Halving di Bitcoin: tutto quello che devi sapere di questi avvenimenti molto importanti

Halving di Bitcoin: cosa sono, perché sono stati preoccupati e come cambia il prezzo di BTC a ridosso di questo avvenimento. Leggi di più!

L’halving – o dimezzamento – di Bitcoin è esattamente quello che sembra. Si tratta di un avvenimento che torna ogni quattro anni, in cui la blockchain di Bitcoin dimezza le ricompense per blocco ai miners. Vediamo come e perché.

halving bitcoin
Adobe Stock

L’ultimo halving di Bitcoin è avvenuto a maggio 2020, il prossimo quindi sarà nel 2024. Prima e dopo questo avvenimento di solito si assiste ad un aumento del prezzo di BTC: c’è una correlazione effettiva tra i due eventi? Leggi di più per scoprirlo.

Halving di Bitcoin: che cos’è e come funziona

I miners che proteggono e supportano la blockchain di Bitcoin, utilizzano la potenza di calcolo per confermare le transazioni e quindi aggiungere nuovi blocchi alla blockchain. Sono ricompensati per il loro lavoro con ricompense in Bitcoin – o ricompense per blocco – che è il modo in cui vengono creati i nuovi Bitcoin.

Sebbene possa sembrare illogico che i miners di criptovaluta continuino ad accettare queste “diminuzioni dello stipendio” della ricompensa mineraria, in realtà c’è un motivo molto importante dietro gli eventi di halving.

Quando Satoshi Nakamoto – il fondatore pseudonimo di Bitcoin – ha creato Bitcoin nel 2008, ha deciso che BTC avrebbe avuto un limite massimo di 21 milioni. Era importante che le monete venissero rilasciate gradualmente nel mercato, ma era altrettanto importante che avessero anche un tasso di deflazione prevedibile.

Con questo obiettivo in mente, Satoshi ha stabilito che ogni 210.000 blocchi, le ricompense che i miners ricevono vengono dimezzate. Inoltre ci saranno solo 32 eventi di halving: una volta che avrà luogo il 32° halving, sarà stata raggiunta la fornitura massima di BTC, ovvero 21 milioni di coin.

All’inizio della storia di BTC, i miners di valuta digitale ricevevano una ricompensa di 50 BTC per blocco. A maggio 2020 – ovvero dopo tre eventi di halving – la ricompensa è scesa a 6,25 BTC per blocco. Nel 2024 sarà quindi di 3,125 per blocco, e così via.

Cosa è successo durante l’ultimo halving?

L’ultimo halving è avvenuto l’11 maggio 2020, durante il culmine della pandemia di COVID. Nonostante la tensione fosse alta e l’evento fosse molto atteso, l’halving si è svolto senza problemi.

Il prossimo halving avverrà al blocco 840.000, e il conto alla rovescia di CoinMarketCap mostra che avverrà tra circa un anno e mezzo.

Come gli Halving cambiano il prezzo di Bitcoin

In passato, i precedenti halving hanno influenzato il prezzo di Bitcoin, ma non sempre in breve tempo. Dopo il primo halving del 28 novembre 2012, Bitcoin valeva circa $12. Un anno dopo, Bitcoin era aumentato di circa l’8.500%, raggiungendo quasi $1.032, uno dei salti percentuali più grandi nella tipica volatilità di Bitcoin.

Nel 2016 – durante il suo secondo halving – Bitcoin valeva circa $650. Un anno e mezzo dopo, Bitcoin ha raggiunto il massimo storico del 2019 di oltre $20.000.

Dopo l’ultimo halving di maggio 2020, Bitcoin valeva poco meno di 9.000 dollari. A novembre 2020, Bitcoin aveva raggiunto nuovamente $18.000, un prezzo che non si vedeva da gennaio 2018. Nel momento in cui scrivo – settembre 2022 – vale $19.500, dopo il massimo di $69.000 di novembre 2021.

Come gli Halving di Bitcoin influiscono sul mining e sui miners

Dopo il terzo halving, il fondatore di F2Pool ha parlato di come la diminuzione delle ricompense per blocco abbia influenzato l’industria mineraria di Bitcoin.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Secondo Shixing “Shenyu” Mao – il cui pool di mining ha estratto l’ultimo blocco della rete Bitcoin prima dell’halving – la perdita di redditività per i miners non è stata maggiore di quanto si aspettassero. Tuttavia, secondo lui, un evento di halving porta i miners ad interrogarsi se possono permettersi di continuare a minare, e ciò potrebbe significare cercare geograficamente costi dell’elettricità inferiori, e altri modi in cui possono risparmiare sui costi complessivi per mantenere in funzione le loro potenti macchine e guadagnare nuove criptovalute.