Google cambia tutto: ammesse pubblicità per Bitcoin e criptovalute

La community di esperti e appassionati di criptovalute sta valutando l’impatto che questo avrebbe sugli ETF Bitcoin spot, considerando che Google elabora 100.000 query al secondo relativamente alla tematica.

Lunedì 29 gennaio Google ha modificato il proprio regolamento per consentire la promozione di alcuni articoli legati a bitcoin e criptovalute sui motori di ricerca.

etf bitcoin
Adobe Stock

I fondi negoziati in borsa (ETF) stanno causando molte speculazioni nel mercato delle criptovalute. A tal proposito Google modificherà la sua politica sulle criptovalute e gli annunci pubblicitari associati il 29 gennaio 2023, per consentire gli annunci di “inserzionisti che offrono Cryptocurrency Coin Trust rivolti agli Stati Uniti”.

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha approvato 11 fondi negoziati in borsa (ETF) di Bitcoin. Ciò significa che gli investitori che acquistano azioni di un ETF ottengono la proprietà delle attività in Bitcoin del fondo. Ciò è conforme ai più recenti requisiti di Google: “Prodotti finanziari che consentono agli investitori di negoziare azioni di fondi di valuta digitale su larga scala”.

Citando la grande capacità di Google di elaborare le transazioni nelle ricerche, gli analisti di criptovalute sono entusiasti dei possibili afflussi verso gli ETF Bitcoin. DemandSage ha pubblicato dati che dimostrano che Google gestisce 8,55 miliardi di query al giorno.

Google autorizza la pubblicità di ETF su Bitcoin e alcuni articoli legati alle criptovalute

Nell’ambito dei molteplici ETF Bitcoin che la SEC ha autorizzato il 10 gennaio, uno dei maggiori trust Bitcoin, il Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), è stato recentemente trasformato in un ETF Bitcoin spot.

etf bitcoin spot
Adobe Stock

In precedenza, solo gli investitori accreditati potevano acquistare le azioni GBTC sul mercato principale, con un periodo di detenzione di sei mesi. I requisiti per gli investitori accreditati sono un patrimonio netto superiore a 1 milione di dollari o più di 200.000 dollari di entrate da guadagni nei due anni precedenti. Queste norme sono state concepite per proteggere gli investitori inesperti da investimenti pericolosi che potrebbero costare loro denaro.

Gli ETF Spot Bitcoin sono comunque accessibili al pubblico negli Stati Uniti. Poiché sono disciplinati dal Securities Act del 1933, Google potrebbe ritenere più prudente utilizzarli per la pubblicità. Michael van de Poppe, un noto trader di criptovalute, ha espresso ottimismo nell’agosto 2021 sull’impatto degli annunci pubblicitari di Google sui beni legati al Bitcoin, in particolare alla luce dell’indagine del presidente della SEC sui Bitcoin Futures ETF, autorizzati nell’ottobre 2021.

Impostazioni privacy