Il futuro del mining di criptovalute: un’industria che resta molto redditizia

Il futuro del mining di criptovalute: si è evoluto dai tempi del CPU, ma cosa riserva il futuro per questo settore? Continua a leggere.

Era il 3 gennaio 2009. Il creatore pseudonimo di Bitcoin – Satoshi Nakamoto – ha estratto il primo blocco della blockchain – il “Genesis Block” – sull’unità di elaborazione centrale (CPU) di un computer.

Oggi – nel 2022 – un CPU è essenzialmente inutile per minare BTC. Il mining si è evoluto dal mining di CPU, al mining di unità di elaborazione grafica (GPU), quindi al mining di ASIC. Questo perché la potenza di calcolo della rete continua a crescere e la capitalizzazione di mercato di la prima criptovaluta ha raggiunto quasi 1,3 trilioni al suo apice.

mining criptovalute bitcoin
Adobe Stock

Essenziale per la sicurezza di tutte le blockchain proof-of-work (POW), il mining di criptovalute è il processo di verifica delle transazioni in modo sicuro e decentralizzato. Più comunemente associato alla blockchain di Bitcoin, il PoW è stato il primo sistema di consenso decentralizzato per i registri blockchain. Oggi è ancora utilizzato per proteggere più valore digitale di qualsiasi altro meccanismo di consenso.

Implica l’utilizzo di grandi quantità di potenza di calcolo per creare nuovi blocchi che possono quindi essere riempiti con transazioni e aggiunti alla blockchain.

Nella maggior parte dei casi, le blockchain PoW coniano nuove monete per espandere l’offerta e premiare i miners per il loro lavoro. Quando le ricompense superano i costi operativi, il mining è profittevole. Ma l’industria mineraria è ancora in evoluzione.

Il mining di criptovalute sta diventando sempre più efficiente, più accessibile e più sostenibile. Nonostante le alternative Proof-of-Stake, il mining può dire ancora la sua grazie all’avvento di una serie di nuove innovazioni, che saranno esplorate in questo articolo. Immergiamoci.

Futuro del mining di criptovalute: prodotti derivati

Il mining di criptovalute può essere un modo interessante per ottenere esposizione a nuove criptovalute PoW, senza doverle acquistare su mercati secondari come gli exchange.

Il problema è che c’è una barriera incredibilmente alta all’ingresso. Che si tratti degli alti costi delle apparecchiature e dei lunghi ritardi di consegna, dell’esperienza e della manutenzione necessarie per far funzionare l’hardware di mining o dei costi dell’elettricità altamente variabili – che possono rendere il mining semplicemente non redditizio – la maggior parte dei miner deve fare i salti mortali per guadagnarci qualcosa.

Tutto questo è stato parzialmente risolto con l’avvento di soluzioni di cloud mining come Genesis Mining e BeMine, che consentono agli utenti di acquistare contratti per il mining con una quantità nota di hash rate per un periodo fisso.

Ma i provider di cloud mining potrebbero non fornire un buon ritorno sull’investimento. La storia mostra che è improbabile che la maggior parte dei contratti di cloud mining siano redditizi anche a lungo termine, a meno che la cripto che stai minando si apprezzi considerevolmente durante e/o dopo il tuo periodo di mining. Per questo motivo, è generalmente più redditizio semplicemente acquistare la moneta che desideri e conservarla a lungo termine, piuttosto che accumulare utilizzando un contratto di cloud mining.

Come si stanno sviluppando

Fortunatamente, sono in fase di sviluppo un certo numero di prodotti derivati ​​che hanno il potenziale per alzare il livello, e stanno vedendo il loro utilizzo crescere. Tra questi ci sono futures e opzioni su criptovalute, che possono essere utilizzati per speculare sul valore di un asset in un momento futuro, nonché azioni tokenizzate, che possono essere utilizzate per ottenere un’esposizione all’azione dei prezzi di produttori di hardware minerario, distributori, società di cloud mining e altro ancora.

I protocolli di asset sintetici, inclusi Synthetix e UMA, potrebbero aiutare gli utenti ad ottenere un’esposizione al settore minerario, poiché consentono agli utenti di creare e scambiare versioni sintetiche di praticamente qualsiasi cosa, inclusi azioni e prodotti derivati ​​più complicati. Presto gli utenti potranno speculare sui rendimenti da mining, su opzioni di vendita a termine fisso e su altri prodotti di copertura.

Il mining “divertente”

In questo momento, se vuoi partecipare al mining di criptovalute, hai essenzialmente due opzioni: investire sulla tua personale attrezzatura da mining (un processo potenzialmente complesso e costoso) o stipulare un contratto di cloud mining.

Questi problemi hanno reso il mining di criptovalute meno accessibile di quanto dovrebbe essere, limitando il numero di nodi e miner che aiutano a proteggere ogni rete PoW.

Uno dei modi per affrontare questa sfida è rendere il processo divertente. Giocando con il processo di mining, potrebbe essere possibile espandere il mining di criptovalute a un pubblico molto più ampio, rendendolo divertente e facile anche per i principianti. Questo processo ha già contribuito a sconvolgere i settori del fitness, dell’istruzione e delle banche, e ora si sta facendo strada nel settore del mining di criptovalute.

Un processo simile al mining di criptovaluta gamificato possiamo trovarlo in una varietà di giochi play-to-earn – tra cui Alien Worlds – che consente ai giocatori di competere per minare la criptovaluta Trilium (TLM) acquistando appezzamenti di terreno digitali e minando su di essi utilizzando vari strumenti di gioco. Ci sono molti play-to-earn che presentano un concetto simile, inclusi Gold Fever e Star Atlas: entrambi consentono ai giocatori di minare un token ricompensa utilizzando meccaniche di gioco specializzate.

Fino a poco tempo fa, questo tipo di giochi consentiva agli utenti di minare risorse di gioco utilizzando solo il mining simulato. Ma il primo vero gioco – che potenzialmente ispirerà molti altri – che lega il vero mining di criptovalute con il gameplay è attualmente in fase di sviluppo.

Nova MiningVerse

Nova MiningVerse migliora il concetto di play-to-earn consentendo ai giocatori di guadagnare ricompense basate su blockchain per i loro risultati di gioco. Queste ricompense sono fornite dalla sua struttura partner di Nova – Hydroverse – che utilizza l’energia idroelettrica per fare mining ed ha sede in Georgia.

Costruito sulla piattaforma Stacks, Nova MiningVerse lega direttamente l’attività degli utenti ai risultati di mining proof-of-work e consente agli utenti di guadagnare premi in Bitcoin. Presentato come “MiningVerse”, Nova fornirà una selezione di giochi che premiano i giocatori in BTC, inclusi un gioco roguelike 2D e uno sparatutto multiplayer VR.

Abbiamo sviluppato la nostra criptovaluta, un token collegato al gioco. E allo stesso tempo, abbiamo collegato il gioco al mining di Bitcoin” — ha affermato Lorenzo Stroe, CEO di Nova Miningverse.

Futuro del mining di criptovalute: sostenibilità migliorata

Negli ultimi anni sono state sollevate preoccupazioni sulla sostenibilità del mining di criptovalute. Molti critici sostengono che le criptovalute proof-of-work da sole utilizzano più energia di una piccola nazione.

Anche se a volte è così, gran parte dei miners di Bitcoin utilizzano energia rinnovabile. Secondo un recente rapporto del Bitcoin Mining Council, il 58% dei miners di criptovalute è alimentato da energia rinnovabile: idroelettrica, eolica, solare, nucleare, geotermica o di carbonio con compensazioni. Questo rende il mining di Bitcoin una delle industrie leader per l’utilizzo di energia rinnovabile.

Nonostante ciò, c’è ancora una forte spinta per eliminare completamente l’onere economico dell’industria del mining di criptovalute, passando a un modello rinnovabile al 100%. In linea con questo concetto, stanno nascendo in tutto il mondo un gran numero di strutture minerarie rinnovabili al 100%. Tra queste c’è una joint venture tra Blockstream e Jack Dorsey’s Block, che utilizza i pannelli solari Tesla e la tecnologia delle batterie per alimentare il suo nuovo impianto minerario con sede in Texas, nonché il già citato impianto di Nova Hydromining.

Dorsey sta anche costruendo un progetto di mining aperto, contribuendo a rendere il mining più accessibile e decentralizzato.

Data l’immensa pressione normativa che sta crescendo contro le imprese di mining, c’è un forte incentivo affinché le operazioni attuali e future diventino ecologiche. E le iniziative di mining sostenibili negli anni a venire diventeranno probabilmente la norma, piuttosto che l’eccezione.

Le società di mining diventano pubbliche

In questo momento, la stragrande maggioranza delle società di mining di criptovalute è di proprietà privata. Tra queste ci sono i principali produttori di hardware ASIC del mondo, Bitmain e Bitfury, nonché i principali fornitori di cloud mining come Bitdeer Group e Genesis Mining.

Molte di queste aziende hanno condotto consistenti round di finanziamento privato, ma nessuna è riuscita a diventare pubblica attraverso un’IPO. Tuttavia, diverse importanti società di mining di criptovalute hanno annunciato l’intenzione di quotarsi in borsa con un’offerta pubblica iniziale (IPO).

Probabilmente l’esempio più evidente di questa intenzione è il fallito tentativo di IPO di Bitmain a Hong Kong. Nonostante sia stato valutato circa $1 miliardo di dollari durante il round di finanziamento di serie A di settembre 2017, Bitmain ha cercato di quotarsi in borsa con una valutazione di oltre $15 miliardi. Non è successivamente riuscita ad andare avanti con la sua IPO. La sua domanda è scaduta a marzo 2019 e da allora non è stata più presentata.

I costi associati alla produzione, al funzionamento e alla distribuzione di hardware minerario di nuova generazione sono alti. Non è quindi irragionevole presumere che diverse importanti operazioni di mining diventeranno pubbliche per ottenere nuove iniezioni di capitale.

Per il prossimo futuro, sono già pianificate diverse IPO per le società di mining di Bitcoin. Tra queste c’è un’IPO da 60 milioni di dollari dalla società blockchain aziendale Applied Blockchain, Inc., nonché un’IPO da 100 milioni di dollari dalla società di mining di Bitcoin Rhodium Enterprises, che è stata recentemente posticipata.

Chip più efficienti dal punto di vista energetico

I chip di mining di criptovaluta generalmente richiedono una grande quantità di energia. Le loro prestazioni sono spesso misurate direttamente in termini di hashrate per kilowatt o joule per kWH.

Un esempio potrebbe essere l’Antminer S19, che produce circa 31,67 TH/kW mentre il più recente S19 XP ha un’efficienza di circa 21,5 J/TH.

Man mano che i chip ASIC diventano più capaci, anche i loro requisiti di potenza assoluta aumentano. La loro efficienza migliora man mano che i produttori si spostano verso chip più piccoli. I miners della generazione precedente utilizzano chip a 7 nm mentre l’attuale generazione utilizza 5 nm.

Il passaggio da un processo di progettazione da 7 nm a 5 nm generalmente produce una migliore efficienza energetica e prestazioni più veloci. Ma non è l’unico modo per fornire una maggiore efficienza ai minatori.

Un altro modo per ottenere questo risultato è un design più efficiente dal punto di vista energetico e una migliore produzione su larga scala. Citiamo a proposito i chip Blockscale di Intel recentemente rilasciati. Questi offrono fino a 26 J/TH di prestazioni, con una performance assoluta di 148 TH/s per impianto di mining completo (con 256 chip).

Questi dati lo pongono ancora dietro l’S19 XP di Bitmain in termini di pura efficienza. Ma i chip Intel costano circa la metà dell’ultima offerta di Bitmain. I sistemi Blockscale arrivano a circa 5.500 euro per unità rispetto ai circa 11.000 euro per l’S19 XP.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Detto questo, Bitmain offre sconti molto interessanti per acquisti all’ingrosso e ordini anticipati, che possono bilanciarne la convenienza, almeno per i miners facoltosi.