Micropagamenti: la blockchain è un’alternativa ad oggi valida? Scoprilo qui!

L’economia dei micropagamenti: cos’è e perché è importante. Le attuali blockchain sono pronte per questo passo decisivo?

I micropagamenti sembrano un ottimo modo per scambiare soldi con i tuoi amici o sostenere i tuoi creatori di contenuti preferiti. Ma quanto spesso vengono utilizzati davvero e quali blockchain possono gestirli?

Quando si parla di Bitcoin, l’attenzione è spesso rivolta al suo essere una riserva di valore. Ma questo distoglie l’attenzione da uno dei casi d’uso più convincenti per le criptovalute esistenti, non ancora adeguatamente esplorato: i micropagamenti.

micro pagamenti blockchain bitcoin
Adobe

Nel caso in cui non conosci il termine, il micropagamento – o la microtransazione – fa riferimento ai trasferimenti di piccole somme di denaro. Non esiste una linea di demarcazione precisa. Alcuni classificheranno micropagamento una somma inferiore a 1 euro, altri ancora pagamenti inferiori a 20 euro.

Ti starai chiedendo perché i metodi esistenti per i pagamenti digitali non possono adattarsi ai micropagamenti, in modo da non doverci pensare più. Dopotutto, aziende del calibro di PayPal consentono di effettuare pagamenti di qualsiasi importo utilizzando una semplice carta di credito. Ma ecco il problema: le commissioni di transazione possono essere salate attraverso qualsiasi sito di e-commerce, specialmente quando bisogna convertire le valute legali lungo il percorso.

La tecnologia blockchain ha dato nuova speranza ai sistemi di micropagamento. Qui le commissioni costano solo poche frazioni di centesimo. Questo diventerà particolarmente importante man mano che l’Internet of Things (IoT) continua a guadagnare terreno.

Diamo un’occhiata ad alcune delle potenziali applicazioni per i micropagamenti, nonché ai limiti che ostacolano la tecnologia blockchain che li fornisce.

Quali sono i principali casi d’uso dei cosiddetti micropagamenti?

C’è molta richiesta di piccoli pagamenti da effettuare in tempo reale e con bassi costi di transazione, ed emergono continuamente nuovi modelli di business.

Attraverso progetti come il browser Web Brave, abbiamo visto come possiamo usare le altcoin per premiare gli utenti con valuta digitale ogni volta che acconsentiamo a visualizzare gli annunci. Piattaforme come Twetch – no, non Twitch – consentono agli appassionati di criptovalute di scambiare piccole somme di denaro sui social media, dando loro riconoscimento per i contenuti che hanno apprezzato.

Anche i giochi play-to-earn incentrati sulle criptovalute stanno guadagnando popolarità. In particolare quelli in cui vengono scambiati oggetti collezionabili sotto forma di NFT – o token non fungibili – tra i giocatori. Le dimensioni delle transazioni in questi giochi sono generalmente piccole, il che significa che sono necessari canali di pagamento economici.

Vale la pena ricordare che le transazioni Bitcoin possono essere minuscole grazie a come questa criptovaluta è divisibile. Un BTC può essere diviso in otto cifre decimali, e 0,00000001 BTC è noto come satoshi. Supponendo che un intero Bitcoin valga $20.000, un singolo satoshi varrebbe $ 0,0002, perfetto per piccole transazioni.
Ma questo ci porta chiaramente ai limiti delle valute virtuali.

Perché la rete Bitcoin non è (almeno per il momento) adatta alle microtransazioni?

Ci sono molte sfide in corso per rendere mainstream i micropagamenti.

Alcuni sostengono che Bitcoin non sia adatto per le microtransazioni a causa della sua volatiltà. Tutto ciò si rifà alla storia di Laszlo Hanyecz, che nel 2010 ha speso 10.000 BTC per due pizze. All’epoca, la criptovaluta valeva circa $43, ma quando Bitcoin ha raggiunto i massimi storici nel 2017 e poi nel 2021 beh.. diciamo che era un po’ troppo per due pizze. I critici giustamente sostengono questo: le persone non saranno dissuase dall’utilizzare BTC per piccoli pagamenti tenendo a mente che il suo valore aumenterà in futuro?

Di conseguenza l’attenzione si è spostata su altre criptovalute come Ethereum e Solana. Ma queste blockchain combattono battaglie a parte, in particolare il trilemma della blockchain, che afferma che è possibile ottimizzare contemporaneamente solo due tra sicurezza – scalabilità – decentralizzazione.

Affinché i micropagamenti siano efficaci, l’ecosistema che li elabora dovrebbe essere in grado di gestire milioni di transazioni al secondo e in tempo reale. ETH 1.0 ha subito diverse congestioni nel corso degli anni, il che significa che non è appropriato per le microtransazioni nella sua forma attuale. Si spera che ETH 2.0 aiuti a risolvere i problemi di scalabilità.

La memecoin originale – ovvero Dogecoin – è visto come uno dei modi più popolari per partecipare all’economia dei micropagamenti. La moneta è diventata famosa per le mance sia su Twitter che su Reddit. Tuttavia non dimentichiamo che Dogecoin è una moneta basata sul meme di un cane. Non è chiaro quanto seriamente prenda il suo futuro come contendente di micropagamenti su larga scala. Anche se Elon Musk sostiene che anche il denaro come lo conosciamo oggi sia nato “per sbaglio”.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

I costi di transazione dei giganti fintech come Visa sono molto alti. Nonostante questo le blockchain devono dimostrare di essere in grado di far fronte a tanti pagamenti quanti ne possono fare le reti di carte di debito, e istantaneamente. Tutto ciò deve essere ottenuto senza compromettere l’accessibilità. Questo significa che le soluzioni di micropagamento offerte devono essere facilmente comprensibili per i consumatori di tutti i giorni.