Tutte le opportunità di Arbitraggio esistenti, dalla più semplice alla più difficile: così puoi guadagnare

Come guadagnare utilizzando la tecnica dell’arbitraggio nella DeFi: le opportunità più profittevoli da non lasciarsi scappare.

Il settore DeFi offre molte opportunità di arbitraggio per i trader. Analizziamo i diversi metodi di arbitraggio disponibili in questo settore e come puoi utilizzarli per guadagnare!

La DeFi, come qualsiasi mercato emergente, presenta delle inefficienze. L’inefficienza porta ad avere delle opportunità finanziarie e speculative. L’arbitraggio è una di queste opportunità, ed è particolarmente interessante grazie al suo buon rapporto rischio-rendimento.

arbitraggio
Adobe Stock

Tuttavia, chiunque pensi che l’arbitraggio sia denaro facile e gratuito si sbaglia. L’arbitraggio in DeFi richiede forti competenze tecniche e un’eccellente conoscenza del mercato. In questo articolo, forniremo una panoramica riguardo:

  • Il tipo di opportunità di arbitraggio esistenti in DeFi.
  • Come funziona ciascuna opportunità di arbitraggio.
  • Una valutazione di quanto siano difficili da eseguire.
  • Una panoramica dei rischi coinvolti nell’arbitraggio DeFi.

Iniziamo!

Arbitraggio: ecco che cos’è

Investopedia definisce l’arbitraggio come “l’acquisto e la vendita simultanei della stessa attività in mercati diversi al fine di trarre profitto da piccole differenze nel prezzo di quotazione dell’asset. Sfrutta variazioni di breve durata nel prezzo di strumenti finanziari identici o simili in mercati diversi o in forme diverse“.

In parole povere: l’arbitraggio è quando puoi acquistare un asset su una piattaforma e rivenderlo su un’altra a prezzo maggiorato.

In DeFi, l’arbitraggio ha molte possibilità diverse. Esaminiamo in dettaglio le diverse opportunità.

Arbitraggio tra bridge

Alcune opportunità di arbitraggio derivano dalle differenze di prezzo tra diverse blockchain.

Ad esempio, alcuni mesi fa sono emerse diverse opportunità per ETH sulla mainnet di Ethereum e sul layer 2 di Arbitrum. In quel periodo era possibile acquistare ETH dalla rete principale, e rivenderlo sul L2 con un profitto tra lo 0,4% e lo 0,6%. Non sembra molto, ma non è sicuramente neanche poco.

Tale opportunità può derivare da una carenza di asset (ETH in questo caso) nell’ecosistema. Gli ETH potrebbero essere bloccati in contratti di staking o nei pool di liquidità, e questo porta a ricompensare coloro che sono in grado di spostarli.

Come funziona l’arbitraggio tra bridge?

In questo caso, dovevi semplicemente collegare ETH dalla rete principale al layer 2. Era davvero così semplice. Dopo il periodo di attesa di sette giorni per tornare da Arbitrum a Ethereum, era possibile bloccare nuovamente i propri profitti sulla rete principale.

Immagina gli arbitraggi tra bridge come la stessa valuta in due paesi diversi. Supponiamo che entrambi i paesi utilizzino il dollaro, ma il paese B non ha abbastanza dollari e ne ha bisogno di più. È pronto a pagarti un po’ di più per averli: logico no?

Difficoltà

Molto bassa. Ma gli arbitraggi tra bridge sono molto rari. È inoltre necessario tenere a mente che il bridging tra asset wrapped non rientra in questo tipo di arbitraggio, poiché aggiunge un ulteriore strato di rischio.

Arbitraggio tra stablecoin

Un recente esempio di arbitraggio tra stablecoin è stato il breve de-peg di USDT. USDT è sceso sotto il suo ancoraggio al dollaro, in seguito al panico dopo il crollo di LUNA. Gli arbitraggisti – o comunque vogliamo chiamare chi fa arbitraggio – hanno acquistato USDT al di sotto del limite del dollaro e lo hanno rivenduto in dollari, intascando un profitto piccolo ma privo di rischi. In questo caso, il meccanismo ha funzionato esattamente come previsto, poiché le stablecoin sono progettate attorno agli arbitraggisti che mantengono l’equilibrio tra l’asset on-chain e il suo equivalente nel mondo reale.

Anche l’arbitraggio tra Stablecoin può diventare più complesso. Ad esempio, una stablecoin può essere scambiata a un prezzo leggermente diverso su un DEX rispetto ad altri, richiedendo al trader di tenere conto dei costi del gas per l’arbitraggio. Gli arbitraggi tra Stablecoin possono avvenire anche in diversi pool. In tal caso, gli arbitraggisti sfruttano gli squilibri del pool.

Come funziona l’arbitraggio tra stablecoin?

Nell’esempio di Tether, è stato semplice acquistare USDT quando era al di sotto del suo peg e attendere alcune ore. Non sono state richieste transazioni bridging o cross-exchange: generalmente il caso in cui una stablecoin viene scambiata al di sotto del suo peg è più semplice.

Se una stablecoin viene scambiata al di sopra del suo peg, puoi venderla allo scoperto (su un exchange centralizzato) o vendere l’altro asset di una coppia di liquidità (su un exchange decentralizzato). Supponiamo che la coppia USDT/USDC sia sbilanciata, e che 1 USDC valga 1,02 USDT. Puoi vendere il tuo USDC per USDT e intascare la differenza di due centesimi una volta che la coppia tornerà a bilanciarsi.

Gli arbitraggi tra Stablecoin sono abbastanza intuitivi: di fatto equivalgono ai tassi di cambio fissi nell’economia reale.

Difficoltà

Bassa. L’aspetto più difficile è valutare il rischio relativo al de-peg. Nel caso di Tether, il mercato si stava (inutilmente) preoccupando per la capacità di Tether di avere il controvalore del totale di USDT in dollari. Ma il crollo di LUNA ha mostrato che l’arbitraggio tra stablecoin algoritmiche è significativamente più rischioso e può fallire.

Arbitraggio del rendimento

L’arbitraggio del rendimento è l’arbitraggio tra diversi asset e/o exchange. Ad esempio, potresti prendere in prestito dei DAI al 5% e prestare i tuoi DAI per il 10% (molto probabilmente su una piattaforma diversa). La differenza del 5% è a tutti gli effetti il tuo margine di profitto.

Un profitto così alto in realtà è improbabile, ed è molto probabile che sorgano differenze tra le diverse piattaforme DeFi e CeFi. Puoi prendere in prestito da un protocollo DeFi, ma prestare su una piattaforma CeFi o viceversa.

Come funziona l’arbitraggio del rendimento?

Un altro esempio potrebbe essere prendere in prestito da una piattaforma come Aave. Supponiamo di prendere in prestito ETH per l’1% su Aave e di prestarlo su una piattaforma custodial – come ad esempio BlockFi – per l’1,5%. Lo 0,5% è il tuo profitto.

Anche questo arb è abbastanza facile da capire. Un esempio (non così realistico) nel mondo reale sarebbe avere un’azienda ed assumere collaboratori. I collaboratori costano 1.000 euro al giorno e il profitto dalla loro produzione è di 1.100 euro. Semplice.

Difficoltà

Facile da fare in teoria ma anche raro, e queste opportunità sono disponibili per brevissimo tempo. I tassi attivi e passivi sono dinamici. Un semplice esempio come quello sopra verrebbe meno quasi istantaneamente. Queste opportunità vengono sempre più automatizzate da vari protocolli.

Arbitraggio degli asset

Gli arbitraggi bridge sono un sottoinsieme dell’arbitraggio degli asset. Qui in sostanza lo stesso asset ha un prezzo diverso tra exchange, ecosistemi o paesi. L’esempio più famoso di arbitraggio patrimoniale è quello di Sam Bankman-Fried – CEO di FTX – che faceva arbitraggio di Bitcoin in Giappone. In breve, SBF acquistava BTC negli Stati Uniti e li rivendeva in Giappone a un prezzo più alto, anche se ovviamente la questione era molto più difficile di così.

Un esempio recente di ciò è lo squilibrio di prezzo tra ETH ed ETH in staking in protocolli come LIDO. Sebbene gli ETH in staking dovrebbero teoricamente avere lo stesso prezzo degli ETH “normali”, in realtà venivano scambiati a prezzo di sconto, e quindi con una possibile opportunità di arbitraggio (questa ovviamente non è una consulenza finanziaria).

Come funziona l’arbitraggio tra asset?

L’arbitraggio delle risorse viene solitamente eseguito con bot che acquistano e vendono contemporaneamente su diverse piattaforme. Ma poiché i bot disponibili possono essere inaffidabili ed aperti a tutti, un vantaggio può essere raggiunto solo codificando il proprio bot di arbitraggio degli asset.

Simile all’arbitraggio bridge, un equivalente nel mondo reale è la stessa risorsa con un valore diverso in diversi exchange. Questo è spesso impossibile per diversi motivi, come regolamenti e controlli sui capitali.

Difficoltà

Un arb come quello che ha fatto SBF è molto complesso e ad alta intensità di capitale, motivo per cui è stato così redditizio! Un semplice arbitraggio cross exchange è semplice e può essere eseguito automaticamente, motivo per cui è facile da realizzare. Qualsiasi cosa nel mezzo risulta possibile, quindi siate creativi!

Arbitraggio in batch e prestiti flash

Questa è una versione più complessa dell’arbitraggio degli asset. L’arbitraggio tra diversi exchange centralizzati è semplice, ma le vere inefficienze spesso si nascondono tra DEX e pool di liquidità diversi. Gli arbitraggisti possono trarne vantaggio raggruppando le negoziazioni in un’unica transazione. Questo consente loro di eseguirle tutte con successo, o non eseguirle affatto.

In altre parole, il batching funziona come un ordine “fill or kill” su un exchange o una logica IF-THEN in un foglio Excel. I trader possono assumersi un rischio redditizio, oppure ridurlo per avere un profitto più “sicuro”, poiché la transazione viene attivata solo se tutte le condizioni sono soddisfatte. I prestiti flash aggiungono un ulteriore livello di difficoltà, e consentono ai trader di eseguire questi arbitraggi senza molto capitale.

Come funziona questo tipo di arbitraggio?

Ad esempio, prendi un prestito flash in ETH da un protocollo, acquisti il token nativo del protocollo su un exchange decentralizzato, lo vendi su un altro exchange e ripaghi il tuo prestito in ETH. Tutto ciò avviene in un’unica transazione, che viene eseguita solo se tutte le condizioni sono soddisfatte. Inutile dire che questo tipo di arb richiede ottime capacità di programmazione di smart contract.

Nansen fornisce una bella spiegazione di questo tipo di arbitraggio. Immagina di acquistare fumetti da un rivenditore, e di venderli immediatamente a un altro rivenditore mentre hai un amico che viaggia con te che ti presta denaro contante. Ma salirai in macchina – e inizierai la tua impresa – solo se sai che tutte le condizioni sono soddisfatte.

Difficoltà

Questi argomenti sono molto complessi e non è possibile eseguirli a mano. È necessario pertanto codificare contratti intelligenti attivati ​​da una determinata logica di esecuzione, per completare questi scambi in modo redditizio.

Arbitraggio da mining

Infine, ci sono opportunità di arbitraggio grazie alla natura trasparente della blockchain. Ad esempio, i miners di Ethereum possono vedere le transazioni nella mempool ed eseguirle con un prezzo del gas più elevato. Anche i normali utenti possono farlo e – per rendere le cose ancora più complesse – i primi classificati possono essere in testa al gruppo iniziale.

Come funziona l’arbitraggio da mining?

Supponiamo di voler eseguire l’arb dell’esempio precedente, ma un front miner esegue la tua transazione con un prezzo del gas più alto. Puoi annullare la tua transazione in batch ed eseguire una transazione singola con un prezzo del gas più elevato. È anche possibile il contrario: se sai come monitorare le transazioni blockchain e sai come scrivere un bot per scansionare il mempool, puoi gestire anche altri utenti.

Riprendendo l’esempio precedente di Nansen: stai andando a comprare e vendere fumetti a diversi rivenditori, ma scopri che qualcun altro sta già facendo lo stesso scambio che vuoi fare tu. Ti giri e vai a casa. Perdi i soldi delle commissioni, ma non devi più effettuare la transazione, dal momento che non è più redditizia.

Difficoltà

Inutile dire che questo è l’arb più complesso.

Rischi ed enigmi dell’arbitraggio DeFi

A questo punto abbiamo capito che l’arbitraggio in DeFi è più complesso di quanto sembri inizialmente. Ciò che sembra facile spesso non dura molto, e le cose complesse non sono solo “soldi facili”. Inoltre, ci sono anche dei rischi per l’arbitraggio DeFi: vediamone alcuni.

Rischio contratto intelligente

Gli smart contract tra diversi exchange possono presentare degli errori di codice. I tuoi fondi sono sempre a rischio se interagisci con un contratto intelligente difettoso, anche dopo che la transazione è stata eseguita.

Rischio commissioni

I prezzi fluttuanti del gas di Ethereum possono far sì che le opportunità di arbitraggio diventino non redditizie. Ciò rende necessarie le transazioni in batch, perché queste transazioni vengono attivate solo su un determinato prezzo del gas. Ma l’arb potrebbe non essere più disponibile fino a quando la transazione non viene completata.

Rischio del prezzo dell’asset

Come ha mostrato l’esempio di UST, una stablecoin può anche essere instabile. Il grado di rischio relativo all’arbitraggio degli asset è spesso soggettivo. Una persona può essere convinta che USDT non fallirà mai, mentre qualcun altro potrebbe non esserne così sicuro. Questo è in parte il motivo per cui si verificano i de-peg delle stablecoin.

Considerazioni finali

Ora potresti pensare: “l’arbitraggio… sembra tutto bello, ma non funziona nella pratica“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le opportunità di arbitraggio “facili” sono certamente difficili da trovare, e durano poco. Fare arbitraggio in DeFi in modo sistematico richiede il monitoraggio costante delle transazioni blockchain, saper scrivere codici per creare bot ben funzionanti, ed interagire con diversi exchange ed ecosistemi blockchain. In altre parole, è meglio lasciare l’arbitraggio DeFi ai professionisti.