Cosa succede quando una società di criptovalute si quota in borsa? Caso Coinbase

Le grandi aziende in ambito criptovalute dovrebbero quotarsi in borsa? Nove cose che abbiamo imparato dalla quotazione di Coinbase.

In questo articolo ragioniamo sulla quotazione di Coinbase al Nasdaq. Da una possibile valutazione controversa ai fattori di rischio che incidono sull’attività: tutto quello che devi sapere.

Quando l’exchange di criptovalute Coinbase ha messo in vendita le sue azioni alla borsa valori Nasdaq, ha segnato una vera e propria pietra miliare. Di fatto è diventata la prima società di criptovalute “pura” a quotarsi in borsa in modo diretto.

exchange criptovalute coinbase
Adobe Stock

Sebbene sia uno degli exchange più importanti in assoluto, Coinbase non è il più grande del settore. Il più grande è Binance, che ha quasi 10 volte il volume di 2 miliardi di dollari di Coinbase nelle 24 ore, e quasi 15 volte più visite settimanali. Ma come vedremo, Coinbase è tra le piattaforme più rispettate.

Criptovalute in borsa #1. La bull run del 2021 ha dato una grande mano

Il tempismo di Coinbase è stato eccellente, poiché i risultati del 2021 sono stati qualcosa di incredibile.

Gli 1,8 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2021 sono oltre il 50% dei 3,4 miliardi di dollari di entrate totali che Coinbase ha generato dal suo inizio nel 2012 fino alla fine del 2020.

Oltre a questi numeri, bisogna considerare il fatto che Coinbase ha riportato 6,1 milioni di utenti mensili attivi nel suo rapporto sugli utili del primo trimestre, più del doppio del totale del 2020 di 2,8 milioni riportato nella sua dichiarazione S-1. E questo era quasi tre volte più del milione di utenti mensili attivi che aveva nel 2019.

Gli utenti verificati sono saliti a 56 milioni, rispetto ai 38 milioni segnalati verso la fine del terzo trimestre del 2020. Oggi sono circa il doppio: 103 milioni di utenti verificati.

#2. Le istituzioni stanno entrando nel mercato cripto

Una delle storie più importanti degli ultimi sei mesi è stata l’adozione di Bitcoin da parte di investitori istituzionali guidati da MicroStrategy, che ha aperto la strada annunciando pubblicamente la sua decisione di investire decine di miliardi da dollari in BTC, arrivando nel momento in cui scrivo a possedere oltre 130.000 Bitcoin. Altre società, da Tesla all’assicuratore MassMutual, hanno seguito l’esempio, versando centinaia di milioni, se non miliardi, di dollari in Bitcoin (salvo ripensamenti vari ed eventuali). E le banche della vecchia linea che vanno da Morgan Stanley a Goldman Sachs hanno iniziato a offrire Bitcoin e altre criptovalute a istituzioni e investitori accreditati.

Coinbase è stato uno dei principali beneficiari di questa nuova ondata di investitori, chiudendo il primo trimestre dello scorso anno con $223 miliardi di asset sulla sua piattaforma, rispetto ai $90 miliardi di fine anno precedente. Più della metà di questo numero — ovvero circa 122 miliardi di dollari — ora proviene da investitori istituzionali, ha rivelato la società. È un aumento di circa il 270% rispetto ai 45 miliardi di dollari alla fine del 2020, ha rivelato Alesia Hass, CFO di Coinbase, nella chiamata sugli utili del primo trimestre 2021. Oggi la situazione è un po’ diversa a causa del bear market e del contesto macro, ma i presupposti per l’adozione di massa ci sono tutti.

Criptovalute in borsa #3. Coinbase non è stata lanciata tramite un’IPO

Coinbase Global – il nome formale della società – è stata quotata in borsa tramite una quotazione diretta delle sue azioni ordinarie di Classe A, piuttosto che la tradizionale offerta pubblica iniziale di azioni di nuova creazione. Questo ha consentito di aggirare molte delle pratiche di investimento e dei sottoscrittori finanziari che tradizionalmente sovrintendono alle IPO, addebitando commissioni importanti in cambio della garanzia che tutte le azioni vendano.

Inoltre, la quotazione diretta offre ai piccoli investitori la possibilità di acquistare azioni Coinbase al prezzo di offerta iniziale. Nelle IPO, e in particolare nelle IPO tecnologiche di alto profilo in cui si prevede un aumento del prezzo delle azioni, il piccolo investitore è spesso bloccato da banchieri e sottoscrittori che danno ai grandi clienti istituzionali i primi vantaggi sull’acquisto di parte delle nuove azioni.

Si è trattato di un evento più grande del solito nella community delle criptovalute, che vede aggirare i potenti intermediari del settore finanziario tradizionale come un obiettivo chiave.

La nostra missione è aumentare la libertà economica nel mondo“, ha affermato Armstrong durante la chiamata sugli utili del primo trimestre di Coinbase Global. “Democratizzando i servizi finanziari – nello stesso modo in cui Internet ha democratizzato l’accesso alle informazioni – le criptovalute aumenteranno la libertà economica nel mondo“.

#4. Come si valuta un’azienda che fornisce servizi in criptovalute?

La stima ampiamente propagandata di $100 milioni di dollari – basata sulle vendite private di azioni Coinbase – è ormai motivo di orgoglio per l’industria delle criptovalute.

Consideriamo la quotazione di Coinbase come un’ulteriore convalida dello spazio e un’importante opportunità di pubbliche relazioni per l’intero settore di brillare come il futuro della finanza“, ha detto Alexandria Alex Mashinsky, co-fondatore e CEO della piattaforma di prestito di criptovalute Celsius Via Posta Elettronica.

“Coinbase ha più utenti e più ricavi di molti dei più grandi players di Wall Street ed è più redditizio di qualsiasi exchange tra i più importanti. Questa convalida mette la maggior parte degli scettici di fronte a un bivio: dovranno rivalutare la propria posizione”.

Allo stesso tempo, quella valutazione ha generato molti dubbi tra gli investitori.

La borsa del Nasdaq ha un valore di soli $25 miliardi di dollari, mentre il proprietario del NYSE Intercontinental Exchange (ICE) vale $66 miliardi. Coinbase ha riportato volumi di scambio di $335 miliardi nell’annuncio dei risultati del primo trimestre 2021 (cioè in piena bull run). Ma in confronto, Nasdaq e ICE hanno ciascuno un volume di scambio di circa $25 trilioni.

Questa è una forte indicazione che la valutazione di Coinbase potrebbe essere stata “gonfiata“, secondo un rapporto della società di ricerca azionaria indipendente New Constructs.

Prevedendo un’imminente guerra dei prezzi sulle commissioni di trading come quella che ha costretto i principali intermediari tra cui Charles Schwab, ETrade e TD Ameritrade a ridurre a zero le commissioni di trading alla fine del 2019, il rapporto ha rilevato che i risultati finanziari di Coinbase erano basati su commissioni di transazione di circa lo 0,46%, mentre Nasdaq e ICE guadagnano solo lo 0,01%.

New Constructs ha suggerito che 18,9 miliardi di dollari siano un valore molto più ragionevole per Coinbase. Naturalmente, come sa chiunque abbia vissuto il boom delle dotcom del 1999-2000, la ragionevolezza spesso ha poco a che fare con i prezzi che le persone pagano nella frenesia di una quotazione pubblica.

Criptovalute in borsa #5. Sempre più exchange abbracciano le regolamentazioni

Oltre al vantaggio del first mover, Coinbase – una società di dieci anni – persegue da tempo una politica di corteggiamento aggressivo di autorità di regolamentazione e licenza statunitensi, europee e di altro tipo in più di 30 paesi. In particolare è nota per verificare attentamente l’identità dei clienti in conformità con i regolamenti sulla lotta al riciclaggio di denaro, e lavorare con le forze dell’ordine.

Nel suo prospetto S-1, una delle prime cose che Coinbase elenca come vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza è la sua “cultura della conformità normativa“.

Investire nella conformità è ciò che ha reso possibile a Coinbase di diventare la prima società di criptovalute a quotarsi in borsa anziché fondersi con una società per azioni, ha affermato Monty Metzger, co-fondatore e CEO di Liechtenstein Cryptoassets Exchange (LCX), un nuovo exchange di token e asset crittografici incentrato sulla conformità.

Molte società di criptovalute là fuori non potrebbero mai diventare pubbliche perché non hanno investito in quell’area“, ha detto. “I regolatori li fermerebbero in partenza“.

Tuttavia, ha previsto anche: “I regolatori e i governi abbracceranno aziende come Coinbase che intraprenderanno quella strada, portando la tecnologia innovativa sul mercato, ma in modo regolamentato e conforme. Penso che per l’industria delle criptovalute, questo sarà l’inizio di una svolta: si evolverà in qualcosa di più consolidato”.

#6. Ci sono diversi fattori di rischio

Come di solito accade nei documenti S-1, il riepilogo di Coinbase dei fattori di rischio di cui gli investitori dovrebbero essere a conoscenza fornisce una lettura interessante e allarmante. Questo perché molte aziende non sono molto chiare a riguardo, per la gioia dei loro avvocati. Coinbase arriva a 59 pagine.

Bitcoin è passato da circa $4.000 a più di $68.000 in poco più di un anno – salvo scendere nuovamente a $20.000 dall’inizio di quest’anno – vale la pena notare che il riepilogo dei fattori di rischio di Coinbase inizia con:

Le nostre entrate nette dipendono sostanzialmente dai prezzi delle criptovalute e dal volume delle transazioni condotte sulla nostra piattaforma.” E ancora: “i nostri risultati operativi hanno e oscilleranno in modo significativo a causa della natura altamente volatile delle criptovalute“.

Altri fattori degni di nota includono:

  • Un “panorama normativo in forte evoluzione”;
  • Un settore altamente competitivo con molti concorrenti non regolamentati;
  • La forte crescita degli exchange decentralizzati, o DEX;
  • La volatilità dei prezzi delle criptovalute, che potrebbe riflettersi in prezzi delle azioni volatili;
  • L’incertezza sul fatto che le criptovalute siano titoli o meno;
  • Il potenziale di perdere il “numero relativamente piccolo di clienti” che rappresenta un “importo significativo” del volume degli scambi di Coinbase;
  • La possibilità di essere hackerato e derubato delle risorse crittografiche dei clienti;
  • La perdita delle chiavi private necessarie per accedere alle risorse crittografiche archiviate;

Qualsiasi interruzione significativa nei nostri prodotti e servizi, nei nostri sistemi informatici … potrebbe comportare una perdita di clienti o fondi. Inoltre potrebbe avere un impatto negativo sul nostro marchio, sulla reputazione e sul business, sui risultati operativi e sulla condizione finanziaria“.

Considerando la storia recente di Coinbase – e la crescente reputazione – di ribassi durante periodi di intensa volatilità, questo dovrebbe essere evidenziato in rosso e sottolineato. Oppure semplicemente ignorato, poiché tali interruzioni non sembrano aver danneggiato i suoi ricavi più della volatilità intrinseca degli asset digitali.

Criptovalute in borsa #7. Non tutto può essere decentralizzato

La passione di Armstrong per la “democratizzazione dei servizi finanziari” non si applica alla sua stessa azienda. Lo fa notare anche Coinbase nella sua sezione sui fattori di rischio S-1.

La struttura a doppia classe delle nostre azioni ordinarie avrà l’effetto di concentrare il controllo del voto su quegli azionisti. Inclusi i nostri amministratori, funzionari esecutivi, e i rispettivi affiliati“. Le azioni di Classe A da vendere pubblicamente avevano un voto mentre le azioni privilegiate di Classe B ne hanno 20, si legge nel prospetto.

Le azioni di Classe B non possono essere vendute: i proprietari devono prima convertirle in azioni di Classe A.

#8. Ritardi nella quotazione e problemi con i media

Coinbase intendeva quotare le sue azioni a marzo 2021, ma ha ritardato dopo aver accettato di pagare alla Commodity Futures Trading Commission 6,5 milioni di dollari per saldare le spese secondo cui due dei suoi programmi di trading automatizzato a volte scambiavano tra loro, facendo sì che l’exchange gonfiasse il volume e la liquidità delle criptovalute scambiate sulla sua piattaforma. Notando che i media hanno riportato queste informazioni, la CFTC ha affermato che l’effetto è stato quello di fornire al mercato informazioni “false, fuorvianti o imprecise“.

Sebbene l’agenzia non considerasse la pratica come deliberatamente fuorviante gli investitori, è stato un imbarazzo per un’azienda che si propone come piattaforma di trading di criptovaluta fortemente conforme.

La CFTC ha anche osservato che durante un periodo di sei settimane nel 2016, un singolo dipendente ha collocato intenzionalmente lavaggi. Coinbase è stato ritenuto “responsabile indirettamente” della cattiva condotta di quel dipendente.

Criptovalute in borsa #9. La società ha avuto varie controversie

Nelle società per azioni quello che dice l’amministratore delegato conta molto, perché può influenzare direttamente – e immediatamente – il prezzo delle azioni. Quindi, è incredibile la vicenda di Armstrong e del movimento Black Lives Matter lo scorso settembre. Rifiutando di assumere una posizione aziendale sul BLM, Armstrong ha annunciato che l’azienda avrebbe assunto una posizione apolitica nei confronti delle questioni sociali. Questa mossa ha attirato moltissime critiche sia all’interno che all’esterno dell’azienda.

Armstrong ha raddoppiato la sua posizione, al punto che ha offerto allo staff insoddisfatto una buonuscita per andare via. Ha sbattuto fuori 60 persone, secondo i rapporti.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Non è possibile tracciare una linea diretta. Tuttavia è lecito ipotizzare che la notorietà di questa posizione abbia facilitato un paio di articoli sul New York Times e su altri media importanti. Molti articoli hanno riportato le parole di ex dipendenti che rivendicavano la discriminazione razziale e le disparità salariali tra uomini e donne.