Regolamentazione Criptovalute nel 2023: le ultime novità dagli Stati Uniti, leggi di più

Prospettive sulla regolamentazione delle criptovalute nel 2023: le mosse che inevitabilmente scuoteranno tutto il mondo blockchain.

È uno spettacolo piuttosto insolito vedere i politici democratici e repubblicani del Congresso in accordo tra loro, e lavorare insieme per far avanzare l’ordine pubblico. È ancora più insolito sentire seri regolatori finanziari litigare in pubblico, e parlare come un poliziotto di turno in un quartiere particolarmente difficile.

regolamentazione criptovalute stati uniti
Adobe Stock

Benvenuti nel mondo di Washington che incontra il selvaggio west delle criptovalute. Quello che è chiaro è che i politici statunitensi di entrambi i principali partiti vogliono rafforzare la leadership americana nel sistema finanziario globale, difendendo la frontiera dai malintenzionati. È in questo contesto che si comprendono meglio le proposte legislative che si fanno strada attraverso il Congresso. Vediamo le più significative tra le dichiarazioni e le azioni emanate dalla Casa Bianca e dalle agenzie governative.

Regolamentazione delle criptovalute nel 2023: il mondo blockchain cambierà presto

La trama di questa storia è difficile da seguire, con un ampio cast di personaggi e una zuppa alfabetica di agenzie. Vediamo di riassumere dove le criptovalute si inseriscono nella complicata struttura normativa finanziaria:

Attualmente, non esiste un quadro normativo completo per le criptovalute o altre risorse digitali. Invece, vari regolatori statali e federali del settore finanziario applicano quadri e regolamenti esistenti in cui gli exchange o le risorse digitali assomigliano ai prodotti finanziari tradizionali“.

Pertanto, le autorità di regolamentazione possono “trattare le risorse digitali come titoli, merci o valute a seconda delle circostanze. Ad esempio, gli exchange di criptovalute sono autorizzati a livello statale e registrati presso il Financial Crimes Enforcement Network del Tesoro degli Stati Uniti come trasmettitori di denaro per la conformità AML. Tuttavia, l’applicazione di questi quadri attraverso una guida formale o informale da parte di diversi regolatori può rendere l’ambiente più oscuro. Questo nel caso in cui vari regolatori sovrapposti facciano dichiarazioni contrastanti“.

Ad esempio, i presidenti della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) e della Securities and Exchange Commission (SEC) “hanno accennato al fatto che alcune risorse digitali sono merci e altri titoli sotto le rispettive giurisdizioni. Laddove le aziende cripto operano senza registrarsi presso queste agenzie, gli investitori non ricevono le protezioni fornite dalla conformità normativa“.

L’ordine esecutivo di Biden

È in questo contesto confuso che all’inizio di quest’anno il presidente Biden ha emesso un “ordine esecutivo della Casa Bianca”. L’ordine riconosceva l’importanza delle risorse e delle tecnologie digitali, indirizzando le agenzie governative nella sua amministrazione a concentrarsi su diverse priorità chiave per lo sviluppo delle politiche. Queste includono la protezione dei consumatori e degli investitori, la stabilità finanziaria e la finanza illecita. E ancora l’inclusione finanziaria, l’innovazione responsabile, la leadership nel sistema finanziario globale e la competitività economica degli Stati Uniti.

Tra le altre cose, l’ordine esecutivo ha citato il principio normativo di “stesso asset, stesso rischio, stesse regole“. In sostanza le criptovalute non dovrebbero essere trattate in modo diverso o avere scappatoie particolari.

Regolamentazione delle criptovalute nel 2023: diverse proposte in gioco

Le proposte del Congresso si fanno strada attraverso vari comitati del Senato e della Camera dei Rappresentanti. Rappresentano un tentativo globale di integrare le risorse digitali nelle leggi esistenti. Abbiamo assistito in prima persona a questo scoppio di consenso bipartisan al Bloomberg Crypto Summit quest’estate. In quella occasione i senatori Kirsten Gillibrand (D-NY) e Cynthia Lummis (R-WY) del Senate Banking Committee hanno spiegato il loro storico Responsible Financial Innovation Act.

Ciò che mi ha colpito è stato il tono collegiale della conversazione e gli sforzi di questi legislatori per coordinarsi con altri che lavorano su questi temi a Capitol Hill. In particolare si parlava di un disegno di legge del Comitato per i servizi finanziari della Camera per regolare le riserve di stablecoin. Hanno tutti espresso grandi speranze che quest’anno si possa fare qualcosa sulle stablecoin come primo passo verso un’azione più completa.

Tutti sono convinti che alla fine si riuscirà ad inquadrare le criptovalute nel modo corretto. Anche se sono successe due cose che hanno rallentato questo slancio.

Elezioni di medio termine

Innanzitutto, le elezioni di medio termine negli Stati Uniti. Era del tutto prevedibile che i lavori si sarebbero fermati durante la campagna elettorale autunnale. Il fatto che i repubblicani abbiano ottenuto il controllo della Camera dei rappresentanti non sembra alterare le prospettive del disegno di legge. Il presidente della commissione repubblicana entrante, il rappresentante Patrick McHenry (R-NC) e l’attuale presidente democratico Maxine Waters (D-CA) stanno lavorando insieme e dando la priorità al prossimo anno. La senatrice Gillibrand vede anche prospettive per un progetto di legge sulla stablecoin da parte della sua commissione nelle prossime settimane.

Il crollo di FTX

In secondo luogo, il crollo di FTX. Non è stato l’unico fallimento nel mercato cripto quest’anno, ma sicuramente è un punto di svolta. Quasi ogni giorno emergono rivelazioni esplosive riguardanti truffe, uso improprio dei beni dei clienti, conflitti di interesse tra entità correlate e bilanci inesistenti o controlli di gestione del rischio.

Il nuovo CEO che sovrintende all’exchange di criptovalute in bancarotta ha definito FTX un fallimento della corporate governance peggiore di quello di Enron: “Dall’integrità dei sistemi compromessa e la supervisione normativa difettosa all’estero alla concentrazione del controllo nelle mani di un gruppo molto ristretto di individui inesperti, questa situazione è senza precedenti“.

I responsabili politici e le autorità di regolamentazione sono alla ricerca di risposte e sollevano domande su quali problemi e rischi necessitano di uno sguardo più approfondito. Bisogna capire dove le proposte su cui hanno lavorato devono essere rafforzate, specialmente se Sam Bankman-Fried avesse fornito un contributo in merito. Non c’è dubbio sul fatto che sia necessario rivedere una serie di pratiche in cui sono impegnate entità affiliate a FTX, che non sarebbero mai tollerate nei servizi finanziari regolamentati.

In effetti, tutto questo sta già accadendo. I grandi players del settore delle criptovalute affermano che negli Stati Uniti mancano regole chiare, e/o che le criptovalute dovrebbero essere trattate in modo diverso per evitare di soffocare l’innovazione. Ma le autorità di regolamentazione statunitensi, tra cui SEC e CFTC, la vedono diversamente e la loro è l’opinione che conta.