Metaverso: ennesimo strumento per monetizzare le masse o terra promessa decentralizzata?

Il Metaverso sarà un rifugio decentralizzato, oppure centralizzato come le attuali piattaforme social? Cerchiamo di capirlo insieme.

Il gigante dei social media Meta si sta preparando a seguirti in ogni angolo del Metaverso. Ma solo se glielo permetteremo. Leggi di più.

Facebook è stato notoriamente e recentemente rinominato Meta. Nell’occasione ha annunciato i suoi piani per dare il via allo sviluppo del Metaverso, un modo completamente nuovo di interagire e navigare in Internet. Oggi, il panorama Metaverse ha un colosso aziendale multimiliardario in lizza per il timone, il che ha reso il suo futuro ancora più incerto.

Metaverso centralizzato decentralizzato
Adobe Stock

Che ci piaccia o no, le grandi società giocheranno probabilmente un ruolo importante nello sviluppo e nell’evoluzione del Metaverso. Ma sarà afflitto dagli stessi problemi affrontati dai giganti dei social media di oggi, o piattaforme e servizi decentralizzati riusciranno ad avere la meglio?

Il Metaverso sarà centralizzato o decentralizzato? Proviamo a capirlo

Lo scorso anno il fondatore e CEO di Meta Mark Zuckerberg ha annunciato l’intenzione di spendere 10 miliardi di dollari per lo sviluppo del Metaverso. Lo ha descritto come un ecosistema di esperienze, servizi e piattaforme digitali interconnessi, che si fondono perfettamente con il mondo reale.

Ma Facebook non ha mai nascosto negli anni la sua vera intenzione. Ricordi quando ha fatto marcia indietro sulla sua promessa di non richiedere un account Facebook per utilizzare i suoi prodotti Oculus? Quasi certamente cercherà di imporre controlli severi anche su come viene utilizzato il Metaverso. Dopotutto, i lock-in dell’ecosistema sono un modo popolare e collaudato per forzare il coinvolgimento continuo, isolando la concorrenza.

Zuckerberg ha definito il Metaverse come la “prossima generazione di Internet“: sarà utilizzato da centinaia di milioni di utenti. Pertanto sembra improbabile che un golia aziendale – con azionisti da accontentare – non faccia tutto ciò che è in suo potere per posizionare Meta al centro del Metaverso.

Il nuovo paradigma in arrivo introdurrà senza dubbio nuovi modi per creare, socializzare e lavorare online. Per questi motivi il Metaverso è destinato a diventare un mezzo onnipresente, con cui la maggior parte delle persone esperte di Internet interagirà prima o poi.

A immagine e somiglianza di Facebook?

La recente pubblicazione dei dannosi “Facebook Files” del Wall Street Journal, ha rivelato che la piattaforma social media ha sofferto di una serie di problemi. Ha operato con alcune pratiche commerciali quantomeno dubbie. Queste vanno dalla moderazione dei contenuti, al trattamento preferenziale di determinati utenti. Tutto ciò è in netto contrasto con la presunta visione egualitaria di Zuckerberg per il Metaverso.

Se Meta realizzerà il Metaverso a immagine e somiglianza di Facebook, siamo freschi.

Questi documenti mostrano anche che Facebook sta rapidamente perdendo il favore tra i millennial. Non dimentichiamo che questa generazione ha le maggiori probabilità di interagire con le tecnologie Metaverse.

Meta è già stata ampiamente criticata per i suoi piani. Questo sentiment sembra essere quello prevalente su Twitter, che non ha reagito favorevolmente alla notizia dello scorso anno.

Il gioco è truccato e non è a tuo favore. Meta vuole possedere la tua identità digitale e, a suo modo, avrà accesso a più dati che mai. No grazie!

Il vero game changer: la blockchain

Si prevede che Blockchain diventerà una delle tecnologie chiave del web 3.0. Consentirà lo sviluppo di uno spazio virtuale pervasivo, che può essere navigato in modo sicuro.

Le soluzioni di identità digitale basate su blockchain alimenteranno i cosiddetti avatar digitali persistenti. Non solo: grazie alle risorse digitali – che forniscono un accesso a servizi e prodotti del tutto nuovi – il Metaverso sembra destinato a ereditare i valori su cui è stata fondata l’industria blockchain. Vale a dire, accesso senza autorizzazione, resistenza alla censura, sicurezza e decentramento.

Tuttavia, alla fine le grandi aziende cercheranno di entrare nel merito dell’infrastruttura blockchain nel tentativo di dirigere lo sviluppo del Metaverso e modellarlo a propria immagine. Dopotutto – secondo le stime – l’industria Metaverse dovrebbe crescere a un tasso annuale composto del 13,1% nei prossimi anni. Il settore della tecnologia blockchain invece dovrebbe aumentare del 32,4% almeno fino al 2025. Quindi capiamo che le multinazionali hanno un forte incentivo finanziario per investire in queste nuove tecnologie.

Metaverso centralizzato e Social media decentralizzati

Twitter è destinato a essere uno dei primi a entrare in azione con protocolli di social media decentralizzati, che verranno utilizzati per ospitare una varietà di social network, incluso Twitter. Tuttavia, dato che anche Twitter ha avuto le sue controversie – tra cui dubbie sospensioni di account, dirottamenti di account di alto profilo e numerose segnalazioni di censura governativa – non è così chiaro se ciò supporterà i suddetti principi fondamentali.

Per non parlare del fatto che Twitter (e molte altre piattaforme di social media) sono vietati in diversi paesi. E come abbiamo visto diverse volte in precedenza, i progetti di criptovalute aziendali tendono ad attirare un controllo normativo eccessivo. Questo spesso ne limita gravemente la portata, e alla fine spesso genera prodotti e servizi annacquati, in cui l’equilibrio tra profitto e progresso è spesso sbilanciato verso il primo.

Metaversi esistenti

Oggi sono in fase di sviluppo un’ampia gamma di piattaforme di social media cripto-native e progetti metaverse. Probabilmente hanno un importante vantaggio tecnico rispetto alle offerte supportate dalle aziende esistenti, in quanto possono rimanere senza autorizzazione e democratiche. Ciò include artisti del calibro di Decentraland e The Sandbox, che forniscono già una prima visione di ciò che potrebbe essere il Metaverso attraverso le loro economie complesse e controllate dagli utenti, immobili virtuali ed esperienze digitali basate sulla realtà virtuale.

Sono all’orizzonte anche altre piattaforme di social media decentralizzate pure-play. Questi protocolli sono progettati per affrontare gli stessi problemi che rendono i social media di proprietà delle aziende un’esperienza così deprimente per utenti e creatori. L’obiettivo è utilizzare blockchain per ripristinare la privacy e aiutare gli utenti a monetizzare meglio i propri contenuti e a effettuare transazioni online in modo sicuro.

Dato il suo potenziale per cambiare radicalmente il modo in cui interagiamo gli uni con gli altri – e affrontiamo la nostra vita quotidiana – il Metaverso si preannuncia come una tecnologia fondamentale per tutti noi.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Ma con i giganti aziendali pronti a scontrarsi con la community blockchain – motivata e piena di risorse per lo sviluppo e la natura del Metaverso – non è ancora chiaro se sarà l’ennesimo strumento progettato per sfruttare le masse o la terra promessa che tutti vogliamo.