Alla scoperta del Paese col più alto tasso di adozione di criptovalute al mondo: non crederai ai tuoi occhi

Sapevi che il Vietnam ospita una delle scene più interessanti nell’ambito della tecnologia blockchain e del mercato delle criptovalute? 

Se hai visitato il Vietnam, saprai che è un paese incredibilmente bello. Nel nord-est c’è la baia di Ha Long, le cui isole calcaree sono tra le strutture naturali più fotografate al mondo. Le verdeggianti risaie del paese sono presenti da decenni sulle copertine dei libri di viaggio e sulle copertine delle riviste. Di notte, i locali che vivono nelle antiche città del Vietnam adornano le loro strade con lanterne dai colori vivaci, illuminando i corsi d’acqua che si snodano sotto i loro ponti di legno decorati.

Le due megalopoli del Vietnam – Hanoi a nord e Ho Chi Minh a sud – vantano storie culturali ricche e affascinanti. Ed entrambi, ovviamente, pullulano di motociclette. Oggi in Vietnam c’è infatti una moto ogni due persone.

bitcoin adozione
Adobe Stock

Se dovessi mai visitare il Vietnam in una sorta di viaggio spirituale per ritrovare te stesso o per scoprire chi sei veramente, puoi farlo noleggiando uno scooter e navigando su uno degli incroci più trafficati di Hanoi durante l’ora di punta. Questo scrittore promette che se lo fai, scoprirai esattamente chi sei nel momento in cui il semaforo diventa verde. Potresti persino scoprire un ritrovato rispetto e ammirazione per le leggi sul traffico più severe imposte nel tuo e in altri paesi.

Vietnam: gli imprenditori sono i benvenuti

A condizione che tu sopravviva alla tua escursione spirituale in scooter abbastanza a lungo da raggiungere un ristorante vietnamita gestito localmente, congratulazioni: ti aspetta una sorpresa! Il cibo vietnamita è notoriamente delizioso e la scena culinaria del paese è vibrante, creativa e imitata in tutto il mondo.

Ma l’unica cosa per cui il Vietnam non era famoso fino a poco tempo fa era il suo settore delle startup. Ma oggi sembra voler cavalcare l’onda di Bitcoin e delle criptovalute.

Gli imprenditori vietnamiti hanno sfruttato la popolarità delle criptovalute e creato alcune società di notevole valore. Tra queste possiamo citare Sky Mavis e Kyber Network. Queste e molte altre società di criptovalute lanciate dal Vietnam hanno cementato la reputazione del paese come posizione privilegiata per le aziende tecnologiche che vogliono espandere le proprie operazioni all’estero.

Ad esempio, Apple ha recentemente spostato parte della sua produzione di AirPod dalla Cina al Vietnam. Anche Google ha spostato lì una parte della sua produzione di telefoni Pixel. Allo stesso modo, sia Microsoft che Amazon hanno iniziato a spedire parzialmente anche alcuni dei loro prodotti dal Vietnam. Inoltre, il New York Times riferisce che gli agenti immobiliari vietnamiti sono più impegnati che mai a mostrare proprietà commerciali a società multinazionali che, come Apple & Co, sono ansiose di espandere le loro operazioni in Vietnam.

Vietnam: tecnologia blockchain e mercato delle criptovalute in espansione

Decine di società di criptovalute hanno lanciato i propri prodotti e servizi dal Vietnam. Sky Mavis, che ha sviluppato il gioco basato su blockchain Axie Infinity, è di gran lunga la più grande storia di successo. E questo nonostante abbia registrato un significativo calo di popolarità dal suo picco dello scorso anno.

Il gioco una volta vantava quasi tre milioni di giocatori mensili, e la sua capitalizzazione di mercato oggi è di oltre 770 milioni di euro. Naturalmente, Axie non è l’unica società di criptovalute di successo ad essere stata lanciata in Vietnam: sia Coin98 che la Kyber Network hanno già fatto enormi progressi nel settore delle criptovalute, portando miliardi di euro al settore.

Queste società di criptovalute hanno senza dubbio contribuito allo status sorprendente del Vietnam come paese con il più alto tasso di adozione di criptovalute al mondo. Esatto: il Vietnam, un paese la cui economia è al 39° posto a livello mondiale per PIL, sta guidando la carica verso l’adozione mainstream delle criptovalute. In effetti, uno dei sondaggi di Finder ha rilevato che il 41% degli intervistati vietnamiti possedeva criptovalute. Tuttavia, dovresti tenere presente che la cifra di Finder non rappresenta la vera percentuale di vietnamiti che possiedono criptovalute, che è più vicina al 20% o una persona su cinque, secondo Chainalysis.

Il primo premio per l’adozione delle criptovalute va a…

Perché così tanti vietnamiti possiedono criptovalute? E in che modo il Vietnam sta superando tutti i paesi europei e gli Stati Uniti in termini di adozione delle criptovalute?

Una delle tante possibili risposte è che il governo del Vietnam ha un atteggiamento generalmente positivo nei confronti della regolamentazione delle criptovalute. Finora, il governo non ha imposto molte regole sulle criptovalute, se non per chiarire che non è possibile pagare beni e servizi con le criptovalute, almeno per ora.

Il governo ha anche recentemente approvato una legge sugli investimenti che ha chiarito lo status delle criptovalute come veicolo di investimento legale. Questo significa che i cittadini vietnamiti possono investire legalmente i loro soldi in criptovalute. Inoltre, il ministero delle finanze del paese sta sviluppando un quadro di risorse digitali che definirà la strategia del paese verso la crescita della sua economia digitale.

Un’altra spiegazione per la posizione positiva del Vietnam sulle criptovalute è che la maggior parte dei vietnamiti non ha accesso ai veicoli di investimento da cui potrebbero guadagnare entrate passive (o almeno, hanno meno opzioni di quelle che potrebbe avere un tipico investitore occidentale). Inoltre le criptovalute sono salite a livelli record nel 2020 e nel 2021. Quindi è probabile che molti vietnamiti abbiano visto le criptovalute come una nuova entusiasmante fonte di profitto e siano saltate sul carro.

Un accademico che sostiene questa idea è Binh Nguyen, senior program manager of finance presso il Royal Melbourne Institute of Technology. Nguyen studia come i vietnamiti usano le criptovalute e ha scoperto che il mercato è fortemente guidato dai piccoli investitori. Questo significa che la maggior parte degli investitori vietnamiti in criptovalute desidera aumentare la propria ricchezza piuttosto che proteggersi dall’inflazione.

Tecnologia blockchain e mercato delle criptovalute in espansione

Dovremmo anche considerare la possibilità che alcuni vietnamiti stiano semplicemente acquistando criptovalute per giocare d’azzardo. Perché? La risposta breve è che la maggior parte delle forme di gioco d’azzardo sono illegali in Vietnam, e lo sono state per generazioni.

La maggior parte dei locali non può visitare un casinò vicino perché per farlo. Devono prima dimostrare che i loro guadagni mensili superano i 10 milioni di VND (420 euro circa) al mese prima ancora di poter entrare. Per il contesto, il salario medio in Vietnam è di circa 6,1 milioni di VD, o 280 euro al mese. Pertanto, è plausibile che almeno alcune persone stiano acquistando criptovalute semplicemente per soddisfare i propri impulsi di gioco piuttosto che come investimento.

E non dimentichiamo che la maggior parte degli espatriati vietnamiti, che vivono e lavorano all’estero, invia denaro a casa alle proprie famiglie che vivono ancora in Vietnam. Queste rimesse potrebbero rappresentare fino al 6,3% del PIL del Vietnam. Pertanto, non sorprende che così tanti espatriati del Vietnam possano utilizzare le criptovalute per inviare soldi a casa. Soprattutto se si considera quanto siano basse le commissioni di trasferimento rispetto a quelle spesso addebitate dalle banche e dai servizi di trasferimento.

Un’ultima considerazione è la popolazione “bankless” del Vietnam, ovvero coloro che vivono e lavorano senza conti bancari. La ricerca suggerisce che solo trenta milioni di vietnamiti (su un totale di novanta milioni) hanno un conto in banca, ovvero circa il 30% della popolazione.