CBDC vs Criptovalute: come le banche tenteranno di arginare la DeFi con le proprie monete virtuali

Che cos’è una Central Bank Digital Currencies (CBDC) e perché stanno minacciando le criptovalute che stiamo imparando a conoscere.

Una Central Bank Digital Currency – o CBDC – è una moneta digitale emessa da una banca centrale. Il suo status di moneta a corso legale dipende dalla normativa o dalla legge del governo di riferimento.

cbdc central bank digital currencies
Adobe Stock

In questo articolo vedremo in cosa le CBDC differiscono dalle criptovalute che stiamo imparando a conoscere, che invece non sono controllate da nessuna autorità centralizzata. Leggi di più!

Banca Centrale: tutto quello che dovresti sapere

La banca centrale è un’istituzione finanziaria che controlla sia la creazione che la distribuzione di denaro e credito per una nazione, o un’unione economica di nazioni. Le banche centrali sono responsabili anche della politica monetaria del paese, oltre a vigilare sulla regolamentazione delle banche alleate.

Le banche centrali sono in grado di influenzare la politica monetaria attraverso mezzi come l’allentamento o l’inasprimento dell’offerta di moneta. In questo modo influenzano i tassi di interesse attraverso il costo e la disponibilità del credito. Inoltre le banche centrali detengono anche le riserve valutarie del paese, che vengono utilizzate per sostenere le passività o intervenire in tempi di crisi finanziaria.

Le banche centrali più influenti del mondo sono la Federal Reserve degli Stati Uniti, nota anche come Fed, la Banca centrale europea – o BCE – e la Banca popolare cinese, o PBOC. Qui abbiamo le più grandi economie del mondo, e le loro azioni modellano attivamente la politica monetaria globale.

Valuta Fiat: ecco che cos’è

La moneta fiat – o valuta fiat – è una moneta a corso legale sostenuta dal governo centrale. Può assumere la forma di contanti fisici o denaro elettronico, ad esempio con un credito bancario. È emesso dalle riserve governative, dal tesoro e dalla banca centrale per essere rilasciato nell’economia.

L’offerta di moneta è fondamentale per le banche centrali – in quanto parte della loro influenza sulla politica monetaria – poiché consente loro di controllare la liquidità e i tassi di interesse. L’offerta di moneta può essere classificata in quattro categorie, note come “Ms”, e vanno da M1 a M4. M1 è costituito da denaro fisico e denaro elettronico pronto per l’uso, mentre M4 comprende tutto il denaro, in contanti e conti bancari.

Quindi le CBDC sono criptovalute?

Non è corretto dire che le CBDC sono uguali alle criptovalute. In effetti, per molte ragioni sono l’esatto opposto di tutto ciò che rappresenta la maggior parte delle criptovalute.

Le CBDC rimangono pienamente nell’orbita del sistema finanziario tradizionale delle valute fiat. Queste sono sostenute dalla fiducia nell’emittente della valuta: la banca centrale nazionale ed il governo sovrano o l’autorità politica dietro di essa.

In termini più semplici, tutto questo significa che le CBDC sono sostenute dai governi. Questo è praticamente l’opposto della filosofia e della ragion d’essere delle criptovalute.

Le criptovalute decentralizzate come Bitcoin hanno le loro radici nella sfida allo status quo: sono una critica ad un sistema monetario esclusivo – gestito da banchieri e tecnocrati indipendenti – che sono in gran parte immuni alle pressioni democratiche e al controllo pubblico.

Satoshi Nakamoto – il misterioso e ancora sconosciuto inventore di Bitcoin – ha lasciato un messaggio chiaro nel primo blocco della criptovaluta dopo la crisi finanziaria del 2008: “sull’orlo di un secondo salvataggio bancario“.

Bitcoin intende creare un nuovo sistema finanziario dall’esterno. Ma l’emergere e la crescente popolarità delle criptovalute ha – forse inevitabilmente – stimolato innovazioni significative all’interno della finanza tradizionale, che ora risponde al fuoco con la propria valuta virtuale.

Tutto ciò è dimostrato dalla fenomenale crescita dell’interesse per le valute digitali delle banche centrali, o CBDC.

La Bank for International Settlements – un’organizzazione svizzera composta da 60 banche centrali – ha stimato che la maggioranza di esse è impegnata oggi nella ricerca e sviluppo di valute virtuali.

Tutte le valute digitali della banca centrale sono uguali tra loro?

Esistono due categorie principali di CBDC.

La prima è una variante “all’ingrosso”, limitata all’uso da parte degli istituti finanziari per i regolamenti all’ingrosso, ovvero per i pagamenti interbancari o i regolamenti di titoli.

La seconda è una “CBDC al dettaglio” per il grande pubblico.

Le CBDC al dettaglio sono ulteriormente suddivise in due tipi principali: “per uso generale”, “basate su account” o “basate su token”. Le CBDC al dettaglio estenderebbero in teoria l’accesso al denaro digitale al pubblico in generale. Potrebbero quindi avere implicazioni di portata molto più ampia per le banche e il sistema finanziario nel suo insieme rispetto alle loro controparti all’ingrosso.

Nel sistema attuale, intermediari come le banche commerciali sono responsabili della risoluzione delle controversie, dei servizi di Know Your Customer (KYC), dell’assicurazione dei depositi e di altri servizi.

A seconda della loro progettazione, le CBDC al dettaglio potrebbero alterare i ruoli operativi esistenti assunti dalle banche centrali e dalle istituzioni private all’interno del sistema finanziario.

Per questo motivo, gli analisti hanno studiato da vicino possibili progetti e architetture per le CBDC al dettaglio e ne hanno esplorato le potenziali conseguenze sulla struttura giuridica dei crediti nei confronti della banca centrale e delle istituzioni private.

CBDC e Criptovalute: Responsabilità – Centralizzazione – Regolamentazione

Una linea di fondo per queste valute virtuali è che – qualunque sia il modello che adottano – il loro riferimento finale è sempre la banca centrale. Tuttavia modelli diversi influenzerebbero la natura dei crediti verso un intermediario (se pertinente) e i registri tenuti dal Banca centrale.

Ciò significa che – indipendentemente dall’aspetto di una CBDC – la responsabilità della sua struttura e manutenzione è sempre e comunque della banca centrale.

In un sistema CBDC indiretto a due livelli, la struttura dei crediti sarebbe simile al sistema finanziario esistente. Le istituzioni commerciali sarebbero obbligate a sostenere completamente la responsabilità nei confronti del consumatore, con i propri depositi di CBDC presso la banca centrale.

Ma le modifiche a questo modello intermedio potrebbero offrire nuove possibilità di regolamentazione e vigilanza per le banche centrali, sebbene ciò richiederebbe un’estensione massiccia delle loro operazioni esistenti. Per questo motivo, gli analisti hanno anche studiato architetture ibride che unissero crediti diretti e indiretti sulla banca centrale.

CBDC nelle più grandi economie del mondo: cosa succede alle criptovalute?

La capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute si aggira intorno ad $1 triliardo, ad agosto 2022. I governi e le istituzioni nazionali stanno aumentando il controllo e la supervisione normativa sull’industria delle criptovalute, come nel caso del recente ordine esecutivo di Biden. D’altra parte, i paesi che trainano le economie mondiali sono attivamente impegnati nella ricerca e sviluppo della propria CBDC, in parte per stare al passo con i progressi della tecnologia blockchain, in parte per mantenere lo status quo. Questo si sta svolgendo principalmente nelle tre maggiori economie del mondo: gli Stati Uniti, la Cina e l’Europa.

Euro digitale

L’euro digitale – secondo la maggior parte delle testate che abbiamo consultato – arriverà non prima del 2026. Per avere una risposta esaustiva su tutte le possibili domande clicca qui.

E-yuan: la CBDC cinese

Il sistema di pagamento elettronico in valuta digitale (DCEP) cinese è in fase di sviluppo dal 2014. Lo yuan digitale, tuttavia, non è un progetto blockchain che si basa su un registro decentralizzato. Si basa invece su un database centralizzato che registra e tiene traccia di tutte le transazioni sulla rete, oltre a controllare l’accesso alla rete. L’e-yuan è supportato 1:1 dallo yuan fisico. La Cina è il primo paese ad aver implementato una CBDC.

La CBDC statunitense

Anche la Federal Reserve ha annunciato che si sta muovendo verso lo sviluppo della propria valuta digitale. Il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che stanno monitorando attentamente la situazione. Ha inoltre sottolineato l’importanza di garantire che l’emissione della valuta digitale vada bene, invece di essere in vantaggio sul tempo rispetto alle loro controparti globali.

Powell ha anche affermato che i progressi tecnologici possono offrire nuove possibilità alla banca centrale. Tuttavia ha affermato che la CBDC doveva essere progettata per l’uso da parte del pubblico in generale. La Boston Fed guida il progetto e collabora con vari gruppi, come la Bank for International Settlement.

Cosa impedisce alle banche centrali di rilasciare CBDC in questo momento?

Gli analisti hanno sottolineato che è possibile far decollare le valute virtuali e renderle disponibili al grande pubblico. Queste monete dovrebbero anzitutto fornire sicurezza e convenienza simili ai contanti per quanto riguarda i pagamenti peer-to-peer (anche internazionali). Inoltre dovrebbero tenere conto delle disposizioni sulla privacy e sull’accessibilità universale.

Le tecnologie di contabilità distribuita come la blockchain potrebbero espandere le possibilità di preservare la privacy degli utenti. Uno dei modi per farlo è sostituire le strutture di identità convenzionali – utilizzate per i conti bancari – con una struttura di identificazione crittografica sicura.

Questo sistema basato su token e firme digitali, porrebbe in essere diverse sfide. In particolare per quanto riguarda la consapevolezza degli utenti e la gestione delle chiavi private, e probabilmente richiederebbe ulteriori livelli di protezione.

Ma è improbabile che le tecnologie blockchain vengano implementate per fornire l’architettura ad una CBDC. Possiamo dire questo a causa dell’enorme volume di throughput di dati che sarebbe richiesto.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In passato sono state già esplorate diverse architetture blockchain per i diversi modelli di CBDC. Il numero di transazioni in molti sistemi di pagamento all’ingrosso è infatti simile a quello già gestito dalle piattaforme blockchain esistenti. Seguiranno aggiornamenti.