Un caso interessante da studiare sul rapporto tra criptovalute e CBDC: possono coesistere?

Lo stato delle criptovalute in Nigeria: un rapporto speciale sul tasso di adozione delle criptovalute, sulle CBDC e sul divieto di usarle.

In questo rapporto speciale, Crypto.it si avventura in Nigeria, scoprendo a cos’è dovuto l’alto tasso di adozione delle criptovalute – 11° a livello globale – e lo sviluppo dell’e-Naira.

cbdc
Adobe Stock

La Nigeria ha un motto non ufficiale: “Naija no dey carry last“. Significa che la Nigeria non arriva mai per ultima. Parla dell’atteggiamento collettivo nei confronti della vita che i nigeriani condividono: una feroce determinazione ad avere successo. È un motto che ha plasmato la cultura moderna della Nigeria e ha senza dubbio contribuito alla rapida adozione da parte dei suoi cittadini di tutto ciò che è il Web3.

Stato dell’economia e delle criptovalute in Nigeria: inflazione alta e indebolimento della valuta

La Nigeria ha dichiarato l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1960, dopo quasi cento anni di dominio coloniale. Da allora è diventata il sesto paese più popoloso al mondo e il primo dell’Africa. L’economia del paese da 440 miliardi di dollari è la più grande dell’Africa ed è stata una delle economie in più rapida crescita. La composizione economica della Nigeria è cambiata considerevolmente nell’ultima generazione. I settori finanziario e tecnologico sono cresciuti, il che ha portato più cittadini a trasferirsi nelle città per lavoro.

Eppure, nonostante la sua ricchezza, rispetto ad altri paesi africani, l’economia della Nigeria è al 26° posto nel mondo se misurata dal PIL. Scende al 162° se consideriamo il PIL pro capite (che si riferisce alla produzione media pro capite in Nigeria). In effetti, si prevede che il numero di nigeriani poveri raggiungerà i 95 milioni entro la fine del 2022. Si tratta di quasi il 50% della popolazione. Inoltre quattro nigeriani su dieci vivono già al di sotto della soglia di povertà nazionale, secondo le stime della banca mondiale.

Diversi fattori contribuiscono oggi agli alti tassi di povertà della Nigeria. C’è stato il crollo del prezzo del petrolio nel 2014 che ha portato alla prima recessione del paese in 25 anni. Questo anche grazie alla forte dipendenza del paese dalle esportazioni di petrolio. L’economia nigeriana ha anche sofferto di un’elevata inflazione, che ha raggiunto il massimo in 17 anni del 20,8% , rispetto all’8,2% degli Stati Uniti. Inoltre, la valuta nigeriana, la Naira, si è deprezzata in media del 10,6% annuo dal 1973, il che ha peggiorato i tassi di povertà in tutto il paese ed esacerbato la sua già ostinatamente alta inflazione.

I problemi della valuta nazionale

Alla domanda sul motivo per cui la Naira si deprezzava continuamente, il governatore della banca centrale nigeriana Godwin Emefiele ha spiegato che, poiché i mercati nigeriani dipendono così tanto dalle esportazioni di petrolio, ogni volta che c’è un calo dei prezzi del greggio, gli investitori stranieri si ritirano dai mercati. Le vendite di petrolio greggio rappresentano circa il 90% della valuta estera in entrata della Nigeria. Pertanto quando gli investitori stranieri si ritirano, segue un calo dell’offerta di valuta estera nel paese. È discutibile se i prezzi del petrolio siano importanti quanto il governatore afferma. Tuttavia una cosa è certa: molti dei maggiori problemi della Nigeria riguardano la sua valuta nazionale.

Dato l’impatto dell’indebolimento della Naira e dell’inflazione intrattabile del paese, c’è da stupirsi che i nigeriani ora utilizzino le criptovalute per il commercio internazionale e per proteggere il proprio patrimonio?

Non dovrebbe sorprendere che a luglio di quest’anno, secondo un rapporto di Morning Consult, un adulto nigeriano su due commercia criptovalute almeno una volta al mese. Si tratta della percentuale più alta di qualsiasi popolazione sulla terra. Inoltre, la Nigeria si è classificata al sesto posto nell’indice di adozione delle criptovalute del 2021 (sebbene sia scivolata all’11° nell’edizione del 2022 ). Ma oltre a proteggere la loro ricchezza dal deprezzamento della valuta e dall’inflazione, quali altri motivi potrebbero spiegare l’atteggiamento positivo della Nigeria nei confronti delle criptovalute?

La banca centrale della Nigeria vieta le cripto?

Nel febbraio 2021, la banca centrale nigeriana ha rilasciato una lettera a tutte le banche e società finanziarie che operano in Nigeria. L’obiettivo del documento era mettere in guardia dall’uso di criptovalute. In sostanza ricordava loro che “è vietato trattare criptovalute o facilitare i pagamenti in criptovalute“. La lettera chiedeva inoltre a tutti i destinatari di identificare le persone che gestiscono gli exchange di criptovalute e assicurarsi che i loro account vengano chiusi immediatamente.

Questa lettera ha comprensibilmente portato molti giornalisti a credere (e riferire) che le criptovalute fossero completamente bandite in Nigeria. Tuttavia, la banca centrale ha successivamente chiarito che la sua lettera non costituiva un divieto totale, né aveva lo scopo di scoraggiare le persone dal fare trading di criptovaluta. Invece, ha affermato la banca, si trattava semplicemente di ribadire un divieto preesistente alle banche che facilitano le transazioni in criptovalute che è stato implementato nel 2017, e che faceva parte della spinta del governo affinché la Nigeria diventasse una società senza contanti.

Intervenendo a un seminario nella capitale nigeriana, Abuja, il vice governatore della banca centrale Adamu Lamtek ha chiarito ulteriormente:

Quello che abbiamo appena fatto è stato vietare le transazioni in criptovalute nel settore bancario“.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Prima della pubblicazione della lettera, i nigeriani acquistavano spesso criptovalute tramite banche commerciali legittime. Così facendo era considerato il metodo più sicuro con cui potevano utilizzare le valute digitali. Ma quando all’improvviso queste banche non sono state in grado di facilitare le transazioni in criptovalute per loro conto, sono state costrette a fare affidamento su piattaforme inaffidabili per mantenere a galla le loro attività. Utilizzando queste piattaforme dubbie, molte persone sono cadute vittime di truffe e schemi fraudolenti. Altri fortunatamente hanno scoperto piattaforme peer-to-peer, il che significava che potevano continuare a utilizzare le criptovalute per importare beni con un ulteriore vantaggio di non pagare alcuna commissione alle banche.