NFT nel settore della moda e nel lusso: cose interessanti da sapere

NFT nel settore della moda e nel lusso: non tutti sanno che il mercato sta prendendo una direzione inaspettata. Quello che devi sapere.

Uno sguardo a come i marchi del lusso e della moda utilizzano gli NFT per portare il coinvolgimento dei clienti a un livello superiore.

La moda trasforma la blockchain e viceversa” è ben lungi dall’essere una nuova narrativa — Cointelegraph ne ha già parlato nel 2019. Ma i marchi della moda e del lusso hanno fatto progressi reali (e denaro reale) nel 2022.

nft moda
Adobe Stock

Messari ha anche menzionato il mercato dei beni di lusso come un settore ad alto potenziale per gli NFT nel suo rapporto Crypto Theses for 2023.

Inoltre, un grafico altamente informativo sull’uso degli NFT in diversi settori mostra che gli NFT sono particolarmente interessanti per i marchi del settore dei beni di lusso e della moda.

Abbiamo una nuova potenziale narrativa tra le mani? In questo articolo, Crypto.it analizza il mercato NFT e dei beni di lusso, coprendo:

  • Quali marchi stanno entrando nello spazio NFT?
  • L’utilità degli NFT per i marchi della moda e del lusso;
  • Tendenze e sviluppi degli NFT nella moda e nel lusso.

Quindi, gli NFT nel settore della moda sono un affare o un’altra moda passeggera?

NFT nella moda e nel lusso: chi sta entrando nel mercato?

Nike nel 2022 ha battuto tutti i competitors. Il gigante dell’abbigliamento ha intascato oltre 120 milioni di dollari di entrate da NFT grazie alla sua collaborazione con RTFKT, un’azienda che produce “sneakers per il metaverso“.

Affronteremo la ricetta del successo di Nike in modo più dettagliato in seguito, ma vale la pena sottolineare che anche le altre aziende non accennano a rallentare. Cinque marchi di moda e lusso hanno realizzato almeno otto cifre di entrate totali nel 2022, nel mercato degli NFT.

Starbucks ha recentemente presentato Starbucks Odyssey, una “nuova esperienza basata sulla tecnologia Web3 che offrirà ai membri di Starbucks Rewards […] l’opportunità di guadagnare e acquistare beni collezionabili digitali che sbloccheranno l’accesso a nuovi vantaggi e coinvolgenti esperienze di caffè“.

I grandi marchi stanno entrando nel mondo degli NFT anche per ottimizzare il proprio marketing.

Abbinandoli ad articoli fisici, molti brand si stanno concentrando su come sfruttare il potere di questa nuova tecnologia. Inoltre, l’adozione degli NFT da parte delle grandi aziende tecnologiche introduce gli NFT nelle abitudini quotidiane dei consumatori. Instagram consente già di creare NFT sulla piattaforma, YouTube li ha nei suoi strumenti di creazione, e persino Apple consente il conio e il commercio in-app di NFT (nonostante le questioni sulla sua commissione del 30%).

Quindi possiamo dire che gli NFT sono particolarmente diffusi nei settori della moda e del lusso: ma perché?

L’utilità degli NFT per i marchi della moda e del lusso

Per molto tempo, l’utilità degli NFT in questo spazio è stata solo teoria. Ma il 2022 ha portato un vero cambiamento in tal senso.

NFT come driver di nuovi profitti

La prova è nei numeri. Gli NFT hanno portato a Nike qualcosa come $120 milioni di entrate. Si tratta di entrate che la società non avrebbe generato altrimenti.

Inoltre, questi acquirenti probabilmente saranno i futuri clienti abituali delle collezioni NFT e dell’abbigliamento Nike in generale. Altri marchi hanno fatto meno soldi, ma il principio si applica ancora. Molti brand sono sicuramente alla ricerca del successo di Nike. Ciò si applica all’aumento delle entrate con i clienti esistenti, e ad una maggiore consapevolezza del marchio tra i potenziali nuovi clienti.

Creazione di nuove esperienze per i clienti e vantaggi esclusivi

I marchi stanno iniziando a capire come implementare gli NFT per mantenere e motivare i propri clienti a spendere di più. Ad esempio, RTFKT, partner NFT di Nike, ha lanciato una collezione di sneaker digitali chiamata Nike Dunk Genesis Cryptokicks. Gli utenti possono cambiare l’aspetto delle loro scarpe da ginnastica applicando diverse fiale di pelle. La collezione è composta da 200.000 sneakers che costano da $6.000 a $10.000 al paio. Le sneaker sono dotate di vari livelli di rarità ed elementi distintivi.

Un altro esempio è Blanksoles, un’azienda di scarpe da ginnastica con una partnership con Solana. I suoi membri possono personalizzare un NFT di scarpe bianche con skin diverse e riscattare la versione fisica.

Considerando che si tratta ancora di esperimenti, l’industria della moda sembra avvicinarsi alla ricerca di più casi d’uso per gli NFT.

Costruire e promuovere community

Questo rimane il vantaggio più intangibile, anche se le aziende stanno facendo progressi anche qui. Il commercio sociale sta crescendo rapidamente negli Stati Uniti e si prevede che le dimensioni del mercato triplicheranno tra il 2020 e il 2025.

Tuttavia, per quanto grande possa essere la pubblicità sui social media, le normative sulla privacy come il GDPR e l’aumento dei costi di acquisizione dei clienti costringono i brand a evolversi. Gli NFT possono fungere da nuovo modo per attrarre e fidelizzare i clienti poiché consentono ai brand di attribuire vantaggi unici a determinate collezioni. Sebbene ciò fosse possibile anche senza NFT, questi facilitano il processo e il monitoraggio dei proprietari verificati, consentendo al contempo ai marchi di offrire maggiore esclusività ai loro clienti più fedeli, qualcosa che è la spina dorsale dell’industria del lusso.

Tendenze e sviluppi degli NFT nella moda e nel lusso 

Delphi Digital ha coperto tendenze e sviluppi importanti nei suoi due rapporti di ricerca intitolati Why the Future of Fashion Is in the Metaverse e The Year Ahead for NFTs.

Il mondo fisico e quello digitale si uniscono

Si possono scrivere molte parole su come le nostre vite online e offline siano sempre più intrecciate. La moda NFT fornisce esempi concreti.

Ad esempio, il partner di Nike, RTFKT, era già uno sviluppatore di contenuti di successo prima della sua partnership con Nike. Dopo essere stato acquisito, ha rilasciato una felpa con cappuccio Nike AR che può essere indossata sugli avatar di Clone X. Clone X è una raccolta NFT composta da 20.000 avatar NFT 3D. I proprietari di NFT avevano il diritto di rivendicare la stessa felpa con cappuccio fisica del loro avatar del metaverso. Nike ha venduto oltre 8.000 felpe AR a 0,2 ETH, generando vendite per oltre 2 milioni di dollari.

Se ordiniamo cibo, trasporti e stringiamo relazioni online, perché dovremmo esitare a creare avatar digitali di noi stessi? Un mondo in cui la moda digitale e la moda del mondo reale si sovrappongono e si fondono non solo è possibile, ma molto probabile.

La moda si sposta online (e anche il lusso)

Non cresce solo il social commerce, ma cresce anche la moda digitale. La moda che esiste solo nel regno digitale dovrebbe diventare un mercato del valore di oltre 6 miliardi di dollari nel 2026, secondo la società di ricerca Technavio. Secondo gli analisti di Morgan Stanley invece, il mercato virtuale dei beni di lusso potrebbe raggiungere i 50 miliardi di dollari entro il 2030.

Questo non è sorprendente. La Gen Z e la Generazione Alpha (i pre-adolescenti di oggi) sono praticamente esclusive digitali. Non è difficile immaginare che la Gen Z apprezzi la moda digitale tanto quanto la moda del mondo reale, in particolare se è possibile verificarne la proprietà e l’esclusività.

Gli investimenti digitali stanno diventando beni di consumo digitali

Gli NFT hanno avuto il loro percorso tortuoso prima di diventare investimenti digitali. Sopravviveranno alcuni marchi forti e selezionati, e appariranno nuovi ed incredibili progetti artistici. Ma la prossima ondata di adozione di NFT, con ogni probabilità, non sarà guidata dagli investimenti ma dal consumo.

Più è facile vendere oggetti fisici con gli NFT, più marchi saliranno sul carrozzone. I brand che capiscono come creare esperienze cliente uniche – che completano i loro prodotti fisici – guadagneranno molto. Pensa agli NFT non come un investimento speculativo ma come una ricevuta digitale di proprietà, che ti dà diritto a vantaggi unici.

Inoltre, i brand saranno in grado di interrogare, segmentare e premiare meglio i loro clienti più fedeli grazie alla tecnologia blockchain. I problemi di privacy dovranno essere affrontati prima o poi, ma dove ci sono soldi da fare, un modo si trova.

Gli acquirenti NFT di moda e lusso sono nativi del Web3

Gran parte di quanto sopra sembra interessante per i marchi della moda e del lusso. Ma tenetevi forte, abbiamo ancora molta strada da fare. La maggior parte dei creatori di NFT erano utenti già esperti di web3.

Solo la collezione NFT di Adidas ha leggermente invertito la tendenza (l’11% dei minatori erano nuovi utenti). Coloro che attualmente sono interessati agli NFT sono i classici crypto bros, giovani e maschi cripto-nativi. Ecco perché l’81% delle vendite di NFT è stato generato da società di athleisure (atletica e tempo libero).

I marchi di lusso hanno incassato entrate a otto cifre, ma la maggior parte dei clienti di beni di lusso non possiede ancora criptovalute. Metaforicamente parlando, i proprietari di NFT e i proprietari di marchi di lusso frequentano ancora diversi metaversi.

Aumento dei marchi di moda nativi di Web3

Considerando che i marchi affermati potrebbero avere difficoltà a raggiungere i cripto investitori, le partnership hanno senso. Nike ha aperto la strada, e altre aziende seguiranno senza dubbio. I marchi nativi del Web3 hanno diversi vantaggi competitivi:

  • Ingresso diretto per i designer che non lavorano nel settore della moda tradizionale.
  • Non è necessario alcun negozio fisico.
  • Possono avviare i finanziamenti vendendo le proprie collezioni NFT.
  • Possono attingere al proprio pubblico.

La collaborazione tra nativi del web3 e marchi affermati sarà la chiave del successo.

Impostazioni privacy