Lo Stato-Nazione di Bitcoin è solo una favola o si può realizzare davvero? Scoprilo qui

Stato-nazione di Bitcoin: è un’utopia o ci sono delle possibilità concrete? In questo articolo esploreremo gli scenari più interessanti.

C’è molto entusiasmo riguardo un possibile stato-nazione nella community di Bitcoin. Ma ci sono delle possibilità concrete oppure è solo fantasia? Leggi di più per scoprirlo.

Una delle narrazioni preferite dalla community di Bitcoin è quella dell’adozione dello stato-nazione incentrata sulla criptovaluta. Se lo digiti su Twitter troverai un sacco di risultati.

stato nazione bitcoin
Adobe Stock

In questo articolo, esaminiamo:

  • Cos’è esattamente lo stato-nazione di Bitcoin? Chi è a favore?
  • In che modo l’attuale sistema monetario si adatta a questa teoria?
  • Su quali presupposti si basa la teoria dello stato-nazione di Bitcoin?
  • Quanto è realistica tale teoria?

Immergiamoci!

Stato-nazione di Bitcoin: di cosa si tratta?

La versione breve della teoria è:

Le nazioni svilupperanno talmente tanta FOMO – proprio come i piccoli investitori (ma ormai anche quelli istituzionali) – tanto che prima o poi adotteranno Bitcoin come valuta a corso legale.

La teoria in realtà ha già preso piede, in particolare dopo che El Salvador ha accettato BTC come moneta a corso legale. Tutto ciò ha permesso all’industria delle criptovalute di sognare in grande. Ad esempio Samson Mow, CEO dell’azienda sviluppatrice di giochi Pixelmatic, ha dichiarato:

La teoria del gioco attorno a Bitcoin spingerà gli stati-nazione a competere per l’acquisizione di Bitcoin, e molto probabilmente sarà sotto forma di mining. Il vantaggio del secondo ordine sarà che Bitcoin porterà più stati-nazione a cercare l’indipendenza energetica al fine di garantire che le loro operazioni di mining di Bitcoin non possano essere interrotte da cause esterne“.

Un altro successo nella community Bitcoin è stato un rapporto di Fidelity, uno dei più grandi fondi pensione americani, che diceva:

Pensiamo anche che qui sia in gioco una teoria dei giochi con posta in gioco molto alta, per cui se l’adozione di bitcoin aumenta, i paesi che oggi si assicurano alcuni bitcoin staranno meglio in termini competitivi rispetto ai propri competitors. Pertanto, anche se altri paesi non credono nella tesi degli investimenti o l’adozione di bitcoin, saranno costretti ad acquisirne alcuni come forma di assicurazione“.

[…]

In altre parole, oggi è possibile pagare un piccolo costo come copertura rispetto a un costo potenzialmente molto più alto negli anni futuri“.

[…]

Non saremmo quindi sorpresi di vedere altri stati-nazione sovrani acquisire bitcoin nel 2022, e forse anche vedere una banca centrale effettuare un’acquisizione“.

Banche centrali che comprano bitcoin, ora sì che ci siamo.

Ma perché le nazioni dovrebbero sviluppare questa FOMO?

L’idea è che BTC sia denaro migliore rispetto alla valuta fiat, e quindi attirerà l’attenzione degli stati-nazione poiché le loro valute legali si svalutano nel tempo. In realtà BTC assume sempre di più il ruolo di commodity digitale e riserva di valore, più che denaro da spendere. Fidelity ha concluso dicendo che gli investitori che cercano risorse digitali come denaro “sceglierebbero naturalmente quello con la rete più grande, più sicura, più decentralizzata e più liquida“.

Un altro contributo a questa narrativa è il tentativo di de-dollarizzazione da parte dei paesi BRICS, in particolare la Russia. Da quando è stata colpita dalle massicce sanzioni finanziarie, la Russia ha accelerato le operazioni per svincolarsi dal dollaro al più presto possibile. Questa è musica per le orecchie dei cripto investitori. In sintesi:

  • La teoria dello stato-nazione di Bitcoin è l’idea che le nazioni possano adottare BTC come valuta a corso legale.
  • Potrebbero farlo perché BTC è “denaro miglior” rispetto alle valute fiat e perché vogliono svincolarsi dal dollaro.

In che modo l’attuale sistema monetario si adatta alla teoria dello stato-nazione di Bitcoin?

Per capire se la teoria può funzionare, dobbiamo capire come funziona il sistema attuale. Quindi guardiamo come tutto questo si lega a Bitcoin. Ricorda le equivalenze tra criptovalute e fiat:

Registro dei pagamenti fiat corrente (es. Fedwire) = Registro dei pagamenti cripto (es. Bitcoin)

Valute fiat attuali (es. 1 USD) = Criptovalute (es. 1 BTC, o 1 Satoshi)

L’attuale sistema monetario è basato sul debito. Come alcuni ecosistemi blockchain, le valute fiat hanno una fornitura totale illimitata: possono sempre coniare nuove monete fiat, ovvero la valuta di stampa. I responsabili a 360 gradi delle valute sono le banche centrali, che equivalgono alla maggioranza di un ecosistema blockchain, che governa la rete. Le banche possono aiutare a finanziare il debito del governo stampando nuova valuta.

Il governo si indebita per finanziare progetti e pagare servizi come assistenza sanitaria, difesa nazionale, istruzione, ecc. Ma il governo ha un incentivo a spendere molto e ad indebitarsi. Quando il debito è ancora piccolo, il governo potrebbe risparmiare per abbattere il costo del suo finanziamento. Ma quando diventa troppo grande, è più facile coniare nuova “valuta fiat”.

Ad un certo punto, il debito diventa troppo grande. Se è in un’altra valuta, il governo può andare in default su di essa. Ma ciò non va bene per il suo rating creditizio e renderà più difficile il finanziamento del debito futuro. Se il debito è nella sua stessa valuta (diciamo il debito degli Stati Uniti in dollari), il governo semplicemente “amplia la sua offerta di token fiat“.

Ma dove si inserisce Bitcoin in questo discorso?

Bitcoin è un registro dei pagamenti decentralizzato. Gli Stati Uniti hanno un registro dei pagamenti chiamato Fedwire. Questo è il registro centralizzato dove le banche regolano i loro pagamenti. L’eurozona ha il suo, come ogni altro paese. Bitcoin è semplicemente una versione decentralizzata, che non è controllata da una banca centrale.
Bitcoin diventerà importante per gli stati-nazione solo se questi avranno interesse a utilizzare questo registro dei pagamenti. Quindi vediamo perché potrebbero esserlo.

Sintesi del paragrafo:

  • L’attuale sistema è basato sul debito. In termini di criptovalute, è come se le banche centrali potessero coniare token in modo illimitato per finanziare il proprio debito.
  • Bitcoin è un’alternativa decentralizzata senza una banca centrale. Gli stati-nazione potrebbero essere interessati ad usarlo.

Perché una nazione dovrebbe iniziare a usare Bitcoin?

Bitcoin Magazine ha trattato le potenziali strategie di adozione da parte dello stato-nazione in questo articolo. Esistono quattro tipi di valute fiat:

  • Gli egemoni: il dollaro e in parte l’euro.
  • I players minori: il franco svizzero e lo yen.
  • I vassalli: la rupia indiana, il rublo russo e quasi tutte le altre valute.
  • Gli esclusi: valute di paesi sanzionati come Iran, Venezuela e Corea del Nord.

È interessante notare che la distribuzione in percentuale è simile alle cripto. Abbiamo un solo egemone (BTC/USD), un secondo egemone minore (EUR/ETH), un paio di players minori (i layer 1 alternativi), vassalli ed esclusi (sh*tcoin e memecoin varie).

Secondo Bitcoin Magazine, i paesi esclusi sarebbero maggiormente interessati ad acquisire BTC. Dopotutto, non possono utilizzare il registro dei pagamenti dell’egemone (americano), e fare affari nella propria valuta è molto difficile poiché nessuno vuole una “memecoin”.

Anche i vassalli potrebbero essere interessati poiché sono stufi del fatto che l’egemone detta le regole del gioco imponendo ad esse la propria valuta. Preferirebbero di gran lunga commerciare in una riserva di valore indipendente. Una volta questa riserva era rappresentata dall’oro: BTC può svolgere lo stesso ruolo oggi?

L’articolo ammette che non vede come i players minori potrebbero abbandonare il sistema esistente, ma presumibilmente, a un certo punto l’incentivo sarebbe abbastanza grande da far entrare in modalità FOMO in BTC questi paesi.

Inoltre tali nazioni – rendendosi conto che le loro valute legali stanno solo perdendo valore e mai il contrario – potrebbero semplicemente “stampare nuove valute fiat” per acquistare BTC. Bitcoin sta quindi diventando l’equivalente di una commodity digitale, ovvero un nuovo tipo di riserva di valore.

Infine, i paesi potrebbero semplicemente stancarsi di utilizzare un solo registro dei pagamenti e la sua valuta. Ad esempio, la maggior parte del commercio mondiale di petrolio è attualmente regolato in dollari. Questo sistema del petrodollaro è una delle ragioni principali per cui l’USD è la valuta di riserva globale. Ma paesi come Russia e Cina – che non sono esattamente amici degli Stati Uniti – preferirebbero regolare il commercio di petrolio nella propria valuta, per mantenere un maggiore controllo sul commercio.

Forse un registro indipendente e decentralizzato come Bitcoin potrebbe essere un’alternativa valida?

Tutto questo si basa su due presupposti:

  • BTC è la migliore garanzia.
  • Tutti vogliono usare quella garanzia. Se non per adottare completamente Bitcoin come valuta ufficiale, almeno per una certa diversificazione.

Sintesi di quest’ultimo paragrafo.

  • Tutti i paesi – ad eccezione degli egemoni finanziari – hanno un certo interesse nell’uso di valute e registri di pagamento alternativi.
  • Come garanzia digitale, Bitcoin è un’alternativa interessante in particolare per le valute più deboli escluse dal sistema attuale.

Diamo un’occhiata a quanto sono realistiche queste ipotesi.

I problemi con la teoria dello stato-nazione di Bitcoin

La teoria dietro l’adozione di BTC a livello nazionale suona bene. Sembra intuitivo. Ma si basa su diverse ipotesi irrealistiche che sono più adatte per gli investitori – sia piccoli che istituzionali – più che per i governi. L’aspetto da considerare è il seguente:

Individui e società/fondi hanno l’obiettivo di massimizzare il profitto. I governi hanno l’obiettivo di massimizzare potere e controllo.

Ecco perché il motto “FOMO for profit” si basa su una premessa falsa.

Ma ci sono altri modi per cui la rete Bitcoin è interessante per gli stati-nazione. Diamo un’occhiata ai pregi ed ai difetti di questa teoria.

Ipotesi: Paesi esclusi come Iran e Venezuela potrebbero adottare Bitcoin, ad esempio, per vendere commodities.

Questo è già stato dimostrato essere parzialmente falso. Sì, i cittadini venezuelani adottano BTC a causa dell’iperinflazione del paese. Ma il governo ha effettivamente introdotto la propria criptovaluta – il petro – che è supportata dal petrolio. Allo stesso modo, l’Iran ha un’importante industria di mining. Il paese rappresenta il 4,6% dei miners in tutto il mondo. Tuttavia – poiché i miners hanno messo a dura prova la sua rete elettrica – il governo ha represso l’attività mineraria, e l’hash rate iraniano è sceso dal 6,9% allo 0,2% in pochi mesi.

Questo dimostra due punti.

In primo luogo, i paesi esclusi preferiscono sempre le strutture di pagamento che possono controllare. Ad esempio, gli amici geopolitici di Iran e Venezuela possono facilitare il commercio di petrolio contro un paniere di valute. Perché questi paesi – notoriamente a corto di liquidità – dovrebbero preferire un asset volatile come BTC? Anche se non possono controllare un’ipotetica “Chinachain”, potrebbero esserci incentivi finanziari per usarla rispetto a Bitcoin.

In secondo luogo, anche se tali paesi acquisissero BTC di nascosto attraverso il mining (ci arriveremo tra un po’), ci sono alcuni problemi pratici. Come la rete elettrica sovraccarica nell’esempio dell’Iran.

Assunzione: vassalli come la Russia vedono BTC come un’opportunità di eludere le sanzioni.

È vero che la Russia ha giocato con l’agevolazione del mining di Bitcoin a livello nazionale, come l’utilizzo di gas di combustione per minare BTC. Ma il costo della volatilità di Bitcoin supera di gran lunga il costo della svalutazione, se la Russia inizia ad accettare lo yuan cinese per il petrolio (come hanno fatto). Proprio come per i paesi esclusi, la Russia e gli altri vassalli preferiscono utilizzare una rete di pagamento che possono controllare. Questo perché Bitcoin è senza autorizzazione per tutti, e ciò è contrario agli interessi dei paesi che vogliono influenzare i propri partner commerciali.

Inoltre, la politica monetaria di Bitcoin è fissa. In sostanza, un paese come la Russia eliminerebbe il commercio in dollari – che non può influenzare – a favore di Bitcoin, che non può comunque influenzare, subendone anche la volatilità.

Assunzione: i players minori finiranno per farsi prendere dalla FOMO.

La stessa falsa premessa si applica anche qui: la Banca nazionale svizzera e la Banca del Giappone non commerciano per realizzare un profitto. Potrebbero realizzare profitti illimitati se solo volessero, attraverso il signoraggio. Anche l’articolo di Bitcoin Magazine ha ammesso che “non è chiaro” come questo potrebbe accadere.

Ipotesi: i governi stamperanno più denaro per acquisire più BTC.

Partiamo dal presupposto che BTC sia la migliore garanzia. Discutibile ma di certo non del tutto sbagliato. I governi che scambiano la propria valuta fiat con BTC è ad oggi uno scenario non plausibile poiché questo minerebbe la legittimità della valuta fiat. Anche se raggiungiamo il punto in cui le criptovalute sono diventate così accettate che le principali banche centrali iniziano ad acquisirle regolarmente, questo scenario sosterrebbe le criptovalute e metterebbe in dubbio le valute legali. Un tale futuro potrebbe ritorcersi contro le banche centrali.

Assunzione: tutti vogliono utilizzare il miglior collaterale: BTC.

Forse il più grande difetto di questa teoria è che le banche centrali in realtà vogliono valute forti. Ma non c’è alcun incentivo per loro a usarle. In realtà, è vero il contrario. Le banche centrali (e, per estensione, le persone per cui creano valore: chi detiene gli asset) traggono profitto dall’acquisto di beni immobili con valute fiat morbide. Ma è molto meglio offuscare il tuo percorso finanziario quando fai questo genere di cose, e non mettere le risorse fisiche direttamente sul tuo bilancio. Il sistema finanziario è incredibilmente complesso per tutta una serie di motivi.

Presupposto: è necessario un registro dei pagamenti indipendente.

Il problema con i libri mastri indipendenti è che… sono indipendenti. La Cina sta attualmente acquistando felicemente petrolio russo con uno sconto del 30%. Tali accordi sono molto più facili da portare a termine quando uno stato controlla l’infrastruttura e può dettare termini e condizioni. Naturalmente, uno stato vorrebbe avere la possibilità di entrare in un registro senza autorizzazione. Ma vorrebbe anche vietare ad altri di farlo. Non puoi avere entrambe le cose.

In effetti, sembra molto più probabile che i paesi BRICS svilupperanno e integreranno le proprie reti di pagamento prima di adottare Bitcoin.

Presupposto: la teoria dello stato-nazione di Bitcoin riformerà il sistema finanziario.

L’ultimo difetto di questa teoria è che è miope. Gli stati vogliono la rete Bitcoin e il suo blockspace per rivoluzionare il sistema dei pagamenti? O userà BTC come asset / oro digitale? In quest’ultimo caso, che senso avrebbe se nessun altro detiene il bene e tu non puoi mai liquidarlo o scambiarlo con altre valute?

La de-dollarizzazione implica molto di più del semplice utilizzo del dollaro per scambiare petrolio. Si estende a valute di riserva alternative, obbligazioni societarie e sovrane, prezzi delle azioni e anche pagamenti di regolamento. I paesi BRICS stanno già portando avanti tali sforzi, ma è più difficile di quanto sembri e richiede molto più tempo di quanto pensi.

In poche parole, questi paesi sarebbero interessati a ridurre il predominio del petrodollaro. Ma non al prezzo di un petroyuan. O di un petrobitcoin. Quindi è un equilibrio intricato che richiederà molto tempo per trovare una soluzione solida.

Conclusione: questa teoria è inutile?

La risposta breve è No.

In effetti, alcuni aspetti della teoria dello stato-nazione di Bitcoin sono molto valide. Ad esempio, l’acquisizione segreta di BTC attraverso il mining, sponsorizzata dallo stato tramite agevolazioni fiscali o sussidi a titolo definitivo. Come si dice, fai come faccio e non fare come dico.

Inoltre, l’adozione dal basso verso l’alto di BTC su vasta scala potrebbe cambiare le variabili. In tal caso, la rete Bitcoin potrebbe diventare una seria minaccia per le reti di pagamento consolidate, e gli stati sarebbero costretti a reagire. Ma siamo ancora molto lontani da questo scenario e potremmo non arrivarci mai.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

La teoria che abbiamo spiegato in questo articolo è interessante da osservare, e dovresti – da buon cripto investitore – tenere d’occhio quali mosse stanno facendo gli stati. Ma non aspettarti che nessuno di loro abbandoni presto il dollaro per i bitcoin.