Investire o tradare, questo è il dilemma. È più decoroso per l’anima…

Investire o tradare, questo è il dilemma. È più decoroso per l’anima tollerare i colpi dell’ingiusto mercato, o impugnare le armi contro un mare di insider trader e, affrontandoli, finirli?

Con questo indecoroso tributo all’Amlet di Shakespeare, introduciamo oggi uno dei concetti più importanti, ma meno chiari, dei due principali tipi di approccio al mercato. Da una parte l’investimento, dall’altra il trading. Non è semplice comprendere a fondo le differenze, anche perchè in molti punti tendono a sovrapporsi. Ma senza alcuni doverosi distinguo, lanciarsi nel mercato può quasi certamente trasformarsi in un bagno di sangue.

investimento trading
Adobe Stock

Il trading è un tipo di attività. Come in un casinò. Distribuisci il rischio su più tabelle e consenti alla legge delle medi di fare il suo dovere. Investire, sia come azionista, socio accomandante o creditore, è qualcosa che fai nel business.

Perchè tanta confusione

Poiché il vocabolario e le procedure di investimento e trading spesso si sovrappongono, la separazione appare meno evidente. I trader, come gli investitori, parlano di diversificazione. I proprietari di ristoranti no. Il dimensionamento della posizione è discusso sia dai trader che dagli investitori. Per gli imprenditori funziona diversamente.

Questo rende il trading e l’investimento facilmente confusi e le differenze appaiono fumose. Sebbene il primo sia un business a tutti gli effetti, non un piano di investimento. Le società di trading, come qualsiasi altra attività, considerano in termini di economia unitaria (“quante frazioni di centesimo di vantaggio guadagno per contratto?”). Il gestore di portafoglio non ha un esempio comparabile. La gestione patrimoniale, d’altra parte, addebita commissioni. Quindi, se rimpiccioliamo, torniamo al livello aziendale di astrazione.

C’è un intreccio concettuale che collega i concetti di “trading” con “investimento” in un modo che può fuorviare gli investitori. Operano come un business, forniscono un servizio (liquidità temporanea in cambio di un canone teorico che risponde al desiderio di un acquirente o di un venditore di interagire in assenza di una controparte naturale) o riequilibrano gli investimenti? La distinzione è quella dell’inquadratura e ha una presa dittatoriale sui propri giudizi a valle, come fanno tutte le inquadrature. La sfumatura può lasciare perplessi per i nuovi investitori che non riescono a sfuggire a frasi come “daytrading” o al fatto che Robinhood si autodefinisce “App per il trading e gli investimenti in azioni”. Non porteresti una BMW nuova fiammante fuoristrada e non dovresti mescolare queste due attività.

Eppure, visti i parallelismi superficiali menzionati, potresti farlo senza rendertene conto. È molto comprensibile. Fornirò due idee per creare il divario necessario tra le azioni di “trading” e quelle di “investimento”.

Tempo orizzontale

Le scommesse nel trading hanno punti finali. Arriva un punto in cui riesci a “vedere il river”, per prendere in prestito una metafora del poker, che si tratti di un catalizzatore o di un evento imminente, della scadenza di un’opzione o del momento di lanciare un futuro.

Prezzo e realtà devono convergere. I valori estrinseci vanno a zero. I prezzi futuri incontrano i prezzi spot. Con le azioni, la metafora ha bisogno di essere “massaggiata”. Forse le news o gli earnings sono più assimilabili al “flop” o al “turn”, mentre l’attività di M&A (Mergers and acquisitions) funge da endpoint de facto.

Il periodo di negoziazione degli investimenti è spesso sostanzialmente più lungo. Le azioni sono crediti a lungo termine. Preferisco rinominare l’investimento come “reinvestimento”, che può essere linguisticamente difficile. Questo concentra la nostra attenzione sulla necessità per una società di capitalizzare internamente i rendimenti del capitale. Se un’azienda petrolifera ha vaste riserve ma il prezzo del petrolio sale alle stelle, distruggendo tutta la domanda futura, lo stock scenderà poiché non ha più un flusso costante di guadagni. Sì, il suo valore contabile aumenterebbe rapidamente, ma questo rappresenta una frazione minore del suo valore perpetuo scontato.

Un titolo “a buon mercato” è anche quello che il mercato ha determinato ha un basso rendimento potenziale sul capitale investito. Gli investitori mostrano il pensiero del trader non aumentando le loro offerte; si preoccupano del ritorno per prova.

Considerare gli investimenti attraverso gli occhi di come una società reinveste estende il “gioco ripetuto” pensando longitudinalmente al futuro, al contrario di trader o casinò che considerano il margine per operazione in modo trasversale.

Visione chiara del presente

Poiché il rendimento composto di un investimento è determinato dal modo in cui una società reinveste le proprie risorse, richiede una pianificazione a lungo termine in un sistema intrinsecamente complicato. Gli investimenti a lungo termine, come le previsioni meteorologiche a lungo termine, hanno una barra di incertezza insormontabile che rimane scomodamente alta da terra. C’è così tanto che puoi dire su un sistema governato dal caos, dai processi biologici ed evolutivi piuttosto che dalle caratteristiche fisiche ordinate.

I cicli di feedback sono troppo lunghi, la causalità è ambigua e i rapporti segnale/rumore sono troppo bassi per dimostrare un vantaggio. Questo crea un dilemma. Se il vantaggio di un manager non è dimostrabile, c’è la possibilità che tu possa accedervi, ma lo capirai solo dopo il fatto. Se il vantaggio potesse essere dimostrato, il gestore manterrebbe per sé tutto il delta in eccesso selezionando investitori strategici o imponendo costi i ogni centimetro libero.

Il trading, d’altra parte, offre un vantaggio dimostrabile. Perché è uno spot pubblicitario. Rastrelli un torneo, raccogli i guadagni e cerchi nuovi giocatori. I mercati possono suggerire o tentare di prevedere il futuro. L’obiettivo è individuare prezzi di mercato che dicano una cosa ma abbiano la possibilità di risolversi e accettare entrambe le scommesse. L’arbitraggio è una forma particolarmente estrema di questo. Se un individuo crede che la squadra di basket statunitense abbia il 90% di probabilità di vincere l’oro e un altro crede che il campo abbia il 15% di probabilità di vincere l’oro, puoi scommettere contro entrambi e ricevere $105 pur sapendo che dovrai investire solo $100.

Il processo aziendale implica misurazioni piuttosto che proiezioni. Non esiste una visione tematica di come sarà il mondo tra 10, 20 o 50 anni. Invece, identifichi coloro che hanno idee forti diverse dalle tue e crei un sistema che ti permetta di scommettere contro entrambi. Sei veementemente agnostico.

Oggi sei nel business del vederci chiaro. Non avere visioni del futuro. Questa è la responsabilità del tuo cliente. Questa è la responsabilità dell’investitore.

Un ponte molto fragile

Non crediao negli indovini. A causa dei limiti dei dati e delle dimensioni del campione, non credo che nessun investitore “a lungo termine” possa dimostrare di essere unico. Riporre fiducia nei precedenti è come scommettere su monete che hanno recentemente avuto una lunga durata. Ci sono così tanti fondi là fuori che alcuni avranno serie estese per fortuna.

Il bias di sopravvivenza amplifica la proporzione di fondi fortunati.

Questo è un posto deprimente in cui vivere. Cercare di investire in una società di trading piuttosto che svolgere l’attività di trading ti mette nello stesso vincolo concettuale di scegliere qualsiasi attività da acquistare. Sono solo aziende che possono essere paragonate a qualsiasi altra azienda. In verità, la ricerca è molto spesso inutile.

La maggior parte ha limiti di capacità, il che implica che i più grandi non hanno bisogno dei tuoi soldi in primo luogo. Quindi, dove mi lascia? Non mi fido della maggior parte delle persone che prenderebbero i miei soldi per gestirli, e mi manca l’esperienza per investire per l’irrealistico rapporto rischio-rendimento a cui la società commerciale mi ha incatenato. E devo prendermi sul serio perché ho appena trascorso l’intero post a discutere sul perché confrontare il trading con l’investimento sia un errore in primo luogo.

C’è una possibilità di ricociliazione?

Probabilmente sì. Potremmo trovare una linea sottile che collega l’industria del trading e ciò che si prescrive per investire. Si vede nella progettazione del portafoglio e nell’asset allocation. A un certo livello di astrazione, gli investitori con visioni future coerenti sono essenzialmente turisti nei casinò dei trader. Tuttavia, se rimpiccioliamo e calcoliamo la media del consenso degli investitori concorrenti, otteniamo un prezzo di mercato totale.

Tuttavia, esiste più di un mercato. Esistono tre tipi di investimenti: azioni, obbligazioni e materie prime. Esistono i modo trasversale attraverso la geografia e i sistemi sovrani. Questi sono i lego che possono essere impilati per costruire forme di guadagno: trasporto, assicurazione, slancio. Questi possono essere descritti anche in altre lingue: concavo/convesso, convergente/divergente.

Le classi di attività stesse hanno un premio per il rischio rispetto ai tassi privi di rischio (per induzione: le azioni dovrebbero fruttare più dei buoni del tesoro poiché è necessario un compenso extra per detenere qualcosa che occasionalmente diminuisce di valore).

L’obiettivo è ottenere il premio di rischio medio ponderato della tua allocazione senza fare affidamento sulle previsioni, mescolando varie classi di attività con tecniche di gestione del rischio testate in battaglia. Analogamente alle imprese di trading. Similmente ai casinò.

Il trading e l’investimento sono sufficientemente distinti che quando fai clic su un pulsante di acquisto o vendita, dovresti essere consapevole di quale delle due cose stai facendo. Molto probabilmente la consapevolezza ti porterà a toccare i pulsanti meno frequentemente o a sistematizzare quando lo fai.