Perché il caso Silvergate Bank rappresenta un duro colpo per le criptovalute

Perché Silvergate Bank chiude i battenti… e perché è un duro colpo per tutto il mercato delle criptovalute: l’approfondimento di Crypto.it.

Quando le banche tradizionali chiudevano i conti dei trader, Silvergate ha abbracciato gli scambi di criptovalute. Ora non c’è più, e nessuna banca tradizionale vuole prendere il suo posto.

Quando una banca quotata in borsa annuncia che sta valutando se è in grado di continuare la propria attività, è probabile che la risposta sia “no”.

silvergate bank criptovalute STABLECOIN
Adobe Stock

Il solo fatto di porre la domanda in un documento della Securities and Exchange Commission (SEC) è generalmente sufficiente a fornire la risposta.

Così è stato per Silvergate, la più longeva e importante banca al servizio dell’industria delle criptovalute.

L’istituto ha annunciato la chiusura dei battenti, gravemente danneggiato da quella fatidica archiviazione. Questa ha portato all’esodo di importanti clienti aziendali, tra cui Coinbase, Gemini, Paxos e Circle.

Una chiusura ordinata delle operazioni bancarie e una liquidazione volontaria della banca sono la strada migliore da percorrere“. Lo ha dichiarato la società californiana in un comunicato. Questo includerebbe il rimborso di tutti i depositi, ha aggiunto.

Silvergate ha attribuito la responsabilità dei suoi problemi a “recenti sviluppi industriali e normativi“.

Tali sviluppi normativi hanno riguardato una serie di questioni, da un’indagine del Dipartimento di Giustizia alle crescenti mosse della Federal Reserve e di altre agenzie federali con compiti di supervisione del settore bancario che hanno spinto tali istituzioni lontano dalle criptovalute.

Il caso Silvergate Bank per il mercato delle criptovalute: FTX fa danni fatali

Per “recenti sviluppi del settore” Silvergate intendeva il crollo dell’impero dell’exchange FTX di Sam Bankman-Fried in una presunta frode da 10 miliardi di dollari.

Sebbene avesse legami con altre istituzioni crittografiche in difficoltà – il prestatore Genesis, in bancarotta, è stato uno dei primi clienti – il crollo di FTX si è rivelato la rovina di Silvergate.

Sia FTX che la società di trading privato Alameda Research di Bankman-Fried erano clienti di Silvergate fin dall’inizio e l’appropriazione indebita di fondi tra le due società ha portato il Dipartimento di Giustizia ad annunciare un’indagine sul ruolo della banca nel loro fallimento il 2 febbraio. Quel giorno le azioni di Silvergate sono crollate del 20%.

Sembra non esserci alcun illecito da parte di Silvergate. Ma il movimento illecito dei fondi dei clienti di FTX verso Alameda, dove tre dirigenti di alto livello si sono dichiarati colpevoli e testimonieranno contro Bankman-Fried. La situazione ha sollevato interrogativi sul ruolo della banca, nonché sulla sua supervisione e due diligence nei confronti del cliente.

Tra l’altro, alcuni clienti hanno utilizzato un conto Silvergate appartenente ad Alameda per far confluire i fondi dell’exchange. Questo ha dato inizio alla commistione che sarebbe diventata una parte fondamentale dello schema per consentire ad Alameda di attingere alle risorse dei clienti di FTX.

Sulla scia del quasi fallimento di FTX, Silvergate ha rivelato una perdita di 1 miliardo di dollari nel quarto trimestre del 2022, oltre ad aver preso in prestito 4,3 miliardi di dollari da un’agenzia federale poco conosciuta, il sistema della Federal Home Loan Bank (FHLB). I suoi depositi da clienti istituzionali di criptovalute sono scesi da 11,9 miliardi di dollari alla fine del terzo trimestre a 3,8 miliardi di dollari nel quarto trimestre, con un calo del 68%.

Perché Silvergate è importante, non solo per le criptovalute

Per molti versi, il crollo di Silvergate ha lasciato un buco nel settore delle criptovalute statunitensi grande quanto di quello di FTX.

Senza Silvergate, diverse borse di criptovalute – tra cui Crypto.com – stanno lottando per capire come permettere ai clienti di spostare i dollari nei loro conti di trading e di trasferirli nei loro conti bancari.

Questo non è l’unico problema. Il Silvergate Exchange Network (SEN) della banca era un modo primario per queste e altre grandi società di criptovalute di spostare dollari tra di loro 24 ore su 24, 7 giorni su 7, anziché in base agli orari molto più vincolati del settore bancario tradizionale.

Silvergate era una piccola banca focalizzata sul settore immobiliare nel 2014, quando ha visto una grande opportunità nelle criptovalute che la maggior parte delle altre banche non era disposta a toccare. Mentre le banche tradizionali stavano ancora chiudendo i conti dei clienti al dettaglio se venivano sorpresi a spostare denaro su o fuori dagli exchange di criptovalute, Silvergate si è lanciata.

La situazione generale delle banche

Per molte società di criptovalute, Silvergate era una delle, se non l’unica, porta d’ingresso e d’uscita per il dollaro.

Nel 2019 Barclays ha abbandonato Coinbase come cliente, mentre Wells Fargo ha eliminato Bitfinex un anno prima. Bank of America, JPMorgan Chase e Citigroup hanno smesso di consentire l’acquisto di bitcoin con carta di credito già nel 2018.

Il miglior esempio dei problemi causati da questo provvedimento è stato il taglio di Bitfinex da parte di Wells Fargo, che è stata colpita così duramente da rivolgersi al processore di pagamenti panamense Crypto Capital Corp (CCC) per ottenere dollari da e verso i suoi clienti statunitensi. Secondo i procuratori federali, la CCC ha aperto conti bancari che ha dichiarato essere destinati a transazioni immobiliari.

Questo ha portato a una crisi dopo che circa 850 milioni di dollari di fondi di Bitfinex sono stati sequestrati dai governi statunitensi ed europei, che hanno affermato che Crypto Capital era coinvolta in altri affari loschi. Bitfinex è stata costretta a chiedere un prestito pesante alla società sorella Tether, causando all’emittente di stablecoin seri problemi con le autorità di regolamentazione.

Altre scelte

Mentre le banche hanno iniziato ad abbracciare le criptovalute nel 2020 e soprattutto nel corso del mercato toro del 2021, è stato difficile convincerle ad accettare come clienti gli exchange e le altre società di criptovalute.

Per un certo periodo, Silvergate ha prosperato. Le sue azioni sono passate da 12 dollari al momento della quotazione in borsa nel novembre 2019 a quasi 220 dollari all’apice del mercato delle criptovalute due anni dopo. Era a circa 50 dollari prima che FTX crollasse nel novembre 2022 e giovedì ha chiuso a 2,84 dollari.

Tuttavia, c’erano altre opzioni. Anche la Metropolitan Commercial Bank e la Signature Bank di New York hanno inseguito il mercato.

L’exchange Kraken e la neonata banca di criptovalute Custodia, sono state le prime a ottenere un’autorizzazione statale attraverso un programma speciale nel Wyoming, mentre il custode di criptovalute Anchorage, l’emittente di stablecoin Paxos e la Protego Trust Bank con sede a Seattle hanno ricevuto l’approvazione condizionale per l’autorizzazione nazionale da parte del regolatore bancario del Dipartimento del Tesoro, l’Office of the Comptroller of the Currency, nel 2021. Naturalmente, tale approvazione condizionale non è stata resa permanente.

Tuttavia, all’epoca era gestita da Brian Brooks, il cui precedente incarico era stato quello di direttore legale di Coinbase. Egli ha spinto le banche ad accogliere i clienti delle criptovalute.

La FED dice no

La situazione è cambiata con la nomina da parte dell’amministrazione Biden del Comptroller of the Currency ad interim Michael Hsu. L’uomo ha ritirato tutte le mosse pro-crypto di Brooks.

La grande spinta normativa è arrivata il 3 gennaio. La Federal Reserve, l’OCC e la Federal Deposit Insurance Corporation (FDIC) hanno emesso una dichiarazione congiunta sui rischi delle criptovalute per le organizzazioni bancarie.

Dopo un lungo elenco di rischi, volatilità, numerose frodi e hack e soprattutto il “rischio sistemico” che i problemi delle criptovalute possano ripercuotersi sul sistema finanziario tradizionale, le tre agenzie di vigilanza bancaria hanno messo in guardia:

Le agenzie continuano ad adottare un approccio attento e cauto in relazione alle attività e alle esposizioni attuali o proposte relative ai cripto-asset presso ciascuna organizzazione bancaria“.

Il che sembra ragionevole. Così come la frase successiva in cui si sottolinea che alle banche “non è vietato né scoraggiato” fornire servizi a qualsiasi tipo di attività.

Poi arriva il cuore del documento. Pur notando che le tre agenzie “stanno continuando a valutare” come le banche possano lavorare con i clienti di criptovalute in modo sicuro e conforme, si legge che:

Sulla base dell’attuale comprensione e dell’esperienza maturata finora, le agenzie ritengono che l’emissione o la detenzione di cripto-asset come capitale… sia molto probabilmente incompatibile con le pratiche bancarie sicure e affidabili“. Inoltre, le agenzie nutrono notevoli preoccupazioni per la sicurezza e la solidità dei modelli di business che si concentrano in attività legate ai cripto-asset o che hanno esposizioni concentrate al settore dei cripto-asset”.

Il documento prosegue avvertendole di “garantire che le attività legate ai cripto-asset possano essere svolte in modo sicuro e solido“.

Il che è sottile quanto un pugno in faccia.

Allontanarsi dal mercato cripto

L’8 marzo Reuters ha riportato la notizia che JPMorgan Chase sta tagliando i ponti con la borsa regolata Gemini, con sede a New York, anche se la borsa ha dichiarato che ciò non è vero. A febbraio, il Wall Street Journal ha citato esempi di Citigroup e First Republic che hanno tagliato i legami o si sono rifiutati di fare affari con società legate alla crittografia.

Anche altre piccole banche amiche delle criptovalute si stanno tirando indietro.

La Metropolitan Commercial Bank ha annunciato di voler uscire completamente dal business delle criptovalute a gennaio, mentre la Signature Bank ha iniziato a ritirare i clienti delle criptovalute a febbraio,

Tuttavia, quando lo hanno fatto, entrambe avevano altre linee di business su cui contare. Cosa che Silvergate non aveva.

Perché Silvergate è fallita e perché è un problema per le criptovalute

Si può sostenere che il fallimento di Silvergate non sia dovuto ai rischi o ai pericoli dell’industria delle criptovalute. Piuttosto si attribuisce all’incapacità di seguire alcune buone pratiche bancarie di base.

Per prima cosa, è degno di nota il fatto che i clienti di Silvergate non perderanno nulla con la chiusura della società. Questo perché le sue attività non sono state prestate come molte banche fanno con i fondi dei loro depositanti. O investite in criptovalute rischiose o in scommesse su derivati come molti dei prestatori di criptovalute che sono falliti.

Ma la sua attività era concentrata in un solo settore. Per cui quando le criptovalute sono andate in crisi, Silvergate non aveva altro su cui contare.

Inoltre, le attività di Silvergate erano in contanti e in attività molto solide come i Treasury statunitensi e i prestiti ipotecari residenziali cartolarizzati – obbligazioni – garantiti ed emessi da agenzie statunitensi. Ma la banca non teneva conto del cosiddetto rischio di tasso d’interesse.

Quando l’anno scorso la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse in modo aggressivo, questi asset molto solidi sono comunque diminuiti di valore. Il che non è un problema se Silvergate avesse potuto tenerli fino alla scadenza.

Ma nel quarto trimestre del 2022 non poteva aspettare. Di fronte a 8,1 miliardi di dollari di prelievi in quel trimestre, Silvergate ha dovuto vendere i suoi titoli molto solidi con una forte perdita: 718 milioni di dollari.

I problemi di Silvergate riguardano i rischi bancari tradizionali – mancanza di diversificazione, disallineamento delle scadenze. Citiamo anche la sua esposizione alle criptovalute“, ha dichiarato a Bloomberg Sheila Bair, che ha guidato la FDIC durante la crisi finanziaria globale del 2008-2009.

Rischio-Rendimento: fino a che punto è accettabile?

Non tutti la vedono così.

Oggi vediamo cosa può succedere quando una banca fa eccessivo affidamento su un settore rischioso e volatile come quello delle criptovalute“. Lo ha dichiarato il presidente della commissione bancaria del Senato Sherrod Brown, un democratico dell’Ohio. Ha aggiunto:

Mi sono preoccupato che quando le banche vengono coinvolte nelle criptovalute, il rischio si diffonde nel sistema finanziario. Inoltre saranno i contribuenti e i consumatori a pagarne il prezzo“.

Naturalmente, Silvergate afferma che nessuno dei suoi depositanti o dei contribuenti pagherà un prezzo.

Tuttavia, senza altre alternative bancarie – e diversi Stati hanno seguito l’esempio del Wyoming. Hanno spinto per ottenere carte bancarie per le criptovalute emesse dallo Stato come quella di Kraken. L’alternativa potrebbe essere un ritorno ai processori di pagamento non bancari. Il che non sempre finisce bene.