Piccolo manuale sull’investimento durante un periodo difficile come questo: da non perdere!

Le criptovalute sono un buon investimento durante una stagflazione? E cosa significa questo termine per l’economia mondiale?

Stagflazione: questa spaventosa combinazione di stagnazione ed inflazione fa presagire male per le criptovalute o queste sono al di fuori della sua influenza?

investire criptovalute bitcoin
Adobe Stock

Cosa significa esattamente il termine stagflazione e a cosa è dovuta? Soprattutto, le criptovalute devono temerla? In questo articolo trattiamo i seguenti argomenti:

  • Stagflazione: come funziona e cosa significa per l’economia.
  • Stagflazione e criptovalute: perché la stagflazione è una cattiva notizia per le cripto.
  • Investire in criptovalute durante la stagflazione: come investire in BTC, ETH e altcoin durante la stagflazione.
  • Investire durante la stagflazione: uno sguardo ad altre asset class e come rimanere nel gioco degli investimenti.

Immergiamoci!

Stagflazione: cos’è e come funziona

La stagflazione è una combinazione di stagnazione e inflazione. Meno per meno fa più, ma quando due parole negative si combinano è difficile che ne esca fuori una positiva.

In poche parole, stagflazione significa che l’inflazione e la disoccupazione aumentano mentre l’economia rallenta.

La stagflazione è una possibile conseguenza dell’inflazione. L’inflazione può provenire da due fonti:

  • Inflazione lato domanda: l’economia sta andando alla grande, quindi i consumatori iniziano a chiedere salari più alti e i produttori aumentano i prezzi per massimizzare i profitti.
  • Inflazione dal lato dell’offerta: fattori di input importanti diventano scarsi e il loro prezzo aumenta improvvisamente e inaspettatamente. Questa può assumere molte forme: un aumento improvviso del prezzo del petrolio, una carenza di manodopera o colli di bottiglia nelle catene di approvvigionamento.

È anche possibile avere una situazione ibrida tra le due sopra citate. Per una spiegazione più dettagliata del concetto di stagflazione, clicca qui.

La situazione attuale

Se hai prestato attenzione, sicuramente avrai notato che attualmente stiamo registrando un’inflazione dal lato dell’offerta per diversi dei motivi sopra elencati: segnali in aumento dei prezzi dell’energia, carenza di chip e blocchi del COVID che hanno avuto un impatto su diversi settori a lungo termine.

La stagflazione è peggiore dell’inflazione perché è più difficile da combattere e può richiedere più tempo per uscirne completamente. Abbiamo già spuntato il primo requisito per la stagflazione. E gli altri?

Attualmente, il prezzo del petrolio e del gas sta aumentando. È stata una non piacevole sorpresa e sta rendendo più costosa la vita di tutti. Inoltre, abbiamo già avuto problemi alle supply chain a causa della pandemia. I politici temono che l’economia possa entrare in recessione, il che significa che avremo due trimestri consecutivi di crescita negativa. Una recessione fa aumentare la disoccupazione. Cosa si può fare al riguardo?

Uno strumento di cui dispongono i responsabili politici è la politica monetaria, ovvero l’abbassamento dei tassi di interesse. Se i tassi di interesse diminuiscono, il capitale diventa più conveniente. Le banche sono incentivate a prestare. Gli investimenti aumentano, così come i consumi.

Purtroppo c’è un paradosso in questo ragionamento:

  • Se abbassiamo i tassi di interesse, il capitale diventa più conveniente.
  • Ma questo aumenta l’inflazione.
  • Ma abbiamo già l’inflazione!

Per tutto questo tempo abbiamo reso più probabile una recessione aumentando i tassi di interesse. Quindi la trappola della stagflazione si può sintetizzare così:

  • L’inflazione è in aumento, quindi è necessario aumentare i tassi di interesse.
  • Ma questi aumenti dei tassi rendono più probabile una recessione.
  • In una recessione, bisogna abbassare i tassi di interesse.
  • Ma questo guida l’inflazione.

Per aggiungere al danno anche la beffa, l’inflazione spesso arriva in anticipo. Il comportamento dei consumatori è riflessivo: se ti aspetti che i beni diventino più costosi, acquisti oggi anziché domani e alimenterai la stessa inflazione che temi.

Un famoso esempio di stagflazione si è verificato negli anni ’70. A seguito dell’aumento shock del prezzo del petrolio, l’inflazione negli Stati Uniti è aumentata.

Come risultato di questo shock dal lato dell’offerta, la Fed ha aumentato il tasso di interesse al 20%, un evento senza precedenti.

La stagflazione si verifica quando l’economia subisce uno shock dal lato dell’offerta al di fuori del suo controllo. Gli aumenti dei prezzi delle materie prime sono un buon esempio: se il prezzo del petrolio aumenta improvvisamente, l’economia ne risente (sebbene ciò abbia un impatto limitato sugli Stati Uniti rispetto all’Europa, che spesso dipende dalle risorse estere).

La stagflazione porta sempre ad una recessione?

Non necessariamente.

Dipende da come reagisce la banca centrale. Diamo un’occhiata a tre scenari: la banca cerca di combattere duramente l’inflazione, la banca non fa molto in merito all’inflazione o una via di mezzo tra le due:

  • Banca centrale aggressiva: il tasso di interesse è fortemente e significativamente aumentato. L’inflazione deve diminuire rapidamente, ma ciò aumenta il rischio di una recessione.
  • Banca centrale accomodante: la banca centrale aumenta abbassa il tasso di interesse. L’inflazione potrebbe persistere o addirittura aumentare, a seconda della rapidità con cui si attenua lo shock dal lato dell’offerta. La recessione è meno probabile.
  • Via di mezzo: la banca centrale prova entrambi gli approcci. Può usare parole dure ma segnalare flessibilità mentre monitora la situazione economica. Questa strategia è più reattiva e non è facile pronosticarne l’esito.

In realtà la soluzione ottimale non è quasi mai chiara. La Fed in questo momento sta attuando un mix delle strategie descritte. I responsabili politici utilizzano anche la politica fiscale – ovvero la spesa del denaro da parte del governo – per affrontare il problema.

Cosa significa stagflazione per le criptovalute e per l’investimento in generale?

Per prima cosa: le criptovalute sono un asset estremamente rischioso. Ciò significa che quando gli investitori hanno voglia di investire in attività rischiose, acquistano criptovalute. Succede nei mercati rialzisti. Nelle recessioni e nei mercati ribassisti, gli investitori vendono gli asset più rischiosi. In poche parole: recessione significa che la criptovaluta – insieme agli asset più rischiosi – scende.

Per provare che le criptovalute sono un asset di rischio, non guardare oltre la sua correlazione con il NASDAQ (un altro asset rischioso) e la sua correlazione poco chiara con l’oro (un asset risk-off).

Durante i periodi inflazionistici, gli investitori danno la priorità alla conservazione del capitale. Ciò significa che gli asset in grado di preservare il proprio valore – come l’oro – se la cavano particolarmente bene (lo stesso si dice per Bitcoin, ma lo vedremo più avanti). Basta guardare la sua bull run negli anni ’80.

Certo, la revoca del divieto di possedere oro nel 1975 lo ha aiutato molto, ma l’oro storicamente rappresenta una copertura dall’inflazione, il famoso bene rifugio. Il mercato azionario invece è stato scambiato lateralmente per la maggior parte degli anni ’70.

Naturalmente, non tutte le azioni sono uguali. Anche durante una recessione, alcuni settori performano meglio di altri, come le società basate sulle materie prime, nei periodi in cui le materie prime sono costose.

Detto questo, le criptovalute hanno già reagito e hanno subito un colpo del 70% dai massimi storici. Molti analisti si aspettano un altro passo indietro, se l’economia entrerà ufficialmente in territorio di recessione (e non si riprenderà rapidamente).

Criptovalute: come va l’investimento durante la stagflazione

Se non tutte le azioni sono uguali, non dovrebbe valere lo stesso per le criptovalute? 

Sì e no.

Dividiamo le criptovalute in tre grandi categorie: BTC, ETH e tutte le altre altcoin.

BTC – ovvero l’oro digitale – attualmente è messo molto bene, se consideriamo il grafico dal 2009 ad oggi.

Il BPT misura la distanza tra il prezzo attuale di Bitcoin e la sua media mobile a quattro anni. In poche parole, misura se Bitcoin è economico o meno in base agli standard storici.

Negli ultimi anni – ovvero per la maggior parte dell’esistenza di Bitcoin – la Federal Reserve è stata in modalità stampa denaro come se non ci fosse un domani. L’unica volta in cui i tassi di interesse sono aumentati brevemente (2,5% all’inizio del 2019) Bitcoin dal punto di vista del prezzo non ha performato benissimo. Quando il capitale è diventato più conveniente, bitcoin è salito.

Molto dipenderà da se e quando Bitcoin romperà la sua correlazione con altri asset rischiosi ed essere davvero percepito dai mercati come oro digitale. Questo processo probabilmente non avverrà rapidamente. In un arco di tempo pluriennale, un supporto a $20.000 sembra solido, data l’espansione permanente dell’offerta di moneta, la fornitura limitata e la crescente consapevolezza per le criptovalute. Ma se l’economia entra in una fase recessiva, probabilmente il bottom sarà molto più in basso rispetto ai $20.000.

ETH ha una correlazione quasi perfetta con BTC. La maggior parte degli investitori in criptovalute sanno che ETH è in realtà solo Bitcoin con un beta più alto (massimi% più alti e minimi% più bassi), a livello di analisi tecnica. Ethereum non ha il potenziale di adozione di Bitcoin, e non è nato per quello. Ethereum è il “computer mondiale decentralizzato“, una sorta di Windows decentralizzato che chiunque può utilizzare.

Sebbene oggi BTC sia considerato una commodity digitale (anche da Gary Gensler), non è chiaro cosa sia ETH. ETH è strutturalmente più simile ad un’equity ad alto rischio, con una chiara struttura di leadership (la Ethereum Foundation). Inoltre gli investitori in Ethereum stanno aspettando con ansia il prossimo grande aggiornamento: The Merge.

Questo passaggio da PoW a PoS potrebbe essere una buona notizia per ETH – se la transizione andrà a buon fine – oppure potrebbe essere una brutta notizia se questo primo passaggio in assoluto porterà a problemi e conseguenze imprevisti.

Ad ogni modo il prezzo di ETH seguirà quasi sicuramente BTC in un futuro prossimo. Dipende dalla tua personale valutazione del rischio se The Merge sarà una sorpresa in positivo che giustifica un ulteriore ribasso nel breve termine.

Infine tutte le altcoin sono in fase sperimentale, ed hanno una volatilità e dei rischi ancora più alti. Durante un mercato ribassista, possono perdere anche il 90%, anche se in questo ciclo il peggio sembra essere passato. Basta guardare le prestazioni di XRP tra marzo 2018 e dicembre 2018, quando ha perso oltre il 50% dopo aver già perso il 70% nel primo trimestre.

Dovresti valutare tutti gli investimenti in altcoin con molta attenzione. Cerca utility e casi d’uso concreti (come layer 1 o DEX), redditività (come commissioni di trading in entrata) e una solida community di sostenitori irriducibili.

Investi durante la stagflazione?

Ok, quindi le criptovalute sono cattive. I contanti sono cattivi a causa dell’inflazione. C’è un modo per sfuggire alla povertà?

Secondo Lyn Alden, ci sono un paio di regole pratiche da seguire durante la stagflazione:

  • Contanti e obbligazioni: ok, ma il tuo capitale perderà potere d’acquisto. Aspettatevi di perdere qualche %, anche considerando i tassi di interesse in aumento.
  • Azioni: probabilmente scendono, in particolare le azioni ad alta crescita che scaricano potenziali guadagni passati. Molte criptovalute seguono le azioni ad alta crescita – ovvero quelle tech – registrando un forte rialzo durante le bull run e accumulando durante i mercati ribassisti.
  • Immobiliare: un solido investimento per la conservazione del capitale. Probabilmente conserverai il capitale in termini di inflazione, ma sacrificherai la liquidità.
  • Materie prime/Commodities: le materie prime sono tra i migliori investimenti durante la stagflazione. Ma investire in materie prime è complicato per gli investitori al dettaglio. Sai se il petrolio a $100 è costoso? E che dire del grano a $800 o dell’uranio a $50?
  • Commodities monetarie: bene l’oro e altri metalli preziosi. Bitcoin aspira a diventare una commodity, ma non lo è ancora.

L’investimento dipende da fattori personali come l’orizzonte di investimento, la propensione al rischio e le preferenze di liquidità. Se sei un investitore di criptovalute, la linea d’azione più semplice è rimanere liquidi ed aspettare tempi migliori. Conserva il tuo capitale e aspetta che sul mercato torni il sereno. Investire è più facile quando c’è ottimismo.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Considerazioni finali

Investire durante la stagflazione è difficile. Quando il mare è calmo tutti marinai, ma il mercato oggi è spietato. Potrebbe essere meglio rimanere in disparte e aspettare buone notizie.