Quante e quali Stablecoin avere nel proprio portafoglio investimenti? Alcune dritte utili

Diversificare e ribilanciare il portafoglio tramite la gestione delle migliori stablecoin: come agire di fronte alle turbolenze del mercato.

Quanto del proprio portafoglio di criptovalute bisognerebbe allocare in stablecoin? Quali sono le migliori stablecoin? Se cerchi la risposta a queste due domande, sei nel posto giusto.

Le stablecoin sono uno dei migliori strumenti nell’arsenale di qualsiasi investitore di criptovalute quando si tratta di gestione del portafoglio. Il valore di queste criptovalute è ancorato al valore di un asset specifico – di solito una valuta fiat come l’Euro o il dollaro USA – e sono immuni alle fluttuazioni di prezzo per cui è noto il mercato delle criptovalute.

stablecoin
Adobe Stock

Gli investitori in criptovalute scoprono diversi vantaggi nelle stablecoin: si basano comunque su blockchain, il che significa che possono essere scambiate in qualsiasi momento, con chiunque, in cambio di una piccola commissione. Poiché il loro valore è ancorato al valore di un’attività stabile, possono essere utilizzati per coprire i portafogli e stabilizzarli durante le turbolenze del mercato.

Migliori stablecoin da avere nel portafoglio e come utilizzarle

La gestione delle allocazioni di stablecoin può essere complicata. Se l’intero portafoglio di un investitore è allocato su stablecoin, questo non può beneficiare in alcun modo dell’apprezzamento – e di contro non può subire un deprezzamento – del capitale. Inoltre, se investe nella stablecoin sbagliata, si espone al rischio sistemico della perdita dell’ancoraggio (come nel caso del crollo di UST, per capirci).

All’inizio di quest’anno, l’ecosistema di Terra è entrato in una spirale di morte che ha spazzato sia il suo token nativo LUNA che la sua stablecoin algoritmica UST, che oggi sono quasi privi di valore.

Brian Greenberg, il fondatore della compagnia di assicurazioni Insurist, consiglia un’allocazione di stablecoin compresa tra il 30% e il 50% del totale dei portafogli di criptovaluta degli investitori.

Greenberg ha affermato che ci sono “molti modi per diversificare il tuo portafoglio” e che mentre la tecnica più comune è quella di acquistare “quanti più token possibili“, i rischi coinvolti sono significativi. Gli investitori che cercano di diversificare dovrebbero esplorare diversi tipi di stablecoin, ha affermato:

Ad esempio, gli investitori potrebbero acquistare token con supporto in USD, in cripto e in oro. In questo modo, avranno una certa protezione contro eventuali fluttuazioni del mercato“.

Yohannes Christian, analista di ricerca presso l’exchange di criptovalute Bitrue, ha dichiarato che le allocazioni di stablecoin dovrebbero essere flessibili, in base a fattori quali le condizioni di mercato, gli obiettivi di portafoglio e l’orizzonte di investimento.

Ad esempio, in un bear market come questo, gli investitori dovrebbero cercare di acquistare le criptovalute più promettenti a sconto. Ma se l’obiettivo è preservare il tuo capitale, i portafogli dovrebbero contenere una percentuale più alta di stablecoin.

Gli esperti sembrano concordare sul fatto che gli investitori in criptovalute dovrebbero detenere stablecoin, almeno in minima parte. Ma quali comprare?

Diversifica le stablecoin

Esistono diversi tipi di stablecoin, alcune gestite da entità centralizzate e altre da entità decentralizzate. UST di Terra era gestita da un protocollo blockchain, e alla fine è crollata. Ma ciò non significa che le stablecoin decentralizzate siano totalmente da evitare.

DAI, emesso da MakerDAO, è in circolazione da più tempo di UST e non ha perso il suo ancoraggio. La stabilità di DAI deriva dalla sua over-collateralizzazione da parte di partecipazioni in criptovalute, gestite da un protocollo.

Le stablecoin possono essere supportate da diversi asset e metodi, tra cui:

  • Fiat (USDT, BUSD)
  • Criptovalute (DAI)
  • Materie prime – cioè oro (PAXG, XAUT)
  • Algoritmiche (UST)

Christian ha affermato che era una necessità per gli investitori diversificare le proprie partecipazioni tra varie stablecoin. UST infatti ha dimostrato che tale diversificazione è “essenziale per ridurre al minimo il rischio non di sistema, anche tra le stesse classi di attività“. Ha spiegato:

Sebbene la stablecoin sostenuta dal dollaro USA sia considerata uno dei meccanismi di pegging più affidabili, c’è sempre un rischio specifico del progetto che gli investitori devono considerare“.

Regolamentazione

Secondo l’analista, i fattori da considerare includono le minacce alla sicurezza del sistema, la volatilità del mercato e il potenziale crollo del dollaro USA stesso.

Richard Gardner, CEO della società fintech Modulus Global, ha affermato che i rischi includono anche le normative governative. Secondo Gardner, mentre le banche centrali sviluppano le valute digitali della banca centrale (CBDC), potrebbero spostarsi per vietare le stablecoin private, soprattutto tenendo conto del crollo di Terra.

Ha affermato che le stablecoin sono un “investimento ad alto rischio” fino a quando le preoccupazioni relative a un potenziale divieto o repressione di queste risorse digitali non saranno “risolte”.

Qualunque siano le stablecoin che gli investitori possono scegliere, ci sono modi per usarle per guadagnare interessi e rendimenti senza doverci pensare troppo. Tale rendite tuttavia, non sono prive di rischi.

Rendite passive: ne vale sempre la pena?

All’inizio di quest’anno, le piattaforme di lending di criptovalute, tra cui Celsius Network e Voyager Digital, hanno dichiarato bancarotta a causa del restringimento della liquidità, costringendo gli investitori a riconsiderare se valga la pena depositare i propri soldi su queste piattaforme per guadagnare interessi, anche se i tassi percentuali annui superano l’inflazione.

Allo stesso modo, le piattaforme di finanza decentralizzata (DeFi) – che offrono servizi di prestito lending/borrowing – possono subire una violazione della sicurezza, attirare investitori o altrimenti fallire.

Tuttavia, Christian di Bitrue sostiene che valga la pena perseguire il rendimento, dicendo che gli investitori dovrebbero “provare ogni modo immaginabile per guadagnare il massimo ritorno possibile sul proprio portafoglio di investimenti“.

Ha affermato: “Basso rischio, basso costo e alta flessibilità per spostarsi tra altre classi di attività sono altri fattori che devono essere presi in considerazione nella ricerca del rendimento dell’investimento. Ad esempio, la CeFi (ovvero la finanza centralizzata) di solito offre un rendimento inferiore sulle stablecoin rispetto alla DeFi“.

Christian ha aggiunto che il rischio è spesso più basso sulle piattaforme centralizzate.

Gli investitori che desiderano ottenere un rendimento dovrebbero eseguire la due diligence (ovvero STUDIARE). Un buon primo passo è verificare se i progetti decentralizzati sono stati controllati e sono considerati affidabili dalla community, oltre a controllare il track record e lo stato di salute generale degli exchange centralizzati.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Tieni presente che se non riesci a capire da dove provengano i rendimenti, è probabile che sia tu il rendimento.