Internet of Things (IoT): uno degli alleati principali della blockchain verso il futuro nel web3

Non solo blockchain: il web3 si compone anche di altri fondamentali. Vediamo alcune applicazioni pratiche per l’Internet of Things (IoT).

L’Internet of Things (IoT) è pronta a rimodellare rapidamente le nostre città e i nostri stili di vita. Scopriamo in questo articolo alcuni dei modi in cui le applicazioni IoT e la blockchain sconvolgeranno innumerevoli settori.

L’Internet of Things (IoT) è – insieme all’intelligenza artificiale – tra le aree più interessanti dello sviluppo tecnologico. L’idea alla base dell’IoT non è nuova. 22 anni fa, Kevin Ashton, co-fondatore dell’Auto ID Center del Massachusetts Institute of Technology, stava lavorando all’ottimizzazione della catena di approvvigionamento – o supply chain – per Procter & Gamble quando ha usato il termine per la prima volta durante una presentazione sull’identificazione a radiofrequenza (RFID).

iot internet of things

L’Internet of Things è spesso considerata una tecnologia nascente e altamente speculativa. In realtà la connettività, i dispositivi e le applicazioni IoT sono già ovunque intorno a noi. I dispositivi e gli elettrodomestici che utilizziamo comunemente tutti i giorni rientrano già tutti nell’ambito dell’IoT. Inclusi i dispositivi indossabili per il fitness e la salute, nonché vari tipi di apparecchiature mediche. Sempre più spesso, la tecnologia blockchain viene utilizzata per registrare e proteggere i dati IoT. Questo viene fatto al fine di fornire una crittografia superiore in modo che gli hacker non possano manomettere i dati memorizzati nei dispositivi.

In questo articolo, daremo un’occhiata alle tecnologie di base che sono alla base dell’IoT. Esamineremo diversi campi in cui sta già trovando applicazioni nel mondo reale.

IoT: 2 elementi chiave

Per comprendere correttamente il potenziale dell’IoT, è importante capire come funziona esattamente. Ogni rete IoT è composta sostanzialmente da due elementi.

  • I dispositivi IoT che raccolgono dati sul mondo e interagiscono con esso;
  • L’infrastruttura tecnologica che consente loro di comunicare.

Quando si tratta di connettività IoT, è possibile utilizzare diversi protocolli e tecnologie. Per le reti IoT locali, è possibile utilizzare il Bluetooth per la connessione tra dispositivi. Ma la portata limitata del Bluetooth lo porta a non essere utilizzato spesso nelle reti IoT. La maggior parte delle reti IoT utilizza connessioni Wi-Fi standard per connettere i dispositivi.

I dispositivi IoT inviano e ricevono dati tramite Wi-Fi, ma in genere non li elaborano da soli. In una tipica rete IoT, ci sarà anche un’infrastruttura di elaborazione e archiviazione dei dati in grado di acquisire dati grezzi e renderli utilizzabili. Anche nei sistemi di riscaldamento “intelligenti” in ambienti domestici – ad esempio i termostati – in genere trasmettono i dati a un hub di elaborazione centrale.

Dispositivi IoT

Gli altri componenti cruciali di qualsiasi rete IoT sono i dispositivi che raccolgono dati dal mondo reale e interagiscono direttamente con esso. Questa divisione – tra i dispositivi che raccolgono dati e quelli che interagiscono – è un punto chiave da tenere a mente. Risulta utile per comprendere i vari dispositivi IoT che sono già in uso.

I dispositivi indossabili per il fitness sono tra le applicazioni più popolari e visibili dell’IoT. Questi dispositivi sono in genere integrati in uno smartwatch o in uno smartphone e raccolgono dati sull’attività di un individuo. Quindi trasmettono questi dati in sistemi di elaborazione in grado di analizzarli e restituire informazioni utili all’utente.

Al contrario, molte delle prime applicazioni dell’IoT avevano a che fare con l’automazione industriale. Alcune in realtà erano già in uso anche prima che il termine fosse ampiamente utilizzato. Questi contesti utilizzano solitamente dispositivi ibridi. Ovvero hanno la capacità sia di raccogliere dati sui processi fisici e industriali sia di intervenire direttamente sulle macchine su cui sono installati.

Oltre a questa divisione di base, ci sono molti altri principi da conoscere. Con oltre 25 miliardi di dispositivi IoT che dovrebbero essere utilizzati entro il 2021, i dispositivi IoT oggi sono disponibili in tutte le forme e dimensioni, e sono stati adattati a un’enorme varietà di applicazioni. Vediamone alcune.

Smart Cities – Città Intelligenti

Una delle principali applicazioni per la tecnologia IoT è nelle città intelligenti. L’idea stessa di una “città intelligente” – ovvero quella che risponde ai bisogni dei cittadini in tempo reale – dipende dall’uso delle reti IoT.

Oggi, l’IoT viene utilizzato da molte città in tutto il mondo per un’enorme varietà di scopi. Alcuni utilizzano le reti IoT per raccogliere dati sulla domanda di elettricità e quindi per aumentare o diminuire di conseguenza la produzione di energia e la fornitura. Altri hanno utilizzato la stessa tecnologia per fornire avvisi di ogni tipo ai cittadini durante la pandemia di Covid-19.

Ma la più grande promessa fatta delle città intelligenti è che le reti IoT possano combinare insieme tutti i sofisticati sistemi IT – già utilizzati in molti settori e lungo tutta la catena di approvvigionamento – in un unico insieme integrato. Dato che l’economia dei micropagamenti è già in piena espansione, in futuro potrebbe essere possibile collegare i dati sui pagamenti alle infrastrutture delle città intelligenti, e quindi migliorare la comodità e la qualità della vita dei cittadini.

In questo contesto, la tecnologia blockchain è sempre più adottata come base per nuove soluzioni di identità digitale che possono aiutare a proteggere i dati delle persone. Una delle principali priorità per qualsiasi individuo o azienda è sapere che le proprie informazioni sensibili, ovvero nomi, indirizzi, informazioni finanziarie, punteggi di credito e così via, possono essere mantenute private e sicure.

Questo è il motivo per cui la blockchain si è affermata come uno strumento di sicurezza importante per l’ambiente digitale interconnesso di oggi, fornendo una crittografia di gran lunga superiore alle soluzioni precedenti e mitigando il rischio che un hacker si infiltri nei sistemi digitali.

Sanità

L’assistenza sanitaria è da molto tempo considerata un settore promettente per l’IoT. Negli ultimi anni sono stati utilizzati dispositivi e reti IoT per migliorare l’assistenza sanitaria in vari modi.

Al livello più elementare, i dispositivi IoT oggi hanno sostituito i dispositivi medici “tradizionali” in molti ospedali. Al posto di un medico che misura la temperatura con un termometro ad esempio, oggi è possibile misurarla utilizzando un termometro elettronico collegato a una rete IoT.

Ma la promessa dell’IoT nel settore sanitario va ben oltre. Stiamo già vedendo che i dati raccolti tramite le reti IoT possono essere inseriti in sistemi di apprendimento automatico e utilizzati per aiutare i medici ad eseguire una diagnosi.

Il prossimo passo logico è ovviamente quello di consentire alle reti IoT di fornire cure automatizzate ai pazienti. Ma ci sono grandi preoccupazioni sull’etica dell’assistenza tramite computer, nonché sulle potenziali vulnerabilità di sicurezza dei dispositivi IoT indossabili per il fitness e la salute. Poiché gli ospedali possono essere multati fino a 6 milioni di dollari in caso di violazione dei dati del dispositivo IoT wireless di un paziente, è probabile che l’assistenza completamente automatizzata avrà bisogno ancora di alcuni anni prima di essere implementata.

Ancora una volta, la blockchain gioca un ruolo importante quando si tratta di assistenza sanitaria. In effetti è possibile che emerga un’unica blockchain utilizzata in tutto il mondo. Questa singola blockchain unificata fungerebbe da cartella sanitaria universale per l’archiviazione e la protezione dei dati dei pazienti, a cui può accedere qualsiasi persona autorizzata all’interno del servizio sanitario o dell’industria medica.

Automobili

Ultimo ma non meno importante, l’IoT è una tecnologia chiave per i veicoli autonomi. L’automobile media contiene già dozzine di sensori che raccolgono informazioni sul mondo esterno. I sistemi più avanzati possono utilizzare questi dati in tempo reale per consentire ai veicoli di pilotarsi da soli.

Fino a tempi abbastanza recenti, il vero limite che tratteneva questi sistemi IoT e impediva loro di diventare mainstream è stata la potenza di elaborazione. Negli ultimi anni invece abbiamo visto le tecnologie avanzare allo stadio in cui è possibile l’elaborazione in tempo reale dei dati IoT, e questo probabilmente rivoluzionerà il modo in cui funzionano i veicoli autonomi.

Come conserveremo i dati nel web3? Scoprilo qui!

Ad esempio, Jaguar ha recentemente annunciato che svilupperà un nuovo progetto IoT – in collaborazione con IOTA – per consentire ai conducenti che segnalano dati in tempo reale, di guadagnare dei crediti da spendere sempre nell’ambito della guida.

Il futuro dell’Internet of Things

In definitiva, sbloccheremo il pieno potenziale dell’IoT collegando insieme tutte queste applicazioni esistenti. Integrazione è la parola chiave. Rendendo disponibili i dati automobilistici alle città intelligenti ad esempio, potrebbe essere possibile realizzare un sistema di trasporto molto più efficiente nella maggior parte delle città. Parallelamente, l’IoT continuerà anche a fungere da catalizzatore per altre tecnologie emergenti e innovative – per le parachain ad esempio – e quindi a guidare lo sviluppo in aree non ancora esplorate.