Conto congelato per la causale sbagliata nel bonifico: cosa si rischia davvero

Un risparmiatore italiano ha subito un mese di congelamento del conto corrente a causa di una frase “sospetta” nella causale di un bonifico.

Le transazioni finanziarie, anche i bonifici più semplici, sono diventate sempre più sicure ed efficienti grazie ai progressi tecnologici nel settore bancario e nei sistemi di monitoraggio correlati. Tuttavia, ciò non impedisce che accadano cose piuttosto insolite. Un esempio è stato il conto corrente di un uomo bloccato per un mese a causa di una frase “sospetta” inclusa nella causale di un bonifico.

causale bonifico conto congelato
Adobe Stock

Tutto è iniziato quando l’uomo, dopo aver partecipato an un seminario di lavoro a Helsinki, ha deciso di pagare il suo datore di lavoro con la propria carta di credito per i biglietti del treno e l’albergo per il viaggio.

L’incontro nella capitale finlandese si è concentrato sulle attività culturali per le aree rurali scarsamente popolate, nota anche come “HAMA” in finlandese. Scrive questa parola nella causale del bonifico e gli bloccano il conto.

L’uomo ha scritto nella causale la parola “hama-seminario”, che significa seminario hama, quando ha effettuato il bonifico di 572 euro. Tuttavia, la lettera “S” nel termine “seminari”, che è così simile all’acronimo “hama”, ha sollevato preoccupazione nel settore bancario, poiché si temeva che i fondi fossero destinati a Hamas, l’organizzazione terroristica palestinese che è al centro del conflitto israelo-palestinese.

Quali informazioni vanno inserite nella causale dei bonifici

Le banche monitorano le transazioni finanziarie con sistemi automatizzati e consulenti per trovare soggetti o attività sospette su liste di controllo. Nel caso dell’uomo, il termine “hama-seminario” ha scattato un allarme nel sistema di supervisione.

Businesswoman using calculator calculate for finance with laptop, Online banking and payment, Finance and banking networking with icon customer connection, Digital marketing, Business of technology

Quando in un secondo momento l’uomo si è reso conto che il suo conto bancario era stato bloccato, ha cercato di contattare sia il suo datore di lavoro che la banca per risolvere il problema. Tuttavia, risolvere il problema è stato un lungo e frustrante processo. L’uomo ha dovuto aspettare quasi quattro settimane prima che la sua banca lo contattasse per chiedergli di spiegare la parola sospetta utilizzata nella causale del bonifico.

Nel frattempo, l’uomo ha inviato molti messaggi al servizio clienti della sua banca per cercare di accelerare il processo di scongelamento dei fondi. Tuttavia, la situazione è finalmente migliorata solo quando il suo datore di lavoro ha contattato l’altra banca coinvolta nella transazione.

Impostazioni privacy