affollate).

Alcuni esempi sono PancakeSwap basato sulla rete Binance Smart Chain (BSC) e AnySwap  basato sulla rete Polygon. In effetti, ci sono decine di reti blockchain concorrenti in lizza per una quota dell’ecosistema dApp.

A causa di ciò, l’ecosistema DEX è in qualche modo frammentato su più piattaforme DEX su più reti blockchain. Mentre altre reti stanno lavorando per creare “bridge” tra questi, possono essere piuttosto complessi per l’utente normale.

In quanto tali, i trader devono affrontare un processo sempre più complicato di connessione manuale a diverse reti blockchain e DEX diversi per trovare il posto giusto per fare trading o le tariffe giuste per fare trading.

I DEX Aggregators

Sono piattaforme o dApp che non sono essi stessi DEX ma strumenti che mettono insieme molti exchange decentralizzati esistenti in un unico posto in modo che i loro utenti possano fare trading su DEX diversi mentre si connettono a un’unica app. Questi aggregatori collegano anche gli utenti a diversi portafogli e reti diverse, rendendoli un modo conveniente per utilizzare i DEX senza dover effettivamente gestire più account.

In effetti, molti aggregatori DEX popolari come 1inch e Zerion hanno persino i propri protocolli personalizzati che cercano automaticamente nella loro rete di DEX per trovare i migliori tassi di scambio per i loro utenti, utilizzando gli algoritmi più efficienti per commissioni inferiori. Alcuni aggregatori affermano che ciò può comportare tariffe ancora migliori quando si utilizza la loro piattaforma per fare trading da un particolare DEX, rispetto a quando si fa trading direttamente sul DEX stesso.

Il risultato chiave per gli utenti è che ottengono un comodo accesso a tutta la liquidità da tutte le principali reti DEX da un unico punto.

DEX vs CEX: pro, contro e perché gli exchange decentralizzati sono importanti

Nonostante la loro crescita in termini di numero di utenti e volume di exchange, i DEX hanno una certa distanza da coprire prima di poter soddisfare i tassi di adozione dei CEX. Tuttavia, è importante capire perché sono importanti per l’ecosistema crittografico.

Più sicurezza e controllo sulle tue risorse | Ma più responsabilità

Come discusso in precedenza, l’hacking di Mt Gox nel 2013 è stato un momento spartiacque nel settore delle criptovalute. Ha messo in luce il rischio dei CEX in quanto dovevi sacrificare la custodia dei tuoi asset crittografici per la comodità di un’elevata liquidità e liquidazioni veloci.

Sfortunatamente, gli hack degli exchange di criptovalute non sono solo un ricordo del passato e gli anni successivi hanno visto solo innumerevoli altri exchange essere violati o compromessi, causando milioni di dollari di perdite agli utenti di CEX.

L’uso di un DEX è un modo in cui puoi mantenere l’autorità sulla tua criptovaluta e prestare attenzione al mantra “non le tue chiavi, non la tua cripto”.

Il commercio decentralizzato può essere più efficiente | Ma più rischioso e più complesso

Rimuovendo l’intermediario nella forma della società o dell’operatore di un CEX, fare trading con un DEX può significare maggiori risparmi o tassi migliori o spread inferiori. Questo perché le commissioni o le commissioni sui pool di liquidità sui DEX sono generalmente inferiori. In alcuni casi ancora più vicine allo zero utilizzano la crittografia nativa DEX per pagare le commissioni.

Inoltre, non ci sono commissioni normalmente associate al deposito o al prelievo di criptovalute da un exchange. Quando effettui transazioni con un DEX, paghi solo la commissione miner, proprio come faresti con qualsiasi altra transazione crittografica.

Tuttavia, ci sono molti più passaggi necessari quando si fa trading con un DEX. Devi approvare smart contract per attività particolari. Ad esempio, l’approvazione di un nuovo scambio di token, l’approvazione di un nuovo bridge per accedere a una rete diversa. Il trading DEX tende ad essere molto meno diretto rispetto a un CEX.

L’elemento “gatekeeper” mancante in un DEX significa anche che qualsiasi persona potrebbe creare un token falso per assomigliare a quello legittimo. Molti utenti negligenti hanno acquistato falsi su DEX. I CEX devono approvare e quindi elencare un token prima di poterli scambiare. Quindi in genere hai la certezza di acquistare il token legittimo presso un CEX.

Privacy e controllo migliorati sui tuoi dati personali | Ma devi stare più attento

Un altro vantaggio significativo dell’utilizzo di un DEX è che non ti vengono mai richiesti dati personali.

In un CEX, gli utenti non verificati non hanno limiti di trading molto elevati, quindi di solito dovresti completare con successo i processi Know Your Customer (KYC) e Anti-Money Laundering (AML) prima di poter fare trading. Questo di solito comporta la consegna del tuo vero nome, residenza, documenti d’identità e persino prove di reddito come buste paga e moduli fiscali.

Sebbene sia un modo perfettamente valido per rimanere regolamentato e mantenere i tuoi fondi al sicuro, non c’è davvero modo per te di sapere cosa succede ai tuoi dati personali una volta che li hai consegnati agli exchange. Chiedere loro di distruggerli di solito comporterebbe anche l’obbligo di dover chiudere il tuo account.

D’altra parte, ci sono altri rischi per la sicurezza in relazione ai tuoi dati personali quando utilizzi un DEX. Se qualcuno dovesse entrare in possesso dell’indirizzo del tuo portafoglio, ad esempio, sarebbe in grado di cercare tutte le tue transazioni abbastanza facilmente su un esploratore blockchain e sarebbe persino in grado di tracciare il tuo portafoglio.

Alcuni dei migliori DEX e come usarli

Ci sono molti DEX popolari in giro e molte reti blockchain con i propri DEX, quindi la scelta del migliore dipende dalle tue esigenze. Come regola generale, desideri un DEX con un’elevata liquidità in modo da poter negoziare facilmente all’importo desiderato. Vuoi anche un DEX consolidato per assicurarti di non scambiare con un sito truffa o un DEX i cui contratti intelligenti sono vulnerabili agli hack.

Ethereum è la rete più popolare con la liquidità più profonda. Qui puoi usare AMM DEX come Uniswap e SushiSwap.

Molti nuovi utenti apprezzeranno gli aggregatori DEX come 1inch e Zerion. Ti consentono di accedere a molti dei principali DEX su diverse reti come Ethereum, Binance Smart Chain e Polygon.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In generale, funzionano tutti allo stesso modo:

  • Per prima cosa hai bisogno del tuo portafoglio crittografico Web 3: esempi di questo sono MetaMask e Trust Wallet.
  • Quindi, colleghi il tuo portafoglio al DEX (devi sapere come firmare e approvare dal tuo portafoglio).
  • Da lì, selezioni semplicemente la risorsa che desideri acquistare e la risorsa nel tuo portafoglio con cui desideri scambiare. Specificare gli importi più la tariffa miner o gas.
  • Dovresti anche impostare un tasso di tolleranza allo slippage (più alto, più è probabile che il tuo trade avrà successo). La maggior parte dei DEX ha già preimpostato con figurazioni che dovrebbero funzionare per il classico trading.
  • Ti verrà chiesto di firmare e approvare il tipo di transazione se è la prima volta che esegui quella particolare operazione. È come accettare gli smart contract.
  • Infine, firma e conferma la transazione. Una volta confermato sulla rete blockchain, il tuo trade verrà eseguito e riceverai i nuovi asset nel tuo portafoglio in cambio di quello che hai scambiato con loro.

Ora sai tutto il necessario sugli exchange decentralizzati. Ricordati, sta sempre attento quando li utilizzi, la truffa è sempre dietro l’angolo.