Tutto quello che c’è da sapere – e che non ti hanno detto – sul Merge di Ethereum (ETH): sfatiamo miti e leggende

Cosa c’è da sapere sul Merge di Ethereum: miti e leggende sfatati. Ad un mese dal tanto atteso aggiornamento, ecco i concetti principali.

The Merge ha finalmente una data: 15 settembre 2022. Dopo il successo di Goerli, le idee su cosa accadrà a Ethereum dopo il grande aggiornamento sono ancora confuse. Continua a leggere per scoprire di più.

La mainnet di Ethereum subirà un drastico cambiamento nelle prossime settimane. Si fonderà con la Beacon Chain e passerà completamente a un meccanismo di consenso proof-of-stake (PoS), piuttosto che a quello proof-of-work (PoW) utilizzato dall’attuale mainnet.

ethereum-merge
Crypto.it

Inoltre, il Merge aprirà la strada a importanti aggiornamenti di rete futuri, incluso lo sharding per una migliore scalabilità e una riduzione del consumo energetico.

L’attivazione del Merge finalmente si avvicina – a seguito dell’implementazione di successo di PoS sulla rete di test finale di Goerli – ed attualmente è prevista per il 15 settembre 2022. Quindi le persone hanno molte domande su questo cambiamento cruciale in Ethereum.

Ancora più importante, ci sono molte idee sbagliate che devono essere chiarite. C’è molto da capire, e può essere difficile trovare una risposta esauriente. Pertanto, in questo articolo esploreremo tutte le domande possibili e sfateremo miti e leggende sul Merge, per offrire la maggior chiarezza possibile su questo importante evento di Ethereum. Immergiamoci.

Quando avverrà esattamente il Merge?

Nel momento in cui scrivo, il Merge dovrebbe entrare in vigore il 15 settembre 2022. Ma c’è sempre la possibilità che subisca un ulteriore ritardo: l’aggiornamento è noto per essere stato rimandato per anni.

Il merge passerà attraverso diverse fasi di test, per garantire che tutto funzioni come previsto. L’8 giugno 2022 gli sviluppatori hanno completato il Merge sulla Ropsten testnet. Successivamente – il 6 luglio – è andato online il testnet Merge su Sepolia senza grossi problemi.

Il testnet di Goerli, il terzo e l’ultimo, ha visto il Merge andare online con successo l’11 agosto. Durante la fusione di Goerli non sono stati segnalati problemi tecnici importanti, con grande gioia degli appassionati di Ethereum, e di conseguenza ETH è cresciuto dell’11%.

Ethereum andrà offline durante il Merge?

Come i precedenti aggiornamenti di rete, il Merge non comporterà tempi di inattività della rete per Ethereum. Una volta che la rete raggiunge la difficoltà totale del terminale richiesta (potenza di mining totale cumulativa utilizzata per convalidare un nuovo blocco), le regole di consenso passeranno automaticamente da PoW a PoS.
Pertanto, in sintesi possiamo dire che Ethereum non avrà alcun tempo di inattività durante questo processo.

Cosa devo fare come utente di Ethereum?

Se sei un utente della rete Ethereum – o semplicemente qualcuno che ha investito in ETH – non è necessario intraprendere alcuna azione dopo il Merge. Non devi fare assolutamente niente di diverso rispetto a prima.

Il Merge è un aggiornamento del protocollo, ma non ha un impatto diretto sugli utenti o sugli investitori. Mantieni i tuoi fondi dove sono oggi, continua a utilizzare il tuo portafoglio come prima e mantieni le posizioni LP se ne hai. Nessuno di questi aspetti cambierà o sarà influenzato dopo l’aggiornamento.

Sebbene il passaggio da PoW a PoS sia un hard fork – ovvero cambia il protocollo principale – l’intera storia di Ethereum rimarrà intatta e immutabile. I fondi detenuti nel tuo portafoglio prima di The Merge saranno ancora lì una volta completato l’aggiornamento della rete. Non c’è bisogno di fare altro che distendersi, rilassarsi e guardare lo svolgersi degli eventi.

Probabilmente ci sarà un forte aumento di e-mail di phishing, truffe ed e-mail false per indurre utenti ad inviare il proprio saldo ETH o token ERC20 a “indirizzi ETH2 nuovi e compatibili”. La migliore linea d’azione è ignorare tutte queste notifiche, poiché non ci sarà un nuovo token ETH2 né uno standard di portafoglio ETH2.

Cosa succede se sono un operatore di nodo, uno staker o uno sviluppatore di Ethereum?

Le regole sono leggermente diverse per gli utenti che fanno staking di ETH eseguendo in qualsiasi modo il proprio nodo o l’infrastruttura del nodo operativo. Ma questi passaggi sono relativamente semplici, e vale la pena dare un’occhiata all’elenco di controllo del Merge per assicurarsi che siano stati eseguiti tutti i passaggi appropriati.

Passaggi per eseguire il tuo nodo di staking:

  • Esegui un client del livello di consenso e un client del livello di esecuzione, per ottenere sempre i dati di esecuzione prima del termine del Merge.
  • Autentica entrambi i client con un JWT condiviso per abilitare la comunicazione bidirezionale sicura.
  • Imposta l’indirizzo del destinatario delle ricompense di staking, per ricevere suggerimenti sulle commissioni di transazione guadagnate.

Il mancato completamento dei primi due passaggi comporterà la segnalazione dei nodi come “offline” dopo il Merge, fino a quando entrambi i livelli non saranno completamente sincronizzati e autenticati.

Passaggi per gli operatori di nodo non convalidanti:

  • Configura sia un client del livello di esecuzione che un client del livello di consenso, che funzioneranno in tandem tramite la nuova API del motore.
  • Configura l’autenticazione tra entrambi i client tramite un JWT segreto.

Passaggi per gli sviluppatori di Ethereum:

  • Niente di specifico, anche se il Merge cambierà la struttura dei blocchi, i tempi di verifica dei blocchi, le modifiche al codice operativo, interromperà le fonti di casualità on-chain e cambierà il concetto di safe head e blocchi finalizzati. Gli sviluppatori possono trovare maggiori dettagli in questo post.

Ora che abbiamo parlato – anche troppo – dei requisiti tecnici, è tempo di smontare alcuni falsi miti riguardo il tanto atteso Merge di Ethereum.

Devo mettere in staking 32 ETH per eseguire un nodo Ethereum?

Sembra che ci sia stato un errore di comunicazione riguardo al funzionamento di un nodo Ethereum dopo il Merge.

Prima e dopo la tanto attesa fusione, chiunque è in grado di eseguire un nodo di rete Ethereum di base – ovvero non validante – senza impegnarsi nello staking di ETH. Non c’è mai stato un requisito minimo di ETH per eseguire un nodo, né ci sarà una volta che il Merge sarà completato. Gli utenti possono optare per due tipi di nodi:

  • Nodo di mining/di convalida: l’unico tipo di nodo in grado di proporre blocchi di rete, ma richiede un impegno di risorse. Queste risorse sono di fatto potenza di mining secondo le regole PoW, o ETH in staking nella PoS. Questi nodi guadagnano ricompense di protocollo per il loro continuo supporto alla rete Ethereum.
  • Nodo tradizionale: nessun impegno di risorse, ma funzionerà su un computer/server connesso a Internet e alla rete 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Questi nodi non possono proporre blocchi ma ascolteranno nuovi blocchi di rete e ne verificheranno la validità. Questi nodi sono incredibilmente preziosi per Ethereum e miglioreranno la sua resistenza alla censura e gli aspetti decentralizzati.

Il requisito di staking di 32 ETH si applica solo agli utenti che puntano a eseguire un nodo di convalida con il passaggio ad un algoritmo PoS. Ma coloro che preferiscono eseguire un nodo non validante non hanno impegni finanziari di cui preoccuparsi. Inoltre, coloro che hanno meno di 32 ETH possono sempre mettere in staking tramite provider o pool vari.

Il merge ridurrà le commissioni di transazione?

Contrariamente a quanto la maggior parte delle persone potrebbe pensare, il Merge non altererà le commissioni di transazione sulla blockchain di Ethereum. Non espande la capacità della rete, né fornisce strutture di transazione più efficienti.

È un cambiamento del meccanismo di consenso e aprirà la strada a futuri miglioramenti delle commissioni di transazione, ma questo non succederà per gentile concessione del Merge.

Per capire il perché, dovresti prima capire come funzionano le commissioni del gas di Ethereum: sono il risultato della domanda di rete rispetto alla capacità della rete. Quando la rete raggiunge la capacità massima e la domanda rimane elevata, le tariffe del gas aumentano. Ma è possibile avere commissioni inferiori quando la domanda rimane la stessa o diminuisce, e la capacità della rete non raggiunge il massimo. Il merge non influenza questa correlazione, sebbene futuri aggiornamenti potranno senza dubbio offrire miglioramenti.

Il passaggio a PoS getterà le basi per lo sharding, e quindi per un throughput più elevato. Ma questi aggiornamenti non verranno implementati a breve, poiché non esiste una tempistica ufficiale per la loro attivazione sulla Mainnet.

Molti sviluppatori stanno costruendo nello spazio rollup layer 2. Esistono oggi molti protocolli che promettono transazioni di rete più economiche e veloci all’interno dell’ecosistema Ethereum. Leggi i nostri approfondimenti sui promettenti rollup L2 come Arbitrum, Optimism, ZkSync, StarkWare e Polygon.

Il merge renderà le transazioni più veloci?

La fusione introdurrà alcune modifiche minori alla rete di Ethereum e alle sue transazioni, ma non ci saranno evidenti miglioramenti di velocità.

La PoS consentirà un nuovo concetto di finalità della transazione, e raggrupperà i blocchi in epoche ogni 6,4 minuti. Ma tutto ciò non accelererà le transazioni, poiché il processo di finalizzazione sarà più o meno uguale a quello di oggi con la PoW.

Cosa sono le DApp?

Posso prelevare gli ETH in staking una volta avvenuto il merge?

Questo è un altro malinteso che potrebbe lasciare alcuni utenti sgomenti. Sebbene gli utenti siano stati in grado di impegnarsi nello staking di ETH sulla Beacon Chain prima del Merge, non saranno in grado di ritirare la propria puntata una volta avvenuta la fusione.

Questo processo sarà abilitato in un futuro aggiornamento della rete, soprannominato “Shanghai“. L’aggiornamento Shanghai è il primo aggiornamento importante dopo il Merge, anche se potrebbero essere necessari 12 mesi o più per essere attivato sulla Mainnet.

Inoltre, ciò si applica agli ETH in staking, alle ricompense di staking e ai saldi ETH di nuova emissione immediatamente dopo il completamento del Merge. Tutti i fondi rimarranno sulla Beacon Chain e non potranno essere ritirati fino a quando l’aggiornamento di Shanghai non sarà attivo.

I validatori riceveranno ricompense in ETH prima dell’aggiornamento Shanghai?

Sì, riceveranno le ricompense nei loro account sulla mainnet, con fondi immediatamente disponibili.

Il protocollo Ethereum rilascerà ETH come ricompensa per i validatori che aiutano a stabilire il consenso della rete. Quei fondi sono bloccati sulla Beacon Chain, dove i validatori hanno indirizzi univoci che contengono i loro premi e gli ETH in staking.

Ma gli ETH sulla rete principale – quando gli utenti completano le transazioni, coprono le commissioni del gas e ricompensano i validatori – si trovano sul livello di esecuzione e non sulla Beacon chain.

Tieni presente che i validatori riceveranno questi guadagni solo se designano un indirizzo valido come destinatario, nel loro software client.

Gli staker continueranno a garantire la sicurezza una volta che i prelievi saranno disponibili?

Una volta che l’aggiornamento di Shanghai sarà attivo, ci sarà inevitabilmente un afflusso di liquidità di ETH. Tutti gli staker potranno richiedere i propri premi e ritirare gli ETH in staking, se non desiderano più supportare la rete.

Ma solo un certo numero di validatori può ritirare il proprio supporto di rete. Tali misure di sicurezza sono essenziali ,e garantiscono che la rete Ethereum rimanga sempre sicura e operativa.

L’aggiornamento Shanghai offrirà un incentivo a ritirare i saldi in staking superiori a 32 ETH da parte dei validatori, poiché tali fondi non contribuiranno a generare rendimenti aggiuntivi. Alcuni potrebbero persino bloccare del tutto il proprio nodo e recuperare l’intero saldo, o impegnare più fondi nel loro “piatto” di staking per guadagnare ancora più ricompense.

Il protocollo Ethereum limita le uscite complete del validatore a sei per epoca, o 1.350 al giorno. Ciò significa anche che i validatori possono rimuovere un massimo di 43.200 ETH dallo staking al giorno (oggi ci sono oltre 10 milioni di ETH impegnati nello staking). Questi numeri non sono scolpiti nella pietra, poiché varieranno in base alla quantità complessiva di ETH in stake, ma è sufficiente per impedire a tutti di ritirarsi contemporaneamente.

L’APR di staking aumenterà dopo il merge?

Gli sviluppatori di Ethereum optano di proposito per un APR di staking variabile. Questo consente agli utenti di determinare quanto vogliono essere pagati per proteggere la rete. Qualora i validatori decidessero di ritirare il proprio nodo, l’APR potrebbe aumentare gradualmente per coloro che rimangono impegnati nello staking, e quindi nella protezione della blockchain.

Non è improbabile che ci sarà un graduale aumento dell’APR, ma non ci si dovrebbe nemmeno aspettare numeri altissimi. Alcune persone prevedono un aumento del 200%, ma probabilmente sarà più vicino al 50% o meno.

Dopo il merge, è probabile che l’APR aumenterà e le commissioni di transazione inizieranno a fluire verso i validatori anziché verso i miners. Tali commissioni sono in linea con l’attività di rete durante il blocco proposto dal validatore, con conseguente variazione della ricompensa.

Tieni presente che un aumento del 50% dell’APR non significa che gli utenti guadagneranno come ricompensa oltre il 50% del saldo in staking. Significa che l’attuale APR aumenterà del 50% e salirà a circa il 7% o leggermente inferiore, che è comunque un tasso percentuale annuo molto interessante.

ETH2 esiste ancora?

Durante i primi giorni di pianificazione del Merge, circolavano voci sulla creazione di un possibile “ETH2”. Alcune persone l’hanno interpretato come una nuova rete e valuta, anche se nessuna di queste esisterà. Inoltre, gli sviluppatori di Ethereum hanno smesso di usare il termine “ETH2” per evitare inutili confusioni su quel fronte.

Sebbene sia vero che esiste un ETH1 (la rete principale) e un “ETH2” (di fatto la Beacon Chain), diventeranno un’unica rete. Quella rete rimarrà la mainnet di Ethereum e avrà tutte le caratteristiche della Beacon Chain.

Esistono ancora degli accenni ad Eth1 ed Eth2 tra gli sviluppatori, ma ciò si applica al livello di esecuzione delle transazioni – Eth1, e al livello di consenso per l’algoritmo PoS – Eth2.

Tieni presente che queste non sono reti separate, ma piuttosto due aspetti della mainnet di Ethereum che servono a uno scopo dedicato.

Ethereum: quando consentirà lo sharding?

Il piano iniziale era quello di consentire lo sharding prima del merge, ma alla fine non si è rivelato possibile.

Ma Ethereum come sappiamo ha visto nascere varie soluzioni layer 2 per alleviare alcuni dei suoi problemi di ridimensionamento. Ciò ha consentito agli sviluppatori di dare priorità alla modifica del consenso in PoS, riducendo significativamente il consumo energetico della rete.

Lo sharding fa ancora parte della roadmap a lungo termine – secondo il co-fondatore Vitalik Buterin – anche se non lo implementeranno presto.

Al contrario, gli sviluppatori continuano a cercare il modo migliore per distribuire i dati archiviati dai contratti di rollup, per consentire alla capacità di rete di crescere in modo esponenziale. In parole povere, tutto questo si traduce in transazioni più rapide ed economiche per gli utenti. Il passaggio a PoS è necessario per continuare a esplorare opportunità praticabili su questo fronte.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Anche lo sharding non fa parte dell’aggiornamento Shanghai, il che significa che ci vorranno almeno 12 mesi prima che lo sharding raggiunga la Mainnet di Ethereum. In realtà, ci vorranno probabilmente due anni o più, anche se le stime sono sempre soggette a modifiche.