Tutti i Fork di Bitcoin: chi ha remato contro e chi a favore della criptovaluta negli anni?

Bitcoin e i suoi fork: ne esistono più di 100, ma quali sono le principali differenze tra loro? Vediamo gli aspetti più interessanti. 

Spoiler: lo scrittore di questo articolo – tra tutte le criptovalute di cui parleremo – detiene solo Bitcoin (BTC). Non ti invita a fare lo stesso: investire comporta sempre dei rischi.

Bitcoin, Bitcoin Cash, Bitcoin SV.. ci sono oltre 100 fork di Bitcoin: scopriamo perché sono nati e a cosa servono.

fork bitcoin
Adobe Stock

Ormai tutti conoscono Bitcoin, anche grazie alla sua fulminea ascesa. C’è chi lo ama e chi lo odia. Ma pochi hanno capito cos’è Bitcoin e perché è spesso associato a denaro oppure oro.

La rete originale di Bitcoin ha subito molti aggiornamenti e alterazioni nel corso dei suoi 13 anni di esistenza, il che ha portato diversi discendenti – tutti indegni secondo i massimalisti di Bitcoin – a prosperare nell’ecosistema cripto.

Bitcoin (BTC), Bitcoin Cash (BCH) e Bitcoin Satoshi’s Vision (BSV).. perché c’è la “necessità” di averne più di uno?

Sebbene le tre monete abbiano alcune somiglianze generali – dal momento che sono nate dalla stessa rete – sono anche molto diverse l’una dall’altra, poiché condividono obiettivi diversi. Scopri perché.

Bitcoin fork: cosa sono veramente e differenze tra loro

I fork di Bitcoin sono cloni della blockchain originale basata su BTC, creati quando la rete decentralizzata deve passare attraverso un hard fork a causa del disaccordo della community. Questo si traduce in una nuova divisione in cui la blockchain originale e la sua nuova versione modificata continuano in direzioni diverse, ognuna portando con sé i propri sostenitori e miners. Si noti che un fork può avere caratteristiche completamente diverse dalla sua blockchain madre, a seconda del motivo alla base dell’hard split e delle modifiche al protocollo implementate.

Incredibilmente, ci sono stati oltre 100 fork di BTC che hanno cercato di imitare il successo di Bitcoin e di sottrarre parte del suo supporto, la maggior parte con scarsi risultati. Di queste, 74 varianti sono ancora ufficialmente attive, mentre le altre sono monete morte. Alcuni dei principali hard fork di Bitcoin includono Bitcoin Cash e Bitcoin SV. Altri includono Bitcoin Gold, Bitcoin Classic, Bitcoin Private e molti altri.

La maggior parte dei fork sono guidati dalla community e hanno lo scopo di aggiungere più funzionalità al Bitcoin convenzionale, o derivano da disaccordi su funzionalità critiche come velocità, commissioni di transazione e dimensione del blocco.

Bitcoin, Hard Fork vs Soft Fork: le principali differenze

Si noti che un hard fork è diverso da un soft fork, poiché quest’ultimo introduce semplicemente modifiche al codice in una blockchain senza creare una nuova blockchain, mentre un hard fork introduce sostanziali e controverse modifiche al codice che richiedono una nuova blockchain. Addirittura ci sono stati casi di fork dei fork, ad esempio quando Bitcoin Cash è stato suddiviso in Bitcoin Cash ABC e Bitcoin Cash Node dopo un aggiornamento della rete, con quest’ultimo che ha vinto “le votazioni” e ha ottenuto il ticker BCH sugli exchange.

È importante sottolineare che dopo un hard fork, due reti decentralizzate non possono inviare messaggi in modo nativo tra loro poiché non hanno compatibilità con le versioni precedenti, a differenza di un soft fork. Una volta che una piattaforma si è biforcata, la nuova rete è libera di impostare la propria rotta e stabilire le proprie regole.

Storia e Cronologia Bitcoin (BTC)

La rete Bitcoin originale è stata creata da un’entità anonima nota come Satoshi Nakamoto. Ci sono state diverse cospirazioni sull’origine di Bitcoin e sulla vera identità del suo creatore, ma non è mai venuta alla luce nessuna prova verificabile.

Satoshi ha distribuito Bitcoin nella rete principale nel gennaio 2009, il che l’ha resa la prima criptovaluta esistente. Il mining del primo blocco – chiamato genesis block o Block 0 – ha segnato il lancio della primissima blockchain. Questo fornisce un punto di riferimento per gli altri blocchi della chain.

Ma ben prima del suo rilascio, il suo whitepaper è apparso su Internet nell’ottobre dell’anno precedente. Il whitepaper di Bitcoin delinea le funzionalità chiave della valuta digitale. All’interno del blocco genesi, Nakamoto ha racchiuso un messaggio nel codice, l’ormai celebre: “03/gennaio/2009 Cancelliere sull’orlo del secondo salvataggio per le banche“.

Nel 2017 è stato proposto un hard fork – ovvero un aggiornamento sulla rete – per consentire alla blockchain di Bitcoin di scalare ulteriormente. Questo aggiornamento era noto come Segwit2x, e aveva lo scopo di aumentare la dimensione del blocco di Bitcoin da 1 megabyte a 2 megabyte.

L’obiettivo di questo aggiornamento era ridurre le commissioni di transazione, grazie all’aumento della dimensione del blocco. Ma come conseguenza avrebbe trasferito l’onere ai miner e agli operatori di nodi completi, che quindi avrebbero dovuto archiviare più dati. Pertanto, questa proposta ha creato molta tensione e dibattito all’interno della community.

Alla fine, sono stati lanciati molti cloni del progetto BTC, ognuno dei quali prometteva un risultato migliore. Ad oggi, BTC è ancora la più grande criptovaluta esistente ed è riconosciuta dalla maggioranza come l’unica vera rete Bitcoin.

Cronologia Bitcoin Cash (BCH)

Bitcoin Cash è il secondo fork più grande della rete Bitcoin, dopo BTC stesso. È interessante notare che prima della divisione, la community ha dovuto aspettare quasi sette anni (dal 2010 al 2017) prima che BCH prendesse vita nell’agosto 2017. Bitcoin Cash ha una community appassionata, che include l’investitore Roger Ver e il co-fondatore di BitMain Jihan Wu.

Una delle differenze sostanziali tra lo spinoff e la piattaforma madre è la dimensione del blocco. Bitcoin ha una dimensione del blocco di 1 MB, mentre i blocchi sulla rete BCH possono raggiungere un massimo di 32 MB.

Ma il tumultuoso viaggio di Bitcoin Cash ha avuto molti nuovi fork lungo la strada. Uno di questi era BSV (ne parleremo più avanti), oltre che Bitcoin Cash ABC (BCHA), i cui sviluppatori avevano proposto una tassa sui miners dell’8% per finanziare lo sviluppo futuro del protocollo.

Storia di Bitcoin Satoshi Vision (BSV)

Dopo aver prosperato per un anno, la community di BCH ha dovuto affrontare un altro fork nel 2018. Una fazione nella community di BCH guidata da Craig Wright – un informatico australiano molto controverso che afferma di essere Satoshi Nakamoto – e il miliardario Calvin Ayre, non era soddisfatto della dimensione del blocco di 32 MB dell’implementazione. Ha proposto quindi di aumentare il limite di dimensione a 128 MB.

Nel novembre 2018, gli sforzi di Craig Wright hanno costretto la sua fazione a biforcare BCH e dare vita a una nuova blockchain di Bitcoin, ovvero Bitcoin SV. A seguito delle discutibili azioni di Wright nel 2019, molti exchange hanno cancellato BSV dalla propria piattaforma.

Halving di Bitcoin: differenze con i fork

Il famoso Halving di Bitcoin è un concetto che viene utilizzato in modo intercambiabile con “dimezzamento”, che è di fatto il processo di dimezzamento delle ricompense da mining di BTC.

Il mining è il processo tramite il quale è possibile confermare le transazioni sulla rete, e trovare nuovi blocchi in una rete PoW, che utilizza una grande potenza di calcolo per risolvere intricati enigmi matematici.

Pertanto, maggiore è la potenza di calcolo di un miner, maggiori sono le possibilità per lui di trovare un nuovo blocco più velocemente degli altri sulla rete. Di conseguenza, maggiori sono le possibilità di ricevere le ricompense di mining tanto ambite.

Quando avvengono gli halving?

Bitcoin dimezza automaticamente le ricompense dei blocchi circa ogni quattro anni, o dopo aver estratto 210.000 blocchi.

L’halving di Bitcoin ha a che fare con l’intero ecosistema Bitcoin, non solo con le entrate da mining. Ad esempio, un halving influisce anche sul numero di nuove monete che entrano in circolazione attiva in un determinato periodo, il che è un modo intelligente per contrastare l’inflazione.

Inoltre Bitcoin ha una fornitura limitata di 21 milioni di monete, quindi il controllo della sua scarsità potrebbe avere un impatto positivo sul suo prezzo.

Il primo dimezzamento di Bitcoin si è verificato il 28 novembre 2012, tagliando i premi di mining per blocco estratto con successo da 50 a 25 Bitcoin. Il secondo halving di Bitcoin è avvenuto il 9 luglio 2016, dimezzando ulteriormente le entrate dei miners fino a 12,5 BTC. A maggio 2020 si è verificato il più recente dimezzamento di BTC, che ha ridotto gli incentivi ai miner a 6,25 BTC per ogni nuovo blocco.

Bitcoin Cash e Bitcoin SV Split

BCH ha sperimentato la sua prima divisione dei premi minerari nell’aprile 2020. L’evento ha ridotto gli incentivi da 12,5 BCH per blocco a 6,25 BCH. L’halving di Bitcoin Cash funziona con le stesse funzionalità della piattaforma madre.

In particolare, il dimezzamento di Bitcoin SV è avvenuto nello stesso mese di BCH. Le due reti condividono la stessa suddivisione dei premi per i blocchi di mining, da 12,5 a 6,25 BSV/BCH per blocco.

Commissioni e velocità di transazione

Bitcoin vs Bitcoin Cash: differenze sulle commissioni di transazione 

Una delle differenze visibili tra Bitcoin e Bitcoin Cash sono le commissioni di transazione. Sebbene i costi fluttuino a seconda della congestione della blockchain, la rete Bitcoin soffre di elevate commissioni di elaborazione delle transazioni rispetto a Bitcoin Cash. Tuttavia, questo potrebbe non essere un punto di forza significativo per la piattaforma Bitcoin Cash, poiché il suo volume di transazioni è quasi 200 volte inferiore rispetto a BTC nel momento in cui scrivo.

È probabile che una transazione sulla rete Bitcoin Cash ti costerà circa $0,0027, mentre un’operazione simile su BTC richiede una commissione di rete di circa $1 (a ottobre 2022).

Per risolvere le elevate commissioni di transazione della prima piattaforma decentralizzata, gli sviluppatori di BTC hanno introdotto Lightning Network (LN), una soluzione di ridimensionamento layer 2. LN si trova in cima alla blockchain principale, e opera utilizzando dei canali di pagamento. Aiuta a ridurre le commissioni di transazione Bitcoin e aumenta la velocità di transazione.

LN continua a guadagnare slancio grazie al numero crescente di nodi e canali di pagamento. Inoltre, gli exchange di criptovaluta come OKEx e Bitfinex hanno adottato proprio questa soluzione, fornendo depositi e prelievi in Bitcoin economici e veloci.

Come confrontarli

Per quanto riguarda la velocità, Bitcoin è in grado di gestire sette transazioni al secondo (tps), mentre la piattaforma basata su BCH ha una media di 116 tps. Lightning Network  teoricamente batte BCH, consentendo fino a miliardi di transazioni al secondo. Con il passare del tempo ci avviciniamo sempre più alle sue fasi finali, quelle cioè in grado di raggiungere quella quantità di transazioni.

Un’altra metrica chiave da confrontare tra le due piattaforme è il mempool. Un mempool è un luogo virtuale in cui un protocollo decentralizzato come Bitcoin o Bitcoin Cash memorizza transazioni valide ma non confermate in attesa di essere aggiunte in un blocco.

Si noti che maggiore è il numero di transazioni nel pool di memoria, maggiore è la congestione della rete. Per decongestionare la rete, i nodi di rete impostano un determinato costo di transazione. Tutte le transazioni al di sotto di questo contrassegno vengono rimosse dal pool.

In questo caso, BCH vince su BTC poiché ha un mempool meno congestionato. Ma nella pratica non importa a nessuno.

Commissioni e velocità di BSV

D’altra parte, Bitcoin SV batte BTC e BCH sulle commissioni di transazione poiché addebita il prezzo più basso, principalmente grazie alla sua dimensione del blocco più grande. Ciò riduce il numero di transazioni nel mempool, con un impatto positivo sul throughput della rete BSV.

Ad esempio, la rete ha raggiunto 9.000 transazioni al secondo utilizzando la sua piattaforma di ridimensionamento nota come BSV Scaling Test Network (STN). STN è un progetto di un’organizzazione impegnata, Bitcoin Association, che guida l’adozione di BSV. Il prodotto di ridimensionamento BSV mira all’utilizzo e all’adozione di BSV aziendali.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Inoltre, l’enorme dimensione del blocco di Bitcoin SV gli ha permesso di stabilire un nuovo record raggruppando 16,4 milioni di transazioni in un unico blocco. Ma non si è mai affermato in modo deciso sul mercato.