TARI: ecco perché stai sbagliando gli importi da pagare

La TARI viene calcolata in base ai membri del nucleo familiare e ai metri quadrati dell’immobile. Vediamo come fare i cambiamenti e pagare il giusto importo.

Per calcolare l’importo dovuto, la gestione della TARI richiede una comprensione approfondita delle regole per determinare il numero di occupanti di un’abitazione. Infatti, è necessario che sia opportunamente dichiarato per modificare la quantità se si verificano cambiamenti nel nucleo familiare.

TARI tassa rifiuti
Adobe Stock

Il numero di persone che vivono in abitazioni principali è calcolato utilizzando i registri anagrafici del comune. Il numero totale di persone indicate nella dichiarazione specifica è considerato nei casi in cui più nuclei familiari vivono nella stessa dimora. Questo processo fa sì che la tariffa rappresenti correttamente il numero di persone che utilizzano il servizio di raccolta dei rifiuti.

Il numero standard di persone che vivono in immobili che non sono utilizzati come abitazione principale è determinato dalla superficie totale dei locali. La TARI applica una tariffa in base al numero stimato di occupanti, adattandosi alle varie dimensioni degli immobili. È importante sottolineare che le persone che sono permanentemente ricoverate in case di cura o di riposo sono escluse dal numero totale degli impiegati. Questa esclusione, concessa su richiesta dell’interessato, riduce le spese fiscali delle famiglie in determinate circostanze.

Come cambia la TARI

La modifica del numero di componenti del nucleo familiare per la TARI è uno dei passaggi più importanti per garantire che la tariffa rifletta adeguatamente le condizioni abitative del nucleo familiare.

rifiuti tassa tari
Adobe Stock

Questi sono i passaggi da seguire:

  1. Individuare l’evento modificativo
    La prima cosa da fare è trovare un “evento modificativo”. Questo può verificarsi in una varietà di circostanze, come il trasloco di un membro della famiglia, la nascita di un bambino, la morte di un membro della famiglia o il cambiamento della residenza principale.
  2. Acquisire la documentazione richiesta
    Preparare la prova dell’evento modificativo. Questa può variare a seconda del tipo di evento, come un certificato di nascita, un certificato di morte, un contratto di affitto o una dichiarazione di cambio di residenza.
  3. La richiesta di modifica deve essere presentata al comune
    . Il modo più semplice per farlo è recarsi direttamente all’ufficio competente o inviare la documentazione necessaria tramite posta ordinaria o posta elettronica.
  4. Preparare una dichiarazione di variazione
    Utilizzare i moduli forniti dal comune per compilare una dichiarazione di variazione. Questi moduli richiedono dati dettagliati sull’utenza, sull’immobile e sui membri della famiglia.
  5.  Presentare una dichiarazione di variazione
    Insieme alla documentazione che conferma l’evento modificativo, inviare la dichiarazione di variazione all’ufficio competente del comune.
  6. Attesa della conferma
    dopo aver inviato i documenti, devi aspettare che il comune risponda alla tua richiesta. A seconda del comune e del periodo dell’anno, questo processo può richiedere del tempo.
  7. Verifica dell’effettiva modifica
    dopo che il comune ha processato la richiesta, è opportuno controllare che la modifica sia stata correttamente documentata. Ciò può essere ottenuto controllando i documenti TARI o contattando direttamente l’ufficio competente.
  8. L’impatto della variabilità
    Il giorno in cui si verifica l’evento modificativo, la variazione del numero dei componenti ha effetto. Per evitare discrepanze nella tariffazione, la richiesta di modifica deve essere presentata tempestivamente.
Impostazioni privacy