APR vs APY nel mondo Crypto: quali sono le principali differenze? |Parte2|

APR e APY sono molto spesso confusi tra di loro. Servono entrambi per mostrare un rendimento, ma quali sono le loro differenze?

Nel PRIMO ARTICOLO abbiamo parlato dell’APR, vedendo come si calcola e per cosa viene utilizzato. Passiamo ora a vedere a cosa serva l’APY e la sua differenza con l’APR

apy apr criptovalute investimento rendita
Adobe Stock

Cos’è l’APY

APY (annual percentage yield) o (rendimento percentuale annuo) in italiano, è il tasso di rendimento effettivo che guadagni su un investimento. L’APY tiene conto dell’effetto dell’interesse composto (compound interest).

Mentre l’APR viene calcolato utilizzando l’interesse semplice, il rendimento percentuale annuo (APY) utilizza l’interesse composto. Ciò significa che quando si utilizza l’APY, le piattaforme calcolano gli interessi sull’importo del capitale e sugli interessi accumulati. L’APY è in genere utilizzato per cose che fanno guadagnare denaro alle persone. Nelle criptovalute, ciò comporta staking, yield farming e anche conti di risparmio in criptovalute.

Il Tasso di interesse annuo effettivo (EAR) è un termine alternativo per APY. Nella TradFi, le piattaforme applicano APY a risparmi, depositi, fondi del mercato monetario e altri conti che pagano interessi.

L’APY calcola il vero ritorno sull’investimento poiché utilizza l’interesse composto. Il compounding consente a un investimento di guadagnare interessi sugli interessi nel tempo, rendendo l’APY un potente strumento per calcolare il rendimento reale di un investimento. Tuttavia, APY potrebbe non includere commissioni.

Come calcolare l’APY

Le piattaforme crittografiche che offrono prodotti che generano interessi possono aumentare gli interessi giornalmente, mensilmente, trimestralmente, semestralmente o annualmente. Una piattaforma che accumula interessi più frequentemente, ad esempio ogni giorno, farà guadagnare agli investitori rendimenti più elevati.

Puoi calcolare APY usando questa formula:

APY = ((1 + r/n) ^ n) – 1 dove

r = Tasso di interesse annuo

n = Numero di periodi di compound all’anno

Ecco come appare la frequenza di compound rispetto al numero di periodi di compound:

Frequenza del compound e Numero di periodi

Quotidiano: 365

Mensile: 12

trimestrale: 4

Semestrale: 2

Annuale: 1

Quindi, diamo un’occhiata a questo esempio.

Immagina di voler investire 1.000$ in ether (ETH) su una piattaforma di staking con un tasso di interesse annuo dell’11%, con un compound mensilmente. Ecco l’APY risultante:

APY = ((1 + (11%/12)) ^ 12) – 1

APY = 11,57%, il che significa che un interesse annuo dell’11% composto mensilmente darà un APY dell’11,57%. Pertanto,  1.000$ in 1 anno diventeranno $ 1.122,04 se l’APY si applica davvero per il periodo specificato.

(ovviamente, tutto ciò se i 1000$ in ether rimangono sempre 1000)

Le varie forme di APY

Proprio come APR, anche APY può avere tariffe flessibili e variabili. Un APY flessibile rimane lo stesso per tutto il periodo di investimento. Tuttavia, un APY variabile non rimarrà al tasso originale per tutta la durata dell’investimento. Invece, può fluttuare in base alle condizioni di mercato e a qualsiasi altro fattore che il protocollo o lo scambio di criptovalute influiranno.

APR vs. APY: quale considerare?

La principale differenza tra APR e APY è che il primo utilizza l’interesse semplice mentre il secondo utilizza l’interesse composto. Pertanto, sarebbe meglio concentrarsi sull’APY perché è una misurazione del rendimento più accurata rispetto a APR.

Anche la frequenza del compound è una misura da considerare poiché determinerà la dimensione di un rendimento.

Oltre a confrontare APR con APY, prima di investire bisognerebbe esaminare questi fattori:

  • Costi associati: considera i costi come le commissioni di transazione on-chain e i costi di prelievo dell’exchange.
  • Il tipo APR e APY: APR e APY possono essere fissi o variabili. Pertanto, assicurati di comprendere il tipo di APR o APY in offerta prima di prendere un prestito o investire i tuoi soldi.
  • Le prestazioni attuali dell’asset digitale e le prospettive future: APY e APR attraenti da piattaforme “dubbie” non ne valgono la pena (quasi sempre, rendimenti troppo alti celano qualcosa di brutto). È anche rischioso mettere in staking token con un futuro discutibile. Se i loro prezzi scendono, anche il tuo investimento perderà valore e la misurazione APY o APR risulterà imprecisa.
  • La reputazione e le dimensioni della piattaforma: è probabile che le grandi piattaforme DeFi e CeFi ben consolidate abbiano una liquidità migliore rispetto alle piattaforme piccole. Questa non è una regola ferrea. Tuttavia, è essenziale considerare questo fattore prima di lasciarsi tentare da tassi di interesse più elevati da istituti più piccoli.

Pensieri finali, APR o APY

Mentre l’APY è generalmente la misura migliore per esaminare i ritorni sull’investimento, alcune piattaforme di staking e altre piattaforme crittografiche che generano interessi offrono invece l’APR. Questo potrebbe scoraggiarti e rendere difficile confrontare i tassi di interesse tra diversi fornitori.

Alcune persone possono anche scegliere la piattaforma che offre un APY rispetto a un’altra che utilizza l’APR. Ma non è mai così semplice. Un APY più elevato non genera necessariamente sempre più interesse di un APR inferiore a causa dei fattori sopra menzionati. Per fare un confronto più accurato, converti APR e APY utilizzando gli strumenti online se conosci la frequenza di composizione.

Inoltre, confronta solo gli APY con lo stesso periodo di compound. Questo perché un APY che accumula interessi mensili non è lo stesso di uno che utilizza una frequenza trimestrale. Questo è un consiglio fondamentale quando si scelgono i prodotti migliori. Un’altra cosa importante da ricordare è che i premi per lo staking vengono generalmente pagati in criptovalute anziché in fiat. Ciò significa che le tue ricompense per lo staking saranno soggette alla volatilità dei prezzi.

RICORDA, NON SONO CONSIGLI FINANZIARI!!!