Come il metaverso cambierà le nostre vite: guida semplice e completa al nuovo mondo virtuale

Cosa si intende davvero per “metaverso” e qual è il suo rapporto con la blockchain? Una guida per principianti sul prossimo mondo virtuale.

Nell’ultimo anno almeno 150 volte hai sentito la parola “Metaverso”. Spesso viene presentato come la prossima grande rivoluzione che cambierà per sempre le nostre vite online. Ma sembra che ognuno abbia la propria personale interpretazione del “Metaverso”.

metaverso
Adobe Stock

Il termine “metaverso” è stato utilizzato per la prima volta nell’iconico romanzo cyberpunk di Neal Stephenson Snow Crash, pubblicato nel 1992. Ma che cos’è davvero il Metaverso?

Cosa si intende per “Metaverso”

Il Metaverso (sempre in maiuscolo nella narrativa di Stephenson) è descritto come un “regno immaginario” condiviso. Questo mondo nel romanzo è “messo a disposizione del pubblico attraverso la rete mondiale in fibra ottica” e proiettato su occhiali di realtà virtuale. Pertanto, la frase può applicarsi alle impostazioni digitali che sono state migliorate con la realtà virtuale (VR) e la realtà aumentata (AR).

Meta nel termine significa “oltre” e verso si riferisce all'”universo”. Alcune persone usano il termine metaverso anche per riferirsi a mondi virtuali in cui i giocatori possono girovagare a piacimento e interagire con altri giocatori. Per esempio, un mondo in cui gli sviluppatori possono costruire edifici, parchi, segnaletica e altre cose che non esistono nella realtà .

Questo mondo virtuale include cose che oggi non possiamo immaginare, e modi di pensare e fare le cose totalmente nuovi. Qui le regole dello spazio-tempo 3D vengono ignorate. Io personalmente lo immagino come un modo aperto e libero di essere vissuto – come quello che conosciamo – ma con molte nuove possibilità.

In realtà – purtroppo o per fortuna – è stato il COVID-19 ad accendere l’interesse per il metaverso. Da quel marzo 2020, sempre più persone lavorano e vanno a scuola online, quindi è cresciuto il desiderio di rendere i contatti online più realistici.

Mark Zuckerberg ha rivelato nel luglio 2021 che la sua società intende costruire una versione più avanzata di Facebook. Questa nuova tecnologia è in grado di permeare i social, lavoro d’ufficio e intrattenimento. Facebook ha cambiato il suo nome in Meta il 28 ottobre 2021, riflettendo il suo impegno nella creazione di un ambiente virtuale noto appunto come metaverso.

In questo articolo, discuteremo di criptovalute, startup, blockchain e protocolli relativi al funzionamento del metaverso. Immergiamoci!

Quali sono gli attributi principali di un metaverso?

Le idee sul Metaverso più famose provengono sicuramente dalla fantascienza. Il Metaverso è spesso descritto in questo contesto come la prossima iterazione di Internet, una manifestazione della realtà reale ma radicata in un mondo virtuale (spesso simile a un parco a tema, o un insieme di parchi a tema). Quindi le caratteristiche principali del Metaverso possono essere identificate come segue:

  • Sincronizzato e live: il Metaverso sarà un’esperienza dal vivo, che esiste in modo continuo, per tutti e in tempo reale: proprio come gli eventi nella “vita reale”.
  • Persistente: non si “reimposta”, “mette in pausa” e non “finisce”, ma continua all’infinito.
  • Disponibile individualmente e contemporaneamente: tutti possono far parte del Metaverso e prendere parte a un evento/luogo/attività specifico contemporaneamente, o con la propria azienda nel Metaverso.
  • Un’economia pienamente funzionante: gli individui e le imprese dovrebbero essere in grado di creare, possedere, investire, vendere ed essere ricompensati in cambio della creazione di valore che altri riconoscono.
  • Un’esperienza: dovrebbe abbracciare sia il mondo digitale che quello fisico, reti/esperienze pubbliche e private, nonché piattaforme aperte e chiuse.
  • Ampia gamma di persone che contribuiscono: sarà popolato da contenuti ed esperienze sviluppate e gestite da molti creators, alcuni dei quali sono lavoratori autonomi, mentre altri sono attività organizzate in modo informale o orientate al commercio.
  • Offrire un’interoperabilità senza precedenti: dovrebbe offrire dati straordinari, oggetti/risorse digitali, contenuti e altre interoperabilità tra ciascuna delle esperienze: un’auto sviluppata per Rocket League (o anche il sito Web di Porsche) potrebbe essere trasportata per lavorare in Roblox. Il mondo digitale di oggi funziona come un grande centro commerciale, con ogni negozio che ha i propri soldi, carte d’identità univoche, unità di misura personalizzate per articoli come scarpe o vari capi di abbigliamento, tra le altre cose.

Che cosa non è il Metaverso?

Anche se è probabile che quello di cui abbiamo parlato sopra faccia parte del Metaverso, non è il Metaverso in sé.

Per decenni sono esistiti mondi virtuali e giochi con personaggi guidati dall’intelligenza artificiale (AI) e popolati da esseri umani “reali” in tempo reale. Pertanto, “un mondo virtuale” non è sempre un “meta” universo ma un universo fittizio e sintetico creato per un obiettivo particolare (come ad esempio un videogioco).

Allo stesso modo, le esperienze digitali come Second Life vengono spesso definite “Metaversi”.

Ma ci sono varie sfaccettature dei mondi virtuali che anche se offrono aggiornamenti dei contenuti praticamente simultanei, non sono considerabili come metaverso. Pertanto, “uno spazio virtuale” non è sempre un metaverso.

La realtà virtuale (VR) è un metodo per sperimentare un nuovo mondo o un’area virtuale. Un senso di presenza in un mondo digitale non è sufficiente per costituire un metaverso.

Inoltre, mentre un metaverso può avere alcuni obiettivi simili a un videogioco, concentrarsi esclusivamente sul lato gaming non è un gioco in sé e per sé, né si concentra su obiettivi specifici. Quindi, non è né “realtà virtuale” né “un gioco”.

Un metaverso non è programmato per avere una testa centrale come Disneyland; pertanto, non è un “parco a tema virtuale”. Allo stesso modo non è un “nuovo app store”. Fondamentalmente possiamo dire che è diverso dai paradigmi, dal design e dalle priorità di Internet contemporanei.

Come funziona il Metaverso?

Il metaverso può essere diviso in due tipi di piattaforme in generale.

Il primo prevede l’utilizzo di token non fungibili (NFT) e criptovalute per creare delle vere e proprie aziende basate su blockchain. Le persone possono acquistare terreni virtuali e creare le proprie impostazioni su piattaforme come Decentraland e The Sandbox.

Il secondo gruppo usa il metaverso per descrivere i mondi virtuali in generale, dove le persone possono incontrarsi per affari o divertimento. A luglio 2021 Facebook Inc. ha annunciato la formazione di un team per sviluppare nuovi prodotti e servizi metaverse.

Le persone che acquistano o scambiano risorse virtuali su piattaforme basate su blockchain devono utilizzare criptovalute, nonostante molti servizi metaverse offrano account gratuiti. Diverse piattaforme basate su blockchain richiedono token basati su Ethereum per acquistare e vendere risorse virtuali, come ad esempio MANA di Decentraland o SAND di The Sandbox.

Gli utenti possono scambiare opere d’arte NFT o prenotare l’ammissione a uno spettacolo virtuale o a un concerto a Decentraland. Possono anche fare soldi comprando e vendendo terreni, i quali negli ultimi anni hanno visto un aumento significativo del loro valore. Gli utenti possono persino guadagnare denaro su piattaforme come Roblox, addebitando ad altri utenti l’accesso ai propri giochi.

Cosa puoi fare nel Metaverso?

Nel metaverso potrai fare un viaggio virtuale, acquistare abbigliamento digitale, andare a un concerto virtuale, sposarti e molto altro ancora. Dopo aver vissuto la pandemia di COVID-19, possiamo capire bene come il Metaverso possa essere un punto di svolta anche per lo smart working. Horizon Workrooms, la versione beta gratuita di Facebook, è disponibile per il download su Oculus Quest 2 nelle regioni che supportano il visore.

Workrooms è uno spazio di riunione virtuale che consente a te e ai tuoi colleghi di collaborare in modo più efficace da qualsiasi luogo. Puoi partecipare a una conferenza in VR come avatar o effettuare una videochiamata dal tuo laptop o PC nella stanza virtuale. Puoi collaborare alle idee utilizzando una lavagna virtuale di grandi dimensioni, portare il tuo computer e tastiera nella realtà virtuale per collaborare con gli altri o sostenere discussioni coinvolgenti che ti fanno sentire come se fossi fisicamente in una stanza con i tuoi colleghi.

Le aziende tecnologiche devono ancora capire come collegare i loro vari canali web. Per far funzionare il tutto, le piattaforme tecnologiche concorrenti dovranno concordare una serie di standard per evitare il passaggio tra il metaverso di Facebook, quello di Microsoft e così via.

Relazione tra criptovalute e metaverso

L’obiettivo del Metaverso è fornire alle persone un’esperienza di realtà aumentata che – in molti modi – può superare la realtà fisica in termini di esperienze e opportunità.

Diamo un’occhiata al motivo per cui il metaverso necessita della blockchain e della crittografia per funzionare correttamente.

La trasparenza e l’immutabilità della blockchain sono proprietà critiche affinché qualsiasi tecnologia di realtà virtuale ottenga un’ampia adozione. Gli hack e le violazioni dei dati sono comuni, ma se si suppone che le persone operino in un ambiente interamente online e virtuale, la piattaforma sottostante su cui opereranno deve essere sicura.

La blockchain non solo consente una rapida conferma delle informazioni, ma consente anche transazioni sicure e protette tramite la crittografia. Blockchain e criptovalute sono pertanto un aspetto fondamentale della realtà virtuale e di come verrà implementata.

Basandosi sul punto precedente, il Metaverso vorrà e richiederà il completamento delle transazioni su richiesta, che la blockchain e le risorse crittografiche possono aiutare a abilitare. Questo tipo di transazioni saranno necessarie, affinché un ambiente di realtà virtuale possa funzionare come indicato. Queste transazioni devono essere sicure e anche veloci.

Utenti e pagamenti

In particolare, gli utenti in questo ecosistema dovranno essere in grado di:

  • effettuare transazioni e impegnarsi prontamente come se fossero presenti di persona;
  • avere fiducia che queste transazioni saranno completate in modo sicuro, veloce ed economico.

Individui e istituzioni possono condurre transazioni in modo virtuale, tracciabile e in tempo reale tramite transazioni crittografiche, che sono metodi fattibili e già collaudati. Tuttavia – anche senza l’uso continuato della tecnologia blockchain e dei cripto-asset – la tendenza verso i pagamenti virtuali e online è in crescita. Le transazioni e il commercio in un ambiente online sono diventate praticamente mainstream. Oggi è abbastanza comune pagare online tramite servizi come Visa, Mastercard e PayPal.

Anche i pagamenti tramite criptovalute stanno iniziando ad essere sempre più diffusi in un ecosistema virtuale come il metaverso, e ha senso che in futuro tali pagamenti possano emergere definitivamente.

Il Metaverso è ancora un campo in via di sviluppo e in rapida espansione. Ma la strada da seguire è quella di supportare e realizzare un metaverso completamente funzionale. Per fare questo, blockchain e risorse crittografiche avranno un ruolo decisivo nella sua futura implementazione.

Principali problemi del Metaverso

Alcuni concetti potrebbero essere fondamentali per il Metaverso, sebbene non siano universalmente accettati. Una di queste preoccupazioni è se i partecipanti avranno un’unica identità digitale (o “avatar”) che utilizzeranno durante tutti i loro incontri. Questo sarebbe utile, ma è in dubbio in quanto ciascuno dei leader dell'”era del Metaverso” vorrà ancora i propri sistemi di identificazione.

Oggi ad esempio ci sono alcuni sistemi di account dominanti, ma nessuno di essi copre l’intero Web e spesso si accumulano l’uno sull’altro con condivisione/accesso ai dati limitato. Ad esempio, se il tuo iPhone è collegato a un account iOS, puoi utilizzare il tuo ID Meta (in precedenza Facebook) per accedere a un’app, che è collegata al tuo account Gmail.

C’è anche un altro dibattito su quanta interoperabilità sia necessaria affinché un metaverso sia “il vero Metaverso”, piuttosto che solo un’evoluzione di Internet come lo conosciamo oggi. Molte persone si chiedono anche se un vero Metaverso possa avere o meno un solo operatore (come nel caso di Ready Player One).

Alcuni sostengono che la definizione di Metaverso richieda una piattaforma fortemente decentralizzata basata principalmente su standard e protocolli guidati dalla community (simili al Web aperto) e un sistema operativo o piattaforma open source (sebbene ciò non escluda la presenza di piattaforme chiuse dominanti).

Il Metaverso ha a che fare solo con Meta (ex Facebook)?

No, il Metaverso non è solo un’iniziativa di Facebook. Microsoft e il produttore di chip Nvidia sono due delle principali società che stanno promuovendo fortemente il metaverso. Anche le aziende che producono videogiochi si stanno assicurando la propria fetta di mercato. Epic Games – il produttore del famoso videogioco Fortnite – ha raccolto 1 miliardo di dollari dagli investitori per aiutare a finanziare le sue aspirazioni a lungo termine sul metaverso.

Un altro player importante nel settore metaverse – oltre ai già citati Decentraland e The Sandbox – è Roblox, che descrive il metaverso come un luogo in cui “le persone possono riunirsi all’interno di milioni di esperienze 3D per studiare, lavorare, giocare, creare e socializzare“.

Anche i marchi di consumo stanno cercando di capitalizzare la tendenza. Gucci, la famosa azienda di moda italiana, ha collaborato con Roblox a giugno per vendere una linea di accessori solo digitali. Coca-Cola e Clinique hanno entrambi venduto token digitali che sono stati commercializzati come un modo per entrare nel metaverso. Anche la banca JPMorgan ha aperto di recente una sede nel metaverso di Decentraland.

Chi altro è in grado di creare un Metaverso?

Sebbene il Metaverso possa sostituire Internet come piattaforma informatica, è improbabile che il suo percorso di sviluppo sia simile a quello del suo predecessore. L’industria privata non solo è pienamente consapevole del potenziale del Metaverso, ma ha anche una convinzione più decisa sul suo futuro, per non parlare della maggior quantità di denaro, della migliore abilità ingegneristica e dell’ambizione di questa nuova conquista. Le principali società tecnologiche vogliono possedere e definire il Metaverso che verrà, non semplicemente guidarlo.

I progetti open source con un’attitudine non aziendale continueranno a svolgere un ruolo essenziale nel Metaverso, e attireranno alcuni dei migliori talenti creativi. Tuttavia, ci sono solo pochi potenziali leader nel primo Metaverso, ovvero i giganti tech: Microsoft, Apple, Meta e Amazon.

Tra i progetti metaverse più interessanti c’è sicuramente la piattaforma Mesh di Microsoft. Con questa piattaforma, il gigante del software realizza applicazioni di realtà mista ed estesa (XR). Tali piattaforme integrano il mondo reale con la realtà aumentata e la realtà virtuale. Secondo quanto riferito, l’esercito degli Stati Uniti sta sviluppando un visore Hololens 2 in realtà aumentata con Microsoft, per consentire ai soldati di addestrarsi, esercitarsi e combattere. Inoltre, Xbox Live collega milioni di giocatori di videogiochi in tutto il mondo.

I giganti si muovono

Apple è rimasta indietro rispetto ad aziende come Meta e altre, nel rilascio dei primi gadget AR e VR: la società di Cupertino sta adottando una strategia attendista. Apple – per l’imminente Metaverso – ha creato “solo” un’app per riunioni virtuali HMD (Head Mounted System). Il brevetto di Apple copre anche diverse tecnologie che consentono alle persone di percepire e interagire con ambienti di realtà aumentata (ER).

L’ex Facebook ha effettuato notevoli investimenti nella realtà virtuale, inclusa l’acquisizione di Oculus nel 2014. Meta immagina un mondo virtuale in cui gli avatar digitali interagiscono tramite cuffie per realtà virtuale per affari, viaggi o tempo libero.

Ma ci sono troppe cose sul Metaverso di cui non sappiamo nulla. Non possiamo quindi avere opinioni decise su chi lo guiderà o su come verrà effettivamente costruito. In realtà, il Metaverso è molto probabilmente il risultato di una rete di piattaforme, organismi e tecnologie disparate, che cooperano e abbracciano l’interoperabilità.

Internet come lo conosciamo ora è il risultato di un processo alquanto caotico. Si è evoluto insieme a servizi chiusi (principalmente orientati al consumatore) che spesso hanno cercato di “ricostruire” o “ripristinare” standard e protocolli aperti.

Come sarà il futuro del Metaverso?

Non è chiaro quanto possa essere reale il metaverso, o quanto possa rispecchiare perfettamente la vita reale, o quanto tempo ci voglia per ricrearla. Molte piattaforme metaverse basate su blockchain stanno ancora lavorando sulla tecnologia AR e VR per consentire agli utenti di interagire con un ambiente virtuale.

PwC, una società di consulenza e contabilità mondiale stima che la realtà virtuale e la realtà aumentata avranno in valore totale di 1,5 trilioni di dollari entro il 2030, rispetto ai 46,5 miliardi del 2019.

Giganti come Facebook Inc, Google (di proprietà di Alphabet Inc) e Microsoft Corp stanno investendo molto in società di cloud computing e realtà virtuale, per anticipare l’inevitabile espansione del settore.

Le grandi aziende sanno che questa rivoluzione sarà qualcosa di grandioso, e vogliono contribuire all’innovazione. Tra queste – oltre le già citate – ci sono piattaforme di supporto e servizi di pagamento, abbonamenti e pubblicità.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Noi saremo qui a raccontarvelo.