Scandalo Bitzlato: perchè il mercato delle criptovalute non ne sta risentendo

Scandalo Bitzlato: il proprietario dell’exchange russo è stato arrestato e i suoi beni sono stati confiscati dopo essere stato accusato di riciclaggio di oltre 1 miliardo di dollari in criptovaluta.

Sebbene i presunti crimini commessi da Bitzlato siano gravi, potrebbero non avere un impatto così significativo sul mercato delle criptovalute.

bitzlato riciclaggio criptovalute bitcoin
Adobe Stock

Bitzlato, un exchange di criptovalute registrato a Hong Kong, è rimasto per lo più inosservato sin dal suo lancio nel 2016. Ad eccezione di una breve menzione in un articolo di Chainalysis del 2022, l’exchange è riuscito a sfuggire a qualsiasi copertura mediatica sostanziale e ha mantenuto un basso profilo.

Inosservato chiaramente fino a che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) non ha avviato un’azione esecutiva di alto profilo contro l’exchange il 18 gennaio 2023. Anatoly Legkodymov, il fondatore dell’azienda, ha visto l’arresto a Miami lo stesso giorno e accusato di gestire un’attività di trasferimento di denaro senza licenza.

Lo scandalo Bitzlato

Le notizie sulle dimensioni e l’estensione dell’attività illegale di Bitzlato hanno immediatamente riempito i media mainstream. Molte persone sono preoccupate per l’impatto che questa azione di contrasto potrebbe avere sul settore a causa delle segnalazioni relative agli stretti legami dell’exchange con le organizzazioni di hacking russe e i mercati darknet.

Se le accuse mosse da Bitzlato fossero vere, l’exchange e i suoi proprietari potrebbero essere accusati di riciclaggio di criptovalute per un valore superiore a 1 miliardo di dollari. Inoltre, anche se i crimini di Bitzlato possono essere ormai palesi e conosciuti da chiunque, è molto probabile che l’impatto dell’exchange sul mercato globale delle criptovalute sia insignificante.

La storia di Bitzlato

Dopo che la Russia ha iniziato il tentativo di invasione ai danni dell’Ucraina, non c’è mai stata prima una campagna di imposizione contro Bitzlato. La Russia era l’obiettivo di alcune delle sanzioni economiche più dure mai imposte. Con il congelamento o la confisca dei fondi delle sue banche, imprese e persone. L’immobilizzazione di tutti i 630 miliardi di dollari di riserve detenute dalla banca centrale russa negli Stati Uniti ha portato la sua inflazione a raggiungere livelli record.

Le forze dell’ordine di tutto il mondo hanno iniziato a preoccuparsi quando i limiti si sono inaspriti sul potenziale della Russia di utilizzare la criptovaluta per evitare sanzioni. Una ricerca di Chainalysis del 2022 ha affermato che la Russia ha avuto un numero sproporzionatamente elevato di crimini legati alla criptovaluta ed era il luogo di numerosi servizi che si pensava fossero utilizzati per il riciclaggio di denaro.

Una revisione delle transazioni di bitcoin da e verso la Russia, tuttavia, non ha prodotto prove di un diffuso riciclaggio di denaro. Anche se c’è stato un considerevole movimento di criptovaluta dalla Russia a diverse piattaforme crittografiche al di fuori del paese, l’analisi ha rivelato che le transazioni erano modeste e di dimensioni limitate.

Lo studio di ChainAnalysis

Nello studio Chainalysis, Bitzlato è stato brevemente menzionato come uno di un gruppo selezionato di “exchange ad alto rischio” che hanno registrato transazioni considerevoli da parte dei clienti in Russia nel 2022. Secondo lo studio, Bitzlato è arrivato al secondo posto con oltre 600 milioni di dollari di transazioni, finale Garantex.io, che presumibilmente ha raccolto più di 1,5 miliardi di dollari da utenti russi.

La storia, che è stata rilasciata il 28 marzo 2022, è una delle ultime occasioni in cui l’exchange ha ricevuto una copertura significativa. Almeno fino a che non è giunta la notizia dell’arresto del suo fondatore il 17 gennaio 2023.

Il co-fondatore e alto dirigente di Bitzlato, Anatoly Legkodymov, è stato arrestato, secondo una dichiarazione del Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti (DOJ). Il principale azionista della società, un cittadino russo di 40 anni, è accusato di aver gestito un’operazione di trasferimento di denaro illegale.

Allo stesso tempo, il Dipartimento di Giustizia ha anche rivelato un’importante azione esecutiva contro Bitzlato. L’exchange era una delle maggiori controparti del mercato darknet Hydra. Questo sempre secondo la lettera di esecuzione del Dipartimento di Giustizia. Inoltre, Bitzlato è stato accusato di essere il principale mezzo di riciclaggio di denaro per le organizzazioni russe di ransomware.

Le bande di ransomwre russe

Il DOJ ha affermato nell’avviso di esecuzione che Bitzlato “svolge un ruolo fondamentale nel consentire transazioni per la banda ransomware Conti. Oltre ad altri criminali ransomware in tutto il mondo. Compresi individui che operano fuori dalla Russia”.

Oltre alla famigerata banda Conti, Bitzlato ha apparentemente collaborato con le note organizzazioni di ransomware Chatex, DarkSlide e Phobos. Che si pensa si trovino tutte in Russia.

“L’attività transazionale di ricezione e invio di Bitzlato mostra una connessione significativa con controparti associate ad altre sospette attività illegali, come mercati darknet e truffe con legami e operazioni in Russia, oltre a ricevere proventi da ransomware”. Questo riprota il rapporto.

Secondo la ricerca del DOJ, la maggior parte delle principali controparti di invio e ricezione di Bitzlato erano collegate a frodi o mercati darknet. Tra maggio 2018 e settembre 2022, TheFiniko, una truffa Ponzi russa, Hydra e Binance sono state le prime tre controparti riceventi sull’exchange. Hydra, LocalBitcoins e TheFiniko erano i suoi primi tre concorrenti quando si trattava di inviare fondi tramite criptovalute.

Traferimenti a Bitzlato in seguito alla chiusura del mercato darknet Hydra

Tra maggio 2018 e aprile 2022, quando il mercato darknet era chiuso, gli utenti di Hydra hanno trasferito circa 170 milioni di dollari in criptovaluta a Bitzlato. Questo secondo un’indagine dell’FBI su Legkodymov. Gli utenti di Hydra hanno prelevato 124,4 milioni di dollari dai conti Bitzlato e altri 191,9 milioni di dollari da fonti finanziate da Bitzlato. Inoltre, le bande di ransomware hanno inviato all’exchange più di 15 milioni di dollari in varie criptovalute.

L’indagine dell’FBI ha rivelato che il personale di Bitzlato era a conoscenza e sosteneva i trasferimenti da e verso l’Hydra. Le conversazioni recuperate dall’assistenza clienti hanno rivelato che i membri dello staff hanno dato ai clienti istruzioni esplicite su come ripulire i “token sporchi”. Oltre che completare i loro portafogli sul mercato darknet. I dipendenti sono anche informati quando le persone hanno aperto account utilizzando le informazioni di accesso di qualcun altro.

Legkodymov e altri importanti gestori di borsa erano consapevoli del fatto che la maggior parte del volume degli scambi di Bitzlato proveniva da fonti di finanziamento illegali. Da un “punto di vista commerciale”, la direzione di Bitzlato ha stabilito che escludere le persone associate al traffico di droga non sarebbe vantaggioso per l’exchange. Sempre stando ai messaggi intercettati da una discussione interna con loro.

Una perdita per Bitslato non è una perdita per il mondo cripto

L’FBI ha indagato su Legkodymov e Bitzlato per più di un anno. L’imposizione di sanzioni contro la Russia ha accelerato l’inchiesta, che ha rapidamente scoperto che l’ampiezza dei crimini di Bitzlato andava oltre il territorio russo.

In una deposizione divulgata nell’ambito dell’inchiesta, un agente afferma che Bitzlato ha operato in una “sezione significativa” degli Stati Uniti. Le prove dell’indagine decretano che Legkodymov ha supervisionato l’exchange mentre si trovava negli Stati Uniti e che Bitzlato. Inoltre lla sua direzione sapeva che stavano fornendo servizi ai consumatori negli Stati Uniti.

Il DOJ affermava in una dichiarazione che le aziende di criptovaluta e i loro proprietari non erano al di sopra della legge. Men che meno al di fuori della loro portata quando Legkodymov è finito in manette a Miami il 17 gennaio.

Secondo il vice procuratore generale Lisa Monaco: “Oggi il Dipartimento di giustizia ha inferto un duro colpo all’ecosistema cripto-criminale”.

“Le misure odierne trasmettono un messaggio ovvio. Potresti aspettarti di rispondere dei tuoi crimini all’interno di un’aula di tribunale degli Stati Uniti. Sia che tu violi le nostre leggi dalla Cina o dall’Europa. Sia che sfrutti il ​​nostro sistema finanziario da un’isola tropicale”.

Lo scandalo Bitzlato assume una portata globale

L’exchange di criptovalute un tempo sconosciuto è rapidamente balzato agli onori delle cronache nel settore delle criptovalute. L’entità dei presunti reati di Bitzlato lo ha reso un obiettivo ovvio per i legislatori americani che spingevano per una regolamentazione del mercato più stringente.

Secondo un’analisi di Chainalysis, il 27% delle criptovalute che Bitzlato ha acquisito tra il 2019 e il 2023 proveniva da “fonti rischiose”. Mentre un altro 26% proveniva da fonti illegali. L’exchange, che tratta criptovalute per un valore di circa 2,5 miliardi di dollari, è accusato di aver riciclato almeno 650 milioni di dollari.

Molti pensano che un’importante azione esecutiva ostacolerebbe la crescita del business delle criptovalute negli Stati Uniti. Le grandi aziende della nazione chiedono da tempo certezza normativa. Tuttavia, temono che il mercato possa soffrire molto a causa della pressione normativa.

Altri, tuttavia, pensano che lo scandalo emerso che riguarda Bitzlato non avrà molta influenza sul mercato globale delle criptovalute. Anche se le quantità elaborate dall’exchange erano considerevoli, erano sminuite dai numeri visti su altri exchange più regolamentate. Difatti questi costituivano solo una piccola parte dell’intero volume del mercato.