Guida semplice e completa agli NFT: leggi qui prima di investire

Cosa sono i Non-Fungible-Token e come navigare con successo nell’ampio mare del mercato degli NFT. Una panoramica da non perdere.

La capacità di innovare della community delle criptovalute è diventata sempre più evidente. Spesso si palesa nella sua capacità di creare continuamente nuove tendenze, come dimostra l’ascesa degli NFT. Ma cosa sono? E perché se ne parla così tanto?

NFT è la versione abbreviata di non-fungible token, che sono di fatto oggetti digitali verificati sulla blockchain e hanno caratteristiche interessanti (come unicità e non intercambiabilità). Possono rientrare praticamente in qualsiasi categoria, ma in particolare appaiono sotto forma di arte, musica e come oggetti virtuali in videogiochi e video.

nft guida
Adobe Stock

Un’area particolare che gli NFT hanno preso d’assalto è il mondo dell’arte. Qui i token digitali vengono venduti per decine di milioni di dollari e oltre nelle principali case d’aste. Gli artisti in erba una volta avrebbero pubblicato il loro lavoro gratuitamente o lo avrebbero venduto a buon mercato. Oggi si stanno rendendo conto che possono incassare molto di più tramite il loro talento, proprio attraverso l’uso della tecnologia blockchain e NFT.

Introduzione

Sono ancora i primi tempi per i token non fungibili. Gli NFT sono stati portati sotto i riflettori nel 2017 con la nota applicazione decentralizzata (DApp) nota come CryptoKitties. Su questa DApp in cui gli utenti possono acquistare, scambiare e collezionare gatti virtuali.

Il mercato NFT è cresciuto di molte centinaia di punti percentuali negli ultimi due anni. Queste ingegnose risorse digitali hanno catturato l’immaginazione sia dei trader che dei creativi. Un altro segno di una crescente adozione è il numero di wallet NFT su cui si sono verificate transazioni NFT: stiamo parlando di milioni di indirizzi.

Sicuramente – anche se non sei un esperto di criptovalute – avrai sentito parlare di NFT. Questo articolo è la guida definitiva per approfondire meglio questo mercato. L’obiettivo di tutti è ottenere dei grandi profitti o di investire in arte digitale per diversificare il tuo portafoglio. Ma prima di farlo, è utile avere un’idea di come funzionano nel concreto gli NFT.

Come funzionano gli NFT

Gli NFT differiscono dai token ERC-20 come MANA e LINK in quanto ogni token è unico e non può essere suddiviso in parti più piccole. Gli NFT consentono l’assegnazione o la rivendicazione della proprietà di qualsiasi dato digitale unico, che può essere tracciato utilizzando una blockchain – come quella di Ethereum – come registro pubblico.

Come rappresentazione di una risorsa digitale o non digitale, un NFT viene creato da elementi digitali. Un NFT potrebbe ad esempio rappresentare elementi del mondo reale come documenti legali firme, o arte digitale come video o musica. Quindi cos’è l’arte digitale NFT? L’arte digitale NFT è una risorsa basata su Ethereum che riflette il certificato di proprietà e autenticità dell’opera d’arte.

In un dato momento, un NFT può avere un solo proprietario. L’ID univoco e i metadati che nessun altro token può replicare vengono utilizzati appunto per gestire la proprietà. Per fare tutto questo si usano i cosiddetti contratti intelligenti – che assegnano la proprietà e regolano la trasferibilità degli NFT – creando l’ID univoco e i metadati.

Quando qualcuno genera o conia un NFT, sta di fatto eseguendo il codice dei contratti intelligenti, i quali seguono vari standard (come ad esempio ERC-721). Questi dati sono archiviati sulla blockchain, dove viene gestito l’NFT.

Inoltre, gli NFT hanno alcune proprietà uniche:

  • ogni token ha un’identificazione unica, legata ad un unico indirizzo Ethereum;
  • non sono sostituibili 1:1 con altri token. Un ETH ad esempio è identico a qualsiasi altro ETH. Per gli NFT questo non vale;
  • ogni token ha un proprietario univoco, la cui identità può essere facilmente verificata;
  • ad oggi le blockchain più usate per gli NFT sono Ethereum, Solana e BNB Chain.

Come e dove gli NFT sono diversi dalle criptovalute e dalle valute fiat

Il valore degli NFT ruota attorno alla natura non fungibile di questi asset digitali, che è la caratteristica che li distingue dalle criptovalute. Come abbiamo visto NFT e criptovalute non sono la stessa cosa. Ogni NFT ha il proprio insieme unico di attributi, come dimensione, scarsità, creatore, ecc. Quindi non può essere scambiato con un altro asset.

Al contrario Bitcoin (BTC) è un asset fungibile. Se sei abbastanza fortunato da possedere 1 BTC e lo scambi con un altro BTC, non cambia nulla. Hai ancora la stessa quantità di Bitcoin da usare o conservare.

Lo stesso vale per le valute fiat – come l’euro – e altri esempi di asset fungibili. Una banconota da 10 euro è intercambiabile con qualsiasi altra banconota da 10 euro, indipendentemente dalle caratteristiche, come il numero di serie o se la banconota è in tasca o un conto bancario. Possiamo avvicinarci al concetto di non fungibilità con le monete da collezione, nel qual caso l’oggetto si adatta bene alla definizione di oggetto non fungibile.

Un altro esempio del mondo reale sono le carte da collezione (come Pokémon, Magic o Yugi-Oh), che sono più strettamente correlate ai token non fungibili, considerando che nessuna carta è uguale ad un’altra.

Quanto valgono gli NFT?

In teoria chiunque può tokenizzare il proprio lavoro e venderlo come NFT. Anzi, è abbastanza probabile che in futuro accadrà proprio questo.

Ad esempio, Grimes ha venduto alcuni dei suoi dipinti digitali per oltre $6 milioni di dollari. L’arte non è l’unica cosa che viene tokenizzata e venduta. Con offerte che hanno raggiunto i 2,5 milioni di dollari, l’ex CEO di Twitter Jack Dorsey ha sponsorizzato un NFT del primo tweet in assoluto.

Sorare – una società francese che offre figurine di calcio sotto forma di NFT – ha raccolto 680 milioni di dollari (498 milioni di sterline). Ma – come avviene con le criptovalute – ci sono preoccupazioni per quanto riguarda l’impatto ambientale degli NFT.

Perché stanno ricevendo così tanta attenzione?

Gli NFT sono apparsi per la prima volta nel settore delle criptovalute nel 2012/2013, anche se non sono arrivati ​​​​alla blockchain di Ethereum fino al 2017. Sebbene Ethereum non sia l’unica blockchain su cui costruire e scambiare questi token, di sicuro è la più popolare. Lo standard principale per gli NFT sulla blockchain di Ethereum è ERC-721.

Quando si verifica una transazione su Ethereum, il portafoglio che avvia quel processo deve pagare quella che è nota come commissione del gas. Il problema con i token non fungibili sulla blockchain di Ethereum è che si tratta di una rete relativamente costosa. Le commissioni del gas possono raggiungere numeri irragionevolmente elevati quando c’è un numero elevato di transazioni in attesa di essere elaborate.

I prezzi elevati sono la conseguenza della domanda, unita alla mancanza di scalabilità dell’attuale versione della blockchain di Ethereum. Questo problema di scalabilità è destinato a risolversi man mano che il progetto passa dall’algoritmo di consenso proof-of-work (PoW) al proof-of-stake (PoS), in quello che è noto come The Merge. Fino ad allora, i creatori di token devono decidere se accettare le commissioni elevate, oppure provare un’altra blockchain come Solana o BNB Chain (o abbandonare del tutto gli NFT).

Anche se sono in circolazione dal 2012, gli NFT sono diventati popolari solo negli ultimi due anni, grazie allo sponsor di molte celebrità. Ad esempio, prima del suo combattimento con Floyd Mayweather, Logan Paul ha offerto ai suoi sostenitori la possibilità di vincere pacchetti di carte Pokémon della prima edizione, qualora avessero acquistato la sua carta da collezione NFT.

In quella che è stata soprannominata una vera e propria “corsa all’oro” – come spesso accade – chi si arricchisce veramente sono i venditori di pale. Ci riferiamo ad Opensea ed alle altre piattaforme marketplace di NFT, che hanno giustamente cavalcato l’onda. Al momento si tratta di un’isteria meramente speculativa: una bolla che inevitabilmente scoppierà e spazzerà via tutti i progetti spazzatura. Ma le fondamenta sono solide, specialmente se pensiamo all’utilità che possono avere nel futuro delle tecnologia.

Una tecnologia a favore dei creatori dei contenuti

Sebbene l’eccessiva inflazione di valore sia stata a lungo una parte del modello di business del mondo dell’arte, gli NFT potrebbero fornire nuove opzioni per i piccoli artisti. Uno dei vantaggi degli NFT è che – anche nelle rivendite successive – i creatori di contenuti percepiscono sempre una percentuale sulle royalties, anche se il valore dell’opera d’arte aumenta quando viene rivenduta.

Possiamo immaginare un mondo senza gli intermediari avidi di denaro, spesso appartenenti alle etichette nell’industria musicale, grazie ai quali gli artisti realizzano la maggior parte delle vendite.

È anche uno strumento potenzialmente in grado di cambiare la vita ai creatori di contenuti che si impegnano nella creazione dei meme, per monetizzare strade artistiche non convenzionali (e che i loro genitori molto probabilmente avranno etichettato come una “perdita di tempo”). Siamo pronti ad accogliere una nuova era di contenuti monetizzati e digitalizzati al massimo.

Gli NFT creano valore, sia che tu li ami o li disprezzi, sia che tu voglia acquistarne uno o tokenizzare la tua musica e le tue opere d’arte. Così tante persone stanno tenendo d’occhio varie opportunità per arricchirsi rapidamente – o per perdere tutto – che possono farlo persino con un concetto ancora nelle sue fasi iniziali. Vale la pena prestare attenzione.

Come gli NFT trasformeranno il mondo dell’arte

Gli NFT trasformeranno sicuramente il mondo dell’arte. Ad esempio consideriamo l’arte rupestre preistorica: risale al Paleolitico inferiore – o all’età della pietra antica – tra il 290.000 a.C. e il 700.000 a.C. L’arte ha fatto molta strada dalle pitture rupestri e dalle incisioni rupestri, e gli NFT stanno offrendo ai tipi creativi nuovi modi per generare un profitto dal proprio lavoro e catturare nuovi seguaci. Inoltre il loro nome sarà inciso sull’opera per sempre, e tutti sapranno chi l’ha realizzata.

Se ti stai chiedendo come i token non fungibili abbiano già cambiato il mondo dell’arte, possiamo considerare Christie’s, una casa d’aste con una storia di oltre 250 anni. È qui che l’artista digitale Mike Winkelmann – alias Beeple – ha venduto uno dei suoi pezzi – “Everydays: The First 5000 Days” – in un formato JPG per $69 milioni di dollari. Questo passaggio storico dimostra quanto lo spazio blockchain abbia influenzato l’arte moderna.

Questo cartellino del prezzo colloca Beeple tra i primi tre artisti viventi più costosi in termini di importo generato attraverso un’asta. Oggi possiamo vedere NFT appesi in un museo, come alcune delle altre famose vendite di Christie’s. Allo stesso tempo il proprietario del token lo possiede al 100%, e questo può essere facilmente verificato sulla blockchain. La storia di Beeple è significativa anche perché la sua partecipazione al mondo delle belle arti è iniziata solo quando si è imbattuto negli NFT, dimostrando quanto velocemente un nuovo artista può diventare un fenomeno in questa era dell’arte digitale.

Progetti molto ben avviati

Quando Christie’s ha annunciato che stava vendendo all’asta un Beeple NFT, gli investitori asiatici sono stati i primi a mostrare interesse. Quasi un quinto dei 33 offerenti per il pezzo di arte digitale proveniva da quella regione. L’investitore in criptovalute di Singapore “MetaKovan” alla fine ha prevalso, aggiudicandosi il pezzo all’asta.

Beeple non è stato l’unico a fare grandi cose con gli NFT. Prendi i CryptoPunks, una raccolta di 10.000 personaggi eccentrici da 24 x 24 pixel – inclusi zombi e alieni – costruiti sulla blockchain di Ethereum. CryptoPunks, che afferma di aver creato i primi NFT su Ethereum, ispirando il mercato e milioni di utenti.

Come Beeple, questi artisti digitali sono diventati grandi grazie alle proprie opere d’arte NFT, inclusa la vendita di nove ritratti per quasi 17 milioni di dollari, sempre alla casa d’aste Christie’s. La natura in edizione limitata di CryptoPunks – ovvero la loro scarsità – è ciò che li rende così preziosi. Ad esempio, il CryptoPunk #635 – che faceva parte del gruppo dei nove di cui prima – indossa occhiali da sole e ha una faccia blu. È uno dei soli nove alieni nel lotto.

Per non essere da meno, il musicista Grimes ha guadagnato circa 6 milioni di dollari dalla vendita di una collezione di opere d’arte e video digitali. Il suo pezzo migliore era un video soprannominato “Death of the Old“, di cui esiste solo un esemplare. Questo NFT da solo è andato vicino a $389.000. Potremmo andare avanti per ore.

Ma a cosa servono concretamente gli NFT?

Gli oggetti del mondo reale come opere d’arte e immobili possono essere rappresentati con NFT. Questi beni tangibili del mondo reale possono essere “tokenizzati” per renderli più efficienti per l’acquisto, la vendita e il commercio, riducendo al contempo il rischio di frode.

Arte

L’applicazione più frequente degli NFT ad oggi è l’arte digitale,, che combina creatività e tecnologia in modo univoco. Attualmente sono disponibili sui vari marketplace varie opere d’arte in edizione limitata. A volte – in modo sperimentale – consentono di apportare modifiche al token stesso. Ad esempio, contratti intelligenti e gli oracoli possono consentire agli artisti di creare elementi visivi in ​​grado di reagire alle oscillazioni dei prezzi nelle risorse digitali basate su blockchain.

Moda

Promettendo vantaggi a tutti i partner della supply chain – o catena di approvvigionamento – la blockchain si è fusa facilmente con il mondo della moda. I consumatori possono semplicemente controllare online le informazioni sulla proprietà dei loro acquisti e accessori, eliminando il pericolo di contraffazione. Ad esempio, gli utenti possono semplicemente scansionare un codice QR presente sui cartellini dei prezzi di indumenti e accessori sotto forma di NFT.

Licenze e certificazioni

Gli NFT possono anche fornire vantaggi significativi per la conferma di licenze e certificazioni. Agli studenti ad esempio vengono generalmente rilasciati certificati di completamento del corso in formato digitale o fisico, simile a qualsiasi altro titolo o licenza. Ma prima che una società o un istituto possa offrire un posto di lavoro a qualcuno, le università e i datori di lavoro vogliono consultare il documento di completamento del corso come riferimento. Questo fa sì che nessuno possa barare sui propri titoli.

Le aziende risparmierebbero molto tempo utilizzando gli NFT per accedere a tali licenze. I certificati e le licenze basati su NFT alleviano il carico del controllo e della verifica dei record. Di conseguenza, rende facile tenere traccia dei certificati richiesti.

Sport

Alcune delle preoccupazioni più serie che incidono sull’industria sportiva sono il merchandising ed i biglietti e contraffatti. La blockchain è la soluzione ideale per risolvere tali difficoltà, con pochi ostacoli. L’immutabilità della tecnologia Blockchain aiuta nella prevenzione di oggetti da collezione e biglietti contraffatti.

Gaming

Gli NFT hanno anche lasciato il segno nel settore dei giochi di criptovaluta, avendo già un impatto sulla scena generale dei play-to-earn. CryptoKitties è stato il primo a combinare le caratteristiche del gioco con gli NFT nel 2017, emettendo gatti digitali sulla blockchain e dando agli utenti la possibilità di interagire e fare trading con questi token. Il modello ha avuto un tale successo che per un breve periodo ha causato l’intasamento della rete Ethereum a causa di un elevato volume di transazioni.

Da allora, i giochi sono diventati un caso d’uso chiave per gli NFT, il che non è troppo estenuante data la natura delle vendite in-game per prodotti come skin e altro che ha già attanagliato il mercato tradizionale.

Quando si tratta di NFT, c’è stato un crossover tra le società di gioco tradizionali e le startup decentralizzate, poiché entrambe le parti cercano di trarre vantaggio dalle carte digitali, dalle opere d’arte e persino dalla moda sulla blockchain. Gli NFT si adattano perfettamente al settore del gaming, e l’abbinamento continuerà sicuramente a guidare il settore poiché i giocatori cercano non solo di ottenere punteggi come players, ma anche come investitori.

Come gli NFT stanno reinventando il mondo digitale

I token non fungibili attirano allo stesso modo collezionisti, investitori e trader. Sono una versione digitale di un prodotto, come un’opera d’arte, che fornisce al proprietario la versione certificata di tale risorsa. Questo è molto importanti in settori come quello dell’arte, dove possedere l’asset autentico – ovvero la versione ufficiale e unica di un oggetto – è molto più prezioso che possederne una copia.

Prendi il David di Donatello, per esempio. Preferiresti possedere la scultura originale o una copia perfetta? La risposta a questa domanda è soggettiva e dipende da come valuti l’opera d’arte. Lo stesso concetto vale per gli NFT, dove i proprietari di queste risorse digitali – la cui prova di proprietà è verificata sulla blockchain – ritengono che la risorsa aumenterà il proprio valore, o aggiungerà un valore incommensurabile alla propria collezione.

La fungibilità – o la non fungibilità – è al centro del valore degli NFT, i quali stanno reinventando il mondo digitale. Come il mondo dell’arte stesso, gli NFT sfruttano l’idea di un autore o di un genio creativo che dia un valore monumentale a un oggetto.

Esistono numerosi mercati in cui gli utenti possono emettere o acquistare token non fungibili. Ciò richiede generalmente il possesso di un wallet digitale insieme ad un po’ di criptovalute per procedere all’acquisto del token che desideri. Esistono vari modi per acquistare tali token, sia da una vendita diretta che da un’asta. L’acquisto di NFT non avviene solo nelle piattaforme digitali ma anche in diverse case d’aste rinomate come Sotheby’s, che possono vendere NFT acquistabili tramite criptovalute.

Come acquistare e vendere NFT

La maggior parte dei marketplace NFT funziona in modo simile a una casa d’aste. Fai un’offerta e aspetti di vedere se sei il vincitore dell’NFT che hai scelto. Alcuni siti – come succede su eBay – offrono opzioni “Acquista ora”, in cui è possibile acquistare NFT a un prezzo fisso. OpenSea.io, Looksrare, Magic Eden, Rarible e Mintable sono i marketplace NFT più famosi.

È importante notare che ogni mercato ha la propria serie di requisiti sul wallet da utilizzare. Al momento non esiste un unico wallet che possa essere utilizzato su tutti i siti. MetaMask è il portafoglio più utilizzato, ed altre opzioni note sono Trust Wallet, Phantom Wallet e Coinbase Wallet.

Il trading di un NFT che hai acquisito in precedenza e la vendita di un NFT che hai coniato in prima persona sono i due modi per venderli. Innanzitutto, ci saranno commissioni associate alla vendita del tuo token non fungibile (su Solana e Polygon sono bassissime), così come ci saranno commissioni associate alla creazione di un NFT. Queste copriranno le tariffe del gas e le commissioni del servizio di vendita finale determinate dal mercato.

Gli NFT acquistati in precedenza possono essere rivenduti sul mercato secondario così come qualsiasi altro asset. Per fare ciò, assicurati che l’NFT in questione sia nel tuo wallet e sia listato per la vendita sulla tua piattaforma preferita. Sebbene il valore del tuo NFT possa aumentare nel tempo, il valore a lungo o anche a breve termine delle NFT non può essere garantito.

A seconda del servizio, puoi impostare la modalità “Compra ora” o specificare le regole dell’asta, come il prezzo di riserva per vendere l’NFT da te creato. In alcune situazioni, ti spettano delle royalties ogni volta che il tuo token viene rivenduto in futuro. Sebbene il valore del tuo NFT possa aumentare nel tempo, fai sempre attenzione a ciò che compri.

Attuali problemi degli NFT

Solo perché non esiste una cassaforte fisica da cui rubare il tuo NFT non significa che la sicurezza non sia un problema. Come avviene nel mercato delle criptovalute, quello degli NFT rimane un mercato nascente in cui gli sviluppatori stanno risolvendo alcuni dei problemi noti, mentre gli utenti acquisiscono sempre più consapevolezza.

Ci saranno sicuramente dei dossi sulla strada. Gli NFT sono saliti alla ribalta nonostante l’architettura tecnologica sia ancora in costruzione, il che potrebbe essere una ricetta per il disastro se cade nelle mani sbagliate.

I neofiti nel settore delle criptovalute potrebbero ancora avere difficoltà a inviare Bitcoin (BTC) o Ether (ETH) agli indirizzi giusti. Con l’ascesa degli NFT, ora devono conoscere i portafogli MetaMask e le varie blockchain su cui possono essere costruiti. Tutto questo può essere difficile per il nuovo utente e potrebbe portare a errori che non possono essere annullati nel mondo decentralizzato. Qui non ci sono terze parti che restituiscono fondi o prodotti al legittimo proprietario.

Nel frattempo, ci sono anche problemi di sicurezza in gioco. Sebbene la natura immutabile della blockchain abbia lo scopo di prevenire le truffe e le frodi, ciò non ha impedito che si verificassero più e più volte in questo spazio. I malintenzionati trovano sempre un modo per infiltrarsi nei mercati in erba ed approfittare dei principianti, e gli NFT non hanno fatto eccezione. Anche quando si tratta di diritti d’autore.

Secondo vari account sui social media, molti artisti della truffa sono riusciti a catturare i tweet di alcuni account, coniarli e venderli come NFT a sé stanti. Sebbene l’industria abbia preso atto di questo comportamento – e da allora Twitter lo abbia represso – questo rimane un esempio delle truffe che possono ancora dilagare in un mercato in erba.

Prospettive future

Il mercato degli NFT ha raggiunto gran parte della sua impressionante crescita nel 2021. Nel 2020 la maggior parte delle piattaforme NFT popolari non esisteva ancora, mentre l’inizio del 2022 è stato caratterizzato da condizioni macro difficili, che hanno reso la vita difficile un po’ a tutti. La crescita dell’adozione per quanto riguarda gli NFT continua a un ritmo più lento, ma abbiamo ragione di credere che negli anni a venire diventeranno sempre più importanti.

Sebbene i token non fungibili siano estremamente difficili da valutare, caratteristiche come unicità, commerciabilità e talento/credibilità dell’artista/azienda concorrono tutte per stabilire un prezzo. La prossima ondata del mercato NFT potrebbe avere come protagonista un’altra tendenza che oggi non possiamo immaginare.