Peer-to-Peer (P2P): ne sentiamo spesso parlare, ma cosa significa veramente? Scoprilo qui!

Cosa sono le reti Peer-to-Peer (P2P) e perché se ne parla così tanto in ambito blockchain? Scoprilo in questo articolo semplice e completo.

I mercati peer-to-peer sono fondamentali nell’industria delle criptovalute: ma cosa sono e perché le persone li usano al posto degli exchange centralizzati? Leggi di più.

Le reti Peer-to-Peer – o P2P – sono tipi di applicazioni di rete distribuite che risalgono agli anni ’80, quando furono implementate per la prima volta per scopi aziendali.

Tuttavia, il concetto è stato introdotto al grande pubblico nel 1999, quando lo studente universitario Shawn Fanning ha creato un servizio di condivisione musicale, Napster.

Il servizio è diventato rapidamente il centro per la condivisione non autorizzata di brani protetti da copyright. Due anni dopo Napster è stato chiuso dai legislatori a seguito di una causa dell’industria musicale americana. Tutto questo ha dato origine a una nuova generazione di servizi P2P che vogliono colmare il vuoto e favorire lo sviluppo delle reti decentralizzate.

peer to peer p2p
Adobe Stock

Oggi, il modello P2P è sfruttato nei motori di ricerca web, nei mercati online, nelle piattaforme di streaming, nelle blockchain P2P e nel protocollo web IPFS (InterPlanetary File System). Ma il modello P2P è anche al centro della tecnologia blockchain, e ha trovato un nuovo utilizzo con l’avvento delle criptovalute. Vediamo come.

Cosa sono le reti Peer-to-Peer (P2P)?

Una rete peer-to-peer (P2P) è un modello di comunicazione decentralizzato tra due peer noti anche come nodi, che possono comunicare tra loro senza la necessità di un server centrale. A differenza del modello seeder/leecher – o client/server – in cui un seeder fa la richiesta e un leecher soddisfa la richiesta, il modello di rete P2P consente a ciascuna parte di funzionare sia come seeder che come leecher. Ciò significa che la rete – una volta formata – può essere utilizzata dai partecipanti per condividere e archiviare file senza l’ausilio di un intermediario.

Come funzionano le reti Peer-to-Peer?

Un modello peer-to-peer è mantenuto stabile da una rete distribuita di computer. Ciò significa che i computer non hanno un server o un amministratore centrale poiché ogni nodo contiene una copia dei file, agendo sia come server che come client. Pertanto, ogni nodo può caricare file per altri nodi o scaricare file da essi. Questi nodi utilizzano i propri dischi rigidi per archiviare i propri dati, invece di un server centrale.

Poiché ogni nodo ha la capacità di archiviare, trasmettere e ricevere file, le reti P2P tendono ad essere più veloci ed efficienti. A differenza delle architetture tradizionali in cui esiste un singolo punto di errore, una rete P2P ha un’architettura distribuita che la rende estremamente resistente agli attacchi informatici.

Tipi di reti Peer-to-Peer

Le reti P2P possono essere classificate in base alle loro differenze architettoniche. Di seguito sono descritte tre categorie principali.

Reti Peer-to-Peer non strutturate

In una rete P2P non strutturata, i nodi si connettono e comunicano in modo casuale. Poiché i nodi si uniscono e lasciano spesso la rete, questi sistemi sono più adatti per attività ad alto tasso di abbandono. Ad esempio, una piattaforma social distribuita su una rete P2P non strutturata può utilizzarla in modo efficiente, poiché gli utenti possono scegliere di entrare o uscire frequentemente dalla rete.

Tali reti sono facili da costruire; tuttavia, richiedono un elevato utilizzo della CPU e della memoria, in quanto le query di ricerca vengono inviate all’intera rete. Pertanto, se solo il 5% dei computer ha ciò che stai cercando, potrebbe volerci del tempo per accedervi.

Reti Peer-to-Peer strutturate

Le reti strutturate, invece, sono organizzate in modo da consentire ai nodi di effettuare ricerche in modo efficiente anche se i dati non sono completamente disponibili. Nella maggior parte dei casi, queste reti implementano una tabella hash distribuita (DHT), che consente ai nodi di cercare dati utilizzando le funzioni hash. Sebbene le reti strutturate possano instradare il traffico in modo efficiente, richiedono costi di installazione e manutenzione più elevati e tendono a essere più centralizzate.

Rete Peer-to-Peer ibrida

Una rete ibrida combina un modello peer-to-peer e client/server su un’unica piattaforma. La rete utilizza un server di indicizzazione che contiene dati sulle posizioni delle risorse al centro, e utilizza questo server per le ricerche. La funzionalità di centralizzazione fornita da una rete strutturata e l’uguaglianza dei nodi fornita da una rete non strutturata sono responsabili del compromesso sulla rete ibrida. In confronto questo tipo di rete ha prestazioni migliori rispetto alle sue controparti. Questo poiché alcune query di ricerca richiedono una funzionalità centralizzata, e allo stesso tempo possono trarre vantaggio dalle reti decentralizzate.

Peer-to-Peer (P2P) nella Blockchain

Il concetto di blockchain è stato reso popolare nel 2008, come parte della proposta di Bitcoin, una valuta virtuale sviluppata per affrontare l’annoso problema della fiducia. Il creatore di Bitcoin – Satoshi Nakamoto – lo ha definito un “sistema di cassa elettronico peer-to-peer” costruito con l’obiettivo di creare una forma di denaro digitale P2P senza banche.

La tecnologia blockchain sottostante sfrutta la potenza delle reti P2P e fornisce un registro delle transazioni condiviso e affidabile. In quanto tecnologia di registro distribuito, la blockchain registra le transazioni come un blocco digitale immutabile, con timestamp che indica mittenti e destinatari. Nessuna autorità centralizzata gestisce le reti blockchain, e solo i partecipanti possono convalidare le transazioni tra loro. La tecnologia consente alle persone e alle istituzioni di fidarsi dell’output senza fidarsi dei partecipanti. Questa nuova forma di archiviazione e gestione distribuita dei dati funge da registro digitale che registra pubblicamente tutte le transazioni e le attività.

Dove la Blockchain memorizza i dati delle transazioni?

I dati su una blockchain sono strutturati in modo molto diverso rispetto a un tipico database. Mentre un database memorizza le informazioni in tabelle, una blockchain struttura i suoi dati in blocchi. Questi blocchi hanno una certa capacità di archiviazione, e aggiungono ogni transazione in corso sulla rete. Una volta riempito un blocco, si passa a quello successivo, in cui vengono aggiunte le nuove transazioni. Continuando ricorsivamente in questo modo si forma la famosa catena di blocchi che chiamiamo blockchain.

In quanto tali, le blockchain sono decentralizzate e quindi non vengono archiviate in una posizione centrale. Al contrario, sono archiviate in nodi o computer che partecipano alla sicurezza della rete. Ogni nodo ha una copia della blockchain. In altre parole, ognuno può verificare le transazioni che vengono eseguite sulla rete. Pertanto il sistema è supportato da ogni singolo nodo che partecipa alla rete.

Chi possiede la blockchain?

Nessuno possiede la tecnologia in sé, anche se alcune specifiche blockchain possono essere di proprietà di singole aziende. Sebbene la tecnologia sia generalmente associata a Bitcoin, l’idea alla base della blockchain risale al 1991, grazie al lavoro di Stuart Haber e W.Scott Stornetta.

In sostanza possiamo dire che non importa chi ha introdotto la tecnologia blockchain, in quanto è un protocollo. Sebbene tu possa rivendicare la proprietà di un’applicazione costruita sulla blockchain, non puoi tecnicamente possedere la tecnologia stessa.

Exchange di criptovalute P2P: ecco che cos’è

Gli exchange di criptovalute P2P consentono di acquistare o vendere asset digitali direttamente tra utenti. A differenza degli exchange centralizzati – in cui devi completare l’autenticazione KYC per elaborare un ordine – la maggior parte degli exchange P2P ti consente di inviare/ricevere criptovalute senza chiederti la verifica dell’identità. Inoltre, gli exchange basati sul modello P2P non hanno un singolo punto di errore come i colleghi centralizzati.

Come funzionano gli exchange di criptovalute P2P?

L’utente di solito può registrarsi sull’exchange senza dover passare attraverso la verifica dell’identità. La registrazione richiede semplicemente un indirizzo e-mail e una password.

Dopo la registrazione, l’utente può passare attraverso diverse offerte di acquisto e vendita pubblicate da individui sulla piattaforma. Ogni offerta ha diverse opzioni di pagamento, una tariffa diversa e di solito un importo minimo o massimo di acquisto. L’acquirente può selezionare un’offerta e contattare il venditore per impostare una transazione. Se sei un venditore, puoi stabilire il metodo di pagamento accettato e qualsiasi commissione coinvolta. Generalmente, gli exchange di criptovalute P2P utilizzano un conto di deposito a garanzia per depositare criptovalute o altre garanzie dagli utenti per garantire la sicurezza della piattaforma. Vediamo alcune opzioni popolari.

Quali sono i 5 migliori exchange di criptovalute P2P?

Paxful

Paxful è un mercato P2P che collega acquirenti e venditori di Bitcoin. L’exchange offre più di 300 modi per acquistare Bitcoin, inclusi ma non limitati a bonifici bancari, wallet online, carte regalo, pagamenti in contanti, carte di debito/credito, criptovalute e risorse. Sebbene Paxful sia considerato affidabile da oltre tre milioni di utenti in tutto il mondo, la sua integrità non deve essere confusa con l’integrità del venditore. L’exchange è semplicemente una piattaforma. Dovresti pertanto prestare attenzione alla reputazione del singolo venditore prima di effettuare uno scambio. L’exchange offre un servizio di deposito a garanzia sicuro per le transazioni Bitcoin, il che rende più difficile essere truffati. Dovrai anche verificare il tuo account Paxful con un ID per usarlo.

Commissioni: 1% per i venditori; nessuna commissione per gli acquirenti.

LocalBitcoin

LocalBitcoins è un exchange di criptovalute P2P che consente ad acquirenti e venditori di comunicare direttamente invece di abbinarli manualmente. I venditori offrono un’ampia gamma di opzioni di pagamento, tra cui PayPal, bonifico bancario, SEPA, Skrill, ecc., e la piattaforma li protegge utilizzando misure come il servizio di deposito a garanzia, la protezione dell’accesso e l’autenticazione a due fattori 2FA (opzionale). LocalBitcoin richiede di inviare alcune verifiche dell’identità per poter utilizzare il trading, l’acquisto e l’invio di diverse quantità di Bitcoin.

Commissioni: 1% per i venditori, 0% per gli acquirenti.

Binance P2P

Binance P2P è un mercato peer-to-peer nell’ecosistema di Binance che connette acquirenti e venditori. L’exchange offre un servizio di deposito a garanzia per proteggere i propri utenti e supporta il commercio tramite WeChat, Alipay, bonifico bancario e QIWI. A differenza di altri exchange P2P, Binance richiede di completare la verifica dell’identità prima di iniziare a fare trading. La piattaforma supporta un’ampia gamma di criptovalute, tra cui Bitcoin, BNB, Ethereum e Tether.

Zero commissioni sia per gli acquirenti che per i venditori

HODL HODL

Questo exchange di criptovaluta P2P non detentivo fornisce un servizio diretto ad acquirenti e venditori senza detenere i loro fondi. HODL HODL di fatto utilizza un deposito a garanzia multisig per proteggere i suoi utenti dai truffatori. L’exchange offre più di 215 metodi di pagamento ai suoi utenti. I suoi servizi sono disponibili in tutto il mondo, ad eccezione degli Stati Uniti. Gli utenti non devono passare attraverso procedure KYC o AML, in quanto possono creare un’offerta semplicemente registrandosi.

Commissioni: 0,6% dell’importo del contratto, ovvero 0,3% per utente.

Bisq

Originariamente noto come “Bitsquare”, Bisq è un programma desktop che puoi scaricare ed utilizzare facilmente. Simile a HODL HODL, Bisq consente agli utenti di registrare un account anche senza verificare la propria identità con l’autenticazione KYC. Ogni transazione su Bisq richiede un deposito cauzionale sia da parte dei venditori che degli acquirenti, per garantire uno scambio equo. Gli utenti possono depositare in sicurezza tramite diversi metodi, tra cui Perfect Money, OK Pay, Alipay e Zele.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le commissioni variano in base alla transazione.