Per cuori forti: 3 trend nel mercato delle criptovalute che sono morti nel 2022 (bisogna ammetterlo)

In questo articolo vedremo 3 trend nel mercato delle criptovalute che sono scomparsi nel 2022: che probabilità c’è che tornino?

Il 2021 è stato l’anno dell’innovazione nel mercato delle criptovalute. Laddove molte nuove idee e tendenze sono riuscite a conquistare una grossa fetta del mercato, alcune si sono rivelate delle mode passeggere. Scopri subito quali tendenze sono morte nel 2022!

Nel 2021 sono state lanciate molte piattaforme e progetti promettenti, molti dei quali hanno fornito nuove utilità e opportunità agli utenti.

Ma mentre alcune tendenze sembrano avere un vero potere di permanenza a lungo termine – tra cui sicuramente la finanza decentralizzata (DeFi), il metaverso e gli NFT – altre non sono riuscite finora a raggiungere lo stesso grado di successo.

trend criptovalute
Adobe Stock

Un gran numero di investitori e utenti di criptovalute viene coinvolto in quelle che inevitabilmente si rivelano essere mode passeggere. Con questo in mente, diamo un’occhiata ai fondamentali dietro tre tendenze che potrebbero essere nient’altro che una semplice moda passeggera col senno di poi. Siamo pronti per essere smentiti: immergiamoci!

Trend nel mercato delle criptovalute morti nel 2022: #1. Giochi Play-to-Earn

Probabilmente la più grande tendenza del 2021 – il play-to-earn (P2E) – ha preso d’assalto il settore blockchain promettendo di scuotere il modo in cui i giochi vengono monetizzati consentendo ai giocatori di guadagnare soldi per i loro sforzi in-game.

I P2E principali sono Axie Infinity, My Neighbor Alice, Mines of Dalarnia e Splinterlands. Questi giochi hanno permesso agli utenti di monetizzare i loro risultati, ricevendo ricompense in criptovaluta per aver completato le attività e avanzando nel gioco.

Decine di giochi P2E sono riusciti a catturare molta attenzione, ma ben pochi sono riusciti a resistere alla prova del tempo. La maggior parte di essi è afflitta da un difetto fondamentale: non c’è equilibrio tra le entrate del gioco e le ricompense dei giocatori. In effetti, la stragrande maggioranza dei giochi P2E ha semplicemente premiato i giocatori con una frazione della loro emissione di token. Questa poteva dipendere dalla dimensione della loro puntata in token o dalla quantità di gioco misurata in ore.

Sostenibilità

Questo sistema di monetizzazione ha portato alla crescita fulminea di alcune monete P2E. Al picco della sua popolarità, i giocatori potevano aspettarsi di guadagnare potenzialmente centinaia di dollari ogni giorno. Ma la concorrenza è aumentata, e così l’acquisizione e la fidelizzazione degli utenti sono diventate molto più difficili. E così la maggior parte dei giochi P2E ha iniziato a cedere. Alcuni non sono stati in grado di sostenere le ricompense proposte, di fronte all’inflazione dilagante e molti hanno assistito a un drammatico esodo mentre i loro utenti si riversavano verso altre offerte più convenienti.

Di conseguenza, molti giochi play-to-earn sono oggi tra i più grandi losers in termini percentuali del 2022, per quanto riguarda il prezzo. Le prime 100 monete/token P2E per capitalizzazione di mercato hanno perso in media l’84% dall’inizio del 2022, rispetto al 60,2% delle prime 100 criptovalute per capitalizzazione di mercato complessiva. Inoltre, dei primi 100 giochi play-to-earn più grandi elencati su CoinMarketCap, solo uno è in verde dall’inizio dell’anno. Non ti dirò quale.

Trend nel mercato delle criptovalute morti nel 2022: #2. Launchpad

Queste piattaforme consentono agli utenti di accedere a progetti in fase iniziale e potenzialmente interessanti. Tutto questo senza la necessità di far parte di un Venture Capital o di un fondo di investimento. Per questi motivi i launchpad sono diventati incredibilmente popolari tra i nuovi e vecchi esperti nel mercato delle criptovalute.

All’inizio, i launchpad fornivano l’accesso a progetti molto ricercati. Consentivano ai partecipanti di generare un moltiplicatore impressionante sul proprio investimento nella maggior parte dei casi. Agli albori della nicchia del launchpad, non era raro ottenere rendimenti superiori al 1.000% su molti progetti, entro poche ore o giorni dal lancio.

Con il mercato rialzista in pieno svolgimento, un numero enorme di progetti ha deciso di condurre la vendita pubblica attraverso una delle miriadi di piattaforme di lancio. Questo perché sono stati in grado di assicurarsi contemporaneamente sia finanziamenti che una grande quantità di esposizione.

Ma con il passare dei mesi, una valanga di progetti di bassa qualità ha invaso la scena in cerca di soldi facili. Questa concorrenza è drammaticamente aumentata tra i launchpad, portando a un cambiamento radicale nel modo in cui venivano gestite le vendite pubbliche. Alcuni progetti hanno iniziato a imporre rigorosi programmi di maturazione ai partecipanti pubblici, e hanno sofferto di un’offerta altamente inflazionistica. Questo ha portato ad un abbassamento generale dei dei prezzi a lungo termine, in assenza di una domanda significativa.

Molte soluzioni

Nel 2021 non è passata una settimana senza che si facesse strada sulla scena un nuovo launchpad. Molti di questi hanno lottato per competere con un pool di potenziali progetti pubblici di bassa qualità, e solo pochi sono riusciti a mantenere rendimenti interessanti fino ad oggi.

Oggi ci sono quasi 100 diversi launchpad in funzione, ciascuno in competizione per il numero in diminuzione di progetti che sono abbastanza forti da avere successo in un bear market, o almeno abbastanza attraenti da assicurarsi finanziamenti pubblici. Molti launchpad ora hanno un ROI medio negativo, inclusi Polkastarter, Seedify e OccamRazer. Ognuno di questi ha prodotto una media di circa il 30% in negativo per gli investitori, secondo i dati di CryptoRank.

Al giorno d’oggi, la scena del launchpad è essenzialmente una corsa a tre cavalli, con MakerDAO, BSCPad e Launchpool tra le poche piattaforme ad offrire costantemente rendimenti positivi netti negli ultimi mesi. Ma anche queste piattaforme non sono riuscite a eguagliare le loro precedenti prestazioni, secondo i dati di CryptoRank.

Trend nel mercato delle criptovalute morti nel 2022: #3. Yield Farms

Un tempo erano ritenuti un pilastro assoluto del panorama DeFi. Ma negli ultimi mesi gli yield farm sembrano caduti in un buco nero. Questo perché gli investitori hanno iniziato giustamente a preferire rendimenti a basso rischio durante il mercato ribassista.

Queste piattaforme consentono agli utenti di guadagnare ricompense sui propri depositi in criptovaluta, sotto forma del token specifico della piattaforma di turno. Le yield farm sono state molto popolari nel 2021, e molte si sono rivelate incredibilmente redditizie. Molte yield farm sono un semplice accessorio per piattaforme più complete, come PancakeSwap e SpiritSwap. Nel 2021 un’ampia varietà di yield farm autonome si è diffusa a macchia d’olio. La maggior parte di queste ha semplicemente consentito agli utenti di guadagnare ricompense mettendo in staking token LP su AMM popolari.

Rendimenti elevati

Al picco di saturazione, erano in funzione centinaia di farm costruite sulle blockchain layer 1 più popolari. La maggior parte di loro offriva poca o nessuna utilità per il token di ricompensa, oltre a un pool di staking nativo che vantava APY spesso troppo alti per essere sostenibili.

Mentre alcuni di questi sono stati in grado di generare un notevole hype nei loro primi giorni – aumentando il valore del token di ricompensa e il potenziale rendimento disponibile – praticamente tutti i protocolli di questo tipo non sono riusciti a mantenere lo slancio nel 2022.

Secondo i dati di FarmScan, ci sono ancora più di 50 yield farm in funzione. Molte di queste hanno nomi insoliti o bizzarri che la dicono lunga sulla qualità della piattaforma – come cabbage cash, olive cash e pearl finance – solo per citare un pochi. Come ci si potrebbe aspettare, la maggior parte delle aziende di yield farming ha visto crollare il valore delle proprie monete premio a causa della mancanza di utilità, dell’offerta in eccesso e della pressione di acquisto limitata. Non è raro vedere token yield farm che sono scesi di oltre il 99,5% dal loro valore massimo storico.

Possono tornare alla ribalta?

Il panorama delle criptovalute è spesso e volentieri imprevedibile. I progetti più impensabili a volte raggiungono livelli sproporzionati di successo, mentre quelli con prodotti promettenti spesso rimangono nell’ombra.

Per questo motivo, può essere difficile determinare se un singolo progetto o tendenza ha un potenziale a lungo termine.

Play-to-Earn

Nel caso del play-to-earn, il modello si è dimostrato in gran parte insostenibile, almeno nella sua forma attuale. Questo a causa del modo in cui i premi non sono direttamente legati alle entrate della piattaforma. L’importo che i giocatori guadagnano dipende in genere da quanti soldi (e talvolta tempo) investono nel gioco. Il prezzo del token di solito non riesce a trovare un livello di supporto a causa della mancanza di utilità e dell’offerta in eccesso.

Detto questo, è attualmente in fase di sviluppo un’ampia varietà di giochi play-to-earn di seconda generazione, molti dei quali includeranno un’economia dei token più sostenibile e ricompense direttamente legate al valore che ogni giocatore aggiunge al sistema, attraverso la creazione di risorse, risultati basati su competizioni o altro ancora.

Per questo motivo – sebbene le probabilità che la maggior parte dei giochi P2E di ultima generazione continui a crollare sono alte – alcuni potrebbero essere in grado di invertire la rotta ed unirsi ai titoli di seconda generazione di successo.

Launchpad

Per quanto riguarda i launchpad, il modello ha avuto un discreto successo, ma solo quando il numero di progetti ricercati ha superato la capacità delle piattaforme di launchpad esistenti. Una volta che questo equilibrio inizia a cambiare, la concorrenza tra i launchpad aumenta, e le piattaforme iniziano a fallire, causando un drastico calo dei rendimenti per l’utente finale.

La maggior parte dei launchpad potrebbe inevitabilmente finire per chiudere i battenti nei prossimi anni. Ma quelli che resistono alla tempesta hanno buone possibilità di tornare a splendere durante la prossima stagione rialzista. Anche se possiamo aspettarci un modello di investimento radicalmente rivisto, a causa del numero di persone che hanno perso molti soldi, detenendo i token del launchpad con un ROI negativo.

Yield Farm

Ultimo ma non meno importante, le yield farm forniscono una proposta di valore estremamente interessante. Tuttavia la loro sicurezza spesso debole e la mancanza di supporto del valore dei token di ricompensa ha indubbiamente danneggiato la loro percezione tra gli investitori. Sicuramente diverse piattaforme hanno dimostrato che le yield farm – se eseguite correttamente – possono fornire un’ulteriore fonte di utilità per i possessori dei token. Ma a meno che i premi non siano mantenuti ad un APY ragionevole e il token di ricompensa continui ad avere domanda sul mercato, gli utenti possono sempre aspettarsi che i loro rendimenti diminuiscano nel tempo, e questo influisce negativamente sul rapporto rischio/rendimento.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le probabilità che il farming torni ad essere popolare nei prossimi anni sono alte. E sicuramente con una maggiore attenzione alla sicurezza, all’utilità e alla sostenibilità.