Il complicato rapporto tra Bitcoin ed Euro digitale spiegato in modo semplice

Il rapporto tra criptovalute e CBDC è ben spiegato dalla situazione in Nigeria: vediamo un’interessante sintesi sulla direzione del mercato.

Il continuo deprezzamento della Naira, ha ispirato il governo nigeriano a creare la controparte digitale. L’obiettivo è quello di escogitare un modo per consentire a tutti i suoi cittadini – o almeno la maggior parte – di ottenere dei vantaggi dall’uso della blockchain, e incoraggiare un maggiore utilizzo di Naira. Alla fine, hanno deciso di costruire una valuta digitale della banca centrale (o CBDC), chiamata e-Naira.

euro digitale
Adobe Stock

Le CBDC funzionano in modo simile alle criptovalute. Utilizzano registri digitali (sebbene non necessariamente una blockchain) per registrare le transazioni. In un certo senso, le CBDC sono forse più simili alle stablecoin perché entrambe sono ancorate a una valuta fiat. Puoi usarle proprio come i contanti sulla tua carta di credito, da un conto che la banca centrale ti assegna. Nonostante le loro apparenti somiglianze, è importante tenere presente che ci sono molte differenze tra CBDC e criptovalute.

Una differenza fondamentale è che le CBDC sono centralizzate.Questo significa che sono controllate da un governo o da una banca centrale. Le criptovalute invece sono decentralizzate, e quindi sotto il controllo di nessuno. E a differenza del denaro che rappresentano, le CBDC non ti consentono di pagare beni e servizi privatamente. Le criptovalute invece sono pseudonime, il che significa che le tue transazioni appaiono sotto uno pseudonimo (di solito l’indirizzo del tuo portafoglio).

L’e-Naira: la risposta della Nigeria alle criptovalute è la sua CBDC?

Alcune di queste differenze sono motivo di seria preoccupazione. Ogni transazione CBDC, ad esempio, lascia un’impronta digitale che lo stato può monitorare. Questo significa che le CBDC non riproducono uno dei principali vantaggi del contante: la privacy. In teoria, lo stato potrebbe monitorare a quale partito politico si paga l’iscrizione, quali giornali e libri si acquistano, o anche dove si acquista il caffè. Tutto questo a condizione che si paghino per quei beni e servizi con CBDC.

Lo stato potrebbe anche impedire ai cittadini di acquistare o vendere determinati articoli tramite il codice CBDC stesso. Articoli che potrebbero, ad esempio, essere utilizzati per protestare contro la brutalità e l’oppressione della polizia, o libri che potrebbero promuovere idee diverse da quelle approvate dallo stato.

E infine, alcuni hanno espresso preoccupazione per il fatto che in tempi di incertezza economica, le persone potrebbero trasferire i propri soldi dai conti bancari tradizionali alle CBDC. Ciò potrebbe creare una corsa elettronica sulle banche. Solo una frazione dei depositi bancari è infatti garantita da contanti effettivi e può essere ritirata, grazie al sistema di riserva frazionaria che le banche utilizzano oggi.

Non sarebbe giusto, tuttavia, dire che le CBDC come l’e-Naira della Nigeria sono del tutto prive di merito. Potrebbero consentire alla banca centrale di trasferire denaro a singoli cittadini, o cittadini di una certa fascia demografica, o a coloro che vivono in una determinata area. Tutto questo senza prima accertare le loro coordinate bancarie, che sarebbero molto utili durante crisi finanziarie o disastri naturali. Inoltre, le CBDC potrebbero costringere le grandi banche a innovare maggiormente nel settore dei pagamenti e dei conti correnti, che oggi dominano in modo schiacciante con infrastrutture legacy.

Un problema da non sottovalutare

Nel complesso, tuttavia, dovrebbe ormai essere chiaro che l’e-Naira e ogni altra CBDC sono semplicemente versioni digitali delle valute legali che integrano. Presentano alcune stranezze simili alle criptovalute mescolate a del buon marketing, esattamente come le criptovalute. Non offrono nessuno dei vantaggi in termini di privacy offerti dalle criptovalute. Non proteggono i loro utenti, compresi i nigeriani che utilizzano e-Naira, dall’inflazione o dal deprezzamento della valuta. Eppure, questi inconvenienti non hanno dissuaso la banca centrale nigeriana dal lanciare una CBDC nell’ottobre 2021.

Quando la Nigeria ha lanciato l’e-Naira, è diventato il primo paese africano e il secondo paese al mondo a lanciare un CBDC. Durante il lancio di e-Naira per un valore di $200 milioni di dollari, è stata emessa verso un assortimento di banche e istituzioni finanziarie per incoraggiare loro e i loro clienti a utilizzare la nuova CBDC. La banca centrale ha considerato il lancio un grande successo: 33 banche e 120 esercizi commerciali si sono registrati alla piattaforma durante l’evento di lancio. Poco dopo il lancio, il presidente Buhari ha affermato che l’adozione di e-Naira potrebbe “aumentare il PIL della Nigeria di 29 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni“.

Tuttavia, non tutti erano d’accordo sul fatto che l’e-Naira avrebbe risolto i maggiori problemi che i nigeriani hanno dovuto affrontare. Poiché è ancorato alla stessa Naira, non è chiaro come o perché una e-Naira proteggerebbe più efficacemente la ricchezza dei nigeriani dall’inflazione o dalla svalutazione della valuta. Questo va infatti valutato rispetto, ad esempio, ad azioni, obbligazioni, oro, Bitcoin, Ethereum o persino una stablecoin sostenuta dal dollaro come USDC. Un’altra domanda a cui rispondere è: se nessuno vuole comprare Naira, perché qualcuno dovrebbe voler comprare l’e-Naira?

Futuro delle criptovalute in Nigeria

Nonostante questi problemi, i dati raccolti tre mesi dopo il lancio hanno mostrato che gli utenti hanno scaricato l’app e-Naira quasi 700.000 volte da 160 paesi e ha supportato 35.000 transazioni. Queste cifre, sebbene in qualche modo incoraggianti, in realtà non dipingono un quadro particolarmente positivo. Soprattutto se si considera il fatto che in El Salvador tre milioni di persone hanno scaricato l’app Chivo del governo in un lasso di tempo comparabile. Per contesto, la popolazione di El Salvador è un trentesimo più grande di quella della Nigeria. Inoltre, dopo aver chiesto a dozzine di imprenditori nigeriani la loro opinione sull’e-Naira, i giornalisti di Al Jazeera hanno scoperto che la maggior parte dei nigeriani con cui hanno parlato non ne aveva mai sentito parlare.

Quindi sembra che, nonostante i tentativi del governo nigeriano di attirare i suoi cittadini lontano dalle valute decentralizzate attraverso la sua CBDC, i cittadini nigeriani non siano così interessati. In effetti, l’adozione delle criptovalute è costantemente aumentata in tutta la Nigeria nonostante il rilascio di e-Naira. KuCoin riferisce che 33,4 milioni di nigeriani hanno scambiato o posseduto asset crittografici ad aprile 2022, nonostante il lancio di e-Naira e le restrizioni sul trading di criptovalute.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I nigeriani hanno evitato le sanzioni e importato beni utilizzando le criptovalute. Nonostante questo, il governo nigeriano si è di fatto scaldato nello spazio crittografico. All’inizio di settembre, la Nigerian Export Processing Zones Authority, che regola e gestisce le zone di libero scambio in Nigeria, ha avviato discussioni con Binance. L’obiettivo è quello di una zona franca dedicata alle aziende blockchain e criptovalute, simile alla zona franca virtuale di Dubai. Sebbene non sia ancora emerso un accordo, è un passo nella giusta direzione. Ci mostra che il governo nigeriano abbia intenzione di diventare un player importante nell’economia del Web3.