Dal 1929 ad oggi: gli 8 Bear Market più importanti della storia

Gli 8 bear market più importanti nel corso della storia, dal 1929 ad oggi: non solo criptovalute, vediamo corsi e ricorsi storici.

I mercati ribassisti sono una parte fondamentale del ciclo di mercato. Forniscono ai mercati il ​​tempo di tornare alla media e prepararsi per il prossimo mercato rialzista.

beat market
Adobe Stock

Dopo due anni di trend rialzista guidato dal Quantitative Easing, i mercati globali hanno incontrato forti venti contrari. Siamo in un mercato ribassista. Non solo azioni e criptovalute, letteralmente tutto sembra essere in una tendenza al ribasso. Bitcoin è sceso del 70% dal suo massimo e gli indici azionari hanno perso oltre il 20%. In un momento come questo in cui la fiducia è bassa, immergiamoci nei peggiori bear market della storia e vediamo come le persone si sono riprese da questi momenti.

La Grande Depressione del 1929

Il mercato ribassista causato dalla Grande Depressione nel 1929 vince il premio per il più grande mercato ribassista della storia. Il crollo del mercato azionario del settembre 1929 fu il primo di molti altri, poiché il crollo causò una corsa agli sportelli che scatenò una reazione a catena di cadute delle istituzioni.

Tutto ciò ha portato i tassi di disoccupazione al 25% e ha spinto il mercato azionario al ribasso di oltre l’85%. Ci volle la seconda guerra mondiale per riparare il danno, poiché fu solo nel gennaio 1945 che il mercato si riprese completamente.

La crisi finanziaria del 2007 – 2008

Prima del crollo, Lehman Brothers era la quarta banca di investimento più grande al mondo. La società ha sottoscritto oltre 80 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca che hanno portato a una delle più grandi bolle del mercato immobiliare della storia recente. La mancanza di controlli sui precedenti ha consentito alle persone con il merito creditizio più basso di ottenere mutui che non avrebbero mai potuto permettersi.

Quando i prezzi delle case sono crollati, molte di queste persone sono andate in default sui propri mutui, quegli stessi mutui che sostenevano i portafogli delle banche di investimento, come Lehman Brothers. Non ci volle molto perché Lehman Brothers crollasse e l’intera economia crollò con esso. L’S&P 500 ha perso quasi la metà del suo valore nei 18 mesi successivi, mentre la maggior parte delle principali economie è caduta in forti recessioni.

La bolla delle Dot-com

La bolla Dot-com è un altro incidente che è fresco nella memoria di molti. Negli anni precedenti l’inizio del decennio, l’interesse degli investitori per le azioni tecnologiche era ai massimi storici. Il sentimento era così positivo che le persone avrebbero letteralmente comprato qualsiasi cosa in quel mercato a causa della pressione dei pari. Questo è andato bene per molti fino a quando il Nasdaq alimentato dalla frenesia di Internet non si è fermato. L’S&P 500 ha perso più della metà del suo valore e molte aziende non sono sopravvissute.

Il lunedì nero (1987)

Il Black Monday è citato nei libri di storia come la correzione più violenta del Dow Jones. Nell’ottobre 1987, il mercato azionario ha perso un quarto del suo valore in un solo giorno. Quel giorno fu presto soprannominato Black Monday. Ci sono voluti altri due mesi prima che il mercato trovasse il suo minimo, spingendo il valore verso il basso di un ulteriore 11% nel processo. Per riferimento, il Black Monday è stato due volte più intenso (in termini percentuali) del giorno più rosso dell’incidente covid nel 2020.

Il crollo del mercato azionario del 1973-1974

Gli economisti avevano buone aspettative per l’anno 1973. I mercati hanno visto una crescita significativa negli anni precedenti e nessuno si aspettava che la situazione cambiasse presto. Anche pochi giorni prima dell’incidente, Time Magazine ha raccontato la propria opinione su un altro anno di prestazioni costanti.

Nel frattempo, le economie globali sono entrate in recessione. In soli due anni, l’economia statunitense ha visto il tasso di crescita del PIL scendere da una cifra positiva del 7,1% a una cifra negativa di -2,1%, mentre l’inflazione è salita alle stelle al 12%. Effetti simili si sono fatti sentire in tutto il mondo, provocando un lento calo in molti dei principali indici. Il calo è durato quasi 700 giorni, dimezzando ancora una volta il valore dell’S&P 500. Gli Stati Uniti sono entrati in un periodo di stagflazione, con l’inflazione che ha raggiunto livelli del 25%. Solo nel 1993 i mercati azionari americani hanno raggiunto un nuovo massimo storico.

Il Cyprus Bust (2000-2013)

Questo mercato ribassista si aggiudica il trofeo per le maggiori perdite percentuali di sempre. Dopo che la Borsa di Cipro ha segnato il suo picco nel novembre 1999, è entrata nel mercato ribassista più brutale e distruttivo della storia globale. Nei cinque anni successivi ha perso il 92% del suo valore.

Come se non bastasse, il mercato ha subito ciò che viene definito “rimbalzo del gatto morto”. In sostanza si è ripreso per poco tempo, salvo poi correggere di un altro 86%. Il mercato ha trovato un minimo nell’ottobre 2013. Dal picco del 1999, il mercato ha perso un incredibile 99,2% del suo valore. Mettiamola così: una correzione del 99,2% significa che il mercato ha perso un altro 90% del suo valore, dopo che aveva già perso il 90%! Il mercato di Cipro non si è mai ripreso.

Il terzo bear market di Bitcoin (2017)

Menzioniamo questo bear market nella nostra lista perché è uno di quelli che ci toccano più da vicino. Dopo che Bitcoin è salito a $20.000, ha perso oltre il 60% del suo valore in pochi mesi. Dopo molti hack, divieti e bozze di regolamentazione, Bitcoin ha trovato il suo minimo a dicembre 2018 a $3.200.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il bear market più corto di sempre (2020)

Il bear market più recente, causato dallo scoppio del coronavirus, è stato il mercato ribassista più corto mai registrato. Dopo il crollo del mercato all’inizio di marzo, il mercato azionario ha impiegato solo sei mesi per recuperare le perdite. Dal momento che le banche centrali di tutto il mondo si sono rivolte al Quantitative Easing, questo bear market ha segnato l’inizio di una forte corsa rialzista, che si è conclusa dopo pochi mesi. La fine di quel mercato rialzista ci ha portato all’inverno cripto (e non solo) in cui ci troviamo attualmente.