Le criptovalute e la blockchain stanno già cambiando il mondo in meglio: ecco come

Tutti i modi in cui le criptovalute stanno cambiando il mondo: dagli aiuti alle persone bisognose alla lotta ai cambiamenti climatici.

Hai sentito del miner olandese di Bitcoin che sta usando la sua piattaforma per riscaldare la serra di un agricoltore locale? E delle donazioni in cripto a favore del popolo ucraino durante la guerra? Leggi di più.

criptovalute bitcoin
Adobe Stock

Forse non sai che la community della blockchain è grande ed è molto generosa con chi ne ha bisogno. Eri a conoscenza ad esempio dei pacchetti di assistenza NFT che hanno raccolto centinaia di migliaia di dollari per i cittadini afgani sfollati? In questo articolo abbiamo raccolto i modi migliori con cui le criptovalute stanno aiutando il mondo ad essere un posto migliore: immergiamoci subito.

Come le criptovalute stanno cambiando il mondo

La nostra società è benedetta da ogni tipo di tecnologia possibile. Orologi intelligenti, auto elettriche e robot della NASA che possono scattare foto persino su Marte. Puoi persino acquistare un ombrello legato a un drone che ti segue ovunque tu vada, chiamato Hoverbrella (pubblicità spontanea e non retribuita).

Ma mentre alcune parti del mondo stanno correndo in avanti grazie all’innovativa tecnologia, altre vengono lasciate indietro. In effetti, la Banca Mondiale stima che il COVID-19 abbia portato quasi cento milioni di persone in più in condizioni di estrema povertà.

Inoltre una nuova ricerca stima che i cambiamenti climatici e le condizioni meteorologiche estreme porteranno altre cento milioni di persone o più alla povertà entro il 2030, la maggior parte delle quali vive nell’Africa subsahariana o nell’Asia meridionale.

Ma perché è così? Gli americani da soli hanno generosamente versato quasi mezzo trilione di dollari in beneficenza nel 2020. Mentre molti oppositori associano le criptovalute alla speculazione e agli schemi per arricchirsi rapidamente, queste hanno dimostrato di saper aiutare laddove altre strategie e tecnologie hanno fallito.

Questo è particolarmente vero in tempi di crisi, come abbiamo visto tutti nella situazione in corso in Ucraina. I media mainstream si siano arricchiti più rapidamente che se avessero investito in criptovalute nell’ultimo anno. Inoltre anche le piattaforme costruite su blockchain hanno avuto un grande successo nel settore della beneficenza l’anno scorso.

Entriamo nel vivo e vediamo alcuni dei modi tramite i quali le criptovalute hanno aiutato molte persone bisognose in tutto il mondo.

Sempre più enti di beneficenza accettano donazioni in criptovalute

Sapevi che quando doni denaro in beneficenza sotto forma di criptovalute, sia tu che l’ente di beneficenza beneficiate di più che se aveste donato in contanti?

Ecco perché la Croce Rossa americana, Save the Children e Action Against Hunger stanno già accettando donazioni in criptovalute. Gli enti di beneficenza a favore delle criptovalute ne traggono vantaggio perché non devono pagare commissioni di servizio o di elaborazione ai loro fornitori di servizi di pagamento, il che fa risparmiare un sacco di soldi a lungo termine.

Inoltre, chiunque abbia una connessione a Internet può donare criptovalute da qualsiasi luogo, il che significa che anche gli enti di beneficenza possono raccogliere donazioni da qualsiasi luogo!

Tutto questo è particolarmente evidente nella recente crisi umanitaria per i civili ucraini colpiti dal conflitto. La community delle criptovalute si è unita alla richiesta di aiuto del governo ucraino tramite sostanziose donazioni in criptovalute. Finora le donazioni ammontano a oltre $10 milioni in BTC e $5,5 milioni in ETH, tutti visualizzabili su blockchain explorer. Anche Gavin Wood – fondatore di Polkadot – ha donato $5 milioni in DOT, ed è accettato  anche Dogecoin come forma di donazione.

Inoltre, Binance ha promesso 10 milioni di dollari attraverso la sua Binance Charity Foundation, oltre a creare un sito di cripto-crowdfunding apposito: l’Ucraine Emergency Relief Fund.

Naturalmente, anche i donatori generosi traggono vantaggio dalla propria donazione. In molte parti del mondo, le donazioni in beneficenza pagate in criptovalute sono idonee per lo sgravio delle plusvalenze, il che significa che puoi donare a una buona causa e ottenere il rimborso di parte delle tasse che paghi: una vittoria per tutti!

Gli HODLer di criptovalute sono tendenzialmente generosi

Se hai seguito le notizie sulle criptovalute l’anno scorso, avrai visto che Vitalik Buterin, il fondatore di Ethereum, ha donato 50 trilioni di token SHIB al fondo di soccorso India Covid.

Quanto pensi valessero quei gettoni?

Un miliardo di dollari. Esatto, un miliardo.. quello che fa rima con biliardo.

Il fondatore di FTX e Alameda Research – Sam Bankman-Fried (SBF) – è noto per la sua opinione su ciò che chiama l'”altruismo efficace“, e prevede di dare via metà della sua fortuna.

Oltre alla donazione miliardaria di Buterin e SBF, anche il resto della popolazione di criptovalute è stato piuttosto generoso. I cripto-investistori di tutto il mondo donato collettivamente circa 300 milioni di dollari in beneficenza, solo in criptovalute.

Solo nel 2021, Fidelity Charitable ha ricevuto 150 milioni di dollari in donazioni di criptovalute. Fidelity ha anche riferito che i cripto HODLer hanno in realtà il 35% di probabilità in più di effettuare donazioni di beneficenza rispetto ad altre controparti.

Come le criptovalute cambiano il mondo: Etherisc fornisce sussistenza agli agricoltori 

Oggi, più del 60% della popolazione dell’Africa subsahariana sono piccoli agricoltori. Tuttavia solo il 3% di tutti gli agricoltori della regione ha un’assicurazione agricola per proteggere il proprio sostentamento. Con il cambiamento climatico – che porta eventi meteorologici sempre più estremi – l’assicurazione contro la siccità è più importante che mai per gli agricoltori.

Eppure, quasi nessun contadino della regione ha accesso all’assicurazione. O è troppo costosa per le loro tasche, oppure non si fidano delle compagnie assicurative a causa dei numerosi pagamenti ritardati o spesso assenti.

Laddove le compagnie assicurative tradizionali hanno fallito, una piattaforma basata su criptovalute chiamata Etherisc sta fornendo la giusta soluzione.

Etherisc fornisce un’assicurazione del raccolto a basso costo ai piccoli agricoltori dell’Africa subsahariana che non hanno né un’identità, né i documenti finanziari necessari per ottenere una polizza assicurativa da un fornitore di assicurazioni tradizionale. Le polizze assicurative di Etherisc aiutano gli agricoltori a proteggere i loro mezzi di sussistenza da condizioni meteorologiche estreme, attraverso contratti intelligenti che ottengono i dati necessari dagli oracoli, per pagare automaticamente agli agricoltori in caso di eventi meteorologici estremi.

Il progetto è stato sperimentato con successo in Sri Lanka nel 2019 con l’aiuto di Oxfam. La sua assicurazione protegge gli agricoltori dalle perdite dovute a cause ambientali come condizioni meteorologiche estreme, ad esempio la siccità. Il risultato finale è equo, trasparente e a prova di manomissione, ma cosa più importante per gli agricoltori: è accessibile e conveniente. In effetti, diventerà sempre più conveniente man mano che tecnologia blockchain si evolve.

Uno studio condotto dal Global Innovation Lab for Climate Finance ha rilevato che l’utilizzo di contratti intelligenti dovrebbe ridurre i costi di emissione delle polizze assicurative di circa il 41%. Lo studio ha anche scoperto che l’uso di contratti intelligenti alimentati da oracoli riduce drasticamente il tempo necessario agli agricoltori per rivendicare i loro raccolti rovinati.

Col tempo, le polizze assicurative intelligenti di Etherisc consentiranno a un numero sempre maggiore di agricoltori di assicurare e proteggere i propri mezzi di sussistenza e, infine, di aiutare più agricoltori a stipulare una polizza assicurativa adeguata.

Lancio di fondi di beneficenza basati su criptovalute

Nel 2021, un paio di enti di beneficenza pionieristici hanno lanciato fondi incentrati sulle criptovalute per capitalizzare la flessibilità e la popolarità delle criptovalute, alcuni dei quali hanno già raccolto milioni di euro.

Ad esempio, l’UNICEF – il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia – è diventata la prima organizzazione delle Nazioni Unite a lanciare il proprio fondo in criptovalute. Il nuovo fondo consente all’UNICEF di ricevere, erogare e detenere donazioni in criptovalute – nello specifico ETH e Bitcoin – che utilizzerà per finanziare la tecnologia open source a beneficio dei bambini di tutto il mondo.

The Giving Block, un’azienda che aiuta gli enti di beneficenza ad accettare e le persone a donare in beneficenza in criptovalute, ha lanciato il proprio Crypto Adoption Fund indipendente con l’obiettivo di raccogliere $10 milioni di dollari. Quando fai una donazione al nuovo fondo di Giving Block, i tuoi soldi vengono suddivisi tra i 600 enti di beneficenza pro-cripto e organizzazioni no profit che collaborano con il fondo.

Pochi mesi fa, l’American Cancer Society ha lanciato un fondo in criptovalute da 1 milione di dollari in collaborazione con Giving Block. Il denaro raccolto dal fondo è destinato alla ricerca su “nuove scoperte e trattamenti migliori“.

Naturalmente, non possiamo trascurare di menzionare la fondazione Binance Charity, che finora hanno raccolto e pagato più di 1900 BTC a due milioni di persone che soffrono a causa di disastri naturali come ad esempio il terremoto di Haiti.

Come le criptovalute cambiano il mondo: lotta ai cambiamenti climatici

In questo articolo abbiamo smontato alcuni miti che circondano l’uso di energia nel mining di Bitcoin. A questo proposito sono emerse numerose piattaforme crittografiche con l’obiettivo di fare del bene nella lotta contro il cambiamento climatico. Una di queste è il nuovo Climate Collective della Celo Foundation.

The Climate Collective è una piattaforma blockchain ecologica con stablecoin native supportate da asset virtuali – come Bitcoin – e risorse naturali, come le foreste pluviali.

La riserva del collettivo incentiva le persone che usano le criptovalute ad acquistare la sua stablecoin nativa, che ha un valore finanziario e fa del bene all’ambiente. Una delle iniziative più interessanti sono le risorse naturali che rimuovono il carbonio dall’aria nella sua riserva, come gli alberi nella foresta pluviale.

Sempre più persone oggi usano la stablecoin di Celo. Quindi più il valore delle sue riserve cresce, più alberi e altri asset per ridurre l’impronta carbonica verranno preservati e utilizzati per sostenere più stablecoin.

Oggi, la riserva di Celo detiene attualmente circa $500 milioni in asset cripto. Il 40% di questi consentirebbe di acquistare e possedere l’equivalente di $200 milioni di dollari di foresta pluviale esistente e appena piantata, per sostenere le stablecoin Celo Dollar e Celo Euro.

Solo così siamo chiari su quanto bosco stiamo parlando qui, un appezzamento di foresta pluviale in Amazzonia delle dimensioni del Libano costa $ 25 milioni.

Cardano porta la Proof-of-Education in Etiopia

Nel 2021, Cardano ha collaborato con il Ministero dell’Istruzione etiope per costruire e installare un sistema di identificazione degli studenti standardizzato sulla sua blockchain per cinque milioni di studenti e insegnanti etiopi.

Charles Hoskinson, il fondatore di Cardano, spiega “Ognuno di questi studenti avrà un’identità digitale: un DID. Quel DID porta con sé informazioni – metadati – che viaggeranno con loro per tutta la loro vita accademica e li seguiranno nel mondo economico“.

Il sistema di identificazione funziona in combinazione con Atala PRISM. Si tratta di una soluzione di identità digitale decentralizzata, che consente a studenti e insegnanti di archiviare i propri record di istruzione e lavoro su una blockchain sicura. Hoskinson in seguito ha spiegato che col tempo la carta d’identità e il sistema educativo di Cardano aumenteranno l’istruzione e l’occupazione in tutta l’Etiopia.

Naturalmente, i record di istruzione sono solo una goccia nell’oceano del potenziale delle criptovalute e della blockchain. La missione di Cardano in Etiopia è un’ulteriore prova che le criptovalute hanno un potenziale straordinario per migliorare la vita delle persone che vivono nei paesi in via di sviluppo e non solo.

Come le criptovalute cambiano il mondo: Blockchain per combattere la censura

Nel maggio dello scorso anno, si è diffusa la notizia che un importante servizio di notizie a Hong Kong chiamato RTHK avrebbe iniziato a cancellare tutti i contenuti archiviati di oltre un anno. Gran parte di questi erano contenuti del 2019 sui social media a favore della democrazia.

Gli attivisti pro-democrazia hanno di fatto iniziato a archiviare i contenuti il ​​più velocemente possibile. Ma è stato subito evidente che era necessario un approccio più coordinato per avere qualche possibilità di successo.

Naturalmente, la principale tra le tante ambite caratteristiche delle criptovalute è la sua resistenza alla censura. Questa si è rivelata uno strumento cruciale per gli attivisti che stavano lottando per preservare la loro storia. Con l’aiuto di LikeCoin, giornali e altri media hanno iniziato a caricare documenti e articoli su una blockchain pubblica.

Ogni pezzo di filmato è stato archiviato su un sistema distribuito per l’archiviazione di file, siti Web, applicazioni e dati chiamato IPFS. Ogni caricamento ha un’impronta digitale memorizzata sulla blockchain che include metadati univoci, assicurando che niente sia manomesso.

Il fatto che i manifestanti pro-democrazia di Hong Kong abbiano archiviato con successo così tanti filmati utilizzando la blockchain, dimostra che le criptovalute sono uno strumento vitale nella lotta contro la censura e le violazioni dei diritti umani.

Il mining di criptovalute diventa più green

Dall’inizio dell’anno scorso, le criptovalute hanno avuto un forte successo sui media mainstream a causa del consumo energetico di Bitcoin.

E sebbene il problema non sia stato ancora risolto, molti miners di Bitcoin sono migrati verso fonti di energia rinnovabile per alimentare le loro attrezzature da mining, principalmente solare e idroelettrica. Altri invece stanno usando metodi più creativi per rendere il mining più rispettoso del clima.

Un miner dei Paesi Bassi attento all’ambiente ha collaborato con un agricoltore locale per trovare un modo per sfruttare l’energia termica sprecata dal suo impianto di mining Bitcoin.

Dopo alcune riflessioni iniziali, il miner ha spostato il suo rig nella serra del contadino e l’ha acceso. È subito diventato chiaro che il calore in eccesso era più che sufficiente per riscaldare la serra dell’agricoltore, il quale è stato in grado nel tempo di coltivare i suoi raccolti in modo pulito, senza più il bisogno di acquistare gas naturale per riscaldare la serra.

Sebbene l’utilizzo di un impianto di mining Bitcoin per riscaldare una serra sia senza dubbio un modo creativo per utilizzare l’energia termica in eccesso creata durante il mining di Bitcoin, un’idea del genere probabilmente non funzionerebbe su larga scala.

MintGreen: una soluzione interessante

Fortunatamente, la società di crittografia canadese MintGreen ha altre idee su come riutilizzare l’energia termica sprecata dal mining di Bitcoin. MintGreen estrae Bitcoin utilizzando il 100% di energia rinnovabile e quindi cattura l’energia termica in eccesso dall’attrezzatura mineraria utilizzando Digital Boiler.

L’azienda costruisce le caldaie da sola, le quali sono in grado di catturare fino al 96% dell’energia termica. Questa energia altrimenti verrebbe sprecata durante il processo di mining.

L’idea di far funzionare una piattaforma di mining Bitcoin 24 ore su 24, 7 giorni su 7 potrebbe causare un attacco di panico agli utenti sensibili alla questione ambientale. Ma – poiché è tutto alimentato utilizzando energia pulita – in realtà fa bene all’ambiente.

L’energia termica dell’impianto da mining (alimentato in modo sostenibile) viene creata, catturata e quindi utilizzata da case ed edifici commerciali in tutta l’area locale ogni giorno dell’anno, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche. Quindi, a differenza di ogni altra forma di energia rinnovabile, le attrezzature da mining di MintGreen forniscono energia tutto l’anno.

Le caldaie digitali in questo momento sono in fase di sperimentazione a livello regionale, ma sembrano davvero promettenti. Se MintGreen dovesse mantenere le sue promesse, il mining di Bitcoin potrebbe diventare un vantaggio per l’ambiente in tutto il mondo.

I videogiochi Play2Earn stanno aiutando i filippini a pagare le bollette

All’inizio del 2021, la maggior parte dei giochi Play-to-Earn sono decollati senza problemi. Il Covid – ed i blocchi che la pandemia ha comportato – ha contribuito ad accentuare questa tendenza.

Come mai?

Bene, in parte perché molte persone sono rimaste bloccate a casa senza niente di meglio da fare. Ma soprattutto perché i giochi Play2Earn offrono alle persone nei paesi a basso salario l’opportunità di fare abbastanza soldi per pagare le bollette senza uscire di casa.

Per molti players più o meno amatoriali, i giochi Play2Earn sono diventati una valida alternativa ai tradizionali percorsi di carriera. I giocatori di maggior successo hanno accumulato delle piccole fortune nell’ultimo anno.

Ovviamente, se giochi a qualsiasi gioco play2earn, sai che Axie Infinity è il re del settore in questo momento. Nel caso in cui tu non abbia mai giocato ad Axie, il gioco ruota attorno all’allevamento e alla battaglia di animaletti digitali chiamati per l’appunto Axies, ognuno dei quali è un NFT scambiabile.

Axie ha visto il prezzo del suo token salire in modo incredibile per tutto il 2021. Da allora ha accumulato una base di giocatori giornaliera di circa dieci milioni di giocatori, il 35% dei quali proviene dalle Filippine.

Molti di questi utenti quindi sono filippini che hanno lottato per rimanere a galla finanziariamente durante il culmine della pandemia. Axie è diventata rapidamente una zattera di salvataggio per molte di queste persone.

Raccolta di denaro tramite NFT per aiutare la popolazione afgana in difficoltà

A metà agosto 2021, i talebani sono entrati a Kabul, di fatto invadendo l’Afghanistan e innescando una massiccia crisi umanitaria. Più di 400.000 persone sono state sfollate dalle loro case. I cittadini afgani in tutto il paese avevano un disperato bisogno di cibo, acqua, riparo e protezione.

Gli enti di beneficenza e le ONG hanno immediatamente iniziato a raccogliere fondi attraverso spot televisivi e sui social media. Hanno inoltre spiegato quanto fosse disperata la situazione per gli afgani, e quanto avessero un disperato bisogno di fondi.

Ma Jack Butcher, fondatore di Visualize Value, è andato in una direzione diversa.

Con una mossa alquanto originale, Butcher ha deciso di vendere pacchetti di assistenza NFT per raccogliere fondi ed aiutare i cittadini afgani nel momento del bisogno. Ogni pacchetto di assistenza NFT costava 0,03 ETH, abbastanza per coprire i bisogni di emergenza di una famiglia afgana per un mese intero.

In poco tempo, tutti gli NFT sono andati sold out. Il progetto è riuscito a raccogliere $200.000: una somma notevole. I fondi sono arrivati ​​alle persone che ne avevano bisogno attraverso Care.org. Si tratta di un ente con 1300 progetti di beneficenza in corso in tutto il mondo.

Dopo aver venduto tutti gli NFT, Butcher ha detto:

Siamo entusiasti della crescita della cripto-filantropia quest’anno, e sappiamo che questo è solo l’inizio.”

Michelle Nunn, CEO di Care, ha aggiunto:

Applaudiamo alla generosità e alla creatività della cripto community per aiutare a portare rapidamente gli aiuti di emergenza alle famiglie afghane. Confidiamo che possiamo continuare a costruire su questa partnership innovativa“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Criptovalute, blockchain e NFT – almeno per il momento – non risolvono tutti i problemi più urgenti del mondo. Ma questa famiglia di tecnologie ha chiaramente molto di più da offrire di quello che immaginiamo.