Storia del prezzo di Bitcoin parte 4: 2022 — LA NUOVA SERIE UFFICIALE

In questa quarta e ultima puntata su Bitcoin e la cronologia del suo prezzo, esploriamo la storia della principale cripto nel 2022.

Siamo arrivati alla quarta e ultima puntata della Storia del Prezzo di Bitcoin. In questo capitolo vedremo gli aggiornamenti più importanti del periodo 2022. Se hai perso le puntate precedenti, puoi recuperarle CLICCANDO QUI

bitcoin storia
Adobe Stock

Bitcoin è una tecnologia ancora relativamente giovane. Il nostro obiettivo è capire perché è l’asset che storicamente ha performato meglio. Immergiamoci.

Bitcoin: cronologia del prezzo: 2022

2 gennaio 2022, prezzo BTC: $47.345.

Scoppiano proteste di massa in Kazakistan dopo che il governo ha rimosso i massimali sui prezzi dell’energia. Questo inevitabilmente provoca un aumento dei prezzi dell’energia (e dei costi di mining di Bitcoin). Secondo quanto riferito, le proteste sfociano in violente rivolte alimentate dalla disuguaglianza economica a livello nazionale. Alla fine tali sommosse portano a 277 morti e almeno 10.000 arresti. Dopo quattro giorni di disordini, il 6 gennaio, il presidente Kassym-Jomart Tokayev ha bloccato tutto l’accesso a Internet in tutto il Kazakistan. Questo ha di fatto posto fine al mining di Bitcoin a livello nazionale.

In un anno tipico, questo non avrebbe causato molti problemi. Tuttavia, a causa del divieto di mining di criptovalute in Cina, il Kazakistan all’epoca era saturo di miners di Bitcoin. In effetti, la sua quota di miners di Bitcoin è cresciuta dall’1,4% fino a raggiungere il 18% a settembre 2019, prima che la Cina bandisse le criptovalute. Pertanto, l’hashrate globale di Bitcoin è sceso del 14% durante i primi due giorni di blackout.

Durante le tre settimane successive a queste proteste, il prezzo di Bitcoin è sceso da $47.345 a $35.030.

8 febbraio 2022, prezzo BTC: $ 44.118.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti annuncia di aver sequestrato 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin rubati dall’hacking Bitfinex del 2016. All’epoca, il valore perso dall’hacking era stimato a $4,5 miliardi di dollari. Le autorità statunitensi hanno arrestato e accusato due persone di cospirazione per riciclare la criptovaluta rubata. La coppia rischia fino a vent’anni dietro le sbarre se giudicata colpevole. L’intera saga sarà disponibile su Netflix come docuserie.

9 febbraio 2022, prezzo BTC: $44.338.

L’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati pubblica un rapporto che indica che l’adozione delle criptovalute è in costante crescita in Europa. A quel punto, il 6% degli slovacchi e l’8% dei cittadini olandesi possiedono criptovalute.

Durante la stessa settimana, l’autorità di regolamentazione finanziaria del Regno Unito (FCA) ha aggiornato il divieto di commercializzare e distribuire prodotti correlati alle criptovalute, che non sono regolamentati nel Regno Unito, e ha condiviso dati sulla proprietà e gli atteggiamenti delle criptovalute all’interno del Regno Unito. I dati suggeriscono che quasi il 70% dei proprietari di criptovalute britannici ritiene che la FCA regoli le criptovalute, il che non è corretto. La FCA regola solo la pubblicità relativa alle criptovalute, non le criptovalute in sé.

24 febbraio 2022, prezzo BTC: $38.332.

La Russia lancia un assalto su vasta scala all’Ucraina, spingendo rapidamente le truppe verso le città di Kiev, Kharkiv e Kherson. Gli aerei civili russi sono banditi dallo spazio aereo dell’UE, e anche i media statali russi sono banditi dalle onde radio dell’UE. In poco tempo, il governo russo minaccia di interrompere le forniture di gas all’UE, che fa salire rapidamente i prezzi dell’energia – e quindi i costi di mining di Bitcoin – alle stelle.

Due giorni dopo l’invasione, il governo ucraino ha richiesto donazioni di criptovaluta tramite Twitter. Nelle prime tre settimane di conflitto vengono raccolti più di 50 milioni di dollari e nella terza settimana di marzo la cifra sale a quasi 100 milioni di dollari. I fondi vanno al governo ucraino e a una ONG chiamata Come Back Alive, che sostiene l’esercito ucraino.

La Russia viene rapidamente esclusa dal sistema SWIFT, che impedisce alle sue banche di interagire con il sistema finanziario globale. Sorgono quindi domande sul fatto che i cittadini russi possano utilizzare la criptovaluta per aggirare le sanzioni. Nel tentativo di impedirlo, la leadership dell’UE e degli Stati Uniti ha chiesto agli exchange di criptovalute di congelare tutti gli account noti appartenenti a utenti russi. Gli exchange, per la maggior parte, rifiutano. Rilasciano dichiarazioni in cui spiegano che vietare unilateralmente tutti gli utenti russi “vaglierebbe di fronte al motivo per cui esiste la crittografia“.

La posizione degli exchange

Coinbase tramite una dichiarazione ufficiale afferma: “In questo momento, non istituiremo un divieto generale su tutte le transazioni Coinbase che coinvolgono indirizzi russi. Invece, continueremo ad attuare tutte le sanzioni che sono state imposte. Tra queste c’è il blocco degli account e le transazioni che possono coinvolgere persone o entità sanzionate“.

Binance rilascia una dichiarazione simile, in cui CZ spiega che Binance non esclude gli utenti di un determinato paese perché “non pensiamo di avere l’autorità per farlo“.

Il CEO di Kraken, Jesse Powell, va oltre Coinbase e Binance, sostenendo che il governo degli Stati Uniti non aveva il diritto di chiedere alla sua azienda di congelare i conti russi: “se dovessimo congelare volontariamente i conti finanziari dei residenti di paesi che attaccano ingiustamente e provocano violenze in tutto il mondo, il passaggio 1 sarebbe quello di congelare tutti gli account statunitensi“.

Solo un exchange soddisfa le richieste al 100%: si tratta della piattaforma NFT ucraina chiamata DMarket. DMarket blocca gli account registrati a cittadini russi e bielorussi, e in seguito impedisce alle persone di entrambi i paesi di aprire account sul sito.

Il prezzo di Bitcoin precipita da $44.000 la settimana prima che la Russia invadesse i $34.000 entro la fine di febbraio.

9 marzo 2022, prezzo BTC: $41.982.

Il presidente Biden firma un ordine esecutivo intitolato “Garanzia di uno sviluppo responsabile delle risorse digitali“. L’ordine delinea in linea di massima una roadmap che delinea i piani del governo degli Stati Uniti per l’utilizzo e la regolamentazione delle criptovalute.

L’ordine stabilisce varie dichiarazioni politiche relative alle criptovalute, come “dobbiamo proteggere consumatori, investitori e aziende negli Stati Uniti” e “dobbiamo supportare i progressi tecnologici che promuovono lo sviluppo e l’uso responsabili delle risorse digitali“.

Sono inoltre richiesti una serie di rapporti delle agenzie governative statunitensi sulla creazione e l’uso delle valute digitali delle banche centrali (CBDC), nonché rapporti del Tesoro sulle raccomandazioni politiche relative alle criptovalute. Nell’ambito dei rapporti, il governo degli Stati Uniti si consulterà con i numerosi regolatori finanziari sul modo migliore per proteggere i consumatori dai rischi legati alle criptovalute.

Uno degli obiettivi principali dell’ordine è “mitigare la finanza illecita e il rischio per la sicurezza nazionale rappresentato dall’uso improprio delle risorse digitali“. Questo obiettivo probabilmente riguarda la recente invasione russa dell’Ucraina e preoccupazioni specifiche per lo stato russo (compresi alti funzionari del governo russo) che evita sanzioni finanziarie utilizzando le criptovalute.

A seguito dell’ordine esecutivo, Bitcoin è aumentato del 9%: le criptovalute hanno reagito favorevolmente alla notizia.

27 aprile 2022, prezzo BTC: $39.241.

I legislatori della Repubblica Centrafricana (CAR) hanno votato all’unanimità per adottare Bitcoin come moneta a corso legale, diventando così il secondo paese a farlo, dopo El Salvador.

Dopo l’approvazione della legge, i cittadini della CAR possono utilizzare il franco CFA e Bitcoin per tutte le loro spese quotidiane. Gli esperti suggeriscono che la legislazione potrebbe aiutare la Repubblica Centrafricana a ridurre la sua indipendenza dal dollaro USA per il commercio internazionale, e aiutare i cittadini a proteggere la propria ricchezza dall’inflazione valutaria.

Leggi: Come potrebbe Bitcoin diventare valuta a corso legale?

7 maggio 2022, prezzo BTC: $35.501.

La rete Terra, una delle più grandi storie di successo delle criptovalute nel 2021, inizia a sgretolarsi. Il suo eventuale crash sarà probabilmente ricordato come uno dei crolli più spettacolari nella storia delle criptovalute e le ripercussioni si faranno sentire per anni.

Terra era principalmente nota per la sua stablecoin algoritmica – UST – ancorata a $1 utilizzando un token associato chiamato LUNA. A differenza di altre stablecoin (come USDC), Terra non immagazzina denaro in riserva per supportare il suo prezzo. Al contrario, il protocollo eseguiva automaticamente gli swap per mantenere il prezzo fisso di UST in base alla domanda e all’offerta di LUNA. O almeno quella era l’idea.

La mattina del 7 maggio, una balena di LUNA scambia 85 milioni di dollari UST con USDC, il che porta molte persone a ipotizzare che UST potrebbe perdere il suo ancoraggio a $1, il che avrebbe scatenato un disastro nella rete Terra. Il 9 maggio, questa paura è diventata realtà: UST è sceso da $1 a $0,35.

Il disastro

Luna, il token duale di Terra che una volta valeva $120, scende del 96% in ventiquattro ore, incluso un calo del 32% in appena un’ora. Nel momento in cui scrivo vale frazioni di un centesimo. La blockchain di Terra si è fermata; nel frattempo gli investitori di criptovalute si affrettano a ridurre le loro perdite: le DApp DeFi hanno assistito alla cancellazione di 28 miliardi di dollari dai loro protocolli in poche settimane.

Il prezzo di Bitcoin è sceso da $35.501 a $28.900 durante il picco di ricaduta.

L’implosione della rete Terra ha causato un terremoto nel settore delle criptovalute che ha visto la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute più che dimezzarsi da 1,8 trilioni di dollari all’inizio di maggio a 822 miliardi di dollari entro la metà di giugno.

Secondo quanto riferito, un fondo di rischio chiamato Hashed ha perso 3,5 miliardi di dollari dal crollo di Terra, sebbene il danno non sia stato limitato a una sola azienda. Diverse piattaforme crittografiche e società di capitali di rischio sarebbero poi diventate vittime collaterali, in particolare Celsius e 3AC.

12 giugno 2022, prezzo BTC: $26.762.

Celsius Network annuncia di aver congelato i prelievi, gli scambi e i trasferimenti dei clienti in risposta a “condizioni di mercato estreme” in seguito al crollo di Terra. Si è poi diffusa la voce che l’azienda sia segretamente scivolata in un’insolvenza e stia cercando di scappare con i contanti dei suoi clienti.

Il prezzo di Bitcoin è crollato del 12% il giorno successivo.

Gli utenti di Celsius sono esplosi in una vera e propria rivolta dopo l’annuncio. Hanno accusato in massa la piattaforma di aver preso in ostaggio i loro soldi e averli lasciati all’oscuro di tutto. La società si rifiuta di offrire qualsiasi spiegazione ai suoi 1,7 milioni di clienti su quando avrebbero potuto ritirare o trasferire i propri fondi. Poco dopo, i mercati crittografici globali sono scesi sotto i 1 trilione di dollari per la prima volta da gennaio 2021.

Due settimane dopo l’annuncio, all’inizio di luglio, Celsius ha licenziato uno su cinque dei suoi dipendenti, e ha assunto un team di esperti di ristrutturazione, nel tentativo di rimettere in piedi la piattaforma.

Celsius dichiara bancarotta

Dopo altre due settimane di speculazioni, i peggiori timori degli utenti di Celsius finalmente diventano realtà: Celsius dichiara ufficialmente bancarotta. I documenti dell’azienda hanno tentato di spiegare perché ha congelato i fondi dei clienti: “Senza una pausa, l’accelerazione dei prelievi avrebbe consentito ad alcuni clienti – quelli che erano stati i primi ad agire – di essere pagati per intero lasciando altri indietro ad aspettare che Celsius raccogliesse valore da attività di distribuzione di attività illiquide o a lungo termine prima che ricevano un recupero”.

Anche se questo è ovviamente vero, molti utenti sottolineano rapidamente che questo non spiega in primo luogo perché i loro fondi debbano essere congelati, né perché l’azienda stia dichiarando bancarotta.

Un deposito del tribunale nei giorni seguenti ha rivelato un buco di 1,3 miliardi di dollari nel bilancio di Celsius, e che ai suoi utenti dovesse almeno 4,7 miliardi di dollari. L’azienda attribuisce la sua carenza di liquidità a un effetto domino a partire dal crollo di Terra all’inizio di maggio.

15 giugno 2022, prezzo BTC: $22.572

Emergono voci secondo cui una società di venture capital molto rispettata – ovvero Three Arrows Capital (3AC), che una volta gestiva $18 miliardi di asset al suo apice – sia diventata l’ultima vittima del crollo delle criptovalute provocato dalla capitolazione di Terra.

La speculazione inizia dopo che Su Zhu, uno dei fondatori dell’azienda, ha twittato:

Stiamo comunicando con le parti interessate e ci impegniamo pienamente a risolverlo“.

Piuttosto che chiarire la situazione, questo tweet suggerisce che l’azienda è in grossi guai senza spiegare esattamente cosa sta succedendo, quanto capitale è a rischio e chi potrebbe essere interessato. Tuttavia, qualcosa era estremamente chiaro: il precedente crollo di Celsius e Terra aveva probabilmente qualcosa a che fare con la crisi della 3AC.

Al momento del crollo di Terra, i fondatori di 3AC – Kyle Davies e Su Zhu – hanno assicurato ai loro investitori che il crollo non avrebbe influenzato la loro azienda. Questa purtroppo non era la verità, poiché in seguito è emerso che 3AC aveva preso in prestito miliardi di dollari da piattaforme come Celsius, Genesis e altre per investire in Terra, incluso lo scambio di $500 milioni in Bitcoin con una somma equivalente di Luna, il token di governance di Terra ormai quasi senza valore.

Quando LUNA è crollato, questo investimento di 500 milioni di dollari è praticamente svanito nel nulla. In quanto tale, 3AC stava girando intorno al problema, ma i loro investitori non sono mai stati rimborsati.

Effetto domino

Pochi giorni dopo il Tweet di Zhu, il WSJ riferisce che 3AC potrebbe non essere in grado di rimborsare il suo prestito di 665 milioni di dollari da Voyager Digital, un’azienda che successivamente dichiara fallimento come risultato diretto di questo prestito non pagato. Zhu rimuove prontamente tutti i riferimenti alle criptovalute dalla sua biografia su Twitter, a parte Bitcoin, ed elimina il suo account Instagram.

In seguito emerge che quando 3AC stava affrontando dozzine di richieste di margine, Zhu, Davies e il loro staff stavano disperatamente scommettendo i soldi dei loro clienti nel vano tentativo di recuperare il denaro che avevano perso.

Bitcoin, che a inizio giugno era a quota $32.000 circa, è crollato a $18.000 durante il crollo di 3AC. Altri fattori hanno sicuramente influenzato il prezzo di Bitcoin, ma la scomparsa di 3AC ha senza dubbio giocato un ruolo significativo nella discesa di Bitcoin verso il livello dei $20.000 per la prima volta dal 2020.

29 giugno 2022

Due settimane dopo il Tweet di Zhu, un tribunale delle Isole Vergini britanniche ha ordinato alla 3AC di liquidare i suoi beni. E il 1° luglio, l’azienda ha ufficialmente dichiarato fallimento in un tribunale di New York, senza la presenza di Zhu o Davies. I documenti fallimentari rivelano che 3AC deve almeno $3 miliardi di dollari ai suoi creditori.

Zhu e Davies sono scomparsi dalla vita pubblica. Come se non bastasse entrambi hanno presentato richieste finanziarie contro la propria azienda come parte della dichiarazione di fallimento. In particolare Zhu ha richieto $5 milioni, e la moglie di Davies $65,7 milioni di dollari. Gli utenti su Twitter hanno preso di mira senza pietà i fondatori per essere scomparsi e per essersi rifiutati di spiegare come hanno fatto fallire la loro azienda. Allo stesso tempo hanno presentato atti giudiziari per perseguire i reclami contro la loro stessa azienda ormai allo sfascio. Questo ha portato un tribunale statunitense a congelare i beni dei fondatori, adducendo come causa la loro quasi totale mancanza di comunicazione con i creditori.

Gli uffici di Singapore, un tempo affollati, a metà luglio vengono visitati da alcune persone incaricate dal tribunale. Incredibilmente li trovano vuoti e abbandonati, con nient’altro che la vecchia posta delle settimane precedenti. I liquidatori statunitensi hanno parlato con i creditori di 3AC. Tra questi ci sono Genesis Trading, Deribit, BitMEX, BlockFi, Celsius, Voyager Digital e Blockchain.com, a cui 3AC deve ingenti somme.

Non è subito chiaro come 3AC sia implosa così all’improvviso. Una teoria ipotizza che l’azienda fosse troppo esposta long su tutti i suoi investimenti, in un momento in cui il mercato delle criptovalute stava rapidamente crollando. Questo, combinato con la sua grande scommessa sull’ecosistema di Terra, ha fatto crollare un’azienda che un tempo era venerata e rispettata. I suoi fondatori fuggirono dalla vita pubblica in disgrazia.

17 giugno 2022, prezzo Bitcoin: $20.381.

Mentre Bitcoin è sceso al prezzo più basso in diciotto mesi, l’autorità di regolamentazione finanziaria (FCA) del Regno Unito riferisce che il 78% degli adulti britannici aveva sentito parlare di criptovalute e che il 4,4% possedeva almeno una criptovaluta, rispetto al 3,9% dell’anno precedente. La FCA rivela anche che il britannico medio detiene $361 in criptovalute, rispetto ai $310 dell’anno prima.

20 luglio 2022, prezzo Bitcoin: $24.169.

Un portavoce di Tesla rivela che l’azienda ha venduto il 75% delle sue partecipazioni in Bitcoin per circa 900 milioni di dollari. Il produttore di auto elettriche afferma che la “svalutazione di Bitcoin” ha influito negativamente sui suoi guadagni trimestrali, da cui la vendita. Questa decisione ovviamente non era di buon auspicio per i bitcoin maxi.

La mossa segue il cambiamento di opinione del fondatore di Tesla Elon Musk su Bitcoin, quando ha suggerito che “la criptovaluta è una buona idea su molti livelli, ma attualmente avviene a scapito dell’ambiente“. A seguito di questo precedente annuncio, Tesla ha smesso di accettare pagamenti in Bitcoin per i suoi veicoli elettrici.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Noi saremo sempre qui a raccontarvi gli sviluppi di fine 2022.