I pool di liquidità nella DeFi, cosa sono e come funzionano

La finanza decentralizzata è ormai parte integrante del mondo delle criptovalute e i pool di liquidità ne sono un aspetto essenziale. Ma cosa sono? 

Con il termine pool di liquidità (Liquidity Pools) ci riferiamo a un pool di token bloccati in uno smart contract. Detta così suona complicato vero? Vediamo di chiarirci un po’ le idee.

liquidity pool defi
Adobe Stock

I pool di liquidità

I pool di liquidità sono ampiamente utilizzati da molti exchange decentralizzati per aumentare la partecipazione degli utenti e facilitare gli scambi. Un liquidity pool è un market maker automatizzato che fornisce liquidità per prevenire enormi oscillazioni dei prezzi delle criptovalute.

Abbiamo stabilito la loro importanza per la DeFi, ma perché la finanza decentralizzata ha bisogno in primo luogo di pool di liquidità?

Perché abbiamo bisogno di pool di liquidità

Molti exchange di criptovalute comunemente utilizzati, per le attività di trading, utilizzano un order book model, che è il modello simile a quello utilizzato dagli exchange tradizionali come il NYSE.

In questo modello, acquirenti e venditori sono tenuti a riunirsi per effettuare e prendere ordini. Naturalmente, gli acquirenti faranno offerte solo per le risorse crittografiche che arrivano al prezzo più basso e i venditori, d’altra parte, accetteranno solo le offerte che arrivano al prezzo più alto.

Possono verificarsi problemi quando nessuna parte è disposta a piazzare i propri ordini a un prezzo equo. Tutto ciò rende difficile il trading perché ci vogliono entrambe le parti per raggiungere un accordo prima che possa essere effettuato uno scambio.

Il principale svantaggio di questo modello è che quando entrambe le parti non sono d’accordo su un prezzo equo, lo scambio rischia di essere interrotto. Un altro svantaggio è lo scenario in cui vi è una carenza di monete, che rende difficile lasciare il mercato alle forze della domanda e dell’offerta. Per salvare una di queste situazioni, vengono introdotti i market maker per facilitare gli scambi tra le parti.

I market maker come soluzione al problema

I market maker sono entità disposte ad acquistare o vendere attività in un determinato momento. Questi market maker sono fornitori di liquidità sia per gli acquirenti che per i venditori e si affidano a pool di liquidità per rendere disponibili le monete. Ciò significa che i trader non devono necessariamente aspettare l’altra parte prima di fare trading. Possono commerciare direttamente con questi market maker.

Il modello del libro degli ordini (order book model) è un’opzione applicabile per i sistemi DeFi, ma uno dei principali svantaggi è che è lento, costoso e stressante per i trader. La realtà è che i market maker tendono ad aumentare i prezzi e ad annullare gli ordini effettuati dagli utenti in borsa, il che non è una politica di mercato equa. Inoltre, alcune criptovalute non sono l’ideale per adottare questo modello.

I pool di liquidità sono stati introdotti per combattere questi problemi di fondo con il modello tradizionale. I pool di liquidità sono un aggiornamento del modello del book degli ordini e sono completamente decentralizzati. Rendono le transazioni nel mercato delle criptovalute più veloci, più sicure e creano una migliore esperienza utente per i trader. Avendo compreso la necessità di liquidity pool nella finanza decentralizzata, esaminiamo come funzionano i pool di liquidità.

Come funzionano i liquidity pool

Un liquidity pool comprende ovviamente dei token e ognuno viene utilizzato per creare un mercato per i token che compongono il pool. Ad esempio, un pool di liquidità può contenere ETH e un token ERC-20 come USDT, entrambi disponibili nei vari exchange. Per ogni pool creato, il primo provider fornisce il prezzo iniziale delle risorse disponibili nel pool. Questo fornitore di liquidità iniziale imposta un valore uguale di entrambi i token nel pool.

Nell’esempio sopra, ETH imposta il prezzo degli asset nel pool e fornisce un valore uguale di ETH e USDT su una piattaforma DeFi (come Uniswap). Ogni fornitore di liquidità che è interessato ad aggiungere al pool mantiene successivamente il rapporto iniziale impostato per la fornitura di token al pool. Ogni volta che viene fornita liquidità al pool, il provider ottiene un token univoco chiamato liquidity pool token. Dipende da quanta liquidità il fornitore ha nel pool. Tutti i possessori di token del pool di liquidità hanno diritto a ricevere una commissione dello 0,3% distribuita in base all’importo dell’input. Per recuperare i token nascosti e ogni tariffa guadagnata partecipando al pool, il provider richiedente è tenuto a bruciare i propri token di liquidità.

Gli Automated Market Maker

L’adeguamento del prezzo dei pool di liquidità in DeFi è determinato da un meccanismo noto come Automated Market Maker (AMM). Molti liquidity pool famosi utilizzano un algoritmo per mantenere costante le quantità di token per entrambi i token. Questo algoritmo consente al prezzo degli asset nel pool di aumentare all’aumentare della quantità di token.

Il loro rapporto determina il valore dei token in ogni pool . La dimensione degli scambi insieme a quella del pool determina anche il valore dei token.

  • Un pool di grande dimensioni con pochi trade porterà ad una diminuzione del prezzo dei token.
  • Piccoli pool e trade più grandi equivalgono a un aumento dei prezzi dei token.

Le piattaforme DeFi sono ora alla ricerca di modi innovativi per aumentare i pool di liquidità poiché pool di liquidità più grandi riducono notevolmente lo slippage e migliorano l’esperienza di trading dei loro utenti. Protocolli come Balancer premiano i fornitori di liquidità con token extra per fornire liquidità a pool specifici. Questo processo è denominato mining di liquidità.

L’introduzione dei liquidity pool nella finanza decentralizzata (DeFi) è un grande vantaggio in quanto elimina il problema dei trader che devono aspettare i market maker prima di poter fare trading. I liquidity pool e gli  l’AMM sono piuttosto semplici e rappresentano un miglioramento rispetto al metodo centralizzato utilizzato nella finanza tradizionale. C’è una miriade di pool di liquidità tra cui gli exchange decentralizzati possono scegliere per rendere il trading più facile, veloce e migliore per i propri utenti.

I vantaggi portati all’ecosistema DeFi

I liquidity pool svolgono un ruolo fondamentale nell’ecosistema DeFi, aiutandola nella strada verso la vera decentralizzazione. Rendono la DeFi più facile da usare sia per i trader che per gli exchange. Per partecipare ad un liquidity pool, un utente non deve soddisfare alcun criterio di idoneità speciale o compilare moduli KYC, il che significa che chiunque può partecipare fornendo liquidità per una coppia di token.

La centralizzazione è stata una delle principali preoccupazioni che blockchain e criptovalute hanno deciso di affrontare. Tuttavia, per molto tempo alcuni exchange centralizzati hanno dovuto fare affidamento su pochissimi market maker per fornire liquidità per monete e token. I liquidity pool hanno saputo offrire soluzioni al problema della centralizzazione. I fornitori di liquidità possono guadagnare partecipando a liquidity pool e, di conseguenza, la partecipazione degli utenti è in continuo aumento. Ciò alla fine porterà a un maggiore decentramento ed eliminerà il problema della manipolazione del mercato, che è una delle sfide associate alla trasparenza dei mercati delle criptovalute.

Il semplice concetto di liquidity pool ha fornito una soluzione a un problema ampio e complesso come la centralizzazione, che è stata una delle principali sfide per lo spazio crittografico. Se l’argomento ti affascina, leggi anche questi due articoli:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo