Musica, NFT, criptovalute e blockchain: la rivoluzione che cambia tutto

Guida definitiva alla musica, alle criptovalute e agli NFT: come si combinano questi elementi per rivoluzionare un mercato miliardario?

Tutto ciò che devi sapere sull’intersezione tra musica, blockchain e criptovalute. Leggi di più

Lo sapevi che l’italiano medio ascolta quattro ore e cinque minuti di audio ogni singolo giorno? Questo numero è suddiviso in trasmissioni radiofoniche (52%), musica di proprietà come CD, vinili e download di musica e altro (20%), servizi di streaming (12%), radio satellitare (8%), podcast (2%) e altri come audiolibri (2%). Il consumo audio è estremamente accessibile alla maggior parte delle persone, quindi non sorprende che l’industria musicale valga 57 miliardi di euro.

Con così tanti soldi che circolano nell’industria musicale, diresti che i musicisti siano tutti ricchi sfondati.

musica nft
Adobe Stock

Ma la dura verità è che è molto difficile per la maggior parte dei musicisti fare soldi nell’era dello streaming. Si stima che i musicisti professionisti in media guadagnino uno stipendio lordo di $30.200 all’anno. Il salario medio americano nel 2022 è di $53.490. Gli artisti vengono pagati frazioni di un centesimo per stream, e molti artisti non guadagnano nulla.

In effetti, è stato riferito che i musicisti spesso portano a casa meno del dodici percento dei profitti dalle vendite dei loro album.

Allora, dove va il resto del denaro?

Bene, chiunque sappia qualcosa sull’industria musicale ti dirà che le etichette discografiche e i rivenditori di biglietti – ovvero i bagarini – stanno letteralmente divorando la maggior parte dei profitti.

Perché non condividono la ricchezza?

Le mega-star come Beyonce e Bieber che fanno soldi a palate per le etichette sono molto rare, ed i loro profitti vengono spesso usati per bilanciare le perdite. Tutto questo ha portato a molta frustrazione tra gli attori principali.

Per protestare contro il trattamento della Warner Bros nei suoi confronti, l’artista e musicista Prince ha scritto “slave” sulla sua faccia prima di esibirsi in numerosi concerti. Prince ha persino intitolato il suo primo album dopo essersi liberato da Warner: Emancipation.

A metà degli anni 2010 sono arrivate piattaforme di streaming come Spotify, che hanno promesso un’economia più equa per gli artisti. Ma come probabilmente già saprai, non hanno mantenuto le loro promesse.

Musica e Criptovalute: l’era dello streaming

L’economia delle piattaforme di streaming come Apple Music e Spotify – che avrebbero dovuto rendere la musica un’industria più equa – hanno creato una situazione ancora più squilibrata per gli artisti.

Secondo quanto riferito, Spotify paga da $0,003 a $0,005 per stream, che è diviso tra più parti, tra cui l’etichetta discografica, l’editore, i cantautori e i produttori, solo per citarne alcuni. Gli altri siti di streaming offrono tariffe simili.

Quindi, dopo che le etichette discografiche e i siti di streaming prendono la propria parte, alle persone che scrivono le canzoni che amiamo rimangono solo gli avanzi.

Poi abbiamo i siti di scalping e rivendita di biglietti da considerare – il classico bagarinaggio – che acquistano i biglietti per eventi solo per venderli a un prezzo dieci volte superiore. Naturalmente, l’entità dei pagamenti dei siti di streaming non sono l’unico problema che affligge l’industria musicale.

Bagarini e rivenditori di biglietti

Guardare la tua band preferita suonare dal vivo è un’esperienza magica.

Ma pagare quattro volte il prezzo originale richiesto perché i bagarini hanno acquistato tutti i biglietti può in qualche modo rovinare la tua esperienza. I bagarini spesso sostengono che stanno semplicemente investendo, per vendere i biglietti ad acquirenti che li desiderano abbastanza da pagare somme assurde.

In realtà, il bagarinaggio taglia fuori i fan più poveri che non possono permettersi di pagare migliaia di dollari per vedere una band dal vivo.

Alcuni rivenditori di biglietti – come Ticketmaster e StubHub – sono attività legittime, ed hanno il permesso di vendere biglietti a prezzi maggiorati. Ma non tutti concordano sul fatto che i rivenditori di biglietti siano necessari, e molti non vedono differenze tra rivenditori e bagarini.

Il manager di Chainsmokers Adam Alpert ha detto a Rolling Stone Magazine che il mercato dei biglietti da dieci miliardi di dollari – rivenduti in modo etico o meno – è “il più grande elefante nella stanza del business musicale“, perché sono i rivenditori e non gli artisti a ottenere la maggior parte dei soldi.

Musica e Criptovalute

I rivenditori non hanno lavorato molto per migliorare la propria immagine. Alcuni hanno comprato centinaia di biglietti per un concerto di Ed Sheeran alla Royal Albert Hall, solo per rivenderli a migliaia di dollari. Ed Sheeran e il suo team non l’hanno presa bene, poiché il ricavato dalla vendita dei biglietti sarebbe dovuta andare al Teenage Cancer Trust, ed invece ha riempito le tasche del rivenditore di biglietti.

Quindi abbiamo stabilito che l’industria musicale ha dei problemi. Ma nemmeno è tutto nero (semicit.)!

Nell’ultimo anno, i musicisti si sono rivolti a una nuova tecnologia, che li sta aiutando a cambiare le regole del gioco: i token non fungibili (NFT). Forbes, The Verge e Rolling Stone hanno tutti condiviso articoli su come le piattaforme di musica potrebbero rivoluzionare l’industria musicale. Vediamo qualcosa di interessante.

Musica e Criptovalute: gli NFT sono il driver tecnologico che guiderà questa rivoluzione

Per ricapitolare rapidamente, gli NFT sono rappresentazioni digitali di arte, musica o videogiochi su una blockchain come ad esempio Ethereum. Sebbene ci siano molti casi d’uso per NFT – come l’identità digitale – l’attuale mercato NFT ruota principalmente attorno alle immagini – o JPEG nel gergo NFT – che vengono utilizzate come foto del profilo (PFP).

Gli NFT in realtà sono in circolazione dal 2014, ma sono diventati mainstream solo l’anno scorso, in parte perché la vendita di NFT da 69 milioni di dollari di Beeple ha fatto notizia in tutto il mondo.

Gli NFT creano scarsità digitale, che è una qualità di cui l’industria musicale ha disperatamente bisogno. Questo perché la maggior parte dei media sul web – come fotografie e musica – sono facilmente duplicabili e plagiabili.

Musica e Criptovalute: ma cosa sono gli NFT musicali?

Gli NFT musicali sono fondamentalmente tracce audio musicali memorizzate su una blockchain.

Quindi supponiamo che tu voglia acquistare della musica NFT dalla tua band preferita: i Red Hot Chilli Peppers. Visiteresti un negozio di musica NFT, e compreresti semplicemente i brani che desideri, proprio come faresti nei normali negozi di musica di oggi.

Qual è la differenza tra un negozio di musica NFT e uno Store musicale normale?

Quando acquisti un NFT musicale, possiedi la musica che acquisti. Ciò significa che puoi rivenderla sui marketplace NFT secondari, proprio come puoi rivendere un CD nei negozi di musica di seconda mano.

Inoltre, ogni volta che un NFT musicale viene rivenduto su una piattaforma, l’artista ottiene una percentuale della vendita, per sempre! Non è fantastico? I musicisti sono giustamente entusiasti degli NFT, in particolare quelli della community EDM come deadmau5.

In che modo gli NFT musicali sono migliori per i musicisti?

Quindi gli NFT per l’industria musicale sembrano interessanti, giusto? Ma probabilmente ti starai chiedendo: in che modo gli NFT aiuteranno musicisti e artisti a guadagnare uno stipendio giusto? Ecco come gli NFT possono mettere più soldi nelle tasche degli artisti.

Musica e Criptovalute: ridurre pirateria e plagio

La pirateria musicale è un problema enorme. L’economia statunitense perde 12,5 miliardi di dollari all’anno a causa di questo problema, e della perdita di quasi mezzo miliardo di dollari di entrate fiscali.

Ma gli NFT sono immutabili. Questo significa che quando un artista conia un album come NFT, questo token è contrassegnato dal timestamp e archiviato nella blockchain, il che semplificherà notevolmente le verifiche di plagio e alla fine ridurrà la quantità di musica utilizzata indebitamente.

Con gli NFT, puoi rivendere brani e album sui mercati musicali secondari, riducendo così l’incentivo alla musica piratata. Dopotutto – se sei stanco di una band – puoi rivendere la sua musica e acquistare musica da una nuova band che vuoi ascoltare.

Restituire il controllo agli artisti

Le etichette discografiche e i produttori di solito decidono dove viene trasmessa o venduta la musica di un artista. Il che ̬ strano, perch̩ altri creativi Рcome pittori e fotografi Рpossono utilizzare come vogliono il proprio lavoro. Allora perch̩ i musicisti non possono fare lo stesso?

Ebbene, da un lato, la produzione musicale è un processo molto più collaborativo della pittura e della fotografia, quindi è necessario condividere il carico di lavoro. D’altra parte, i nuovi artisti devono cedere il controllo del proprio lavoro alle etichette e ai produttori in cambio del loro lavoro di produzione e marketing.

Ma gli NFT potrebbero cambiare questo meccanismo.

Gli NFT danno agli artisti un controllo molto maggiore su dove viene condivisa la loro musica e quanto i fan devono pagare per ascoltarla. Ma gli NFT consentono anche alle band di finanziare in crowdfunding le loro esigenze di produzione e marketing, vendendo NFT in edizione limitata. Coloro che detengono gli NFT in edizione limitata della band potrebbero ricevere una quota dei diritti d’autore dell’album: questo di fatto li trasforma da fan a investitori.

Eliminando il ruolo dell’etichetta ed essendo finanziati dai loro fan, gli artisti potrebbero trattenere molte più entrate per se stessi di quanto non facciano oggi, consolidando al contempo anche un rapporto più stretto con i loro fan.

Musica e criptovalute: pagamento più veloce e royalties aggiuntive

I musicisti di oggi lottano per ottenere uno stipendio regolare per numerosi motivi. Questo perché l’industria musicale è un colosso della burocrazia. Innumerevoli amministratori hanno bisogno di timbrare ogni banconota da un dollaro che esce dai conti dell’etichetta discografica, quindi gli artisti aspettano tempi spropositati prima che arrivino i loro stipendi.

Ma se gli album di quegli artisti fossero sempre stati NFT, non avrebbero aspettato il proprio stipendio per più di pochi secondi. I contratti intelligenti possono automatizzare le vendite degli NFT, e gli artisti possono ricevere le royalties direttamente nel momento in cui ogni traccia o album viene venduto.

Inoltre, se quei pagamenti dovessero essere effettuati in una stablecoin come Tether o USDC, gli artisti potrebbero teoricamente spendere i soldi direttamente dal proprio wallet in attività che accettano criptovalute.

Connessione più stretta tra artisti e fan

Molte DAO come il Bored Apes Yacht Club (BAYC) e Friends with Benefits (FWB) usano i loro NFT come biglietti per esclusivi eventi dal vivo come feste in yacht e feste a Parigi, quindi non c’è motivo per cui i musicisti non possano fare lo stesso con album in edizione limitata NFT per offrire ai propri fan l’accesso a incontri di persona, feste private o AMA online.

Potrebbero pubblicare album in edizione limitata, che consentano ai fan di saltare la fila agli spettacoli dal vivo o pass per il backstage della NFT che consentano ai fan di incontrare la band dopo la performance.

I musicisti potrebbero anche vendere merce digitale come NFT, come felpe con cappuccio o occhiali da sole, che i loro fan possono indossare nel metaverso e vendere sui marketplace secondari. Possedere il merchandising NFT potrebbe essere un requisito per entrare in eventi esclusivi del metaverso, come il festival musicale che si è svolto a Decentraland alla fine dello scorso anno.

Col tempo, gli NFT potrebbero fornire ai musicisti un modo per interagire con i loro fan uno ad uno, costruendo connessioni più profonde con la loro fanbase.

Dai un’occhiata alla nostra panoramica sulle principali DAO, incluse BAYC, FWB e molte altre ancora.

Musica e criptovalute: ridurre il bagarinaggio dei biglietti 

I biglietti per assistere ad eventi dcon gli NFTi musica dal vivo possono essere venduti anche come NFT. Questi token potrebbero contenere restrizioni su dove e per quanto tempo possono essere rivenduti.

Ad esempio, le band potrebbero decidere di limitare la rivendita dei biglietti a un ricarico del 30 percento, il che consentirebbe comunque ai rivenditori di realizzare un certo profitto, ma solo un importo limitato. Potrebbero anche limitare la rivendita dei biglietti a blockchain o marketplace NFT pre-approvati.

Una percentuale concordata del profitto dalla rivendita dei biglietti potrebbe andare automaticamente alla band o alla piattaforma, il che scoraggerebbe ulteriormente i rivenditori dall’acquistare i biglietti. I fan potrebbero essere obbligati a mostrare il biglietto NFT originale prima di essere ammessi al concerto, il che impedirebbe ai bagarini di utilizzare una soluzione alternativa.

Inoltre, tutte queste restrizioni potrebbero essere programmate nei biglietti NFT stessi e applicate da contratti intelligenti. Alla fine, i biglietti NFT potrebbero ridurre drasticamente le perdite dell’industria musicale a causa di bagarini e rivenditori di biglietti.

Ma c’è un modo per i musicisti di guadagnare di più dallo streaming? È qui che entrano in gioco le piattaforme musicali decentralizzate.

Quali sono le migliori piattaforme musicali NFT decentralizzate?

Le piattaforme musicali decentralizzate forniscono servizi di streaming musicale simili a Spotify, ma con una svolta: non danno la priorità agli interessi degli azionisti rispetto ai musicisti o ai loro fan.

Alcuni ti consentono di ascoltare musica in streaming, mentre altri operano come marketplace NFT di musica. Vedremo una che opera come piattaforma per la creazione di musica, dove puoi creare e coniare musica direttamente su una blockchain.

Una serie di musicisti e artisti famosi ha scommesso molto sul decollo della musica decentralizzata, tra cui Katy Perry, Nas e Deadmau5.

Ecco alcune delle piattaforme musicali decentralizzate che potrebbero un giorno sostituire Apple Music e Spotify.

Audius

Quando ascolti una canzone su una delle app di streaming di oggi, l’artista riceve una piccola somma di denaro circa un mese dopo averlo ascoltato. Ma cosa accadrebbe se gli artisti venissero pagati pochi istanti dopo che un fan ha ascoltato la loro musica?

Immagina quanto sarebbe utile per gli artisti che stanno lottando per sbarcare il lunario! Questo è esattamente ciò che Audius si è prefissata di raggiungere.

Audius è simile a un Soundcloud decentralizzato, in cui i musicisti possono interagire con i propri fan a un livello molto più intimo. Su Audius, gli artisti stabiliscono le tariffe per riprodurre in streaming la loro musica, quindi gli ascoltatori pagano solo per la musica che ascoltano effettivamente.

I fan possono anche raccogliere fondi per i loro artisti preferiti, contribuendo alla loro crescita a lungo termine.

Gli artisti emergenti trarranno il massimo beneficio dal crowdfunding, poiché possono aumentare i costi di produzione e marketing dopo aver pubblicato solo alcune tracce di esempio. Tutto questo è notevolmente più facile che lottare per un incontro con una grande etichetta discografica.

Musica e Criptovalute

In cambio dei loro contributi al crowdfunding della band, fan vengono premiati con una quota dei diritti d’autore di un album o di una traccia in arrivo. Gli ascoltatori e i fan di una band possono sia investire che trarre profitto dall’ascolto dei loro artisti preferiti. Una volta che un artista trasmette musica in streaming, riceve il novanta percento delle entrate dai suoi flussi musicali; l’altro dieci per cento va alle persone che sostengono la rete.

Audius è per lo più gratuito in questo momento, ma presto gli artisti saranno in grado di creare contenuti di livello premium, a cui solo i fan più fedeli possono accedere. Questi contenuti premium potrebbero offrire ai fan l’accesso a esperienze esclusive come meet and greet, AMA o accesso anticipato a nuova musica in arrivo.

Finora Audius ha ricevuto il sostegno di Jason Derulo, Nas, i Chainsmokers, Mike Shinoda dei Linkin Park e Katy Perry. Anche se è una piattaforma in fase di sviluppo, Audius è in una posizione privilegiata per abbattere Spotify e Apple Music.

Arpeggi Studio

Arpeggi Studio è la prima piattaforma di creazione musicale on-chain, in-browser, in assoluto. Il prodotto di Arpeggi è un software di creazione e editing musicale costruito su una blockchain, che consente agli artisti di creare e quindi coniare la propria musica come NFT, il tutto all’interno di un unico programma.

Arpeggi è attualmente in versione beta ed è stato sviluppato da una raccolta di sviluppatori di software, musicisti, artisti ed esperti di blockchain, che condividono la convinzione che i creativi dovrebbero poter beneficiare di blockchain e NFT.

Ogni volta che un artista conia una nuova traccia, Arpeggi ne memorizza una copia immutabile sulla blockchain. Quindi non ci sono tempi di attesa per gli artisti e non c’è nessun intermediario che addebita commissioni per l’archiviazione della musica.

Ma archiviare file di grandi dimensioni su una blockchain non costa migliaia di dollari? E come fa Arpeggi a caricare la musica direttamente sulla blockchain?

Il team di Arpeggi ha sviluppato un modo per archiviare la musica in un formato simile agli spartiti, ma che allo stesso tempo non sacrifica la qualità, e richiede solo 256 byte. Per fare un confronto, un file musicale mp3 standard è solitamente di circa un milione di byte. Più avanti in futuro, il team di Arpeggi spera che le loro future collezioni incorporino il primo sistema di royalty per artisti in assoluto per la musica on-chain.

Nina

Nina è un mercato digitale per la musica. È in qualche modo simile a Bandcamp, un negozio di dischi online e una community musicale, solo che Nina è progettato per il Web3. Nina è stata lanciata sulla blockchain di Solana da un team di dirigenti di etichette discografiche, nel novembre del 2020.

Gli utenti possono ascoltare tutta la musica caricata sulla piattaforma gratuitamente, proprio come con Soundcloud. Ma a differenza di Soundcloud, gli artisti che caricano musica emettono anche un set limitato di token che i fan possono acquistare, se lo desiderano.

L’acquisto di token per album non ti garantisce vantaggi specifici, ma potrebbe farti ottenere dei bonus piuttosto interessanti, se l’artista lo specifica. Ad esempio, un musicista potrebbe dire ai propri fan “il mio nuovo album è in vendita tra una settimana. Ma chiunque abbia un token può acquistarlo e ascoltarlo oggi”.

Potrebbero anche ospitare diversi eventi – come gli AMA – o avviare un server Discord riservato esclusivamente ai titolari di token.

Musica e Criptovalute

I musicisti non devono necessariamente offrire determinati vantaggi. Possono scegliere di non offrirli affatto, anche se la maggior parte offrirà sicuramente qualcosa. Altrimenti nessuno avrebbe alcun motivo per acquistare il token. Come altri siti di musica e criptovalute, i token musicali forniscono anche un modo per pagare le royalties agli artisti ogni volta che vengono acquistati e venduti, contribuendo ad aumentare i loro profitti.

Ma a differenza della maggior parte dei siti di musica e criptovalute, Nina evita deliberatamente il gergo delle criptovalute. In effetti, non troverai il termine “NFT” da nessuna parte sul suo sito web.

L’idea è di incoraggiare le persone che non conoscono le criptovalute a utilizzare il sito. A non lasciarsi scoraggiare dai suoi meccanismi che potrebbero a prima vista sembrare “difficili”.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Per incoraggiare ulteriormente gli utenti privi di conoscenze in cripto a utilizzare la piattaforma, Nina ti consente di pagare per la musica utilizzando la stablecoin USDC. Sono solo i primi giorni per Nina, ma finora è una piattaforma che promette bene.