APR vs APY nel mondo Crypto: quali sono le principali differenze? |Parte1|

APR e APY sono molto spesso confusi tra di loro. Servono entrambi per mostrare un rendimento, ma quali sono le loro differenze?

APR e APY, come abbiamo appena detto, sono due forme di tassi di interesse. Entrambe sono misurazioni per: rendimenti generati da protocolli, piattaforme di prestito di asset centralizzate e decentralizzate e altre piattaforme di investimento in criptovalute.

apr apy rendimenti
Adobe Stock

Alcune piattaforme utilizzano l’APR, mentre altre calcolano i rendimenti utilizzando l’APY. Sebbene possano sembrare simili, i due tassi di interesse non generano gli stessi risultati. Questa guida coprirà le differenze tra le due misure e spiegherà come calcolare accuratamente i rendimenti sui nostri investimenti.

Cos’è l’APR

L’APR (annual percentage rate) o (tasso percentuale annuo) in italiano, è il rendimento annuo che un “prestatore” guadagna prestando le proprie criptovalute.

 

In alternativa, puoi pensare al TAEG come all’interesse annuale che un mutuatario paga su qualsiasi prestito. In altre parole, è il prezzo da pagare per prendere in prestito denaro.

 

Gli istituti finanziari tradizionali applicano il TAEG a mutui, carte di credito e altri tipi di credito. All’interno dello spazio crittografico, l’APR viene applicato allo staking, ai conti di risparmio crittografici, al lending e borrowing.

Sebbene il TAEG sia un tasso annualizzato, i mutuatari spesso pagano i loro prestiti mensilmente o più frequentemente, a seconda del programma di pagamento. Inoltre, poiché si tratta di un tasso annuale, i TAEG sono ripartiti proporzionalmente adeguati per periodi più brevi. Quindi, un TAEG del 3% su un prestito di sei mesi significa che il prestito prevede solo un addebito di un tasso di interesse dell’1,5%.

Come viene calcolato l’APR

L’APR viene calcolato utilizzando l’interesse semplice ma può includere commissioni e altri costi aggiuntivi associati alla transazione. Ciò significa che potrebbe essere necessario calcolarlo per ottenere il costo annuale reale di un prestito.

La formula APR è la seguente:

APR = ((interessi + commissioni/importo del prestito) / numero di giorni definiti nel contratto di prestito)) x 365 giorni o un anno x 100

Supponiamo ora che tu voglia prendere in prestito USDT per un valore di 10.000$ da un protocollo di prestito per due anni e il tasso di interesse annuo sia del 5%. Le commissioni per questa transazione sono di 30$.

Per calcolare l’APR, innanzitutto, calcola l’interesse utilizzando la formula dell’interesse semplice.

Interesse semplice guadagnato = P x I x T) dove:

P = Importo capytale

I = Tasso di interesse annuo

T = Periodo di tempo

Seguendo il nostro esempio sopra:

P = 10.000$

I = 5%

T = 2 anni

Pertanto, interesse semplice guadagnato = 10.000 x 0,05 x 2

Interesse semplice guadagnato = 1.000$

Con gli interessi, puoi procedere al calcolo del tasso come segue:

APR = ((1.000 + 30)) / 10.000) / 2)) x 1 x 100

APR = 5,15%

Sulla base di questo calcolo, il tasso di interesse annuo può essere del 5%, ma il costo reale è in realtà del 5,15% se si calcolano costi aggiuntivi oltre agli interessi. Allo stesso modo, il calcolo della ricompensa per lo staking in base all’APR potrebbe non fornire una cifra precisa di ciò che riceverai. Come mai? Perché fattori come le commissioni del validatore, il rapporto dei token legati, la velocità di creazione dei blocchi e il tasso di inflazione dei token possono influenzare la ricompensa finale dello staking.

I vari tipi di tassi

Gli APR possono essere fissi o variabili. Un APR fisso non cambia. D’altra parte, un APR variabile può variare in qualsiasi momento a seconda delle condizioni di mercato e di qualsiasi altro fattore che la piattaforma di prestito può decidere di tenere conto. Di conseguenza, è probabile che i mutuatari paghino più interessi con un APR variabile rispetto a uno fisso. Ciò è particolarmente vero se le condizioni di mercato sono volatili.

Nel SECONDO ARTICOLO parleremo invece dell’ APY, soffermandoci sulla differenza far i due tassi.

RICORDA, NON SONO CONSIGLI FINANZIARI!!!