Token Soulbound: la visione di Buterin che porta le nostre vite nel Web 3.0.

Cosa sono i token Soulbound (SBT)? Pochi ne parlano, ma potrebbero sbloccare una serie di casi d’uso interessanti per le applicazioni web3.

Nel nostro pezzo sui casi d’uso di Web3 del futuro, i token soulbound sono stati discussi solo brevemente. I token soulbound potrebbero essere una delle innovazioni più promettenti che escono dalla tecnologia blockchain.

soulbound token nft
Adobe Stock

Questo articolo esamina i token soulbound (SBT), i loro casi d’uso e i loro vantaggi e svantaggi.

Token Soulbound (SBT): ecco cosa sono

I token Soulbound (SBT) sono stati concepiti dal fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, in un post sul blog. Li descrive come un modo per “rifuggire dall’iper-finanziarizzazione di oggi” per quanto riguarda il Web3. Devono diventare un elemento costitutivo di una società decentralizzata – o desoc in breve – che rivedrà le relazioni delle persone, la gestione della reputazione e la costruzione e la gestione delle community.

Tecnicamente, i token soulbound sono NFT non trasferibili, ovvero token unici e pubblici verificabili. Buterin li immagina come “codici per costruire relazioni sociali di fiducia“, in grado di facilitare il passaggio a una società decentralizzata. Ad esempio, tali token potrebbero fungere da rappresentazioni tokenizzate di un Curriculum Vitae o rappresentare affiliazioni, credenziali, risultati e appartenenze.

I SBT non sono rappresentazioni 1:1 degli esseri umani. Al contrario, sono legati a un individuo, un’organizzazione o un’entità. In particolare, sono legati a un portafoglio per tutta la sua durata. Ad esempio, i token SBT possono mostrare una registrazione della storia di un individuo, come la storia lavorativa. Tuttavia, lo stesso individuo (o entità) potrebbe avere un altro SBT che rappresenti le sue affiliazioni non professionali. In quanto tale, è possibile avere diverse “anime”.

Quindi i SBT di fatto sono NFT non trasferibili. Mentre i token non fungibili normali sono risorse uniche appartenenti a un portafoglio sconosciuto, i SBT sono record univoci di dati appartenenti a un’entità unica. A differenza degli NFT, che possono essere liberamente scambiati a scopo di lucro, i SBT non hanno valore finanziario e non possono essere scambiati poiché il loro proprietario è chiaramente e univocamente definito.

Vantaggi dei token Soulbound

I token Soulbound hanno diversi vantaggi. Innanzitutto, potrebbero aumentare la fiducia nello spazio Web3. Il Web3 si basa ancora sugli strumenti Web2 per risolvere problemi di rappresentazione e fiducia. Ad esempio, per sbloccare la piena funzionalità degli NFT, hai bisogno di Twitter o Instagram (per mostrarli come immagini del profilo) e OpenSea (per scambiarli). Altri esempi sono le DAO che si affidano al voto su Discord per prevenire attacchi informatici, o i mercati del credito DeFi che si affidano a un’eccessiva collateralizzazione per garantire la fiducia della controparte.

Grazie ai SBT, sarebbe possibile recensire un individuo o un’entità, e far sapere a tutti se è affidabile o meno. Allo stesso modo, è possibile collegare un prestito a un’entità verificabile, sbloccando un aspetto sociale del credito e consentendo prestiti sotto-garantiti.

Pertanto, i token soulbound rendono possibile una migliore rappresentazione dell’integrità, della fiducia e delle affiliazioni. Di fatto spostano il Web3 da una struttura orientata al denaro verso strutture cooperative basate sulla reputazione. In sostanza, abilitano il desoc lavorando con gli stessi principi: componibilità, cooperazione, fiducia e gestione della reputazione di proprietà e governata dagli utenti della rete.

Esempi concreti di token Soulbound in azione?

Esempi di usi futuri dei token SB sono:

  • Prova di provenienza degli NFT;
  • Voto nelle DAO;
  • Prestito sottogaranzia in DeFi;
  • Prova di presenza, ad esempio per lavori da remoto;
  • Fascicoli di lavoro digitali, ovvero curriculum più efficiente e verificabile;
  • Prova digitale di certificazioni, documentazione, badge e altro;
  • Storia medica digitale e immutabile;
  • Airdrop;

Binance lo sta già facendo: BABT

Binance Account Bound Tokens (BABT) sono token soulbound sulla BNB chain. Sono vincolati agli utenti che hanno completato la verifica KYC e non hanno valore monetario. I BABT servono esclusivamente come strumento di verifica per gli utenti di Binance.

Cosa succede se perdi la tua “anima”?

Se perdi la tua “anima”, puoi recuperare i token grazie all’aiuto di altri individui da te nominati. Nella visione di Buterin infatti sarà possibile nominare diversi “Guardiani”, che possono cambiare le chiavi del portafoglio con l’approvazione della maggioranza. Tali “Guardiani” sono ovviamente persone fidate, organizzazioni o altro ancora. Quindi questo meccanismo si basa sulle buone relazioni con i tuoi Guardiani.

Un altro meccanismo sarebbe il recupero della community. Ad esempio, l’idea è consentire agli emittenti di certificati di modificare le chiavi del tuo “Certificato SBT”, dopo che hai dato la tua approvazione. Entrambi i metodi sono ancora soggetti a sperimentazione nel mondo reale.

Quali sono gli svantaggi dei SBT?

Uno dei principali punti critici è che gli SBT potrebbero creare un futuro distopico alla Orwell con nuovi livelli di sorveglianza. Legando il record di lavoro o salute di un individuo a un token, le parti con accesso a tali informazioni avrebbero un’enorme influenza sull’entità a cui appartiene il record. Sebbene gli SBT non dovrebbero essere legati al governo, la loro funzionalità potrebbe comunque essere abusata.

In secondo luogo, la registrazione e la standardizzazione dei dati off-chain sembrano promettenti, ma è probabile che sia difficile collegarsi a un record on-chain. Inoltre, la mancanza di un unico standard di SBT porterebbe inevitabilmente ogni blockchain a emettere i propri token soulbound nello stesso modo in cui raccolte NFT simili compaiono su blockchain diverse. Distinguere la “vera” Anima sarebbe complicato, e farebbe di nuovo affidamento su un consenso sociale off-chain invece che su un’unicità tecnologicamente verificabile.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Considerazioni finali

Il concetto dei token Soulbound proviene originariamente dal videogioco “World of Warcraft”, in cui alcuni oggetti sono legati all’anima. La loro applicazione on-chain potrebbe aiutare a porre rimedio a diversi problemi urgenti di fiducia e rappresentanza all’interno del nascente Web3. In quanto tali, potrebbero rivaleggiare con il metaverso come argomento caldo per innescare la prossima bull run della criptovaluta.