Real World Asset (RWA): un ponte tra la finanza tradizionale e la tecnologia blockchain

Asset del mondo reale: come la blockchain cambia il paradigma del valore, tokenizzando risorse dal mondo reale e portandole on-chain.

In questo articolo Crypto.it esplora la tokenizzazione delle risorse del mondo reale e i potenziali casi d’uso. Leggi di più.

Il concetto del real world asset (RWA) sta diventando ogni giorno più comune. Ma il pubblico continua a limitarne la definizione alla tokenizzazione di asset che esistono al di fuori della blockchain, in modo tale che possano essere utilizzati on-chain. La realtà è che i RWA coprono un ampio spettro che va dalla tokenizzazione di asset fisici – che consente loro di essere integrati nell’ecosistema della finanza decentralizzata – a protocolli che portano rendimenti da asset relativi ad attività economiche, come lo shipping.

real asset blockchain rwa
Adobe Stock

I RWA stanno connettendo la finanza tradizionale con la finanza decentralizzata in modo sempre più stretto. Stanno diventando sempre più importanti, e soprattutto hanno un potenziale crescente nel tempo. Inizialmente erano intesi come un semplice veicolo adatto ad introdurre risorse fisiche nella DeFi. Ma oggi si è evoluto in un prodotto che sia le istituzioni finanziarie che le industrie tradizionali stanno iniziando a utilizzare per trarre vantaggio dai prodotti blockchain e DeFi, evitando i limiti di entrambi i modelli.

Pertanto, la concezione di RWA limitata alla rappresentazione on-chain di un bene fisico, limita notevolmente la realtà e il potenziale che offrono.

Asset nel mondo reale (RWA): cosa intendiamo

La definizione più comunemente usata del termine “RWA” è che si riferisce a qualsiasi cosa fisica che può essere rappresentata on-chain. Sebbene le origini dei RWA fossero effettivamente limitate alle risorse fisiche, l’ambito di RWA ha superato di gran lunga tale limitazione. Una delle prime applicazioni del concetto di RWA è stato infatti il settore immobiliare tokenizzato. Questo è il motivo per cui questa concezione non riesce a raccogliere tutto ciò che effettivamente racchiude un RWA.

Gli RWA sono effettivamente asset fisici che possono essere tokenizzati e rappresentati on-chain. Tuttavia il concetto non è limitato solo agli asset fisici, ma anche flussi di cassa la cui esistenza può essere provata in qualche modo – ad esempio conti in banca o video musicali – o si riflette semplicemente nel bilancio di un’azienda. In realtà l’intero lato patrimoniale del bilancio di una società potrebbe essere considerato come un RWA.

Nella concezione più arcaica del termine, l’unico conto di bilancio che poteva essere rappresentato on-chain erano beni immobili, come fabbricati o terreni. Questo limitava notevolmente l’applicazione dei RWA. Non solo per una riduzione dell’offerta di asset rappresentabili on-chain, ma anche per la natura intrinseca delle immobilizzazioni. Le immobilizzazioni sono asset a lungo termine con un grado di liquidità più limitato rispetto ad alcune attività a breve termine. La loro liquidazione può essere infatti molto più complicata di quella, ad esempio, di un titolo quotato in borsa.

Attualmente i RWA comprendono sia le attività a lungo termine in bilancio che le attività correnti. Di questi, i conti più interessanti sono le disponibilità liquide e mezzi equivalenti, i titoli negoziabili e i conti attivi. Poiché il principale caso d’uso dei RWA oggi è la rappresentazione di asset di proprietà di un’istituzione on-chain – per un uso successivo come garanzia – la classificazione di questi conti come correnti è di vitale importanza.

Asset liquidi: cosa si intende veramente

Sia la liquidità che i mezzi equivalenti, così come i titoli negoziabili, sono gli asset più liquidi che una società possiede. Pertanto in un evento di liquidazione – utilizzandoli quindi come garanzia – potrebbero essere facilmente venduti per estinguere un debito. Un buono del Tesoro a bassa scadenza si vende più facilmente di un edificio situato in un paese diverso da quella del prestatore.

D’altra parte, i crediti possono essere intesi come i rendimenti generati da un’impresa (con un livello di rischio e incertezza variabile) che saranno incassati in futuro, e generalmente convertiti in cash. Usandolo come garanzia per un prestito il cui pagamento è stato effettuato in criptovalute, i prestatori possono ottenere esposizione al rendimento generato da quella società.

Ad esempio, mettiamo che una compagnia di spedizione utilizzi i propri crediti in conto capitale come garanzia per un prestito in BUSD. Il prestatore recupererà il suo capitale, con gli interess,i grazie al rendimento generato dall’attività di spedizione.

Quindi un RWA acquisisce già l’esposizione a tali rendimenti, oltre a quelli generati da alcune attività tramite crediti in conto. Alcuni esempi di questi ultimi sono flussi di entrate futuri come quelli generati da un artista su una piattaforma di streaming. Il concetto di RWA copre già molti tipi di asset che esistono al di fuori della blockchain, e non solo asset fisici. Per questo motivo, il concetto di RWA dovrebbe essere esteso. Per RWA si intende qualsiasi asset contenuto in un bilancio che può essere utilizzato come garanzia, consentendo in definitiva ai prestatori di ottenere esposizione a rendimenti reali di qualsiasi tipo.

Asset nel mondo reale: casi d’uso attuali 

Il principale caso d’uso consentito dagli attuali protocolli RWA è la collateralizzazione di questi asset per ottenere prestiti in criptovalute, normalmente stablecoin. Questi protocolli valutano le garanzie presentate dai mutuatari e in base a tale valutazione calcolano l’importo totale del prestito. Il debito garantito dal collaterale viene solitamente convertito in un NFT suddiviso in un certo numero di token che rappresenteranno la quota dei prestatori. I prestatori scambieranno quel token con stablecoin, che finiranno nelle mani del mutuatario. In questo modo, il prestito tra le due parti diventa effettivo.

Tutti i token disponibili, così come la liquidità operativa, sono raggruppati in un pool di debiti. Questo funziona come un pool di liquidità ed è gestito dall’emittente (il mutuatario). Gli swap attivati ​​dai finanziatori avvengono all’interno di questo pool.

I prestatori possono normalmente scegliere tra l’acquisto di due tipi di token, la tranche senior o junior. Questa categorizzazione è comune nei mercati obbligazionari. Può essere semplificata in quanto le tranche junior sono quelle più a rischio in quanto sono le ultime a essere pagate, quindi di solito ricevono un rendimento più elevato. La tranche senior invece è la più sicura poiché è la prima a essere rimborsata, quindi con un rendimento inferiore.

Raccogliere liquidità

La realtà è un po’ più complessa di così. A seconda della situazione del pool di debiti e dei parametri stabiliti dall’emittente, questa situazione può cambiare. Una volta che il prestito scade, l’NFT viene rimborsato dall’emittente del pool. In questo modo i finanziatori ricevono indietro il capitale più gli interessi, convertendo di fatto i token che detengono in stablecoin. Questi token sono fruttiferi di interessi, il che significa che gli interessi pagati dal mutuatario vengono aggiunti al token detenuto dal prestatore.

La gamma di aziende che utilizzano i protocolli RWA per raccogliere capitali è piuttosto ampia, con in testa le società immobiliari. Tuttavia, poiché la supply chain è un settore a corto di liquidità, la spedizione o i trasporti sono alcuni dei settori che più utilizzano i protocolli RWA. I RWA hanno consentito a queste società di liberare capitale circolante, finanziando i crediti o le fatture in attesa di essere pagate.

Il finanziamento della supply chain normalmente è di competenza della finanza commerciale delle banche. Ma non tutte le aziende hanno accesso a questi servizi che generano commissioni e interessi, che per molti possono essere elevati. Inoltre, il controllo dei titoli di debito ricade sempre sul lato bancario. Anzi, sono gli emittenti dei pool (mutuatari) a stabilire le condizioni nei protocolli RWA. La flessibilità e la velocità di raccolta fondi ad un costo inferiore, sono il più grande vantaggio della blockchain rispetto alla finanza commerciale.

Il vero potenziale dei RWA

Le applicazioni e l’implementazione di RWA non si limitano solo al lato del protocollo. Si estendono molto oltre. Maker, il protocollo di prestito leader in tutte le blockchain, sta aumentando progressivamente l’adozione di RWA. Non solo per diversificare, ma anche per utilizzare i bilanci delle banche come garanzia per coniare nuovi DAI.

Al momento in cui scrivo, Maker DAO ha due importanti garanzie che gli permettono di coniare DAI: $100 milioni da Huntingdon Valley Bank e $30 milioni da SG Forge (Société Générale). Per la garanzia sono state utilizzate disponibilità liquide con un rating creditizio AAA. Questo potrebbe essere solo l’inizio del modo in cui le istituzioni finanziarie possono utilizzare i RWA per aumentare l’efficienza del capitale e liberare liquidità altrimenti bloccata. Come abbiamo appena visto, i RWA hanno il potenziale per diventare un veicolo necessario per liberare capitale, e aumentare l’efficienza non solo per le aziende, ma anche per le istituzioni finanziarie.

Vantaggi: i tre sottogruppi che ne beneficiano

Possiamo raggruppare i vantaggi offerti dai RWA in tre sottogruppi di beneficiari: emittenti di debito, prestatori (o utenti di protocolli RWA) e infine, il mercato delle criptovalute nel suo insieme.

In primo luogo, per gli emittenti di debito i vantaggi con RWA sono chiarissimi. I RWA offrono modi per liberare capitale che altrimenti verrebbe bloccato, ottenere prestiti molto più velocemente, evitare costosi intermediari finanziari (le commissioni del protocollo RWA sono più competitive delle banche commerciali) e anche garantire agli emittenti di debito il controllo delle condizioni del prestito e della generazione di prestiti.

Per gli utenti, i RWA offrono la possibilità di esporsi a settori a cui generalmente sarebbe difficile accedere. Questo a causa di varie leggi, o perché molti di questi strumenti di debito non sono disponibili per la vendita al dettaglio. Lo stesso vale per i rendimenti. Un RWA consente agli utenti di ricevere parte del rendimento generato da un’azienda grazie alla sua attività economica.

Ad esempio, è possibile acquisire esposizione al settore marittimo attraverso vari strumenti finanziari come un ETP o un’azione. Ma i RWA danno accesso a rendimenti generati direttamente dall’attività economica, ovvero vendite, flussi, o qualunque sia il il core business dell’emittente di debito.

Oltre a democratizzare il mercato del debito, i RWA consentono ai cripto investitori anche di limitare la correlazione del proprio portafoglio. Il piccolo investitore può così esporsi a prodotti come l’industria della supply chain o il settore immobiliare.

Vantaggi per il mondo cripto

Anche per il mercato delle criptovalute ci sono molti vantaggi. I RWA possono avere un effetto moltiplicatore sul TVL della DeFi grazie all’ingresso di ipotetiche grandi quantità di capitale. Consentono inoltre l’incorporazione di risorse con un minor grado di correlazione con il mercato delle criptovalute nell’ecosistema. Oggi il mercato delle criptovalute si muove all’unisono a causa dell’estrema correlazione che esiste tra Bitcoin e tutti gli altri cripto asset.

Sebbene questo sia comune in qualsiasi mercato con un livello di maturità basso o medio, può essere considerato normale. Tutte le criptovalute alla fine appartengono allo stesso settore. L’incorporazione di asset di diversi settori nella blockchain ha la possibilità di ridurre questa correlazione estrema di almeno una parte del TVL, con un’eventuale riduzione della volatilità. Inoltre, l’uso di RWA da parte di attori al di fuori dell’ecosistema blockchain è un potente argomento per difendere l’adozione di questa tecnologia.

Sfide per il futuro

Nonostante il grande potenziale dei RWA, ci sono diverse sfide che devono essere affrontate anche a breve e medio termine. Il problema principale potrebbe essere la situazione delle garanzie in caso di inadempimento. A differenza delle liquidazioni dei protocolli di prestito DeFi – che sono totalmente on-chain (ovvero automatiche ed escluse dal codice – le liquidazioni collaterali dei RWA (almeno una parte di esse) sarebbero off-chain. Ciò significa che la liquidazione dovrebbe essere risolta in tribunale. Questo certamente complica la posizione del debitore, ed è il motivo per cui – in caso di default – sarebbero normalmente i protocolli a facilitare l’utilizzo dei RWA come garanzia per avviare l’iter giudiziario.

Queste liquidazioni off-chain, oltre a ridurre l’efficienza dell’intero processo e includere un notevole grado di incertezza, vanno contro la concezione ideologica non solo della DeFi, ma della blockchain stessa. Il dover dipendere da una terza parte o da un intermediario separato in un processo che potrebbe essere peer-to-peer, si scontra direttamente con i principi fondanti della decentralizzazione.

Falsi in bilancio

Inoltre, un bilancio può essere facilmente falsificato e la “contabilità creativa” è un problema ben noto. A differenza di un codice che viene eseguito solo se viene soddisfatta una condizione facilmente verificabile (ad esempio, se si dispone dei fondi necessari per pagare un debito), il valore di una garanzia che appare in un bilancio può essere molto lontano dalla realtà.

Queste alterazioni possono variare dalla sopravvalutazione di un’immobile, alla falsificazione di ricevute o prove di pagamento, con il conseguente impatto negativo su una valutazione accurata della garanzia. Vi è la necessità che le società di revisione eseguano gli audit sui RWA nello stesso modo in cui ciò avviene sulla finanza tradizionale.

Infine, sembra difficile isolare i RWA dall’applicazione rigorosa del KYC per motivi legali. Questo ha chiaramente un impatto negativo sulla capacità di questi prodotti di raccogliere liquidità allo stesso modo di altri prodotti cripto.

Considerazioni finali sugli asset del mondo reale

La portata dei RWA è cresciuta enormemente: dall’essere il veicolo utilizzato per tokenizzare immobili (o parte di essi) e introdurli on-chain, all’essere utilizzati dalle grandi istituzioni finanziarie tradizionali per liquidare il capitale non sfruttato.

Un RWA consente l’introduzione di nuovi tipi di garanzie nella DeFi, supportati dal bilancio di un’azienda. Consente agli utenti di prestare le proprie criptovalute ai protocolli RWA per ottenere esposizione ai rendimenti generati al di fuori dello spazio blockchain.

Sebbene l’impatto di tutto questo possa essere positivo, aumenta notevolmente il caso d’uso delle criptovalute per le istituzioni e le aziende tradizionali. Ma sebbene introducano asset meno volatili e offrano un grado di diversificazione più elevato, i RWA devono anche affrontare grandi sfide.

I requisiti KYC, la pressione normativa, la complessità del mercato del debito per l’utente medio, le liquidazioni off-chain e l’audit delle garanzie (anche off-chain), sono i maggiori ostacoli che devono essere affrontati affinché l’uso di RWA ottenga una grande adozione. È chiaro che i RWA hanno un grande potenziale e possono essere un ponte importante tra la finanza tradizionale e la tecnologia blockchain, ma oggi non sono tra i prodotti DeFi più interessanti.

Esistono pochi protocolli di questo tipo, ed il TVL di tutti i progetti RWA al momento della scrittura è di soli $177 milioni di dollari. Ma il mercato prima o poi dovrà risolvere la questione del collegamento tra finanza tradizionale e la blockchain, in particolare la DeFi. Sarà la naturale evoluzione di questo settore, oppure un corpo estraneo? In ogni caso, a questa domanda risponderà la futura domanda di RWA, sia in termini di TVL che nel numero di protocolli che costruiscono asset del mondo reale.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Disclaimer: lo scopo di questo articolo è limitato ai casi d’uso più comuni di RWA al momento della scrittura, secondo la ricerca dell’autore. Questo non significa che non ci siano altri casi d’uso validi attualmente esistenti sul mercato.