Ecco tutte le aziende che potrebbero crollare nell’effetto domino scatenato da FTX (e prima da LUNA)

Il crollo di FTX calerà inevitabilmente la scure su altre piattaforme CeFi: questa è la fine del mercato delle cripto come lo conosciamo?

Qualche settimana fa, abbiamo parlato della discussione tra Sam Bankman-Fried e altre influenti figure crittografiche come Ben “Bitboy” Armstrong e Ryan Sean Adams di Bankless.

ftx luna fallimento
Adobe Stock

In sintesi: SBF aveva fatto pressioni per una maggiore regolamentazione della DeFi davanti al Congresso. Molte persone nel settore delle criptovalute si sono opposte con veemenza.

FTX, SBF e regolamentazione del mercato delle cripto

Un video che ha fatto il giro dopo una discussione su un podcast Bankless tra SBF ed Erik Voorhees, un influente sostenitore di Bitcoin, riassume accuratamente come le opinioni divergessero.

Quello era solo un episodio di una lunga serie di accuse che stavano facendo il giro su Twitter. FTX presumibilmente tradava contro i suoi clienti, listava i token dell’ecosistema Solana per poi vendere le sue partecipazioni seed round, investiva denaro in grandi sponsorizzazioni. Anche se FTX è cresciuto in popolarità negli ultimi due anni ed è stato molto apprezzato da personaggi di tutto rispetto nello spazio, la narrativa sull’exchange e sul suo fondatore Sam Bankman-Fried si stava già inasprendo…

La ricaduta

Le conseguenze di questo crollo sono colossali. Con l’istanza di fallimento di FTX, la reale portata del contagio continuerà a emergere nei prossimi mesi. Esiste un lungo elenco di importanti investitori FTX e altri exchange di criptovalute ed entità con esposizione a FTT. Galaxy Digital ha confermato un’esposizione di $76,8 milioni, ma per ora altri fondi di investimento sono stati stranamente silenziosi.

BlockFi ha sospeso i prelievi e probabilmente fallirà a causa della sua esposizione a FTX. Gli oracoli dei prezzi DeFi dipendono in parte dai prezzi di FTX, e sono influenzati dalla convergenza dei prezzi sull’exchange rispetto ad altri. I miners stanno disattivando gli impianti di mining a causa del crollo del prezzo di Bitcoin.

Il caso giudiziario potrebbe richiedere anni per essere risolto. Molti credono che coloro con fondi bloccati su (o rubati da) FTX difficilmente vedranno di nuovo la maggior parte di essi.

I regolatori si sono affrettati a chiedere una regolamentazione più severa del settore, trascurando opportunamente il fatto che FTX US era la filiale regolamentata dagli Stati Uniti di FTX (anch’essa abbattuta dal fallimento). Ancora più interessanti sono gli stretti legami tra le autorità di regolamentazione statunitensi e le famiglie dei dirigenti di FTX. Su Twitter è pieno di teorie complottiste, ma diversi thread ponevano anche giuste domande sui veri motivi per cui SBF si avvicinava a Gary Gensler e ad altre autorità finanziarie statunitensi.

Su Twitter, la reazione numero uno è stata la rabbia. La rabbia nel vedere SBF seduto di fronte al Congresso a parlare del collasso delle istituzioni TradFi con “quantità di rischio sconosciute“. Rabbia per un apparente e complesso timore di SBF che permeava il team di FTX. Rabbia per quanto questo impatterà l’intero settore.

Al momento in cui scrivo, SBF è alle Bahamas, seppur “sotto la supervisione” delle autorità locali.

Questa è la fine per il mercato delle criptovalute?

Chiunque abbia navigato su Twitter negli ultimi giorni sta sperimentando in prima persona il sentiment generale del mercato.

Il crollo di LUNA ha colto molti alla sprovvista, anche se diverse figure hanno lanciato segnali di avvertimento sul suo modello di business insostenibile.

Ma FTX era diverso. O così sembrava.

Un exchange gestito da un uomo che molti hanno indicato come il “prossimo Warren Buffet“. Un business funzionante con entrate reali e una rete che si estendeva ai più alti circoli politici di Washington. Agli investitori, SBF aveva proposto FTX come un'”app totale” nel mondo finanziario. Un’app in cui non solo scambiare criptovalute, ma anche altri asset.

Non sorprende che molte figure del settore – opinion leader onesti e con buone intenzioni – abbiano pubblicizzato FTX. Sebbene i dubbi si siano insinuati di recente, nessuno immaginava un fallimento così catastrofico.

Quindi, questa è la fine delle criptovalute?

L’industria delle criptovalute nei prossimi mesi e anni dovrà guardarsi allo specchio. Il 2022 è stato, sotto tutti i punti di vista, un anno catastrofico per il settore. Ha dimostrato che gli scettici sulle criptovalute hanno ragione su quasi tutti i punti. Solo abbracciando pratiche commerciali etiche la crittografia può lentamente e nel tempo riconquistare la fiducia dei clienti. Pratiche come la “Proof of Reserve” sono un buon primo passo. Ma non possono che essere il primo di molti.

Molto probabilmente riporterà le criptovalute indietro di anni, sia in termini di valutazione che di perdita di fiducia. FTX è certamente coinvolto in comportamenti illegali e criminali. Le forze dell’ordine indagheranno per anni alla scoperta del pasticcio completo. E i rischi di contagio sono più concreti che mai. Dopotutto, FTX è stato coinvolto nel contagio stesso ed è quasi riuscito a nasconderlo sotto il tappeto.

Anche se si verifica uno scioglimento in qualche modo ordinato dell’exchange, molti semplicemente non si fideranno più delle criptovalute. Anche se i puristi del Bitcoin in realtà si galvanizzano in queste situazioni, non è così semplice rinunciare a tutte le criptomonete tranne Bitcoin. La responsabilità di ognuno di noi in questo settore è enorme, se vogliamo che questo mercato si affermi nel mainstream.