Dati: la nostra eredità per le prossime generazioni. Ma c’è un problema che non stai considerando

Il mercato dei dati e la guerra dello storage decentralizzato: Filecoin vs. Arweave. Vediamo due soluzioni validissime a confronto.

Dopo il lancio di Filecoin e progetti simili, i riflettori sono stati puntati sull’archiviazione decentralizzata nel web3: quali sono i vantaggi di alcune delle migliori reti di archiviazione?

dati privacy blockchain

Negli ultimi dieci anni, un certo numero di aziende ha escogitato modi ingegnosi per utilizzare meglio le proprietà “vuote” e altre risorse “inattive”. Airbnb ha rivoluzionato il settore dell’ospitalità facendo soldi con case e camere da letto altrimenti vuote. Uber ha ribaltato l’industria dei taxi utilizzando auto altrimenti inattive come taxi. Basandosi su questo tema, le reti di archiviazione decentralizzate mirano a rivoluzionare il settore dell’archiviazione cloud aumentando l’uso dello spazio di archiviazione di computer altrimenti inutilizzato.

Cloud storage decentralizzato: chi mette le mani sui Big Data?

Il cloud storage è un mercato molto competitivo. Nell’ultimo decennio, il nuovo paradigma del cloud ha sostituito i vecchi server on-premise, dando vita a nuovi colossi tecnologici come Amazon Web Services (AWS), Alibaba Cloud, Microsoft Azure, Google Cloud Platform (GCP) e molti altri. Oggi le società di ricerche di mercato stimano che il mercato globale del cloud storage raggiungerà i 137,3 miliardi di dollari entro il 2025, crescendo del 22,3% all’anno. Questo mercato – come puoi notare – è enorme.

Riconoscendo questa opportunità, molti team negli ultimi anni hanno iniziato a creare soluzioni open source. Tra questi progetti citiamo Filecoin, Storj, Sia e SAFE. Nel 2018, Arweave ha lanciato una rete principale basata su idee simili sull’archiviazione decentralizzata, ma con uno scopo diverso: l’archiviazione permanente. A differenza delle altre reti di archiviazione decentralizzate – che mirano a competere con i fornitori di cloud legacy in termini di costi e/o prestazioni – Arweave utilizza incentivi cripto-economici senza autorizzazione per creare un nuovo tipo di servizio che prima non era possibile.

Il mining di Filecoin è in forte espansione anche in Cina, nonostante il ban temporaneo. FIL oggi è scambiato a circa $5,2, con una capitalizzazione di mercato fully diluted di $1,2 miliardi di dollari (nel momento in cui scrivo).Sappiamo benissimo che il mercato delle criptovalute non se la passa benissimo in questo momento. Arweave invece ha recentemente raccolto capitali da importanti investitori tra cui Andreessen Horowitz, Union Square Ventures e Coinbase Ventures. Nell’aprile 2020 è stato lanciato Arweave 2.0, battendo Filecoin sul mercato e da allora è cresciuto costantemente. Inoltre Arweave sta aiutando concretamente il popolo ucraino a conservare documenti importanti durante la guerra.

Chi vince?

Mentre gli investitori valutano le alternative per lo Storage decentralizzato, incombono grandi domande. Quale rete sceglieranno gli sviluppatori: una di queste due? Le reti di storage decentralizzate possono competere sui costi con giganti del Web2 come Amazon e Alibaba? In che modo gli investitori dovrebbero confrontare i due approcci allo storage decentralizzato?

In questo articolo, esploriamo queste domande e forniamo un quadro per valutare il mercato dello storage decentralizzato. Qui non troverai dei consigli finanziari, ma piuttosto un quadro per valutare uno dei mercati più interessanti del Web3. In questo contesto, il primo passo è comprendere le differenze e i compromessi tra Filecoin e Arweave.

Archiviazione basata su contratto o permanente

Sia Filecoin che Arweave consentono l’archiviazione dei dati decentralizzata, ridotta al minimo e resistente alla censura. Entrambi sono costruiti utilizzando la tecnologia blockchain. Ed entrambe le reti possono essere utilizzate per archiviare dati per lunghi periodi di tempo, sia per scopi di archiviazione che per applicazioni in tempo reale come l’hosting di siti Web. A prima vista, sono abbastanza simili. Quindi, piuttosto che iniziare valutando le rispettive blockchain di Filecoin e Arweave, un punto di partenza migliore è come intendono offrire spazio di archiviazione agli utenti finali.

Il modello economico di Filecoin rispecchia quello dei provider cloud centralizzati: storage basato su contratto. Lo storage basato su contratto può essere considerato più semplicemente come un modello con pagamento in base al consumo. Gli utenti pagano una rete di nodi che memorizzano X byte di dati per un periodo di tempo Y con garanzie di recuperabilità Z. Storj, Sia e SAFE utilizzano lo stesso modello.

Arweave, d’altra parte, introduce sul mercato un modello economico completamente nuovo, mai realizzato prima dell’avvento delle reti crittografiche senza autorizzazione: lo storage permanente. Con l’archiviazione permanente, gli utenti pagano una tariffa una tantum anticipata per archiviare i dati per sempre. L’archiviazione permanente crea un mercato completamente nuovo (ci arriveremo più avanti). Il protocollo Arweave raggiunge questo obiettivo sfruttando la teoria dei giochi crittoeconomici e creando una dotazione per compensare i minatori per garantire la disponibilità, l’affidabilità e la permanenza dei dati.

La proposta di Filecoin

Filecoin e altri protocolli di archiviazione decentralizzata basati su contratto (Sia, Storj) competono principalmente in termini di costi. Affermano di essere in grado di offrire costi inferiori rispetto ai fornitori centralizzati perché utilizzano spazio su disco rigido altrimenti inattivo. Queste reti offrono anche un grado più elevato di resistenza alla censura rispetto ai tradizionali provider di archiviazione cloud.

Dato il peso di Filecoin, è ragionevole aspettarsi che acquisirà una parte del mercato dello storage nel Web3. Ma nella pratica è abbastanza improbabile che sarà in grado di competere in modo sostenibile con i prezzi di Amazon. Filecoin finanzia efficacemente i costi per gli acquirenti di storage tramite l’emissione di FIL, ma (1) la creazione di token per sovvenzionare i costi non può durare per sempre senza influire negativamente sul prezzo del token, (2) Amazon, Alibaba, Tencent, Microsoft e Google hanno molto più capitale che possono utilizzare per aggredire i competitors, (3) Amazon sovvenziona in modo incrociato le proprie linee di business S3 come storage, elaborazione, database, ecc.

Amazon ha costantemente aumentato il valore per quanto riguarda le spedizioni e oggi spedisce oltre il 50% dei propri pacchi negli Stati Uniti (mentre solo pochi anni fa faceva affidamento su terze parti per il 100% delle spedizioni). Adottando un approccio simile nei servizi cloud, offrono tutto ciò di cui gli sviluppatori hanno bisogno su vasta scala e a basso costo. I clienti traggono vantaggio da queste economie di scala (come indicato nel grafico seguente), ma si assumono il rischio sistemico della piattaforma.

 

Prezzo negli anni Amazon S3
(credits: Thomas Vachon)

In che modo lo storage decentralizzato si distingue da quello centralizzato

In che modo Amazon riesce a raggiungere questo obiettivo? Innanzitutto può negoziare accordi di acquisto all’ingrosso che consentono di accedere a storage più economici. Secondo uno studio chiamato Cost to Support Compute Capacity condotto da Ponemon Institute LLC, il costo medio annuo dell’alimentazione varia da $5.467 per data center tra 46 e 460 metri quadrati a $26.495 per data center oltre 4500 metri quadrati. Amazon acquista a tale scopo anche hardware in grandi quantità, il che consente loro di accedere a parti più economiche che poi passano ai clienti cloud.

Oggi è difficile per un utente con spazio di archiviazione inattivo partecipare all’offerta della rete Filecoin (l’hardware consigliato è 128-256 GB di RAM e una CPU a 24 core). La rete al momento è dominata da miners che hanno investito grandi quantità di capitale in potenti macchine da mining. Sappiamo da Space Race – la testnet di Filecoin – che sono stati forniti almeno 145 di 230 PiB di spazio di archiviazione dai primi 10 minatori. È improbabile che queste strutture minerarie di medie dimensioni abbiano costi dei data center inferiori rispetto ad Amazon, che gestisce alcuni dei più grandi data center del mondo.

Sulla base della configurazione hardware, i miners di Filecoin non possono competere con i tradizionali fornitori di cloud storage in termini di costi. Pertanto, la “caratteristica” principale di Filecoin non è il costo, ma piuttosto un maggiore grado di resistenza alla censura.

La proposta di Arweave

Il protocollo Arweave fornisce l’archiviazione permanente come servizio. Lo fa non creando contratti tra utenti e fornitori di storage, ma creando incentivi economici affinché i miner replichino quanti più dati possibile. L’archiviazione permanente dei dati è un servizio completamente nuovo che Amazon, Google e altri non possono offrire.

Per archiviare un file su Arweave, uno sviluppatore crea una transazione che paga una certa quantità di token AR come tariffa di rete (attualmente $5/GB) per archiviare i dati per sempre. In confronto Amazon S3 addebita $0,276/GB all’anno per la propria offerta, il che implica che Arweave è 18 volte più costoso di Amazon. Arweave non pretende di competere con Amazon sui costi. Gli utenti di Arweave pagano esplicitamente un premio per qualcosa che Amazon non può offrire: lo storage permanente.

Segmenti di mercato

Abbiamo identificato due segmenti di mercato che stanno adottando Arweave. I players in questi due settori sono meno sensibili al prezzo e necessitano di uno spazio di archiviazione permanente:

  • Blockchain per la disponibilità dei dati: le blockchain hanno lo scopo di archiviare per sempre la cronologia di una rete di transazioni. Arweave consente ai Layer 1 ed ai Layer 2 di archiviare una copia del proprio libro mastro in modo permanente. Questa è la chiave per la verificabilità e la ridondanza. Diversi team di spicco come Solana e SKALE stanno finalizzando le proprie integrazioni con Arweave per questo scopo e ci aspettiamo che sempre più blockchain annunceranno iniziative simili nei prossimi mesi.
  • Archiviazione su Internet – The Internet Archive ha recentemente annunciato che utilizzerà Arweave per portare a termine la propria missione. Si tratta di un’organizzazione senza scopo di lucro che ospita il famoso progetto Wayback Machine, che ospita a sua volta vecchi siti Web anche dopo che i loro creatori originali li hanno eliminati. Sebbene non sia molto noto, il link rot – ovvero il collegamento interrotto – è un grosso problema. Ad esempio, secondo una ricerca del 2013, oltre il 49% dei collegamenti citati nelle decisioni della Corte Suprema degli Stati Uniti sono inaccessibili. Internet sta esaurendo i dati a un ritmo crescente. Man mano che vengono creati più dati, più collegamenti si interrompono.

Anche se non sappiamo ancora quanto sia grande il mercato dell’archiviazione permanente, sappiamo che le blockchain principali dovranno archiviare enormi quantità di dati una volta raggiunta la scalabilità web. Sappiamo anche che l’essere umano crea un’enorme quantità di dati e ci sono organizzazioni che cercano attivamente modi per archiviare la storia dell’umanità in modi tolleranti agli errori.

Un altro caso d’uso per la blockchain

Ci sono molti altri mercati in cui possiamo aspettarci di valutare l’archiviazione permanente dei dati ed essere disposti a pagare un prezzo alto per questo:

  • Giornalisti che vogliono assicurarsi che i loro servizi siano sempre disponibili per per far luce sulla verità in modo continuo;
  • Dissidenti politici che vogliono assicurarsi che i governi non possano censurare i propri pensieri;
  • Avvocati che lavorano con patrimoni personali o trust;
  • ONG o fondazioni che vogliono conservare i propri archivi per sempre;
  • Persone che vogliono conservare ricordi personali da tramandare alle generazioni future.

Infine prevediamo che Arweave possa consentire la creazione di nuovi tipi di applicazioni che si basano su uno storage permanente e immutabile. Il team di Arweave promuove da anni lo sviluppo di questo nascente ecosistema. Al Multicoin Summit dell’autunno 2019, il fondatore di Arweave Sam Williams ha tenuto una presentazione in cui ha delineato come Permaweb rimodellerà il Web come lo conosciamo. Oggi Arweave è ora in una fase simile a quella di Ethereum all’inizio del 2016. Ci sono decine di sviluppatori che creano nuovi tipi di app basate su Arweave, tra cui: ArDrive, Limestone, Evermore, Nest.land, Non-Zone, ArGo, Outpost, OpenBits, Verto, WeaveID e molte altre ancora.

Criptovalute dei due progetti

La criptovaluta nativa di di Filecoin – FIL – ha due funzioni:

  • I miners devono mettere in stake FIL come garanzia, in cambio della possibilità di ospitare file. Più precisamente devono bloccare 0,1901 FIL per 32 GiB di dati che possono essere convertiti in potenza di storage mining.
  • FIL è usato come mezzo di scambio.

I token di pagamento sono valutati utilizzando l’equazione MV=PQ. Utilizzando un modello semplice, possiamo stimare per Filecoin una dimensione del mercato di $5 miliardi entro il 2023 con una velocità M1 in USD di 3,9 (il che è generoso considerando che FIL è soggetto al suo noto problema di velocità).

Usiamo una velocità di 3,9 perché c’è un sink di velocità in cui i nodi di archiviazione devono mettere in staking token FIL per guadagnare ricompense in FIL.

Utilizzando una velocità di 3,9, se Filecoin conquistasse l’intero mercato dello storage su cloud su Amazon e Alibaba, la capitalizzazione di mercato di FIL varrebbe razionalmente $1,28 miliardi ($5 miliardi/3,9) — piuomeno lo stesso valore con cui viene scambiata oggi ($5 e qualcosa per FIL ed una capitalizzazione di mercato completamente diluita di $1,12 miliardi, nel momento in cui scrivo).

Condotta questa breve – e fondamentalmente inutile – analisi, è facile vedere come il valore di rete completamente diluito implicito di Filecoin sia molto più avanti dei suoi fondamentali.

Valore di mercato di Arweave

D’altra parte il token nativo di Arweave – AR – è di circa $10,12, con una capitalizzazione completamente diluita di $668 milioni di dollari nel momento in cui scrivo. È importante notare che i token AR sono soggetti a un potente sink di velocità del token (più della struttura di pagamento circolare di FIL in cui i nodi di archiviazione mettono in garanzia i token FIL per ricevere i token FIL). Quando un utente paga per archiviare i dati sulla rete Arweave, non paga solo la tariffa di archiviazione al miner.

Più dell’83% della quota va in un pool di dotazione. Da tale endowment pool provengono le ricompense dei miners per l’archiviazione dei dati. Per ogni file, questo pool di dotazione si avvicina lentamente a 0 nel tempo, ma in realtà non raggiunge mai lo 0.

Questo è possibile perché il costo dell’archiviazione diminuisce nel tempo. Negli ultimi 50 anni, il costo dello storage è diminuito di circa il 41% all’anno. Pertanto, con l’aumento della domanda di storage permanente, gli utenti acquistano AR e lo mettono in stake nel pool di cui prima, creando una pressione all’acquisto continua. Riteniamo che il modello economico di AR catturi valore in modo molto più efficace rispetto a FIL.

In altre parole Arweave – in quanto rete completamente funzionante con una nuova economia interna – è valutata oggi al 59% di Filecoin come capitalizzazione di mercato.

Le guerre dello storage decentralizzato

È impossibile dire se una di queste reti e le loro valutazioni cresceranno o diminuiranno nel tempo. Se Filecoin realizzerà la sua visione di superare AWS e Alibaba o se Arweave sarà ancora in circolazione tra 20 anni per servire i file che gli utenti pagano per archiviare oggi.

Quello che sappiamo è che Filecoin ha una solida community, fatta da molti dei primi investitori che hanno partecipato alla sua ICO da 257 milioni di dollari nel 2017. È anche noto che Filecoin sia ancora in fase di sviluppo, e che Juan Benet è un ingegnere assolutamente straordinario. Il team di Filecoin ha creato sia l’Interplanetary File System (IPFS) che CoinList. IPFS, progettato per funzionare in sincronia con Filecoin, dimostra la competenza del team nella creazione di infrastrutture digitali su larga scala, mentre CoinList mostra la loro capacità di creare applicazioni rivolte all’utente molto ben funzionanti. Entrambe queste caratteristiche saranno fondamentali per il successo.

D’altra parte Arweave è interessante perché serve un mercato completamente nuovo, abilitato in modo univoco dalla tecnologia blockchain e che soddisfa sia il mercato dello storage esistente, che appunto quello nascente. La rete è attiva e sta crescendo. Le interfacce applicative decentralizzate di progetti come SushiSwap, Uniswap V2 e yearn.finance hanno recentemente adottato Arweave, aprendo la strada a migliaia di applicazioni da qui in avanti. Tutto questo alla fine concorrerà per accelerare la crescita di Arweave.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

In sintesi, dopo aver esaminato (1) i design tecnici ed economici di Filecoin e Arweave, (2) le dinamiche odierne dei mercati del cloud storage, (3) il fatto che Arweave apra un nuovo mercato e si differenzi su funzionalità oltre il prezzo e (4) che AR sia attualmente valutato a circa il 59% di FIL, riteniamo come al solito che un approfondimento prima di investire sia del tutto necessario.