Tutti i vantaggi della tecnologia Blockchain: il valore non è solo nelle criptovalute!

In questo articolo imperdibile parliamo dei vantaggi della tecnologia Blockchain e dell’impatto che ha su molti settori economici. 

Oltre alla difficoltà nel tracciare i prodotti in tempo reale, le supply chain – o catene di approvvigionamento – mancano anche di trasparenza, il che porta a errori e ritardi. Scopriamo tutti i vantaggi della tecnologia blockchain e come può aiutare molti settori economici.

Le catene di approvvigionamento di oggi sono composte da produttori, società di logistica e rivenditori. Questi attori lavorano tutti insieme per creare e fornire prodotti a persone come noi in tutto il mondo.

blockchain

Con l’avanzare della tecnologia e della domanda, le supply chain sono cresciute nel tempo e sono diventate molto più complicate. Spesso si affidano a sistemi cartacei che rendono il monitoraggio in tempo reale di prodotti e materiali difficile, dispendioso in termini di tempo e spesso impossibile.

Le moderne catene di approvvigionamento mancano di trasparenza e visibilità end-to-end, il che porta a errori, ritardi e aumento dei costi. Ciò di cui fornitori, società di logistica e produttori hanno un disperato bisogno è una visione unificata della propria supply chain.

Un modo per vedere in tempo reale dove si trovano diversi materiali e prodotti nella propria filiera ed un modo per dimostrare il non-utilizzo di materiali o ingredienti non etici o illegali. Ciò di cui hanno bisogno è la blockchain. Ma che cos’è questa tecnologia di cui si sente tanto parlare?

Blockchain: ecco che cos’è

La blockchain è una tecnologia di contabilità distribuita che è stata utilizzata per la prima volta per creare Bitcoin.

Le blockchain memorizzano i nuovi dati cronologicamente in blocchi. Quando un blocco è pieno di dati, viene aggiunto alla fine della catena e i suoi dati sono lì per sempre, immutabili. Nessuno può tornare indietro e modificare i dati di un blocco una volta aggiunto alla blockchain.

Le informazioni di una blockchain sono accessibili a chiunque abbia una copia della catena stessa. Ciò significa che non è necessario un mediatore come una banca o un regolatore per assicurarsi che tutto sia a posto.

Sono le persone che utilizzano la catena di comune accordo ad assicurare che tutte le transazioni siano legittime.

In un certo senso, le blockchain funzionano come un documento Google condiviso, in cui almeno la metà delle persone che la utilizza deve approvare eventuali nuove voci. E se qualcuno cerca di aggiungere qualcosa al documento che altre persone non condividono, ecco che la nuova informazione viene rifiutata.

Le caratteristiche e i vantaggi unici della Blockchain non sono passati inosservati. Recenti studi nel mondo accademico e governativo hanno scoperto che le blockchain sono adatte alla gestione delle supply chain.

Uno studio del 2020 del gruppo di esperti scientifici dell’UE per il futuro della scienza e della tecnologia ha rilevato che le blockchain sono sicure e in grado di avere già un impatto sul commercio. Il panel ha inoltre osservato che oggi non esistono barriere tecnologiche che impediscano alle aziende di utilizzare blockchain per gestire le proprie catene di approvvigionamento.
Ma quali vantaggi specifici offre la blockchain che i sistemi centralizzati che utilizziamo oggi non possono garantire? Diamo un’occhiata.

Vantaggi della Blockchain, #1: maggiore trasparenza

Molte soluzioni centralizzate spesso si basano su documenti cartacei e sistemi obsoleti. Questo si traduce in diversi set di dati slegati e isolati in diverse parti della catena di approvvigionamento.

Considera che le blockchain sono trasparenti in base alla progettazione. Possono fornire a tutte le aziende all’interno di una supply chain informazioni aggiornate in tempo reale.

Questo fornisce alle autorità di regolamentazione ed ai consumatori un quadro più chiaro delle fasi di produzione: dalla fornitura di materie prime lungo tutto il processo di produzione al prodotto finito venduto nei negozi al dettaglio.

I consumatori possono acquistare con sicurezza i prodotti che desiderano senza preoccuparsi se provengono da una fonte affidabile o se il fornitore ha sfruttato i lavoratori per produrli.

Le autorità di regolamentazione possono verificare che le pratiche di un’azienda siano in linea con le leggi e i regolamenti locali e internazionali.

Grazie alla trasparenza end-to-end delle blockchain, le aziende possono richiamare i prodotti difettosi molto più velocemente di quanto potrebbero fare con qualsiasi sistema centralizzato.

Possono anche vedere se ci sono carenze di materiali importanti in qualsiasi punto della catena in tempo reale. Questo consente loro di regolare le proprie operazioni molto più velocemente di quanto potrebbero altrimenti.

Quindi, man mano che sempre più aziende utilizzano la blockchain per gestire le proprie supply chain, otterremo un quadro molto più chiaro dei prodotti che stiamo acquistando. Soprattutto sulla fonte dei materiali e sulle condizioni di lavoro.

Vantaggi della Blockchain, #2: maggiore efficienza

Le blockchain possono aumentare l’efficienza di qualsiasi catena di approvvigionamento automatizzando attività e processi di amministrazione ripetitivi.

I processi amministrativi che sono per lo più eseguiti manualmente potrebbero essere invece svolti da contratti intelligenti.

Gli smart contract – nel caso non ne fossi a conoscenza – sono programmi scritti su blockchain che vengono eseguiti automaticamente quando vengono soddisfatti determinati criteri, e non richiedono l’approvazione di nessuno.

Ad esempio, consideriamo una spedizione di legname verso un impianto di produzione di mobili. Uno smart contract potrebbe aggiornare automaticamente la blockchain e autorizzarne il pagamento. Ma se il legname non arriva mai, il pagamento non viene effettuato.

Questo ridurrebbe drasticamente la quantità di scartoffie che gli amministratori devono compilare. Al contempo assicura che i fornitori vengano pagati in tempo e non debbano inseguire così tanto i propri acquirenti per il pagamento.

Tuttavia alcune attività di amministrazione – come il monitoraggio di parti o materiali – non possono essere automatizzate.

Ma ricordiamoci che le blockchain sono trasparenti dall’inizio alla fine. Pertanto le aziende non hanno bisogno di contattare i propri fornitori alla ricerca di informazioni su dove si trovano parti o materiali.

È già tutto sulla blockchain. Quindi amministratori e manager sono liberi di chiamare uno per uno tutti i diversi fornitori per scoprire dove si trovano i materiali.

Vantaggi della Blockchain, #3: controllo e contabilità semplificati

Le materie prime spesso passano attraverso numerosi paesi e fasi di produzione prima di arrivare alla destinazione finale.

Ogni paese ha un diverso insieme di regole su come devono essere gestiti determinati materiali e prodotti.

Pertanto la regolamentazione delle aziende che hanno catene globali complicate è solitamente dispendiosa in termini di tempo e costi.

Ma quando ogni parte in una supply chain carica i dati rilevanti su una blockchain condivisa, le autorità di regolamentazione di ogni paese e i contabili che lavorano per ciascuna attività possono facilmente garantire che tutti rispettino le regole, anche quando queste cambiano da paese a paese.

E quando non ci sono regolamenti in atto, le aziende possono concordare una serie di standard e incorporarli nella blockchain attraverso contratti intelligenti.

Inoltre, la maggior parte dei governi sta intensificando le proprie normative in materia di ecosostenibilità. Queste richiedono alle aziende di dimostrare che i loro prodotti non sono stati fabbricati utilizzando metodi dannosi per l’ambiente.

E poiché le blockchain semplificano il processo di controllo di una catena globale, è probabile che nel prossimo futuro  più aziende inizieranno a utilizzarle per semplificare i processi.

Vantaggi della Blockchain, #4: ridurre le perdite dovute a truffe e contraffazioni

Le aziende di ogni settore perdono miliardi di dollari ogni anno a causa di merci contraffatte e frodi. Questo fenomeno colpisce principalmente il settore della moda e quello farmaceutico.

Deloitte stima che tra il dieci e il trenta per cento di tutti i medicinali venduti nei paesi in via di sviluppo sia contraffatto, il che porta a milioni di morti evitabili ogni anno.
Queste morti hanno portato innumerevoli comunità nei paesi in via di sviluppo a diffidare della medicina occidentale, compresi i vaccini.

Ma le catene di approvvigionamento basate su blockchain consentono alle persone di verificare se il prodotto che tengono in mano – che si tratti di medicine, vestiti o qualsiasi altra cosa – è autentico o meno.

Le informazioni utili di ogni prodotto possono essere archiviate su una blockchain. Scansionando un codice a barre o un codice QR, le persone possono essere sicure che il prodotto nelle loro mani sia autentico.

Questo consente ai venditori di libri, vestiti o praticamente qualsiasi altro prodotto di seconda mano di dimostrare che tutto ciò che stanno vendendo è autentico, il che riduce le frodi e fa risparmiare denaro alle aziende.

In che modo le aziende di diversi settori utilizzano la Blockchain?

Abbiamo appena esaminato quattro modi chiave in cui le blockchain possono avvantaggiare le aziende con catene di approvvigionamento complesse.

Ma per dare un’idea migliore di come diversi settori potrebbero trarre vantaggio da questa tecnologia innovativa, daremo un’occhiata più da vicino a tre aree che la stanno già utilizzando: prodotti farmaceutici, moda e industria alimentare.

Industria farmaceutica

Come accennato in precedenza, i medicinali contraffatti sono un problema serio per le aziende farmaceutiche. Un problema che costa all’industria tra i due e i quattrocento miliardi di dollari ogni anno e mette a rischio milioni di persone innocenti.
Il problema che le aziende farmaceutiche devono affrontare è che tenere traccia delle materie prime che vengono usate nella produzione – e del medicinale stesso – è notoriamente difficile.

Gli ingredienti provengono da tutto il mondo e ci sono diversi regolamenti su come gestirli e venderli in ogni paese.

Ma utilizzando la blockchain, le aziende farmaceutiche possono tracciare gli ingredienti direttamente dalla fonte, fino alla produzione ed infine agli scaffali delle farmacie.

Ai fornitori può essere richiesto di specificare delle informazioni sulla provenienza degli ingredienti e i pazienti possono verificare se il loro medicinale è valido scansionando un numero di serie che si collega ai dati sulla blockchain del produttore.

Queste informazioni sulla produzione sono permanenti e immutabili, ed offrono ai pazienti una fonte di verità affidabile, ostacolando gli sforzi criminali per produrre e vendere medicine false.

Le aziende farmaceutiche possono eventualmente utilizzare contratti intelligenti per automatizzare alcuni passaggi del loro processo di controllo qualità.

Ad esempio, i frigoriferi che immagazzinano farmaci sensibili alla temperatura potrebbero caricare automaticamente la propria temperatura su blockchain. Questo garantirebbe che siano mantenuti costantemente alla temperatura corretta.

E se si scopre che qualche medicinale è difettoso, può essere più facilmente rintracciato utilizzando la blockchain.

Diverse aziende hanno già sviluppato servizi blockchain per aziende farmaceutiche, una delle quali si chiama PharmaLedger.
L’app basata sulla blockchain di PharmaLedger consente ai pazienti di verificare che il loro medicinale sia autentico scansionando un codice univoco sulla confezione esterna dei medicinali.

Dopo aver scansionato il codice, i pazienti possono vedere se il farmaco è autentico e scaricare le informazioni su di esso dall’app al proprio telefono.

Non solo è più veloce ed efficace dei processi che utilizziamo ora, ma farebbe anche risparmiare molta carta!

Moda e Fashion

I marchi di moda firmati hanno catene di approvvigionamento incredibilmente complicate che spesso si estendono su più continenti.

Pertanto è quasi impossibile per loro sapere esattamente da dove provengono le materie prime. Soprattutto perché alcuni paesi, come la Cina, non richiedono alle aziende di rendere disponibili queste informazioni.

Questa mancanza di trasparenza ha causato innumerevoli controversie in cui si è scoperto che un marchio o un altro ha utilizzato materie prime o manodopera in modo non etico, ad esempio sfruttando i lavoratori.

Ad esempio, i capi di Adidas, Puma e Hugo hanno utilizzato cotone proveniente dalla regione cinese dello Xinjiang. Questo cotone è stato probabilmente raccolto con il lavoro forzato.

Le aziende accusate hanno negato questa tesi, ma non possono dimostrare la loro innocenza. I fornitori di tessuti cinesi – che operano in modo indipendente – non possono provare da dove provenga il loro cotone.

Le aziende di alta moda devono occuparsi anche dei falsi. Il mercato infatti è notoriamente soffocato da merci contraffatte che svalutano i marchi e penalizzano gli acquirenti.

Ma come abbiamo già discusso, la blockchain offre una tracciabilità notevolmente migliore rispetto ai sistemi di gestione della catena di approvvigionamento utilizzati oggi dalla maggior parte delle aziende di moda.

Con la blockchain, le aziende di moda possono documentare e condividere tutti i dati necessari all’interno delle loro dupply chain. Ad esempio, possono rivelare come vengono fabbricati i loro prodotti a clienti e autorità di regolamentazione.

Questo aiuterebbe le aziende a dimostrare i propri valori etici e sensibili alla questione ambientale, oltre a evitare che i negozi al dettaglio possano ingannare gli acquirenti proponendo merci contraffatte.

Una blockchain progettata per tracciare le catene di approvvigionamento dei marchi di lusso è in costruzione proprio ora da un gruppo chiamato Aura Consortium, i cui membri fondatori includono Louis Vuitton e Prada.

La blockchain consentirà ai clienti di autenticare direttamente i prodotti che acquistano e di verificare l’origine delle materie prime utilizzate per crearli. La blockchain consentirà inoltre ai clienti di verificare i propri acquisti sui mercati dell’usato.

Industria alimentare

Il settore della produzione alimentare e dei trasporti ha alcune delle supply chain più complicate e importanti al mondo. Ma durante la crisi del COVID-19, abbiamo scoperto che non erano così efficaci o efficienti come pensavamo.

Le inefficienze nelle catene di approvvigionamento alimentari influiscono su quanto paghiamo per il nostro cibo e quanto cibo sprechiamo. Spesso sottovalutiamo questi numeri: l’ONU stima che sprechiamo 1,3 miliardi di tonnellate di cibo ogni anno.

Eppure nonostante i costi altissimi e le tonnellate di cibo sprecato, le persone che vivono nei paesi sviluppati si aspettano di vedere sempre i loro cibi preferiti sugli scaffali, indipendentemente dalla stagione. Questo costringe i rivenditori a procurarsi il cibo da vari paesi in diversi periodi dell’anno.

Come puoi immaginare, si tratta di un processo molto complicato, che è interessato da decine di produttori all’interno di un’unica filiera. Inoltre vengono utilizzati dozzine di sistemi diversi che non funzionano insieme.

Alcuni fornitori fanno ancora affidamento su documenti cartacei, quindi rintracciare l’origine di una partita di cibo scadente può richiedere settimane o addirittura mesi.

Il problema del tracciamento

Le aziende che implementano la tecnologia blockchain nella propria supply chain possono tracciare i loro prodotti in modo accurato. Molto più facilmente di quanto possano fare con qualsiasi sistema centralizzato.

I rivenditori più grandi possono richiedere ai loro produttori di caricare i dati sui loro prodotti su una blockchain condivisa. Questo aiuterebbe a richiamare gli articoli contaminati. Non solo: identificherebbe gli sprechi lungo la supply chain e aiuterebbe a dimostrare la provenienza dei prodotti.

Walmart ha utilizzato la blockchain da quando un’epidemia di E.coli nel 2020 è stata fatta risalire alle verdure a foglia vendute in alcuni dei suoi negozi. L’azienda ora richiede a tutti i suoi fornitori di verdure verdi di caricare i dati di produzione su una blockchain condivisa. Questo consente all’azienda di tracciare il cibo contaminato in pochi secondi.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Allo stesso modo, Nestlé utilizza blockchain per tracciare le origini dei chicchi di caffè utilizzati per produrre uno dei suoi marchi di caffè più venduti: Zoegas. I clienti possono scansionare un codice QR sulla confezione del caffè per sapere da chi e quando sono stati raccolti i chicchi e per quanto tempo sono stati tostati.