Come gli Smart Contract cambieranno la storia per sempre: sapevi che sono capaci di questo?

Cosa sono gli smart contract – o contratti intelligenti – nella blockchain e come funzionano? Ecco come cambieranno il mondo in futuro.

Gli smart contract sono essenzialmente accordi automatizzati tra il creatore del contratto e il destinatario. Scritto in codice, questo accordo è integrato nella blockchain, rendendolo immutabile e irreversibile. Di solito gli utenti li utilizzano per automatizzare l’esecuzione di un accordo. Tutte le parti devono essere sicure della conclusione immediatamente, senza bisogno di intermediari. Possono anche automatizzare un flusso di lavoro: un passaggio inizia o termina quando sono soddisfatte determinate condizioni.

smart contract
Adobe

Un contratto firmato stabilisce una connessione contrattuale tra due o più parti. Ciascuna parte si impegna a rispettare i doveri legali concordati nell’accordo scritto, una volta che il contratto è stato correttamente firmato. I contratti intelligenti sono saliti alla ribalta grazie alla seconda blockchain più popolare al mondo, Ethereum (ETH). Hanno portato valore tangibile a tutte le applicazioni decentralizzate (DApp) e ad altri casi d’uso della rete. Mettiamo un piedino in acqua.

Introduzione

Uno dei principali vantaggi delle reti blockchain è il grado di automazione delle attività che tradizionalmente richiedono un intermediario di terze parti. Ad esempio, invece di aver bisogno di una banca per approvare un trasferimento di fondi da cliente a libero professionista, il processo può avvenire automaticamente, grazie a uno smart contract. Tutto ciò che serve è che le due parti concordino su un concetto.

Un altro esempio potrebbe essere un gruppo di cittadini che che discutono una legge con qualcuno che li rappresenta (non scendiamo troppo nel tecnico). Se queste due parti raggiungessero un accordo – in un sistema basato su blockchain – la legge verrebbe attuata immediatamente. Magari gli utenti potrebbero leggere la nuova legge tramite una DApp apposita o interagire con essa in un altro modo tramite la blockchain.

Questo articolo esplorerà i contratti intelligenti in lungo ed in largo: come funzionano e perché sono importanti. Immergiamoci.

Smart Contract: ecco come funzionano

Pensa ai contratti intelligenti come a rapporti causa-effetto tra due (o più) parti. Se te ne intendi di informatica, pensa ai comandi se succede questo -> allora succederà quest’altro. Se le esigenze di una parte sono soddisfatte, l’accordo può essere onorato e il contratto è considerato completo.

Vari passaggi per costruire uno smart contract

Diciamo che un cliente chiede ad un contadino 100 mele. Il cliente bloccherà i propri fondi in uno smart contract che potrà poi essere approvato quando il contadino consegnerà le mele. Quando l’agricoltore rispetta la propria parte dell’accordo, i fondi verranno immediatamente svincolati (cioè dopo l’adempimento di un contratto legale). Ma il contratto viene annullato e i fondi vengono restituiti al cliente se l’agricoltore non rispetta la scadenza.

Naturalmente questo è solo un esempio. I contratti intelligenti possono essere programmati per funzionare per le masse, sostituendo la macchina burocratica e i sistemi di vendita al dettaglio. Inoltre i contratti intelligenti eliminerebbero la necessità delle cause in tribunale, facendo risparmiare alle parti sia tempo che denaro.

Questo livello di sicurezza è in gran parte dovuto al codice dello smart contract sottostante. Su Ethereum, ad esempio, i contratti vengono scritti nel suo linguaggio di programmazione ovvero Solidity. Ciò significa che le regole e le limitazioni degli smart contract sono integrate nel codice della rete e nessun malintenzionato può manipolare tali regole. Idealmente, queste limitazioni eliminerebbero le truffe o le clausole contrattuali nascoste. I contratti intelligenti possono entrare in vigore solo se tutti i partecipanti sono d’accordo e firmano il contratto. Cosa stiamo aspettando?

In termini un po’ più tecnici

In termini più tecnici, l’idea di un contratto intelligente può essere scomposta in pochi passaggi. Innanzitutto – come abbiamo ben capito – uno smart contract necessita di un accordo tra due o più parti. Una volta stabilito, i due potranno concordare i termini e le condizioni per i quali lo smart contract sarà considerato concluso. La decisione verrebbe scritta nello smart contract, che viene quindi crittografato e archiviato nella rete blockchain.

Una volta completato il contratto, la transazione viene registrata sulla blockchain, proprio come qualsiasi altra transazione. Quindi tutti i nodi aggiorneranno la propria copia della blockchain con questa transazione, aggiornando il nuovo “stato complessivo” della rete.

Bitcoin

Ora ti starai chiedendo se Bitcoin (BTC) e altre reti possono utilizzare contratti intelligenti. Fino a un certo punto, sì. Ogni transazione BTC è tecnicamente una versione semplificata di un contratto intelligente. Sono state sviluppate soluzioni layer 2 come lightning network per espandere le funzionalità della rete. Detto questo, l’uso di contratti intelligenti da parte di Ethereum è un caso speciale.

Ethereum

A differenza della maggior parte delle reti blockchain – che sono descritte come un registro distribuito – Ethereum è considerato una “state machine” distribuita, contenente ciò che è noto come Ethereum Virtual Machine (EVM). Questo state machine – di cui tutti i nodi Ethereum accettano di conservare una copia – memorizza il codice del contratto intelligente e le regole a cui questi contratti devono attenersi. Poiché ogni nodo ha delle regole integrate tramite codice, tutti i contratti intelligenti di Ethereum hanno le stesse limitazioni.

Cardano

Oltre a quanto sopra, nel settembre dello scorso anno sono stati elencati più di 200 contratti intelligenti sul blockchain explorer di Cardano (ADA). I ​​contratti intelligenti ADA vengono implementati utilizzando i linguaggi di programmazione Marlowe, Plutus e Glow.

È anche importante notare che i contratti intelligenti sono diversi dai contratti tradizionali, scritti in molti modi.

Cenni storici sugli smart contract

Che ci crediate o no, i contratti intelligenti sono nati prima rispetto alla tecnologia blockchain. Mentre Ethereum – introdotto nel 2014 – è l’implementazione più popolare del protocollo, il crittografo Nick Szabo ha definito l’idea negli anni ’90.

All’epoca, Szabo concepì una valuta digitale chiamata Bit Gold. Sebbene l’asset non sia mai stato effettivamente lanciato, questo predecessore di Bitcoin ha messo in evidenza il caso d’uso degli smart contract: transazioni trustless su Internet. Se il Web 1.0 era Internet esso stesso, e il Web 2.0 la presenza di piattaforme centralizzate in grado di interagire, allora il Web 3.0 è la versione affidabile, automatizzata e alimentata dall’utente dello spazio digitale.

Molti – incluso lo stesso sito Web di Ethereum – confrontano i contratti intelligenti con un distributore automatico. I distributori automatici servono allo scopo di un venditore che fornisce all’utente un prodotto, senza la necessità che una persona reale prenda il denaro e consegni l’articolo. Gli smart contract hanno lo stesso scopo ma sono molto più versatili.

Gli smart contract sono avanzati parecchio nel tempo. Hanno mosso i primi passi come semplici istruzioni if-then che un programmatore qualsiasi può creare e implementare. Ma gli utenti dotati di competenze in ambito di programmazione non sono molti, sono sicuramente meno del necessario. Fortunatamente quegli stessi sviluppatori stanno lavorando per risolvere i problemi di accessibilità, per abbattere le barriere all’ingresso.

Gli sviluppatori hanno reso così possibile stipulare contratti intelligenti senza avere conoscenze di programmazione. Stanno aumentando i livelli di sicurezza tramite diversi linguaggi di programmazione, creando varie alternative e progettando modi per archiviare automaticamente la cronologia dei contratti intelligenti in un formato leggibile dall’uomo.

I vantaggi dei contratti intelligenti

Le blockchain che supportano gli Smart Contract offrono vari vantaggi, tra cui velocità, efficienza, precisione, fiducia, trasparenza, sicurezza e risparmio, come discusso nelle sezioni seguenti.

I contratti intelligenti utilizzano protocolli informatici per automatizzare le azioni, permettendo agli utenti di risparmiare ore intere. Gli accordi automatizzati riducono la possibilità di manipolazione da parte di terzi eliminando l’obbligo per i broker o altri intermediari di ratificare i contratti legali già firmati.

Inoltre la mancanza di un intermediario negli smart contract fa risparmiare denaro. Tutte le parti interessate hanno accesso completo ai termini e alle condizioni di questi contratti. Pertanto non c’è modo di ritirarsi una volta firmato il contratto. Ciò garantisce che la transazione sia completamente trasparente per tutte le parti coinvolte.

Inoltre tutti i documenti conservati sulla blockchain vengono duplicati molte volte, consentendo il ripristino degli originali in caso di perdita di dati. Gli smart contract sono crittografati, e la crittografia protegge tutti i documenti dalla manomissione. Infine, gli smart contract eliminano anche gli errori che si verificano a causa della compilazione manuale, il classico errore umano.

Dove si applicano i contratti intelligenti?

A parte l’esempio del pagamento delle mele sopra menzionato, ci sono varie potenziali implementazioni di contratti intelligenti che possono automatizzare il mondo e renderlo un posto più facile in cui vivere. Ecco alcuni esempi importanti di casi d’uso degli smart contract.

Identità digitale

Su Internet, le informazioni sono un asset prezioso. Le aziende traggono profitto dalla conoscenza degli interessi di tutti e le persone non sempre hanno il controllo su come vengono acquisiti i dati, né traggono profitto da essi. Con i contratti intelligenti, le persone avranno il controllo dei propri dati.

In un futuro basato su blockchain, le identità saranno tokenizzate. Questo significa che l’identità di ogni persona esiste su una blockchain decentralizzata, sicura e protetta da eventuali utenti malintenzionati. Ora, se un utente vuole partecipare ai social media o presentare documenti a una banca a scopo di prestito, può trarre profitto dal primo caso e controllare il processo di transazione nel secondo.

Nei social media, nessun intermediario controlla la rete. Sono gli utenti a scegliere quali informazioni rendere pubbliche e quali mantenere private. Se vogliono partecipare allo scambio di informazioni, possono creare uno smart contract e scegliere quali dati devono essere trattati, piuttosto che semplicemente accettare tutto ciò che riguarda l’utente. Non c’è nessuna terza parte che archivia e vende segretamente quei dati: solo l’utente ci guadagna.

Lo stesso vale quando si tratta di trattare con banche e altri istituti finanziari. La comunicazione implica solo l’invio dei documenti richiesti e delle informazioni vitali. Non c’è il rischio che una piattaforma memorizzi il tuo indirizzo email e lo venda ad altre società di credito. Tali informazioni sono interamente sotto il controllo dell’utente.

Immobiliare

Nel mondo tradizionale, gli agenti immobiliari sono un male necessario. Considerando che l’atto di vendere una casa è a dir poco lungo e contorto, i proprietari assumeranno un intermediario per gestire gli affari per loro, come la burocrazia e la ricerca di un acquirente. Anche se sembra l’ideale per il venditore, ricorda che i broker addebitano una commissione significativa sul prezzo di vendita della casa.

Uno smart contract può prendere il posto di un broker, snellendo il processo di trasferimento della casa garantendo al contempo che sia sicuro come con un intermediario. È qui che entra in gioco il termine “trustless“.

Immagina che l’atto di vendita della tua casa sia tokenizzato sulla blockchain di Ethereum. Se vuoi venderla, creerai un contratto intelligente con l’acquirente. Quel contratto manterrebbe l’atto in deposito, bloccato fino a quando i fondi di chi compra non raggiungeranno le tue tasche. Poi, e solo allora, venderai l’immobile.

Tutti vincono. Il venditore risparmia denaro in quanto non deve pagare un intermediario e l’acquirente ottiene la casa molto prima di quanto avrebbe fatto altrimenti.

Assicurazioni

Anche le polizze assicurative potrebbero facilmente beneficiare di contratti intelligenti. In sostanza, la sottoscrizione di una polizza inserirebbe l’utente in un contratto intelligente con un provider. Tutti i requisiti della politica verrebbero scritti nel contratto intelligente, che l’utente leggerebbe e firmerebbe se fosse d’accordo.

Tale contratto rimarrebbe aperto fino a quando la parte responsabile non ne avrà bisogno. Quindi, basterebbe semplicemente caricare i moduli richiesti – che dimostrano la necessità di pagare l’assicurazione – e i fondi sarebbero rilasciati immediatamente. Questo tipo di contratto elimina la necessità di comunicare con gruppi assicurativi e individui. Sebbene l’utente abbia ancora bisogno dei documenti per dimostrare i propri requisiti, il processo successivo di invio e finanziamento sarà quasi istantaneo.

Vale la pena tenere a mente che tutti i conducenti avranno una registrazione dei loro rapporti sugli incidenti e anche altre importanti informazioni assicurative. Questa accessibilità potrebbe influenzare le tariffe più basse per i buoni conducenti, quelli senza ammaccature nella loro storia di guida.

Supply Chain

Probabilmente una delle implementazioni più popolari della tecnologia blockchain e dei contratti intelligenti  è all’interno delle catene di approvvigionamento, o Supply Chain.

Negozi di alimentari, magazzini per uffici, agricoltori e altri ancora hanno tutti il proprio posto specifico nella catena. Ma – con la complessità che affligge queste reti – le aziende trovano sempre più difficile tenere traccia dei prodotti e seguire i pagamenti, tra le altre cose. I contratti intelligenti possono automatizzare e incentivare tutte le parti della supply chain per aumentare la loro responsabilità.

Ad esempio, supponiamo che un negozio di alimentari stia aspettando una consegna di mele da un altro continente. Ha pagato per una certa quantità di mele e si aspetta quel numero o volume esatto al momento della fornitura. Ecco che entra nuovamente in gioco l’errore dell’uomo, voluto o meno. Da qualche parte lungo la strada, i lavoratori smarriscono alcune mele, le rubano o semplicemente mentono sul fatto che siano arrivate a destinazione. Chi fa questo mette in difficoltà il resto della catena, e quando un negozio di alimentari riceve la spedizione, non può sapere chi è il responsabile.

Una soluzione pratica

Con i contratti intelligenti, il negozio di alimentari potrebbe impostare un check-in automatico in ogni fase del processo. Tali check-in esistono già in una normale supply chain, ma devono essere eseguiti manualmente. Attualmente c’è sempre l’intervento umano, in ogni fase del processo. L’uomo può mentire e rubare qualsiasi prodotto, sostenendo che si è perso lungo la strada. I furti nella supply chain sono un problema enorme, che costa alle aziende in media 35 miliardi di dollari all’anno.

Ciò che cambia con i contratti intelligenti è la loro natura trustless. Il negozio potrebbe non rilasciare alcun pagamento fino a quando non vengono contabilizzate tutte le mele/pere/banane/caffè. Non c’è modo di fregare questo sistema, quindi le parti saranno molto più attente quando si tratta di fornire dei prodotti o servizi. Inoltre il pagamento verrà rilasciato immediatamente alla parte ricevente, il che è di per sé un grande incentivo.

Inoltre il negozio potrebbe tracciare i contratti intelligenti non andati a buon fine e scegliere di non lavorare più con tali fornitori. Alla fine questo porterebbe ad uno standard lavorativo più alto, in cui chi non lavora bene semplicemente viene fatto fuori. Tutto ciò farebbe risparmiare tempo e denaro a tutti nel lungo periodo.

Quali sono le principali sfide affrontate dagli smart contract?

Sebbene i contratti intelligenti siano concettualmente geniali, non sono certamente perfetti. Tanto per cominciare, vale la pena ricordare che i contratti intelligenti e le reti blockchain sono codici scritti a mano. L’essere umano può sbagliare, e spesso questi errori costano milioni di dollari. Questo è esattamente quello che è successo nel famigerato attacco a TheDAO, clicca qui per scoprire cos’è successo. Gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità nel contratto intelligente di raccolta fondi della DAO, e l’hanno usata per rubare i fondi dal progetto.

Possiamo parlare anche della mancanza di chiarezza normativa che circonda questo tipo di contratti. L’idea di un processo di trasferimento di denaro sicuro e semplificato suona bene sulla carta, ma c’è ancora la tassazione e altri coinvolgimenti del governo da considerare. Gli utenti vogliono il pieno controllo sui propri dati: come faranno i partiti a ottenere ciò di cui hanno bisogno?

Oracoli e scalabilità

I contratti intelligenti non possono estrarre informazioni al di fuori della rete in cui esistono. Almeno, non nel loro stato attuale. In altre parole, non puoi caricare dati da un sito web esistente su uno smart contract su Ethereum. Detto questo, c’è una soluzione alternativa negli oracoli. Si tratta di nodi off-chain che estraggono informazioni da Internet e le rendono compatibili con le reti blockchain. Gli oracoli quindi è come se creassero un ponte tra la blockchain ed il mondo esterno.

Inoltre da molto tempo esiste un problema di scalabilità nelle blockchain, che molti team stanno cercando di risolvere. Fin dall’inizio, uno degli obiettivi delle reti blockchain è quello i imporsi su larga scala. Ma finché le transazioni richiedono minuti – se non ore – questo non sarà possibile. Anche se all’inizio potrebbe essere un problema, progetti come Ethereum 2.0 stanno cercando di risolvere questo problema.

Il futuro dei contratti intelligenti

Gli smart contract – se riusciranno a diventare semplici tanto da poter essere scritti ed eseguiti automaticamente – sono la svolta. Prendiamo l’esempio dell’immobiliare, dove non appena le parti firmano il contratto, avviene lo scambio di denaro.

Diverse piattaforme di smart contract faranno risparmiare tempo e denaro alle aziende di tutto il mondo. Come abbiamo visto, rivoluzionano anche il modo in cui interagiscono nella supply chain e con i loro clienti. Di conseguenza, il coinvolgimento umano ridotto al minimo libererà gli utenti dalla burocrazia, consentendo loro di concentrarsi sul loro lavoro quotidiano. Ecco perché gli smart contract hanno ottima probabilità di imporsi a livello mondiale.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Gli smart contract sono già utilizzati da molte banche e assicurazioni nelle loro operazioni quotidiane. Di conseguenza possiamo dire che sono già qui. Gli sviluppatori li stanno testando in scenari del mondo reale, e non passerà molto tempo prima che diventino parte della nostra vita quotidiana. Indipendentemente da tutto ciò che abbiamo detto in questo articolo, c’è ancora molta strada da fare prima della famosa adozione di massa.