Hashrate di Bitcoin e distribuzione del Mining: un dettaglio che sfugge a molti

Come si distribuisce l’hashrate di Bitcoin nel mondo? In questo articolo scopriremo finalmente dei numeri estremamente interessanti.

Dal Texas al Kazakistan, l’industria mineraria di Bitcoin continua ad essere in espansione. Questo nonostante i ripetuti divieti della Cina, che hanno costretto molti a trasferirsi verso destinazioni più amichevoli.

hashrate mining bitcoin
Adobe Stock

In questo articolo, esamineremo l’hashrate di Bitcoin ed il mining di criptovalute. Discuteremo di come determinati fattori, inclusi regolamenti, prezzi dell’energia, sostenibilità e infrastrutture, creano o distruggono un redditizio hotspot di mining di Bitcoin.

Mining di Bitcoin: breve riepilogo

Bitcoin sfrutta un registro digitale distribuito e un meccanismo di consenso proof-of-work (PoW) per registrare e verificare le transazioni. Utilizzando i cosiddetti circuiti integrati specifici per le applicazioni – o ASIC – i miners gestiscono le transazioni Bitcoin e creano nuovi blocchi per la blockchain. Questo processo, chiamato hashing, comporta la risoluzione di complessi problemi matematici tramite ASIC. L’hashing richiede una potenza di calcolo sempre maggiore, rendendo necessaria la costruzione di vere e proprie “miniere” di criptovalute: immagina tantissimi computer in un magazzino. Come il mining tradizionale, questo processo è ad alta intensità energetica e probabilmente dannoso per l’ambiente.

Distribuzione dell’hashrate di Bitcoin

Gli hub di mining sono quei luoghi che gestiscono la parte principale dell’hash rate di Bitcoin. Ad esempio, la Cina era responsabile di poco più del 75% dell’hashrate di Bitcoin a settembre 2019. Pertanto, i mercati delle criptovalute sanguinavano regolarmente quando inevitabilmente il China FUD è stato lanciato.

Tuttavia, il grande FUD in Cina nel 2021 – ovvero il divieto dell’attività mineraria nella RPC – si è rivelato una benedizione sotto mentite spoglie per BTC, poiché ha costretto i suoi miners a trasferirsi in località più democratiche con un minore intervento del governo. Ad aprile 2021, la Cina rappresentava solo il 46% del mining di Bitcoin e a dicembre 2021 questo numero era lo 0%. Oggi rappresenta la seconda maggiore partecipazione a livello di nazione al mondo (21,11%).

Nel luglio 2021, gli Stati Uniti hanno raccolto la palla lasciata dalla RPC e hanno lavorato duramente per recuperare e rappresentare il 35% dell’hash rate di Bitcoin.

Oggi, i dati di Statista ci dicono che gli Stati Uniti sono al primo posto (37,84%) seguiti da Cina (21,11%), Kazakhstan (13,22%), Canada, Russia, Germania e così via.

La Cina vieta le criptovalute

Ricapitoliamo rapidamente il grande FUD cinese del 2021.

Sia a maggio che a settembre del 2021, la Cina ha annunciato politiche volte a reprimere l’uso e il mining di criptovalute nello stato. Che siano progettate per spianare la strada alla propria CBDC (annunciata durante le Olimpiadi invernali del 2021) o per mantenere il controllo autoritario sul proprio sistema finanziario centralizzato, queste politiche hanno portato a un esodo di denaro, innovazione e business dal Paese.

Nonostante abbia causato un calo temporaneo del prezzo di Bitcoin (e di altre altcoin), la mossa ha in gran parte prodotto risultati positivi per gli appassionati di criptovalute al di fuori della Cina, dove sta stimolando le economie e guidando l’innovazione.

In effetti, l’impatto ambientale di Bitcoin è una chiara carenza della tecnologia, qualcosa che tutti, da Elon Musk a Liz Warren, hanno ripetutamente sottolineato più volte. Il mondo dovrebbe rallegrarsi del fatto che la sua produzione si stia spostando in luoghi che non fanno affidamento sull’inquinamento del carbone, ma abbracciano piuttosto l’energia verde sostenibile per rimanere redditizia.

Una questione soprattutto ambientale

Dopo aver esaminato questi numeri, sarebbe facile dichiarare New York come l’hub Bitcoin più caldo al mondo. Nonostante ciò, le lezioni della Cina ci hanno insegnato che le politiche di regolamentazione oppressive allontanano l’innovazione e le politiche ambientali di New York potrebbero tornare a morderle. Sebbene non sia il leader per quanto riguarda hashrate, il Texas ha stabilito le basi migliori per un possibile boom di Bitcoin.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I vincitori in questa moderna corsa all’oro sono il consumatore e l’ambiente. L’esodo di Bitcoin dalla Cina – e la migrazione verso fonti energetiche sostenibili dal punto di vista ambientale – danno credibilità a Bitcoin, proteggono il consumatore e continueranno a far guadagnare molti soldi a chi ha già piantato i semi per imporsi in questo mercato.