Cos’è la Proof-of-Reserve? Il Merkle Tree e il suo scopo |Parte1|

Dopo il caso FTX, la Proof-of-Reserve si pone come metodo per garantire trasparenza e liquidità nei vari exchange. Ma cos’è?

Il mondo crypto sta vivendo un anno difficile. Il contagio di FTX, Three Arrows Capital e Celsius ha lasciato molte persone scontente e pronte ad abbandonare definitivamente le valute decentralizzate. Tuttavia, dimostrando la proof-of-reserve, gli exchange centralizzati hanno il potere di ripristinare la fiducia nell’ecosistema crittografico.

proof of reserve criptovalute
Adobe Stock

La proof-of-reserve promuove la trasparenza degli exchange centralizzati e delle piattaforme di asset digitali. Gli investigatori on-chain ritengono che possa illuminare i rischi di controparte dei servizi di custodia. Ma cos’è? Bene, dove le banche hanno reso obbligatori i rapporti annuali per garantire la solvibilità, gli exchange centralizzati hanno la proof-of-reserve.

La Proof-of-Reverse e il Merkle Tree

Per capire come funziona la proof-of-reserve, devi prima capire cos’è il Merkle Tree. I Merkle Tree sono un tipo di struttura dati in informatica. Consentono una verifica rapida e sicura dei contenuti su set di dati di grandi dimensioni, oltre a garantire la coerenza dei dati.

I merkle tree (noti anche come hash tree o binary hash tree) sono costituiti da hash. Questi hash sono noti come “leaf Nodes”. Non preoccuparti, tutto questo avrà un senso in seguito! Gli Hash Tree concatenano e accoppiano insieme i leaf nodes, risultando in un parent node o hash.

Questo processo continua fino a quando c’è un singolo nodo in “cima” dell’albero; questo nodo è noto come “Merkle root”. In altre parole:

  • Hai i dati: (A, B, C, D)
  • I dati sono un hash H(A), H(B), H(C), H(D)
  • Successivamente, la coppia di hash H(A,B), H(C,D)
  • Infine, i dati si riassumono come Merkle root H(A,B,C,D)

I dati (A, B, C, D nel nostro esempio) nei Merkle tree potrebbero essere transazioni, conti, saldi di criptovalute o persino nodi principali stessi. Questo metodo per costruire un albero da quattro nodi (ad esempio transazioni) può essere utilizzato per costruire alberi di qualsiasi dimensione.

Bitcoin ha da diverse centinaia se non migliaia di transazioni, tutte in un unico blocco. Tutti i blocchi “Merkelize”, producono solo 32 byte di dati come una singola Merkle root. La Merkle root riassume tutte le transazioni in 32 byte.

Per verificare l’autenticità di una transazione, gli utenti devono solo verificare un hash (ID transazione/leaf node). Se una transazione viene modificata in qualsiasi modo, il suo hash risultante cambierà, così come il parent node e la Merkle root. Pertanto, i Merkle Tree sono a prova di manomissione ed eccellenti per verificare l’autenticità dei dati.

Cos’è la Proof-of-Reserve

La maggior parte degli exchange di criptovalute centralizzati mantiene privati ​​i propri registri e bilanci, una pratica che è antitetica all’etica delle criptovalute. La proof-of-reserve è l’atto con cui gli exchange custodial, che detengono criptovalute e creano attestazioni, pubbliche per le loro riserve. Questi corrispondono a una prova dei saldi degli utenti. In sintesi, è la trasparenza pubblica delle riserve centralizzate di criptovalute, attraverso una pratica di verifica verificabile.

I principi contabili della maggior parte dei paesi non affrontano le valute digitali. Inoltre, molte tecniche di auditing non sono adattabili alle risorse digitali. È qui che entra in gioco la proof-of-reserve.

Celsius, Three Arrows Capital e FTX (e altri exchange centralizzati defunti o in bancarotta) hanno sofferto di crisi di liquidità. La loro mancanza di trasparenza ha fatto perdere molti soldi a molti. Questo vale sia per gli investitori al dettaglio che per quelli istituzionali e per i creditori.

Quando gli exchange centralizzati non sono in grado di accogliere una “bank run”, significa che sono insolventi. Se una società ha una proof-of-reserve, è la prova che detiene effettivamente le tue risorse digitali. Pertanto, gli utenti possono prelevare i propri saldi in qualsiasi momento e senza limitazioni.

Per inciso, la proof-of-reserve si applica spesso anche ai wrapped token e alle stablecoin. In entrambi i casi, una società o un servizio prende in custodia i tuoi beni e conia un’altra valuta in rapporto 1:1. Molte di queste società non sono trasparenti su quanto detengono nelle risorse degli utenti.

Come funziona la proof-of-reserve attraverso i Merkle Tree

I Merkle Tree, come abbiamo detto, verificano set di dati di grandi dimensioni senza dover ricalcolare i dati. Inoltre separano la “prova” dei dati dai dati stessi.

Se gli hash in un Merkle Tree mantengono le loro proprietà matematiche, allora sono a prova di manomissione. Gli utenti possono identificare l’autenticità dei dati con solo una parte dei dati da esso. L’idea generale della proof-of-reserve è dimostrare al pubblico che le criptovalute depositate riflettono il saldo effettivo del conto.

Immagina che i leaf node siano i saldi dei conti effettivi degli utenti e la Merkle root sia una somma di tutti i saldi dei conti degli utenti dell’exchange, conservati in tempo reale. A condizione che l’exchange attesti quanto detengono nelle riserve, un revisore indipendente ha un’istantanea di quanto è dovuto, rispetto a quanto afferma di avere l’exchange. La proof-of-reserve grazie al Merkle tree ti permette di fare tutto ciò.

Con questo metodo, gli utenti possono verificare i propri saldi. Alla fine, possono prendere il proprio ID univoco e il saldo del conto, eseguirne l’hashing e cercarlo. Molteplici cicli di verifica garantiscono l’autenticità dell’intera struttura ad albero e che qualsiasi revisore terzo sia soddisfatto.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Nel SECONDO ARTICOLO continueremo il discorso. Parleremo dei vantaggi e dei limiti della proof-of reserve e di molto altro!