Dogechain (DC): la svolta epocale di tutto l’ecosistema Dogecoin

In questo articolo Crypto.it esplora Dogechain – la piattaforma Smart Contract per Doge – e del suo token (che non è DOGE).

Dogechain è una blockchain Proof-of-Stake costruita su Polygon Edge.

In questo articolo vedremo bene cos’è – ma soprattutto cosa non è – questa blockchain, e capiremo a cosa serve.

doge dogecion dogechain
Adobe Stock

La community della prima memecoin di successo rimane molto unita ancora oggi, nonostante sia molto facile trovare persone che ne parlano male. Elon Musk come ben sappiamo in passato ha fortemente supportato Dogecoin – un fork di Litecoin – nonostante fosse inizialmente considerato uno scherzo. DOGE mantiene ancora oggi un prezzo competitivo rispetto al mercato, e rimane una delle prime 10 criptovalute per capitalizzazione di mercato anche durante l’attuale bear market.

Dogechain ha in programma di sbloccare un nuovo potenziale per Doge. Ma di cosa si tratta esattamente? Scoprilo qui.

Dogechain (DC): ecco che cos’è

Dogechain è una blockchain Proof-of-Stake basata su Polygon Edge, un framework e SDK che consente agli sviluppatori di creare blockchain compatibili con EVM in grado di coniare NFT, creare token e ospitare applicazioni decentralizzate (DApp). La sua caratteristica unica è la sua capacità di interagire con la rete Doge e di effettuare il porting su Dogecoin da utilizzare per queste attività. Con questa nuova funzionalità ora disponibile, Dogechain ha l’obiettivo di esplorare l’intero potenziale della community di $DOGE e sbloccare nuove opportunità.

Innanzitutto, è importante affermare cosa non è Dogechain. Dogechain non è un’espansione del progetto Dogecoin.

Le affermazioni dei media secondo cui Dogecoin ha lanciato una rete di test ‘Dogechain’ sono false“, ha affermato Jens Wiechers della Dogecoin Foundation.

Dogechain non è basata sulla rete Dogecoin (che non è abilitata per smart-contract). Inoltre non è un “layer 2” in senso tecnico: è semplicemente uno slogan di marketing. Non è stato creato né dalla fondazione del Doge né dai fondatori originali.

Detto questo, concentriamoci su cos’è Dogechain. È un progetto che sta creando utilità per $DOGE, facendolo andare oltre oltre le semplici transazioni. Il team fondatore ritiene che fornire ai possessori di Dogecoin l’accesso a funzionalità avanzate utilizzando i propri $DOGE, aiuterà chi lo ha acquistato un po’ casualmente al grande mondo del Web3: è stato pensato proprio per esporre questo gruppo di utenti allo sconosciuto potenziale degli smart contract e per estensione, della tecnologia blockchain.

DogeChain: ecco come funziona

Non puoi usare $DOGE direttamente su Dogechain. Dogechain ha costruito un vero e proprio ponte per facilitare il trasferimento di token dalla blockchain originaria di Dogecoin. Uno smart contract multi-sig (3 su 5) trattiene il $DOGE inviato alla chain in un deposito a garanzia, e in cambio conia $wDOGE con un rapporto 1:1. In questo modo, i possessori di Doge possono collegare i propri token a Dogechain. Così facendo, ricevono finalmente il Doge wrappato ($wDOGE).

È proprio questo token wrappato – ancorato al prezzo del Doge – che funge da gas per le transazioni sulla blockchain. Offre agli utenti la possibilità di pagare per utilizzare le DApp, esecuzione di contratti intelligenti, NFT e altro, utilizzando i propri Dogecoin. La chain ha un altro token nativo – il $DC – di cui parleremo più avanti.

Un utente deve avere almeno 100 token DOGE per essere in grado di collegarsi a Dogechain. Può restituire in qualsiasi momento i propri wDOGE allo smart contract, per rivendicare il proprio DOGE originario. Tuttavia, il processo di de-wrapping può richiedere del tempo.

Architettura tecnologica

Polygon Edge, il framework su cui è costruito Dogecoin, ha anche un bridge decentralizzato integrato con Ethereum, e i token sulla sua blockchain aderiscono agli standard ERC-20. Ciò significa che i token generati su Dogechain sono compatibili con l’ecosistema generale di Ethereum. Allo stesso tempo, gli smart contract di Ethereum possono essere implementati sulla Dogechain. Questo rende tecnicamente possibile ad altre blockchain EVM di costruire bridge bidirezionali verso Dogechain, in modo da facilitare i trasferimenti di asset. Alcuni hanno già annunciato l’intenzione di farlo, ma il bridge tra Dogecoin e Dogechain rimane quello più utilizzato ad oggi.

Dogechain
(credits: dogechain.dog)

Fondamentalmente, invece di fare affidamento sulla sicurezza condivisa di Polygon – disponibile tramite Polygon Edge – Dogechain ha la piena sovranità e mantiene il proprio set di validatori utilizzando IBFT PoS, che è sia veloce che scalabile. Significa che finché 2/3 dei nodi sono d’accordo, viene eseguita una transazione.

Tuttavia, la dimensione del set di validatori è sconosciuta, mentre Dogechain passa da Proof-of-Authority (PoA) a Proof-of-Stake (PoS) dopo il suo lancio. Nonostante questa decisione di rimanere sovrano, Dogechain sarà ancora in grado di connettersi ai Polygon Supernet in futuro.

Cosa rende Dogechain unica?

I piccoli investitori – ovvero coloro che detengono pochi Dogecoin – possono rimanere bloccati nell’intricato mondo della DeFi e degli NFT senza quasi alcuna barriera all’ingresso.

Gli sviluppatori che sanno programmare in Solidity per Ethereum, saranno pronti a farlo anche per Dogechain, quindi potrebbero sorgere presto molte DApp sulla piattaforma nascente. L’API JSON-RPC di Dogechain è progettata per essere familiare a tutti coloro che attualmente codificano per blockchain EVM come Ethereum, Avalanche e Fantom. I DEX sulla piattaforma esistono già: gli utenti possono scambiare $DOGE con nuovi token creati su Dogechain, e lo sviluppo sta procedendo rapidamente.

Il team dietro il progetto ha recentemente ospitato uno spazio Twitter che delinea alcuni dei progetti già in fase di realizzazione sulla blockchain.

Dogechain si concentra sull’onboarding degli sviluppatori attivi nel mondo DeFi, GameFi, NFT, marketplace e metaversi in fase di sviluppo, con alcuni già attivi in ​​questa fase.

Secondo il team di Dogechain, la vera innovazione è la creazione di un ecosistema per DOGE e la capacità di portarlo su una rete veloce, scalabile, Proof-of-Stake e compatibile con EVM, in cui la moneta può essere utilizzata all’interno di un ecosistema emergente, piuttosto che proprio come mezzo di accumulo di ricchezza.

DC token: Tokenomics e Airdrop

$DC è il token di staking e governance di Dogechain. Inizialmente, era previsto che gli utenti mettessero in stake wDOGE per guadagnare DC, ma questa idea è stata scartata in fretta. Il team ha stabilito che tutto questo avrebbe soffocato l’attività naturale sulla blockchain e avvantaggiato solo i grandi investitori. Dogechain ha affermato di avere intenzione di costruire una tokenomics che metta al primo posto coloro che credono sinceramente nel progetto.

Il team distribuirà il 3% della fornitura da 1 trilione di DC agli attuali detentori di wDOGE. Questo continuerà per un periodo di 12 mesi, e un ulteriore 9% verrà lanciato a intermittenza per un periodo di 48 mesi. Le istantanee – o snapshot – verranno scattate periodicamente, con i premi DC distribuiti in base ai dati raccolti.

Inoltre, buona parte dei DC totali finanzierà la community attraverso i fondi comuni della DAO (ben il 29%), oltre a premiare i validatori per la sicurezza della rete (15%). Alcuni dei restanti DC saranno assegnati ai membri del team che contribuiscono allo sviluppo del progetto, alla fondazione Dogechain e alla tesoreria. Gli altri token avranno la funzione di garantire una certa liquidità e di market-making, e aiuteranno naturalmente a finanziare il marketing.

La descrizione completa dell’utility e della tokenomics del token DC è disponibile nel whitepaper del progetto.

Come reagirà DOGE a tutto questo?

Sebbene sia ancora agli albori, l’interesse per DOGE negli ultimi anni si è dimostrato notevole. Con oltre $200 milioni di dollari in DOGE già collegati alla nuova blockchain, gli investitori non vedono l’ora di esplorare l’ecosistema nascente. Questi rappresentano circa il 2,5% della fornitura totale di DOGE, quindi c’è ancora un ampio margine per ulteriori onboarding di utenti.

La creazione di un intero parco giochi per contratti intelligenti – di cui la community Dogecoin possa beneficiare al massimo – è una prospettiva molto interessante, e potrebbe stabilire lo standard per altre memecoin.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Se il team riuscirà a mantenere lo slancio iniziale, gli sviluppatori creano DApp, token ed NFT utili e interessanti – allora Dogechain potrebbe diventare l’estensione naturale di Dogecoin. Ma la strada è lunga se vuole essere considerata una rivale di altre piattaforme di smart contract più collaudate.