La blockchain spaventa davvero le banche o è tutta propaganda di personaggi loschi e avidi?

La tecnologia blockchain spaventa davvero le banche o è solo propaganda per spingere progetti speculativi? Siamo qui solo per soldi?

La blockchain è una rivoluzionaria tecnologia di contabilità distribuita (DLT). Gestisce ogni giorno il 100% del credito del mondo in forte espansione delle criptovalute. Blockchain, come suggerisce il nome, è una catena di blocchi pieni di dati, disposti in ordine cronologico.

Blockchain banche
Adobe Stock

Immaginiamola come un grande registro digitale. Ogni blocco funge da grande database per le transazioni che si verificano sul blocco stesso. Il registro digitale funge da ricevuta per le transazioni che ruotano attorno, e vi si può accedere semplicemente attraverso una connessione ad internet. Si tratta quindi di una catena digitale composta da numerosi blocchi. Ogni blocco è quindi costituito da un registro delle transazioni digitali nel record di ogni acquirente.

La tecnologia blockchain spaventa davvero le banche?

Distributed Ledger Technology o DLT è un database di record digitali decentralizzato. Una firma, sotto forma di hash, registra ogni transazione con un tale controllo che la manomissione di un solo blocco sarebbe quasi impossibile. Lascerebbe una scia enorme che può essere rintracciata dalle autorità. Ciò riduce significativamente le possibilità di un potenziale furto di criptovalute.

Pro della tecnologia Blockchain – oltre le banche

La tecnologia blockchain è passata dall’essere un’idea nuova che sembrava troppo bella per essere vera, a un modello di business multimiliardario.

Ci sono alcune innovazioni che hanno portato all’espansione della capitalizzazione di mercato. Di seguito sono riportati i principali vantaggi che lo rendono il miglior sistema di transazione oggi.

Decentralizzazione

La tecnologia blockchain è decentralizzata, il che significa che non ha organi di governo che la gestiscono. In un sistema centralizzato una violazione in uno qualsiasi dei centri causerebbe il fallimento della sicurezza dell’intero sistema. Il decentramento fa in modo che, anche se una parte della catena viene in qualche modo violata, i dati complessivi dei consumatori continueranno ad esistere in sicurezza attraverso la blockchain.

Trasparenza

Salva e rende pubbliche le transazioni e le loro ricevute per sempre nel registro digitale, fintanto che la blockchain è attiva e funzionante. Ciò significa che tutte le parti che partecipano a una transazione blockchain, siano esse il venditore, il negozio o l’acquirente, possano accedere al libro mastro in qualsiasi momento, per garantire la piena trasparenza allo scambio.

Anonimato

Laddove da un lato, il libro mastro è prontamente disponibile per i partecipanti allo scambio, dall’altro, c’è l’anonimato che la tecnologia blockchain fornisce ai suoi acquirenti. L’anonimato è inteso a proteggere le loro identità. Satoshi Nakamoto è una persona misteriosa o un gruppo di individui la cui identità rimane ancora nascosta nonostante sia uno dei fondatori della più grande criptovaluta del mondo con una capitalizzazione di mercato così grande.

Come si è sviluppata la tecnologia Blockchain in ciò che è oggi – oltre le banche

Secondo Jeffery Liu, CEO di XanPool:

Le criptovalute on e off-boarding in genere coinvolgono controparti, come i mercati e gli scambi P2P. Gli utenti affidano i loro soldi a queste controparti e possono acquistare e vendere solo su quella piattaforma. Questo è rischioso e comporta molte commissioni. Ciò che rende le cose peggiori è che gli utenti per ottenere i loro soldi sulla piattaforma, devono fare i conti con l’infrastruttura finanziaria tradizionale, come carte di credito o SWIFT. Questo aggiunge ancora più spese e rallenta ulteriormente il processo. Le criptovalute sono state inventate per evitare le infrastrutture legacy, quindi sembrava assurdo che acquistarle significasse indirizzare i fondi in questo modo“.

La tecnologia Blockchain è stata estremamente efficace in molti campi. La criptovaluta tuttavia prende ad oggi la fetta maggiore della torta. Questo perché la rete blockchain è riuscita a mantenere questi asset sicuri per quanto riguarda la privacy e la regolamentazione dei dati.

La tecnologia inizialmente voleva semplicemente la decentralizzazione delle risorse digitali. Oggi è un sistema in grado di svolgere molteplici funzioni nel mondo delle criptovalute e al di fuori di esso in modo altrettanto efficiente.

Blockchain di Bitcoin

Creata nel 2009 da una figura o un gruppo anonimo (sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto) Bitcoin alla fine ha portato alla luce il mondo crittografico multimiliardario che è di gran moda oggi. Il mondo ha iniziato a rendersi conto abbastanza presto dell’efficacia del sistema blockchain che supporta Bitcoin.

Così è stato ulteriormente studiato per estenderlo ad altre funzioni relative ai dati. Bitcoin ha introdotto un’efficiente piattaforma di transazione digitale in cui non c’era traccia di denaro o contanti effettivi, piuttosto una ricevuta di transazione sicura e stampata per sempre, incisa in un blocco. La blockchain di Bitcoin utilizza l’algoritmo SHA-256 per il suo software per tenere traccia delle transazioni in corso.

Blockchain di Ethereum

Laddove la blockchain di Bitcoin ha introdotto un sistema di asset decentralizzato, la blockchain di Ethereum, con una capitalizzazione di mercato attuale di circa $250 miliardi, ha introdotto un sistema di codifica in cui la blockchain è stata utilizzata per memorizzare codici che alimentano contratti intelligenti.

Ciò ha reso la tecnologia blockchain a prova di manomissione. La blockchain di Ethereum è un software con la capacità di autoprogrammarsi per generare contratti decentralizzati per ogni transazione. Le transazioni vengono aggiunte a un libro mastro alla portata di tutte le parti coinvolte nella transazione in qualsiasi momento. Questa blockchain utilizza l’algoritmo Ethash, riducendo il tasso di conferma della transazione a pochi secondi.

Oltre la blockchain: difetti di SWIFT e delle banche

Il sistema SWIFT ha molti difetti che lo rendono talvolta inattivo, causano disagio ai clienti e alle banche associate al sistema ed aprono la strada a potenziali clienti pericolosi che possono compromettere i dati dei consumatori e causare gravi danni finanziari.

Questo è esattamente quello che è successo in Bangladesh a seguito di una rapina alla banca centrale nel febbraio 2016.

Vulnerabilità agli attacchi

Il sistema SWIFT è fortemente vulnerabile e soggetto ad attacchi e cyber hack. L’integrità del sistema è stata messa in discussione dopo che la Banca centrale del Bangladesh ha perso 81 milioni di dollari a causa di una rapina.

Questa vulnerabilità mette in gioco i dati dei clienti e la privacy delle risorse e può causare molti problemi anche a livello globale. Soprattutto perché le organizzazioni che operano all’interno di SWIFT sono paesi o società gigantesche.

Processi lenti

Contrariamente a quanto suggerisce il nome del marchio, la rete bancaria SWIFT è lenta. SWIFT ha un sistema democratico in atto, in cui si decide attraverso un referendum organizzato che governa l’intero marchio monopolista. Questo sistema lascia il posto anche alla burocrazia, mentre la governance stessa, essendo di natura politica, non agisce di conseguenza. Questi problemi organizzativi interni si ripercuotono sulle prestazioni complessive del sistema.

I processi di transazione impiegano letteralmente giorni per essere finalizzati. Fin dall’inizio, si sono rifiutati di innovare, sottolineando di voler rimanere fedele alle proprie radici. Questo ha portato a un divario evidente, poiché il sistema è obsoleto per il mondo moderno. Questo è ciò che ha portato JP Morgan, un membro di SWIFT, ad approfondire le alternative e alla fine a trovare Onyx.

Le innovazioni che l’organizzazione tenta di perseguire consistono nel seguire le orme di altre organizzazioni. Questo peggiora le cose invece di rendere i processi più efficienti. Un esempio di ciò lo troviamo nel 2021. SWIFT, nel suo tentativo di innovare, ha annunciato che avrebbe implementato un programma di “innovazione dei pagamenti globali” o GPI, che entrerà in azione nel novembre del 2022. Ciò, tuttavia, ha sollevato molti dubbi poiché la durata di 15 mesi per l’attuazione del programma è considerata una velocità ridicola nel mondo finanziario in cui le cose si scaldano e si raffreddano in pochi giorni.

Data Center centralizzati

Il sistema SWIFT funziona su una rete centralizzata con centri sparsi in tutto il mondo per l’archiviazione e la manutenzione dei dati. Il consulente Comsec Nadav Shatz afferma che “SWIFT dovrebbe avere assicurazioni adeguate per le banche. È una questione di cooperazione e responsabilità condivisa quando si tratta di sicurezza. D’altra parte è vero che le banche non possono fare affidamento esclusivamente su SWIFT“.

Inoltre, i portavoce di SWIFT, a seguito della rapina, hanno accusato le banche di non aver regolamentato adeguatamente la loro sicurezza. Evans di ANZ segue: “La banca non utilizza Swift come unica barriera protettiva dagli attacchi informatici alle sue transazioni. Le banche dovrebbero assicurarsi di aver i propri sistemi di sicurezza aggiornati. Prendiamo sul serio la sicurezza informatica e disponiamo di processi per rilevare e prevenire transazioni fraudolente“.

Mancanza di trasparenza

Il registro dei sistemi bancari globali è nascosto agli occhi del pubblico. Questo significa che le persone o le organizzazioni che si occupano della transazione non hanno accesso alla ricevuta completa rispetto ai timestamp.

Entra nel gruppo Cripto: nuovi lanci, token, news, rimani sempre aggiornato

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli:


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

L’organo di governo del sistema non è sufficientemente affidabile per essere l’unica parte con accesso ai dettagli cruciali di una transazione. Inoltre questo fornisce troppo potere nell’istituto privato: possono accedere al tuo libro mastro ma tu stesso non puoi.