L’impatto della vicenda FTX su tutto il mercato cripto: “ripristinare la fiducia richiederà tempo”

L’impatto del crollo di FTX andrà ben oltre i suoi clienti ed i suoi investitori: esploriamo le possibili conseguenze nel mercato cripto.

L’implosione in corso dell’exchange di criptovalute di Sam Bankman-Fried avrà un impatto sulla percezione pubblica del settore, nonché conseguenze normative e politiche.

Secondo il Wall Street Journal, Sam Bankman-Fried ha prestato alla sua società commerciale Alameda Research $10 miliardi del denaro dei clienti di FTX.

ftx
Adobe Stock

Il numero è davvero sorprendente. Una fonte “familiare con la questione” ha affermato che rappresenta più della metà di tutti i fondi depositati su FTX. Questo ci dà un’idea della profondità dei problemi dell’ex secondo maggiore exchange di criptovalute. FTX deteneva, $16 miliardi di fondi dei clienti, sempre secondo quella fonte.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, la Securities and Exchange Commission e la Commodity Futures Trading Commission stanno indagando sulla debacle.

Il rapporto di CoinDesk: l’inizio di tutto

I problemi delle due società di Bankman-Fried sono iniziati con un rapporto di CoinDesk lo scorso 2 novembre. Secondo il documento la stragrande maggioranza degli asset di Alameda era costituita dalla criptovaluta FTT emessa da FTX.

La situzione è degenerata rapidamente. Le preoccupazioni hanno portato gli investitori a ritirare almeno $5 miliardi domenica 6 novembre. Il giorno successivo, il prezzo di FTT stava perdendo oltre l’80% del suo valore.

Di fronte a questa “crisi di liquidità”, Bankman-Fried ha accettato di vendere FTX all’exchange rivale Binance, che ha ritirato l’accordo il 9 novembre. Lo stesso giorno, FTX ha interrotto i prelievi.

Avendo prestato miliardi alla società commerciale ad alto rischio di Bankman-Fried, FTX ha dovuto affrontare una crisi di liquidità che si è trasformata in un deficit, quando il prezzo di FTT è crollato. Secondo quanto riferito, nel momento in cui scrivo SBF sta ancora cercando di salvare FTX, dicendo agli investitori che ha bisogno di $8 miliardi per coprire tutti i fondi dei clienti.

Bankman-Fried si è trasformato in uno dei più visibili lobbisti dell’industria delle criptovalute, spingendo per un regime di supervisione più lassista. E così il crollo di FTX probabilmente aggiungerà potenza di fuoco alla campagna del presidente della SEC Gary Gensler. L’obiettivo dell’istituzione è costringere gli exchange di criptovaluta a registrarsi come veri e propri broker regolamentati. I broker sono tenuti a mantenere i fondi dei clienti completamente separati, per prevenirne la perdita in caso di problemi finanziari dell’azienda.

“Ho fatto una ca**ata”

Bankman-Fried ha scritto un lungo thread di mea culpa su Twitter giovedì, sostenendo tra le altre cose che “ho fatto una ca**ata e avrei dovuto fare di meglio“.

Aveva anche sottolineato che è solo la piattaforma FTX ad essere in difficoltà finanziarie. Il più recente e molto più piccolo exchange FTX US e i suoi utenti “non sono influenzati finanziariamente da questo spettacolo di m*rda. È liquido al 100%. Ogni utente può ritirarsi completamente“. Invece hanno entrambe dichiarato bancarotta.

Il 10 novembre, un annuncio banner sul sito Web di FTX US ha avvertito che “il trading potrebbe essere interrotto su FTX US in pochi giorni. Si prega di chiudere tutte le posizioni che si desidera chiudere. I prelievi sono e rimarranno aperti“. E invece sono chiusi.

Sono passati due giorni da quando Bankman-Fried ha scritto “FTX sta bene” su Twitter.

Il destino di FTX è ormai chiaro: il fallimento. L’exchange si è unito ad una sfilza di piattaforme di prestito in criptovalute -come Celsius e Voyager Digital – che sono diventate insolventi in seguito all’imposizione di $48 miliardi dell’ecosistema di stablecoin Terra/LUNA a maggio 2022.

CoinDesk ha riferito giovedì che alcuni utenti sono stati in grado di prelevare fondi da FTX. Ma nel momento in cui scrivo il sito Web di FTX afferma ancora di non poter elaborare prelievi.

Per quanto riguarda Alameda Research, dove iniziò l’impero di Bankman-Fired, CoinDesk ha detto che sarebbe stato “il fallimento del trading“. Ha anche riferito che avrebbe perso il suo status di miliardario, nonostante lunedì avesse un valore di $15,6 miliardi.

Il CEO di Binance Changpeng “CZ” Zhao ha ritirato l’accordo per l’acquisto di FTX il 9 novembre, citando “due diligence aziendale” e “notizie riguardanti fondi dei clienti gestiti in modo improprio e presunte indagini dell’agenzia statunitense“.

Nel frattempo, il danno si è esteso oltre FTX nel settore più ampio, con la più grande stablecoin, l’USDT di Tether, che ha perso il suo ancoraggio al dollaro — scendendo di quasi due centesimi a $0,9815 prima di riguadagnare il suo peg. Oltre a ciò, Tether ha affermato di aver congelato $46 milioni di USDT di FTX sulla blockchain di Tron a seguito di una richiesta delle forze dell’ordine.

E gran parte dell’intera industria delle criptovalute è stata trascinata al ribasso. Bitcoin che è caduto brevemente nell’intervallo di $15.000. Da allora è rimbalzato a circa $16.800 al momento in cui scrivo.

FTX e il crollo del mercato cripto: tre grandi problemi

Ci sono diversi grandi problemi in gioco qui, oltre naturalmente l’impatto del crollo di FTX sui suoi investitori.

In primo luogo, c’è l’impatto sulla credibilità dell’industria delle criptovalute in generale. Questa è stata messa a dura prova dal crollo durato un anno del prezzo di Bitcoin e di altri token. Consideriamo anche la serie di attacchi informatici e la spettacolare implosione della stablecoin Terra/LUNA ecosistema a maggio.

In secondo luogo, c’è l’impatto che avrà sui regolatori, che sono diventati sempre più aggressivi con il settore.

Terzo, c’è l’impatto che avrà tutto questo sulla battaglia politica per creare un quadro normativo per le criptovalute. In questo senso gli USA sono in stallo, attualmente in pausa per le elezioni del Congresso di medio termine che si terranno martedì 15 novembre 2022.

Crollo del mercato cripto: duro colpo alla credibilità 

L’industria delle criptovalute è stata già colpita dall’inverno delle criptovalute, che aveva visto Bitcoin perdere circa il 70% del suo valore negli ultimi 12 mesi anche prima dell’impatto degli eventi di questa settimana.

Successivamente ha subito un grande colpo a maggio con il crollo della stablecoin UST e del suo token partner LUNA. La tragica vicenda ha distrutto $48 miliardi di investimenti nell’arco di una settimana. Questo ha portato al crollo di un importante hedge fund di criptovalute, Three Arrows Capital, che a sua volta ha portato a un vero e proprio effetto domino, con un numero maggiore di investitori al dettaglio che hanno perso miliardi di dollari.

Parlando di criminalità informatica, ci sono stati una serie di hack crittografici, in particolare l’hacking del bridge di Ronin Network da 625 milioni di dollari e oltre 125 altri che hanno visto rubati più di 3 miliardi di dollari nel 2022, inclusi 718 milioni di dollari nel solo mese di ottobre, ha riferito la società di intelligence blockchain Chainalysis. L’hacking di Ronin, effettuato dagli hacker del governo nordcoreano secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, ha portato il Dipartimento del Tesoro a imporre sanzioni al servizio di mixaggio Tornado Cash, che sarebbe stato utilizzato per nascondere quei fondi.

Il crollo avrà ampie conseguenze, ha previsto Zhao di Binance. “Il crollo di FTX non fa bene a nessuno nel settore… la fiducia è gravemente scossa“, ha twittato il 9 novembre. “I regolatori esamineranno ancora di più gli exchange. Le licenze in tutto il mondo saranno più difficili da ottenere“.

Un’altra ricaduta del crollo di FTX è che almeno 11 importanti exchange tra cui Binance, Crypto.com, Gate.io, Kraken, KuCoin, Poloniex, Bitget, Huobi, OKX, Deribit e Bybit hanno annunciato l’intenzione di pubblicare una prova di riserva, in cui dimostrano regolarmentela propria consistenza patrimoniale.

Kraken è andato un po’ più in là poiché ha già in atto audit di prova della riserva, twittando non solo una dichiarazione sul suo impegno in tali audit, ma anche istruzioni dettagliate su come garantire che gli account dei singoli utenti siano stati verificati.

Definendo il fallimento di FTX “un momento critico per l’intero settore“, il CEO di Crypto.com Kris Marszalek, ha twittato:

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Dovrebbe essere necessario che le piattaforme crittografiche condividano pubblicamente la prova delle riserve. La trasparenza è più importante che mai… Ripristinare la fiducia nella nostra categoria richiederà tempo, ma spetta a noi inviare un messaggio forte al mondo che ci sono piattaforme crittografiche affidabili.